Natalee Holloway è stata la vittima di un vizioso serial killer?

Joran van der Sloot, ventitré anni, è di nuovo in arresto, incarcerato e, secondo quanto riferito, ha confessato di aver commesso un omicidio. Non l'omicidio di Natalee Holloway. Questa volta, una giovane donna peruviana, Stephany Flores, fu trovata malmenata, possibilmente con una mazza da baseball o una racchetta da tennis, il collo spezzato, coperto di sangue e una coperta, morto in una stanza d'albergo di Lima. Le somiglianze nelle circostanze di quella fatidica notte ad Aruba sono sorprendentemente lugubri e inquietanti: si ritiene che l'omicidio abbia avuto luogo esattamente cinque anni dopo che Natalee Holloway è scomparso nelle prime ore del mattino dopo aver lasciato una discoteca con van der Sloot .

Il fatto sincronistico che questo atroce omicidio si sia verificato esattamente nella stessa data, il 30 maggio, come l'incidente di Holloway, sembra più che una semplice coincidenza senza senso. Come il morto e presunto morto diciottenne Natalee, van der Sloot avrebbe incontrato la ventunenne Stephany in un casinò di notte ed è stato visto tornare nella sua camera d'albergo con lei verso le 5 di domenica mattina. Fu testimone di aver lasciato la stanza d'albergo solo diverse ore dopo con le sue borse. Tre giorni dopo, martedì, il corpo senza vita della vittima, completamente vestito, a faccia in giù, è stato trovato dallo staff dell'hotel nella sua stanza. Joran van der Sloot poteva essere più di un semplice ragazzino egoista e viziato che copriva in modo insensibile la morte accidentale di un partner sessuale intossicato? Potrebbe davvero essere un predatore serial killer di due giovani donne, tra cui Natalee Holloway? E potrebbe aver ucciso più donne lungo la strada? (Per ascoltare la mia intervista radiofonica su questi casi, clicca qui.)

Ho commentato questo caso in un post precedente. A quel tempo, non c'era nessuna precedente storia di violenza attribuita a van der Sloot. Il corpo di Holloway non è mai stato recuperato. Nessuna prova forense di omicidio è stata trovata, almeno per quanto ne so. Da allora, Joran ha confessato pubblicamente e in privato diverse versioni accidentali di coinvolgimento nella morte di Holloway, ma ha quasi immediatamente negato la veridicità delle sue stesse dichiarazioni. Suo padre, un giudice del sistema legale di Aruba che potrebbe aver aiutato suo figlio a coprire illegalmente la morte di Natalee, improvvisamente è crollato ed è morto giocando a tennis lo scorso febbraio. Era relativamente giovane. Lo stress cronico del caso Holloway e il suo possibile coinvolgimento illegale hanno preso il suo bilancio fatale?

Joran, mentre è stato nuovamente arrestato per un breve periodo dopo la scomparsa di Holloway, è stato libero di viaggiare in tutto il mondo ed è stato segretamente filmato reclutando giovani donne in Tailandia per lavorare nei Paesi Bassi come prostitute. Inoltre, è stato recentemente accusato di aver tentato di estorcere con delicatezza 250.000 dollari dalla madre di Natalee Holloway in cambio di raccontarle la posizione dei resti di sua figlia e i dettagli della sua morte. Van der Sloot era a Lima partecipando a un torneo di poker. Apparentemente si immagina un giocatore. Ci sono notizie recenti che la sua presunta vittima, la signora Flores, ha vinto $ 5,000.00 quella sera al casinò, che mancava dall'orribile scena del crimine. Alcune fonti suggeriscono che la vittima potrebbe essere stata sfilacciata dal GHB o dal Rohypnol, i cosiddetti "stupri di data" – qualcosa che la famiglia Holloway sospettava da tempo fosse accaduta a Natalee quella notte.

A poco a poco, sembra emergere un modello inconfondibile, agghiacciante: la prostituzione. Gioco d'azzardo. Estorsione. Nascondere volontariamente la morte di una giovane donna americana. E in modo del tutto plausibile, stupro, rapina e omicidio multiplo. Un pervasivo disprezzo e violazione dei diritti degli altri. Ripetute attività illegali. Inganno. Abile menzogne. Conning. Aggressività fisica Crudeltà sadica Irresponsabilità. Impulsività. Grandiosità. Assenza di empatia. Sfruttamento degli altri Mancanza totale apparente di rimorso per aver ferito, maltrattato o rubato a qualcuno. Questi possibili sintomi e sospette azioni malvagie sono tutte indicazioni classiche di sociopatia, psicopatia, disturbo della personalità dissociale o antisociale. O che cosa in casi come questo potrebbe essere più descrittivamente definito "narcisismo psicopatico".

