Ne vale la pena di succhiarlo a Dio?

pregando Dio

Qualche anno fa, dopo l'assalto sessuale, mi sono ritrovato a pensare molto a Dio. Nel processo. Sono giunto alla conclusione che sono più spirituale di quanto non sia religioso. Ciò che intendo con questo: per quanto riguarda pregare Dio, sono più interessato a cercare dentro la guida interiore – attingendo alle nostre risorse interne abbondanti e potenti – che, suppongo, è dove alcuni potrebbero dire che Dio effettivamente risiede.

Il che mi ricorda uno dei miei cartoni animati preferiti. . .

Due burattini stanno parlando tra loro. Un burattino calzino dice all'altro: "A volte mi chiedo se c'è una mano".

Credo che siamo la nostra stessa mano interiore – il potere divino risiede in ognuno di noi per creare le vite che desideriamo – non importa quali siano le sfide!

Detto questo, credo anche che non importa da dove viene la tua "guida divina" – nel profondo di te o in alto. Ciò che importa è che ti prendi il tempo per cercarlo nei momenti difficili.

In effetti, gli studi dimostrano che le persone che sono coinvolte nella religione riportano livelli di felicità maggiori di quelli che non sono religiosi.

In uno studio, * 101 studenti universitari di età compresa tra 18 e 49 sono stati dati i sondaggi per completare. Quelli che guadagnavano in alto nelle credenze religiose – che andavano regolarmente in chiesa, avevano una forte fede religiosa e pregavano spesso – erano quelli che avevano ottenuto il punteggio più alto in felicità.

Personalmente, penso che ci siano molte ragioni per cui quelle persone religiose hanno ottenuto punteggi più alti nel misuratore della felicità – e non tutte queste ragioni hanno a che fare con la religione in sé. Le persone religiose stanno semplicemente seguendo le principali pratiche di base delle persone felici. Ad esempio, uno beneficia dell'assistenza sociale garantita che può essere trovata in una chiesa, una sinagoga o una moschea. E questa comunità è particolarmente utile per coloro che lottano attraverso un trauma o una crisi.

Inoltre, la religione può fornire un senso di significato e scopo. Secondo lo psichiatra Ed Diener, avere un credo in qualcosa di più grande di te – un senso di ordine in mezzo a tutto il caos – è un ingrediente vitale per la felicità.

Puoi trovare questo significato nella preghiera religiosa o in un sistema di credenze spirituali. Oppure puoi semplicemente sviluppare una filosofia di vita personale che ti ispira a cercare lezioni e crescita. L'importante è prendersi il tempo per cercare questo significato e scopo durante i periodi difficili.

Detto questo, devo confessare: è stato difficile per me prendere in considerazione l'assunzione di una potenza più alta durante il periodo di difficoltà dopo il mio attacco sessuale.

Continuavo a pensare: se c'è davvero un Dio, allora dov'era lui / lei durante il mio tempo di bisogno? Dopotutto, sono una brava persona. Quindi, perché è successo a me?

Mi sono poi chiesto: c'è davvero qualche forza divina là fuori che annota tutte le nostre buone azioni – e tutti i nostri buoni pensieri – e poi dona "Dio Buoni" per così dire – "Un sistema di punti bonus premio" per frequentare i Do-Gooder – e Think-Gooders – che potrebbero poi essere incassati per l'eccitante "Life Upgrade Prizes"? Se sì, questo significava che se avessi aiutato una vecchietta – o avessi scelto di non dire "f ***" – o avessi resistito ferendo qualcuno – allora Dio mi avrebbe dato "Bonus extra altre cose buone di vita?" E se l'avessi fatto l'opposto? Comportato male? Pensiero male? Ci sarebbe una causa e un affetto anche nella mia vita?

E che dire di tutta la sofferenza infinita del mondo? C'era qualche causa e influenza la metodologia dietro a tutta la follia del mondo? Potrebbe esserci qualche ragionamento appropriato dietro l'incredibile dolore di questo mondo, la violenza senza fine e l'ingiustizia straziante?

Le mie elucubrazioni mi portarono a scoprire il filosofo tedesco Gottfried Leibniz, che condivideva molte interessanti prospettive su Dio. Uno dei suoi proclami più provocatori: "Dio è un underachiever".

In tutti gli scritti di Leibniz lui – come tanti di noi – continuava a mettere in discussione come un Dio che era apparentemente buono potesse permettere così tanto male e sofferenza nel nostro mondo!

Alla fine, Leibniz è venuto alla difesa di Dio, teorizzando che poiché Dio era tutto consapevole, lui / lei potevo valutare tutte le possibilità dei vari mondi. E così forse Dio ha scelto il mondo in cui siamo – per quanto possa sembrare a volte – perché ha offerto il minimo male possibile.

In altre parole: non importa quanto possa essere difficile la tua vita, potrebbe essere molto peggio.

Personalmente, ringrazio Leibniz per questo rammarico un po 'allegro – e devo dire, mi sono ritrovato a pensare molto a questa prospettiva Leibniz durante il mio impegnativo momento personale.

Mi ha confortato anche l'opinione del rabbino Harold Kushner sul perché le cose brutte possano accadere alle persone buone.

La convinzione generale di Kushner: Dio avrebbe potuto controllare tutto sulla nostra vita: il bene e il male. Ma allora saremmo semplicemente "Stepford Humans" – e non ci sarebbe affatto divertimento nel vivere! E nessuna crescita neanche, del resto! E cos'altro siamo qui per noi umani – ma per vivere e imparare? Quindi Dio ci ha concesso questo favoloso beneficio chiamato "libero arbitrio" – il che significa anche che abbiamo una scelta su come affrontiamo ogni sofferenza che ci viene inflitta nel processo di tutta la nostra vita di "libero arbitrio"!

Durante le mie letture su Dio, ho anche scoperto quanto i primi credenti si sarebbero letteralmente rallegrati durante il loro periodo di sofferenza – perché riconoscevano con gratitudine quanto la sofferenza li costringesse a guardare in alto – a diventare pienamente coscienti – a pensare più profondamente alle loro vite – e quindi apprezzare ciò che avevano ancora di più.

In altre parole, invece di cercare di trovare il significato dietro il concetto di sofferenza, dovremmo tutti cercare di assicurarci che la nostra sofferenza diventi significativa. Invece di chiedere a Dio di rimuovere i nostri problemi in modo che le nostre vite possano essere felici – dobbiamo cercare intenzionalmente di imparare il più possibile – e quindi diventare più felici grazie alle nostre intuizioni e alla nostra crescita.

Un bene universale da venire da cose cattive: il dono dell'empatia! La sofferenza conferisce a tutti noi umani un senso consapevole di comprensione empatica, che poi ci aiuta a connetterci meglio l'uno con l'altro. Pensaci. Senza brutte esperienze, nessuno di noi potrebbe mai relazionarsi completamente l'uno con l'altro. E tutti desideriamo tanto connetterci.

>>>>>>

Nel mezzo di rimbalzare da un momento difficile? Controlla il LIBRO DI BANCAROTTE di Karen Salmansohn – consigliato da Deepak Chopra, Anthony Robbins e AJ Jacobs … e poi alcuni. Per ulteriori consigli sulla felicità, iscriviti alla newsletter gratuita BE HAPPY DAMMIT di Karen Salmansohn!

* Studio ricercato da Stephen Joseph, PhD, Università di Warwick, Inghilterra – pubblicato nel dicembre 2003, rivista Mental Health, Religion & Culture.

Solutions Collecting From Web of "Ne vale la pena di succhiarlo a Dio?"