Near Death Experiences: Paranormal o Normal?

Viktor Gladkov/Shutterstock
Fonte: Viktor Gladkov / Shutterstock

A tutte le apparenze esterne, Ann era incosciente dopo essere entrata in un coma diabetico. Non era reattiva a mettere le punture. Peggio ancora, altri anormali riflessi neurologici dicevano che sarebbe morta nel cervello o presto.

Ma Ann era vagamente consapevole di ciò che la circondava e sperimentò altre classiche Esperienze della Morte (NDE): Vide un lungo tunnel con una luce brillante alla fine. E sembrava galleggiare sopra il suo corpo, guardando la sua forma immobile nel letto d'ospedale.

Lo sappiamo perché, per fortuna, Ann ha recuperato e può raccontare la sua storia.

Circa il 3% degli americani afferma di aver avuto esperienze di NDE. Di questi, il 24% segnala esperienze fuori dal corpo e il 31% descrive il tunnel.

Alcuni di questi rapporti potrebbero essere scontati come leggende metropolitane, ma (fare la matematica) oltre 10 milioni?

Non c'è modo.

Ma queste esperienze sono paranormali?

I bravi scienziati ti diranno che non è saggio respingere ogni possibilità senza mano. E se i fenomeni paranormali possono essere confutati attraverso gli esperimenti, sono legittimi per il mulino scientifico. Ma i bravi scienziati ti diranno anche che è prudente cercare semplici spiegazioni basate su fenomeni noti prima di raggiungere il tuo consiglio Ouija.

E ci sono spiegazioni più semplici per le NDE.

Studi su pazienti profondamente inconsci o in coma hanno mostrato il movimento rapido degli occhi (REM) e l'attività EEG associata a stati ipnagogici o "sogni a occhi aperti". In questi stati di coscienza crepuscolari, percezioni immaginate – come fluttuare al di fuori del corpo – e percezioni reali si confondono. Ricerche recenti (anche se nei ratti) mostrano che l'attività EEG raggiunge picchi al di sopra del normale quando il cervello inizia a chiudersi, presumibilmente con forti esperienze soggettive.

Una di queste esperienze potrebbe essere sensazioni extracorporali che si verificano con la stimolazione della giusta regione temporale-parietale della corteccia cerebrale.

Quindi per quanto riguarda i tunnel?

C'è anche una semplice spiegazione per questo: poiché la parte sensibile alla luce dell'occhio, chiamata retina, perde ossigeno, la cecità si insinua dalla periferia, risparmiando la visione centrale. Questo fenomeno si verifica quando le persone stanno per svenire o provano forze G estremamente alte, come farebbero quando eseguono manovre in aereo da caccia.

Minivalley
Fonte: Minivalley

Pertanto, affamato di ossigeno, ci si può aspettare che le persone vicine alla morte riportino una luce intensa circondata dall'oscurità.

Ora, solo perché queste spiegazioni sono più semplici delle possibilità paranormali, ciò non significa che abbiano ragione . Ma sono un grande fan di Albert Einstein che ha osservato, "Quando la soluzione è semplice, Dio sta rispondendo".

Riferimenti

  • http://iands.org/nde-stories/17-nde-accounts-from-beyond-the-light.html
  • http://www.pnas.org/content/110/35/14432.abstract
  • http://www.koestler-parapsychology.psy.ed.ac.uk/Documents/MobbsWattNDE.pdf

Solutions Collecting From Web of "Near Death Experiences: Paranormal o Normal?"