Nazione ipomanica

L'America ha i più alti tassi di disturbo bipolare secondo uno studio NIMH di undici nazioni pubblicato nell'Archives of General Psychiatry di questo mese. Nel riferire su questo ritrovamento, la CNN ha notato che la natura ipomanica del personaggio americano è "stata oggetto di almeno un libro. In "The Hypomanic Edge: The Link Between (a Little) Craziness and (a Lot of) Success in America", di John D. Gartner, Ph.D. Gartner, un assistente professore di psichiatria alla Johns Hopkins University School of Medicine di Baltimora, discute le qualità ipomaniche di imprenditori e leader che hanno rischiato di venire in America. "In quel libro, ho sostenuto che un'alta concentrazione di geni ipomaniacali è il segreto fonte della ricchezza e del carattere dell'America. Questo nuovo studio fornisce una validazione critica per diverse mie tesi, che all'epoca erano un po 'speculative.

La mia prima tesi è stata che gli imprenditori, le persone che generano la maggior ricchezza per una società, hanno molte più probabilità di avere quello che ho definito un temperamento ipomaniacale. Le persone con questo temperamento basato sulla biologia hanno, come tratto stabile, maggiore energia, guida, ambizione, fiducia, creatività e tolleranza al rischio e sono quindi più propensi a essere il tipo di leader visionari carismatici che avviano imprese di ogni tipo, comprese le imprese. La mia seconda tesi era che l'America ha una proporzione più alta di ipomania delle altre nazioni perché siamo una nazione di immigrati, e gli immigrati sono persone insolite (che rappresentano solo l'1% della popolazione mondiale) che sono un gruppo più ambizioso, irrequieto, energico, e ottimista rispetto alla media, con il alzarsi e andare a alzarsi e venire qui. A sostegno di questa idea, gli studi hanno rilevato che gli immigrati sono insolitamente alti nel disturbo bipolare. Persone come questa generano ricchezza, e così le nazioni che ne hanno molte hanno più denaro.

Se si popola un continente con una popolazione auto-selezionata così altamente distorta, si ha un brillante esperimento naturale che dimostra quello che io chiamo "effetto immigrante". Uno studio congiunto del Babson College e della London School of Economics ha rilevato che le nazioni più alte nella nuova società la creazione pro capite erano America, Canada, Israele e Australia: tutte le nazioni di immigrati. Nel mezzo c'erano le nazioni europee, che si trovano nel mezzo dell'assorbimento degli immigrati. E ultimi morti erano le nazioni asiatiche, che hanno tassi di immigrazione trascurabili. Gli studi interculturali sul disturbo bipolare che esistevano allora seguirono quasi esattamente lo stesso schema, con nazioni immigrate come Stati Uniti e Canada in testa, l'Europa nel mezzo e le nazioni asiatiche. Così ho concluso che più immigrati = più ipomania = più ricchezza nazionale. C'era qualcosa in questa tesi che sembrava intuitivamente giusta.

La gente sembrava averlo capito subito. E sembrava davvero che spiegasse molto il carattere e l'economia americana (eravamo ancora nel bel mezzo della sbornia della mania di Internet quando uscì il libro nel 2005), e per questo motivo il numero dell'Anno delle Idee del New York Times, chiamato così "The Hypomanic American" è una delle migliori nuove idee del 2005. Tuttavia, non tutti si alzarono e applaudirono. I più scettici (alcuni direbbero i più sofisticati), compreso il mio revisore nella recensione del libro del New York Times, trovarono alcuni dei dati di supporto sottili, e sfortunatamente non erano del tutto sbagliati.

C'erano almeno due problemi con i dati che esistevano in quel momento ho scritto il mio libro che sono stati risolti da questo studio. In primo luogo, era difficile sapere se i dati interculturali sul disturbo bipolare fossero un artefatto di come veniva misurato il disturbo. Questo studio ha utilizzato la stessa misura convalidata in tutti gli undici paesi, quindi sappiamo che non stiamo confrontando le mele con le arance. In secondo luogo, nessuno degli studi che ho citato ha analizzato i tassi di ipocrisia interculturale. Ho presunto che, dove hai più bipolari, seguiranno sicuramente più ipomanici, perché da ciò che possiamo vedere i due sembrano correre insieme nelle famiglie e sono quindi probabilmente geneticamente collegati. Ma quello fu un balzo di inferenza da parte mia.

