È narcisismo o sociopatia?

Wikimedia Commons by Caravaggio.
Fonte: Wikimedia Commons di Caravaggio.

Il Disturbo Narcisistico di Personalità (NPD) e il Disturbo di Personalità Antisociale (APD) sono due distinti disturbi mentali e tradizionalmente non diagnosticati tipicamente in tandem da parte dei clinici. Tuttavia, oggi è chiaro a molti professionisti della salute mentale che l'APD può includere tratti narcisistici e che la NPD può talvolta includere tratti antisociali o sociopatici. Tali individui potrebbero essere comunemente descritti come affetti da Disturbo di personalità antisociale con tratti narcisistici o Disturbo di personalità narcisistico con tratti antisociali. E il verificarsi di questa combinazione sembra essere in aumento. Per questo motivo, ho proposto la creazione di una nuova diagnosi ibrida di Personalità Antisociale / Narcisista in cui, mentre i criteri per nessuno dei due possono essere completamente soddisfatti, questa confluenza di sintomi e comportamenti insieme costituisce un apparentemente distruttivo, pericoloso, e talvolta persino disturbo del carattere mortale. Mi riferisco a questa condizione morbosa come narcisismo psicopatico (vedi i miei precedenti post) per connotare il nesso tra narcisismo patologico e sociopatia. Ma qual è la vera natura e l'eziologia di questa infida intersezione tra NPD e APD?

Per cominciare, faremmo bene a ricordare che il Disturbo Narcisistico di Personalità, come ogni altro disturbo mentale o psicopatologia specifica, deve, per definizione, essere a) statisticamente deviante dalla norma eb) associato a disagio clinicamente significativo, menomazione o disabilità o con rischio significativo di conseguenze negative per sé e / o altri. A differenza di altri disturbi mentali che coinvolgono depressione o ansia, per esempio, disturbi di personalità come NPD (o Disturbo di personalità antisociale) sono meno caratterizzati da sofferenza soggettiva egodistonica che da sofferenza inflitta agli altri, sotto forma di crudeltà, abusività verbale, manipolazione, inganno, e, in casi più estremi, violenza fisica. (Nella mia esperienza clinica, il narcisista subisce inconsciamente le ferite della sua infanzia e, in definitiva, dagli effetti negativi sulle relazioni interpersonali generate dalle sue difese narcisistiche.È comunemente solo in quel punto critico che il narcisista patologico è più probabile che cerchino la terapia).

Detto questo, il fatto è che il narcisismo è un aspetto pervasivo, endemico della vita contemporanea, ed esiste in misura diversa in ognuno di noi. Abbiamo tutti bisogno di una certa dose di sano narcisismo per andare avanti nel mondo, che è legato all'autostima, alla fiducia, al senso del significato, ecc. E molti di noi soffrono in parte anche di una certa misura di narcisismo patologico o nevrotico. Ad esempio, gran parte della rabbia distruttiva, della rabbia e della violenza, l'animosità tra i sessi e l'ipersensibilità a qualsiasi e qualsiasi percezione di scorrettezza politica che affligge la psiche collettiva americana, scaturisce dal narcisismo patologico. Viviamo sempre più, come sosteneva il sociologo Christopher Lasch quattro decenni fa, in una "cultura del narcisismo", in cui il narcisismo è idealizzato, adorato, emulato e ricompensato, sia nel mondo degli affari, dell'industria dell'intrattenimento o dell'arena politica. A causa di questa e di altre ragioni, non ultima la crescente tendenza narcisistica alla genitorialità, il narcisismo è stato purtroppo progressivamente normalizzato nella cultura americana negli ultimi decenni. I figli dei genitori narcisistici sono inclini a diventare narcisisti stessi: non necessariamente a causa della predisposizione genetica ereditaria, anche se questo può giocare un ruolo, ma principalmente a causa dello stile genitoriale narcisistico.

