Natale in piccoli pezzi

La maggior parte delle famiglie ha tradizioni di vacanza. I nostri vengono in piccoli pezzi.

Circa due settimane fa, abbiamo deciso che era arrivato il momento, in bundle tutti in auto con dieci minuti di preavviso, e avventurato nel freddo per comprare un albero di Natale. La cavalcata è piuttosto lunga nell'Ohio rurale, e abbiamo avuto il tempo di ascoltare quasi tutto il Duel In the Snow di Jean Shepherd, il saggio originale che ha ispirato il film, A Christmas Story . Adoro ascoltarlo, anche se la lettura di Dick Cavett non mi ricorda la voce di Jean Shepherd alla radio quando ero bambino a New York. Ma mio marito e i miei figli – o il mio figlio ormai adulto e il suo fratellino quasi adolescente – lo adorano ancora. E la storia si adattava bene tra la scelta dell'albero e la sosta per cioccolata calda e bagel. C'era abbastanza neve per trasformare i campi di fagioli bianchi.

E poi c'è stato il concerto di Natale, dove ho suonato con gli amici in una chiesa a miglia di distanza che visito solo una volta all'anno per questo servizio. È una piccola chiesa minuscola, con un pastore filippino e una miriade di bambini con voci meravigliose che amano cantare Feliz Navidad mentre suoniamo, suoniamo e suoniamo il dulcimer e il mandolino. Ogni anno uno degli inni mi sorprende e mi tocca da qualche parte che non sapevo era ancora aperto a quel senso di meraviglia che avrei sempre provato in quel periodo dell'anno da bambino.

I biscotti erano domenica. La famiglia di mio marito creava sempre dei bei biscotti arrotolati, dipinti con tempera all'uovo. L'abbiamo fatto ogni anno da quando mio figlio era piccolo e noi eravamo troppo lontani per cucinarli con la sua famiglia. La ricetta è semplice: qualsiasi impasto di biscotti arrotolati, impazzire con i tagliabiscotti, quindi dipingere la pasta cruda con (nuovi!) Pennelli immersi in tuorli d'uovo mescolati con colorante alimentare e una goccia o due d'acqua. Ci vogliono ore per i ragazzi, ognuno in competizione per vedere i cui biscotti possono essere i più elaboratamente estrosi. Ottieni punti extra per trasformare il ritaglio della bambina in superuomo o l'angelo in un vero Babbo Natale. Finisco sempre per arrotolare la pasta e gestire la stufa, ma ho molto tempo per guardare, perché una semplice padella di una dozzina di biscotti può impiegare un'ora o più per dipingere. Quest'anno ho gestito una serie di biscotti e una padella di pan di zenzero in mezzo tirando fuori dal forno i loro capolavori. La parte migliore è la fine, quando non c'è abbastanza pasta da tagliare, e devi semplicemente scarabocchiare sugli avanzi.

Ieri siamo andati al cinema – tutti noi a un film Disney eravamo troppo vecchi per. Hamburger e frullati in anticipo. Accatastamento in macchina e ascolto di canti sulla strada. Risate condivise insieme. I gemiti, mentre tornavamo a casa per trovare il cane, avevano trovato – e mangiato – il pane di mais.

Oggi era il solstizio. Abbiamo sempre viaggiato per Natale – tutto attraverso la scuola di specializzazione e le nostre molte, molte mosse e ora nel nostro 29 ° anno di Natale come una famiglia. Quindi il Solstizio è un giorno in cui solo noi genitori e bambini – mangiamo una cena meravigliosa, ascoltiamo musica e scambiamo qualche regalo. Tutti i regali sono piccoli Alcuni di loro sono fatti in casa. Tutto è molto basso. Sedemmo attorno al fuoco e leggemmo fumetti, mangiavamo patatine e tuffo e giocavamo a un nuovo gioco da tavolo. Una delle cose belle di festeggiare una vacanza che nessun altro fa che tu possa fare tutto ciò che vuoi e va bene. Ed esso era.

Viaggeremo in pochi giorni e staremo con la mia famiglia per andare in chiesa e aprire i regali la vigilia di Natale e con la famiglia di mio marito per Natale. Mangeremo cibo e probabilmente litigheremo e passeremo troppo tempo in macchina. Probabilmente sarà l'ultima volta che il mio primogenito vede i suoi nonni prima di partire per alcuni anni nel Peace Corps. O forse l'ultima volta che ne vede alcuni. Il Natale sembra sempre tenere un po 'agrodolce. Puoi sentirlo nelle canzoni.

Nessuna di queste tradizioni natalizie è grande, splendida o stravagante. Probabilmente non farebbero grandi carte. Nessuno di loro ha impiegato così tanto tempo – un paio d'ore, qua e là, compreso un sacco di cose da mangiare. La maggior parte di essi viene catturata come fosse possibile, al momento, ma ricorda quello che succede ogni anno. Sono flessibili, quindi se qualcosa accade un po 'diverso quest'anno, va bene.

Poiché il dono presente è così diffuso, è una parte piacevole di esso – e certamente uno dei miei più giovani – e probabilmente tutti noi – attende con impazienza. Ma non è la parte principale di questo, con quella splendida scarica di eccitazione e il quasi inevitabile incidente e bruciatura di carta da imballaggio strappata e delusione. Non diamo un sacco di regali. È qualcosa che non potremmo mai permetterci di fare e qualcosa che ora i bambini non si aspettano. Quirky e premuroso sono probabilmente le due parole che meglio li descrivono. Va bene.

E nessuno di questi momenti di vacanza sarà perfetto. Ma poiché ci sono molti piccoli momenti, non devono esserlo. Se uno finisce per essere un disastro o finisce in un litigio o un brutto pasto o non accade affatto quest'anno, ci sarà un'altra possibilità. Insieme, questi momenti sono caldi e piacevoli e ci ricordano le cose passate e le cose che ci interessano ora.

E, per me, è una felicità molto più gestibile rispetto a quella per una vacanza perfetta e splendente in cui tutto deve essere perfetto.

© 2010 Nancy Darling. Tutti i diritti riservati

Solutions Collecting From Web of "Natale in piccoli pezzi"