Questo nuovo studio NIMH ha valutato stati maniacali più blandi e ha rilevato che l'America aveva i tassi più alti a tutti i livelli dello spettro bipolare: bipolare di tipo I (1,0%), tipo II (1,1%) e subclinico bipolare (2,4%), con un totale del 4,4% degli americani che cadono da qualche parte nello spettro bipolare, quasi il doppio della media internazionale del 2,4%. La prossima nazione più vicina era la Nuova Zelanda, l'unica altra nazione del campione che era prevalentemente popolata da immigrati. Al contrario, l'India, che non riceve praticamente immigranti (anzi, la migliore e più brillante emigrata dall'India) ha avuto un tasso incredibilmente basso dello 0,1%, facendo sì che un americano 44 volte più probabilità di essere nello spettro bipolare rispetto a un cittadino dell'India ! Si tratta di una gigantesca dimensione dell'effetto che rende questa scoperta non solo statisticamente significativa, ma anche clinicamente e socialmente significativa. David Schlager, MD, un assistente professore di psichiatria presso il Texas A & M ha fatto eco alla logica dell'Hipomanic Edge quando ha detto alla CNN: "Gli Stati Uniti attirano le persone che credono di poter ottenere una vita migliore. Arrivano a credere che possano riprendere e ricominciare. È un campione auto-selezionato di persone grandiose e impulsive. Ci vuole una certa sospensione della fede per credere davvero che tu possa venire qui e farlo accadere. Quelle sono una percentuale significativa di persone nello spettro bipolare. "

Lo studio ha rilevato un altro modello: le nazioni ricche hanno mostrato tassi più elevati di bipolarità rispetto a quelli poveri. La logica della mia tesi dovrebbe anche prevedere questo, dal momento che sostengo che le persone sullo spettro bipolare rendono una nazione ricca. Ma naturalmente sono possibili anche altre spiegazioni. Gli autori dello studio, Kathleen Merikangas, hanno suggerito che un'interpretazione potrebbe essere che i paesi più poveri offrono una "protezione" contro il disturbo bipolare che manca agli Stati Uniti, come le strutture sociali tradizionali che sono ancora relativamente intatte. "Abbiamo meno buffer in termini di social network, in termini di forte background familiare", afferma Merikangas. Forse, ma abbiamo trovato poche aree della vita in cui la provenienza da una nazione impoverita fornisce "protezione". È quasi sempre il contrario.

In un blog qui su Psychology Today intitolato "I più alti tassi di disturbo bipolare negli Stati Uniti: perché?" Di Robert J. Hedaya offre una spiegazione diversa per gli alti tassi bipolari americani. La disuguaglianza di reddito, sostiene, è una forma speciale di stress che rende la povertà più psicologicamente distruttiva di quanto non sarebbe in altri paesi più uniformi. "Abbiamo il più grande divario tra ricchi e poveri, quindi le tensioni economiche su gran parte della popolazione sono maggiori che in altre società occidentali. Questo si traduce in stress psicologico, abuso di sostanze, nutrizione di qualità inferiore e frammentazione della famiglia. "Ma se fosse corretto, troveremmo la maggior parte del disturbo bipolare negli americani tra i poveri, il contrario di ciò che sappiamo essere vero. In effetti, uno dei risultati più stranamente affidabili nella ricerca di psicopatologia, risalente a circa 40 anni tra dozzine di studi, è che il disturbo bipolare è l'unico disturbo in cui, come gruppo, i pazienti hanno redditi superiori alla media, dove ogni altro disturbo studiato è associato a reddito ridotto. Non è un grande effetto, ma è coerente. Se si osservano le famiglie di pazienti bipolari, dove presumibilmente ci sono tassi di ipomania sopra la media, troviamo redditi drammaticamente superiori alla media.

Ci sono diverse importanti implicazioni di questi risultati per la nostra nazione. Il nostro patrimonio di immigrati ci ha resi ricchi e quindi potremmo voler pensare più gentilmente agli immigrati di oggi che non "usano tutte le nostre risorse", come sostengono i più xenofobi, ma al contrario. Gli immigrati di oggi stanno creando ricchezza per l'America portando con sé la loro energia, le idee e la spinta per avere successo. In secondo luogo, mentre l'America può incarnare il lato positivo dell'ipomania, della creatività, dell'energia, dell'ottimismo, della pulsione, esprimiamo anche il suo lato oscuro. L'America è anche conosciuta per la sua arroganza, lo zelo messianico fuori luogo e le riprese dall'impulsività dell'anca. Il mondo ci ama per la nostra ipomania, e anche loro ci odiano per la nostra ipomania, fondamentalmente la stessa reazione della maggior parte degli ipomanichi. Viviamo dalla nostra ipomania, ma dobbiamo stare attenti a non morire anche noi.

Solutions Collecting From Web of "Nazione ipomanica"