Poco si sa pubblicamente sull'infanzia e la storia familiare di Joran. Sembra che sia cresciuto in una classe medio-alta, una famiglia agiata, la maggiore di tre figli. Suo padre, Paulus, era un importante avvocato. Sua madre, Anita, un'insegnante di scuola. Tuttavia, ci sono state storie infondate che durante l'anno precedente all'incontro con Natalee Holloway, Joran, allora forse sedicenne, ha spinto un compagno di classe attraverso una lastra di vetro piatto, ed è stato presumibilmente descritto da alcuni che lo conoscevano come avente problemi di "gestione della rabbia". Da un punto di vista legale, sarebbe importante sapere se l'imputato ha effettivamente avuto una storia di aggressione fisica, combattimenti o aggressioni prima del presunto crimine o delitto. Se Joran van der Sloot è il moccioso viziato, l'arrogante prepotente, l'omicida egocentrico, manipolativo, narcisista e misogino che molti lo rendono fuori, e l'assassino che ora ammette di essere, cosa potrebbe averlo fatto così? È lui l'incarnazione del proverbiale "seme cattivo"? Il male incarnato? Possessione demoniaca? O era forse la sua presumibilmente privilegiata, protetta e permissiva educazione la radice principale del suo possibile narcisismo psicopatico?

Esperienze traumatiche estremamente negative e traumatiche sono in genere parte della storia familiare dello psicopatico classico. La grave negligenza infantile, l'abbandono e l'abuso di Charles Manson è un ovvio esempio. A questo punto, non abbiamo modo di sapere a quale tipo di ambiente psicologico il giovane Joran sia stato esposto fin da subito e abbia informazioni molto limitate sulle personalità e sui problemi dei suoi genitori durante quel periodo. Ma dobbiamo ricordare, come ha chiarito Sigmund Freud, che durante le fasi cruciali dello sviluppo della personalità nell'infanzia, un danno o una "fissazione" profondi può essere fatto non solo ottenendo troppo poco amore, attenzione, gratificazione dei bisogni, ma anche ricevendo troppa di queste necessarie influenze positive. I bambini hanno naturalmente bisogno di amore, affetto, sostegno, attenzione e riconoscimento. Ma hanno anche bisogno di limiti fissi, limiti, conseguenze appropriate e coerenti per il cattivo comportamento, la disciplina e ciò che gli psicologi dello sviluppo definiscono "frustrazione ottimale". La frustrazione ottimale è come i bambini imparano a ritardare la gratificazione, perseverare nei compiti, sviluppare forza interiore e indipendenza e adattarsi a ciò che Freud chiamava il "principio di realtà".

I bambini devono essere istruiti e imparare dai loro genitori o custodi che il mondo non gira intorno a loro, e che ci sono alcuni comportamenti che sono sbagliati e non saranno tollerati. Quando un bambino non riceve una tale educazione a casa, non è preparato a trattare con il mondo in generale. In questi casi, vediamo un egoismo o narcisismo infantile incontrollato, mai sufficientemente socializzato e, quindi, mai moderato. Alla fine, il loro cattivo comportamento accettato a casa si intensifica in azioni malvagie, atterrandole in grossi guai nel grande mondo. È possibile che questa fosse la situazione di Joran van der Sloot. Forse proveniva da una casa in cui i suoi sani bisogni narcisistici erano eccessivamente indulgenti dai suoi genitori e, quindi, diventavano assoluti e patologici. Per quanto possa sembrare strano, tale eccessiva indulgenza, mancanza di disciplina e iperprotettività da parte di genitori a volte sinceramente ben intenzionati possono essere profondamente feroci e distruttivi come il suo opposto: trascuratezza, abbandono, abuso, privazione. È di per sé un tipo traumatizzante di privazione e abbandono in cui i bisogni fondamentali del bambino per struttura, guida, limiti, conseguenze, test di realtà, supervisione e autorità parentale sono ignorati, trascurati e frustrati. In un certo senso, il bambino sente che il genitore troppo indulgente e troppo paziente non si cura abbastanza di fornire il limite e la struttura di cui lui o lei ha bisogno. E il bambino è inizialmente ferito da, e poi arrabbiato con questo fallimento genitoriale e la mancanza di responsabilità. Questa rabbia, non avendo un vero sfogo (come può un bambino essere arrabbiato con genitori così apparentemente amorevoli, educati e indulgenti?), Tende a essere repressa e alterata, trasformandosi nel tempo in risentimento tossico, inasprimento e rabbia narcisistica. Ma il narcisista psicopatico maschera questa rabbia magistralmente nella maggior parte delle situazioni. (Vedi i miei post precedenti su "Masks of Sanity.")

