Narcisista o no?

JudaM / Pixabay
Fonte: JudaM / Pixabay

Quando si ascoltano i "millennial" nei media in questi giorni, la prossima cosa che probabilmente sentirai è la parola "narcisistica". Da diversi anni, riferisce su NPR, su Time Magazine, su The Guardian in Gran Bretagna, e persino su questa pubblicazione hanno discusso se l'attuale coltura di giovani adulti sia più narcisistica delle generazioni precedenti. Tutto, dall'eccessivo autofocus, all'uso ossessivo dei social network, alla preferenza per l'impiego non tradizionale, e anche a troppi viaggi dal dentista (a causa dei "selfie teeth") è stato attribuito al narcisismo intrinseco dei millennial.

Ma non è dubbio, sin da subito, che milioni di persone potrebbero condividere lo stesso disturbo della personalità semplicemente a causa della loro data di nascita? (Più probabilmente, le generazioni più anziane tendono a relazionarsi con loro in modi coerenti ma frustranti.) L'autostima sembra essere in aumento, con l'80% degli studenti delle scuole medie che ha ottenuto punteggi maggiori in una misura di autostima nel 2006 rispetto alle loro controparti alla fine degli anni '80. Ma affidarsi a studi come questo significa dipingere con un pennello ampio. Anche se gli studenti universitari hanno mostrato un aumento dei tratti narcisistici negli anni precedenti al 2008, questo aumento non è stato così drammatico come la pendenza della stessa curva negli anni '90. E su misure di egoismo, autostima, individualismo e l'importanza dello status sociale, gli adolescenti che si diplomavano alla scuola superiore nel 2006 erano praticamente identici agli anziani delle superiori della fine degli anni '70. Infine, sebbene l'esplosione nell'uso dei media dei social network sia spesso attribuita alle qualità narcisistiche delle nuove generazioni di oggi, non è stata stabilita alcuna correlazione causale.

Nella mia esperienza di psicologo, quando i millenni arrivano per la terapia, non si scagliano contro le critiche dei loro pari o dei loro capi, o arrabbiati con il mondo per la mancanza di riconoscimento che offre loro. Gli adulti di oggi (giovani), dai venticinque ai trentacinque anni, cercano la psicoterapia come aiuto per trovare l'amore, scegliere le carriere e prendere decisioni che si riverberino nel resto della vita. Visto in quel modo, i millennial con cui ho lavorato non sembrano molto diversi da chiunque altro sia in cerca di aiuto, a parte il fatto della loro coorte di età. (Inoltre, i tratti narcisistici appaiono generalmente più di tre volte più spesso nei ventenni come nei sessantenni, quindi anche se i millennial si fossero imbattuti in questo modo, potrebbe essere un artefatto dello sviluppo).

Forse il lavoro dei miei pazienti e l'economia in cui si trovano creano l'effetto. I millennial sono spesso criticati per aver ignorato il tradizionale modello work-pay, al quale i loro genitori e i genitori dei genitori si sono abituati. La loro dipendenza dal "lato del trambusto" – quei lavori freelance bloccati ai margini di un impiego regolare – è stata ostacolata come prova del loro rifiuto narcisistico di conformarsi. I millennial non sono interessati a scegliere una carriera che li sosterrà per il resto della loro vita? Certo che lo sono, ma non stanno cercando di "avere tutto", o si aspettano un elogio eccessivo per le prestazioni medie – si stanno semplicemente rendendo conto che alla loro età, quando fanno una scelta professionale, altre opzioni si chiudono su di loro. I millennial vogliono passare più tempo a trovare modi efficaci per esprimersi e meno tempo a dedicarsi a lavori tradizionali da nove a cinque? Sì, ma questo è individualismo, non narcisismo. I millennial sono criticati per il cambio di lavoro come se fosse un segno di legittimità; non importa che la loro tendenza a smettere di lavorare in modo insoddisfacente li porta generalmente a una maggiore soddisfazione e produttività. Questa generazione sembra solo più determinata a trovare la felicità scrollando di dosso le forme di lavoro tradizionali e le generazioni più anziane, bloccate nel modello da nove a cinque giorni di lavoro, ci stanno prendendo in considerazione.

So che è impossibile confutare i dati con gli aneddoti, ma i bambini dai 25 ai 35 anni con cui ho lavorato non richiedono eccessiva ammirazione, e non si sentono vuoti all'interno. Stanno lottando per trovare un posto nel mondo, sia professionalmente che personalmente. Stanno gareggiando in un'economia difficile, preoccupati di trovare compagni, e incerti su cosa porterà il futuro. I pazienti veramente narcisisti in terapia sono quelli che si lamentano della loro intrinseca eccellenza non ricompensata, o denigrano i loro altri significativi per non averli apprezzati abbastanza, senza notare i modi in cui il loro comportamento contribuisce a queste dinamiche. I millennial, al contrario, stanno cercando con difficoltà di trovare le loro basi in un ambiente finanziario che sta lavorando contro di loro, e in un universo sociale recentemente trasformato dalla tecnologia dei consumatori. Le preoccupazioni dell'aspirazione narcisistica della generazione millenaria non sono solo comprensibili, ma anche riconoscibili, perdonabili e curabili.

Solutions Collecting From Web of "Narcisista o no?"