Lo psicoanalista Heinz Kohut, che modificò e ampliò le idee originali di Freud sul narcisismo, suggerisce che il narcisismo patologico è un arresto o una distorsione dello sviluppo pre-edipico normale, durante il quale il naturale, sano, primitivo o "narcisismo primario" del bambino viene trattato in modo deficiente o disordinatamente "rispecchiato" dai principali custodi – nella maggior parte dei casi, i genitori, ma in particolare la madre. Questo cosiddetto "ferimento narcisistico" o frustrazione si traduce nella perseveranza nevrotica del narcisismo infantile irrisolto nell'infanzia, nell'adolescenza e nell'età adulta. Quindi, il narcisismo negli adulti può rappresentare una forma di narcisismo "sano" o non ha mai permesso un'adeguata espressione o gratificazione durante l'infanzia o eccessivamente indulgente e insufficientemente moderato e socializzato, e quindi, mai troppo cresciuto. È in questo senso che il comportamento spesso petulante della persona patologicamente narcisistica è simile a quello di un ragazzino o ragazza viziato o respinto che insiste nel fare tutto a modo suo, anche se ciò significa intimidire, mentire e ingannare per ottenerlo. O al profondo timore di essere feriti, respinti o abbandonati di nuovo. In effetti, l'autoassorbimento fatale del giovane mitico Narciso, da cui deriva il termine clinico narcisismo, è progettato per respingere il potenziale rifiuto attraverso il rifiuto ostile o aggressivo degli altri. Tale narcisismo nevrotico può manifestarsi in modo alquanto diverso negli uomini e nelle donne.

È quasi impossibile parlare in modo significativo del narcisismo patologico senza riconoscere e discutere la sua stretta connessione con lo sforzo cosciente o inconscio per il potere . (Tutti noi cerchiamo un senso di potere e controllo nella vita, ma la personalità narcisistica è consumata, posseduta e guidata da questo eccessivo bisogno.) Come è comunemente visto in APD, le persone che soffrono (o, meglio, fanno soffrire gli altri) da La NPD cerca di affermare il potere e il controllo sugli altri, anche se in modi un po 'più sottili. Ciò nonostante, questo power drive può essere piuttosto compulsivo e inesorabile, motivato da un insopprimibile bisogno di superare sentimenti profondi di impotenza, che derivano solitamente dall'infanzia. Questa patologica ricerca del potere può essere espressa in un ampio spettro di comportamenti: dal prendere in giro crudelmente o bullismo a un fratello più giovane, infliggere sofferenze fisiche a insetti o animali domestici, a rapimenti, torture, abusi sessuali e talvolta orribili uccisioni di vittime innocenti da psicopatici. Quando tali individui cercano e raggiungono con successo posizioni di potere nell'industria, nel mondo accademico o in politica, i risultati possono essere catastrofici, poiché è specialmente nella persona patologicamente narcisista e assetata di potere che "il potere assoluto corrompe assolutamente". Ma questa stessa spietatezza, il sadismo, la crudeltà e la sfrenata volontà di potenza si svolgono nella vita quotidiana di piccoli narcisisti psicopatici, scatenando il caos e causando sofferenza a tutti coloro che si trovano nella loro sfera d'influenza più piccola.