Un senso di "diritto narcisistico" è caratteristico del disturbo della personalità sia narcisistico che antisociale. Ed entrambi condividono una chiara mancanza di empatia con il loro prossimo, non volendo o incapace di provare compassione verso, né identificarsi con le emozioni e le esigenze degli altri. Atteggiamenti e comportamenti grossolanamente disumani derivano principalmente da una combinazione di grandiosità compensatoria e un distacco schizoide dai loro stessi sentimenti. La differenza principale tra il disturbo di personalità narcisistico e antisociale è di grado, differenziato in gran parte dalla forza relativa o debolezza di ciò che Freud chiamava superego , così come dalla gravità, tipo o intensità delle ferite narcisistiche del passato. Il confine tra questi due disturbi della personalità è sfocato e talvolta indistinguibile. Lo psicoanalista Otto Kernberg (1992) descrive alcuni pazienti distruttivi e antisociali come sofferenti di "narcisismo maligno", che è simile a quello che sto definendo "narcisismo psicopatico".

Tradizionalmente, gli psicopatici classici sono descritti come "a sangue freddo". Ma come può la brutale brutalità di picchiare una giovane donna per essere interpretata come qualcosa di diverso da una rabbia appassionata che uccide? Perché il troppo eccessivo eccessivo? Joran ha detto alla polizia che ha ucciso Stephany per la rabbia quando ha spiato nella sua "vita privata" sul suo laptop. Aveva trovato prove incriminanti riguardo al caso Holloway? Van der Sloot ha ucciso Stephany per farla tacere? Un'altra possibile spiegazione di tali casi sarebbe che l'assassino stava cercando di mutilare il corpo in modo da rendere difficile o impossibile l'identificazione post mortem, chiaramente un calcolo freddo e deliberato. "Jack lo Squartatore", che terrorizzava la Londra del diciannovesimo secolo, mutilò le sue vittime, prostitute femminili per non nascondere la loro identità, ma in parte come espressione di un sospetto odio rabbioso delle donne. La sua (o sua) identità non fu mai definitivamente determinata, ma uno dei più probabili sospetti fu riferito come un americano con un ben noto animus nei confronti del genere femminile. In un caso di omicidio neozelandese abbastanza recente (vedi il mio precedente post), un tutor universitario avrebbe pugnalato la sua ex-fidanzata ventiduenne più di duecento volte, mutilando severamente le labbra, il seno e i genitali. Non sfigurare deliberatamente la vittima per alludere al processo. Evidentemente era tutto sulla rabbia narcisistica. Van der Sloot è stato rifiutato sessualmente dalla signora Flores? Volava in una rabbia violentemente narcisistica? Un capriccio da assassino adulto? O forse si trattava di una rapina andata terribilmente male?

Come ho suggerito altrove (vedi il mio articolo "Violenza come il male secolare"), la rabbia repressa, la rabbia, il risentimento e l'odio sono al centro del narcisismo psicopatico così come di tanti altri gravi e pericolosi disordini mentali. Quindi cosa potrebbe fare l'assassino confessato Joran van der Sloot per essere così infuriato o amareggiato? Cosa dicono i comportamenti riferiti da van der Sloot riguardo ai suoi sentimenti nei confronti delle donne? La natura estremamente violenta della presunta uccisione di Stephany Flores suggerisce che si trattasse, in una certa misura, di una rabbia omicida. Tale rabbia viziosa, rabbia e odio verso le donne è tipicamente radicata nella tremenda ostilità inconscia verso la madre, e una svalutazione del femminile in generale. Per i narcisisti psicopatici, potrebbe anche avere a che fare con le donne che sono più vulnerabili a vittimizzare con i loro impulsi sadici, crudeli e ostili, proprio come gli animali, gli insetti oi bambini più piccoli tendono a svolgere questo ruolo di vittima per adolescenti gravemente disturbati diagnosticati con Disturbo di condotta un preludio alla psicopatia degli adulti. Infatti, nel caso di un imputato come Joran van der Sloot, non sarebbe sorprendente trovare durante la valutazione forense che, da ragazzo o adolescente, a un certo punto ha manifestato molti, se non tutti, i sintomi del Disturbo della Condotta.

In definitiva, credo che l'accusa e l'incarcerazione di van der Sloot in Perù porteranno a una risoluzione del caso Natalee Holloway. Data la sua passata propensione a fare varie confessioni su quel caso e poi ritrattarle, la sua confessione alla polizia peruviana rimane sospetta. Mentre, come psicologo forense, non posso diagnosticare questo (o nessun) imputato senza prima valutarlo, né presumere sensi di colpa, la domanda si riduce a questo: Joran van der Sloot, come probabilmente sostengono i suoi avvocati difensori, semplicemente il giovane sfortunato uomo nel mondo, ritrovandosi innocentemente nel posto sbagliato nel momento sbagliato? Con il corpo di una ragazza morta nella sua stanza d'albergo? Il quinto anniversario della probabile morte di Natalee Holloway in sua presenza? E poi vittima di bullismo da parte della polizia nel confessare falsamente a questa spregevole azione malvagia? Se è così, forse il poker non è davvero il suo gioco.

Solutions Collecting From Web of "Natalee Holloway è stata la vittima di un vizioso serial killer?"