NBA Stars e Your Grandparents: somiglianze inaspettate?

 Lebron James // Keith Allison // Flickr
Fonte: Fonte: Lebron James // Keith Allison // Flickr

Immagina questo: la tua squadra è a 2 punti dal gioco decisivo delle finali NBA. Sono rimasti 4 secondi sull'orologio. Il tuo compagno di squadra ti passa la palla. Ti trovi in ​​qualche modo nello spazio, quindi metti a punto, quando boom!

Sei sporco.

Due secondi rimasti sull'orologio.

Due tiri liberi.

Sono state necessarie due conversioni riuscite per spingere il gioco nel tempo.

Il tuo compagno di squadra ti consegna la palla. Questo è il tuo momento. Il tuo tempo per brillare.

E così fai un passo verso la linea di tiro libero.

Chiudi gli occhi.

Fai un respiro profondo.

Fai tutto il possibile per calmare quei nervi. Ma è inutile. I tuoi muscoli si sentono stretti Tutto il tuo corpo è rigido I tuoi palmi sono sudati. Le ginocchia sono deboli. Le braccia sono pesanti I pensieri negativi turbinano senza sosta intorno alla tua testa: le conseguenze di perdere questo colpo, il che cosa se.

Quindi come compensi?

Ti costringi a concentrarti sul compito a portata di mano: il tiro libero. Rompi il movimento verso il basso nei suoi singoli componenti, prova e controlla ciascuno di questi passaggi individuali. Cerchi di ricordare ogni singola istruzione di coaching che hai usato per imparare il movimento. Perché sono finiti quei momenti rilassati dell'allenamento, in cui si potevano vincere 100 tiri liberi senza pensare al movimento.

Questo è completamente diverso.

E così ti ritrovi a controllare coscientemente un movimento che altrimenti sarebbe automatico. Metti le mani nella loro posizione corretta sulla palla. Mira attentamente. È giunto il momento. Ti pieghi alle ginocchia, spara la palla dalla punta delle dita, assicurandoti di seguire lo scatto. La palla lascia la tua mano, ma il tiro si fa rigido, a trampoli. Il movimento sentiva tutto tranne che fluido.

O forse questa ansia agisce come una distrazione, allontanando l'attenzione dalle fonti di informazione che sono cruciali per assicurarti di fare il tiro: posizionamento delle mani, posizionamento del piede, mirando al punto corretto sulla rete. Invece, ti riempiono la mente di preoccupazioni per la mancanza dello sparo. Ti concentri sulla fonte della minaccia: la folla, le telecamere televisive, i tuoi genitori in prima fila. Hai dimenticato passaggi importanti nella tua routine di preparazione pre-shot. La tua posizione della mano è completamente sbagliata. I tuoi piedi sono in una posizione innaturale. I tuoi occhi non sono bloccati sul posto sulla rete dove desideri che la palla atterra.

Ma tu prendi il colpo.

E quindi cosa succede?

Tu guardi, sperando, pregando, ma non è utile. La palla manca la rete. Il tuo mondo sta crollando. Hai soffocato. Non sei riuscito a eseguire un movimento che, in circostanze normali, potresti completare con gli occhi chiusi.

L'ansia ha avuto la meglio su di te.

Ora immagina questo: hai 75 anni. È solo febbraio, ma sei già caduto due volte quest'anno. Vivi da solo. Non c'è cibo nel tuo frigo, quindi sei costretto a lasciare la sicurezza della tua casa per andare al negozio di alimentari locale. È a soli due isolati di distanza, ma il percorso sul marciapiede è mal gestito e le pietre del selciato non sono uniformi. Per peggiorare le cose, l'intero marciapiede è coperto di ghiaccio. Sei nervosa. Ansioso di cadere.

Fai un respiro profondo, sperando di calmare quei nervi. Ma è inutile. I tuoi muscoli si sentono stretti Tutto il tuo corpo è rigido I tuoi palmi sono sudati. I pensieri negativi turbinano senza sosta intorno alla tua testa: le conseguenze del cadere, il che cosa succede?

Quindi come compensi?

Ti costringi a concentrarti sul compito da svolgere: mantenere la sicurezza mentre cammini. Rompi il movimento verso il basso nei suoi singoli componenti. Provi a controllare ciascuno di questi passaggi individuali, letteralmente. E così ti ritrovi a concentrare tutti i tuoi sforzi mentali verso il controllo di un movimento che esegui centinaia, se non migliaia, di volte al giorno, di solito senza nemmeno un pensiero. Cammini alcuni gradini, ma tutto sembrava rigido, pungolato.

E quindi cosa succede?

Forse ti stai concentrando così tanto sul controllo dei tuoi movimenti che non riesci a individuare un pericolo imminente: una lastra di pavimentazione irregolare o una chiazza di ghiaccio. Sali su questo ghiaccio e, come risultato dell'adozione di questo rigido e saltuario schema di movimento, non sei né veloce né abbastanza fluido da compiere il necessario passo rapido e reazionario per riacquistare il tuo equilibrio. Ad ogni modo, la prognosi sembra triste; una caduta, probabilmente.

O forse questa ansia agisce da distrattore, riempiendo la tua mente di preoccupazioni per la caduta. Ti concentri esclusivamente sulla fonte della minaccia – la pavimentazione dissestata o la chiazza di ghiaccio – a scapito della scansione proattiva del tuo ambiente, limitando così la tua capacità di percepire e identificare altre minacce imminenti al tuo equilibrio, come ad esempio un ciclista imminente.

Sembra ironico che cambiare il proprio comportamento per prevenire il verificarsi di un evento possa effettivamente aumentare la probabilità che questo evento si verifichi. Sfortunatamente, sembra che questo sia esattamente ciò che accade quando eseguiamo un'abilità motoria sotto ansia, indipendentemente dal fatto che quell'abilità sia eseguita da un atleta esperto che cerca di immortalarsi nella storia dello sport (vedi Masters & Maxwell, 2008, per una recensione completa su come controllare / controllare il movimento in modo consapevole può avere un impatto negativo sulle capacità motorie), o un adulto più grande semplicemente cercando di evitare di cadere (Young & Williams, 2015).

A prima vista, gli atleti esperti che si esibiscono sotto un'estrema ansia non potrebbero essere più lontani dagli adulti che hanno problemi di caduta. Ma come dimostra questo aneddoto, queste situazioni condividono molte somiglianze. Riconoscendo questo, i ricercatori sviluppano l'opportunità di applicare la teoria e la conoscenza dal campo della psicologia dello sport al rischio di caduta degli anziani.

Stelle del basket e tuoi nonni Uno e lo stesso. Chi avrebbe mai saputo?

La seconda parte di questa serie si espanderà ulteriormente su ciò che la ricerca dal dominio della psicologia dello sport può dirci sul rischio di morte per gli anziani, mentre identifica come i ricercatori che lavorano con adulti più anziani ad alto rischio potrebbero essere in grado di utilizzare questi risultati nel loro lavoro.

Solutions Collecting From Web of "NBA Stars e Your Grandparents: somiglianze inaspettate?"