Presumibilmente, la maggior parte delle persone che cercano di guidare gli altri e di partecipare al potere e allo status di fare così, come leader di culto, amministratori delegati e politici, sono almeno in parte motivate, spesso inconsciamente, dal loro immenso bisogno di cosiddetti "narcisistici". forniture. "Per attenzione. Per ammirazione. Per adorazione. Per rispetto. Per amore. Abbiamo tutti bisogno di questo. Ma per il narcisista, questo incessante bisogno e la spinta a soddisfarlo non finisce mai, è insaziabile e costante. Lui o lei non può mai avere abbastanza, ed è quindi, sempre alla ricerca di più complimenti, pubblicità, adorazione, potere e riconoscimento. Infatti, quando questo profondo bisogno è cronicamente frustrato, come nel caso della maggior parte dei perpetratori di sparatorie di massa, bombardamenti, terrorismo e altri tipi di attacchi violenti al pubblico, diventa ciò che mi riferisco (vedi i miei precedenti post) come un "malvagio". rabbia per riconoscimento. "Per tali individui, incapaci di trovare modi positivi per ottenere un'offerta narcisistica, non c'è limite a ciò che sono disposti a fare per ottenere quel senso di riconoscimento e significato agli occhi del mondo. Incapaci di soddisfare in modo costruttivo le loro esigenze nevrotiche diventando celebri, si accontentano del facile ma nondimeno obiettivo gratificante dell'infamia.

La diagnosi di politici noti come Adolf Hitler o Joseph Stalin (vedi il mio post precedente), celebrità come OJ Simpson, leader di culto come Jim Jones o David Koresh, o criminali infami come Charles Manson da lontano è un affare difficile e discutibile, anche per esperti Ovviamente, analizzare o profilare la personalità di una figura così oscura, enigmatica e inafferrabile come Osama bin Laden (ora deceduto), ad esempio, è un compito altrettanto difficile. Tuttavia, in un documento presentato al 25 ° Incontro scientifico annuale della Società internazionale di psicologia politica nel 2002, la dottoressa Aubrey Immelman, professore associato di psicologia presso la St. John's University del Minnesota, ha fatto proprio questo. Inserendo i dati biografici noti di bin Laden in un profilo di personalità utilizzando la seconda edizione del Millon Inventory of Diagnostic Criteria (MIDC), Immelman ha concluso che "la combinazione di modelli di personalità ambiziosi e avidi di Bin Laden suggerisce la presenza della sindrome di Millon" narcisista senza principi ". Questo complesso di caratteri compositi combina il senso arrogante del narcisista dell'autostima, dell'indifferenza sfruttatrice per il benessere degli altri e l'attesa grandiosa di un riconoscimento speciale con l'auto-esaltazione della personalità antisociale, la mancanza di coscienza sociale e il disprezzo per i diritti degli altri. Immelman diagnosticò Osama bin Laden – come fece lo psichiatra Dr. Jerrold Post, il famoso profiler politico della CIA – un "narcisista maligno": un termine basato sulla concezione del narcisismo maligno di Otto Kernberg (1992), i cui componenti principali sono il narcisismo patologico. , caratteristiche antisociali, tratti paranoidi e aggressività distruttiva.

A che punto, quindi, il narcisismo patologico diventa non solo maligno, ma sociopatico? Per definizione, la sociopatia o il Disturbo Antisociale di Personalità è un modello pervasivo e pronunciato di disprezzo e violazione intenzionale dei diritti degli altri che si verificano regolarmente da almeno i quindici anni (DSM-5). Inoltre, gli attuali criteri diagnostici comprendono "l'incapacità di conformarsi alle norme sociali rispetto ai comportamenti leciti come indicato da atti ripetutamente performanti che sono motivo di arresto", "ingannevolezza", "spericolato disprezzo per la sicurezza di sé o degli altri" e, forse la maggior parte in modo significativo, "mancanza di rimorso, come indicato dall'essere indifferente o razionale nel fare del male, maltrattato o rubato da un altro." Manca un forte senso di coscienza. Inoltre, come affermato nel manuale diagnostico dell'Associazione Psichiatrica Americana, il sociopatico o psicopatico può essere affascinantemente disarmante, "eccessivamente supponente, sicuro di sé, o arrogante." C'è spesso una marcata storia di irritabilità, rabbia, ribellione e verbale o aggressività fisica. (Nei bambini e negli adolescenti, questo modello problematico di comportamento può essere chiaramente evidenziato nel Disturbo della Condotta, la cui presenza è un prerequisito per diagnosticare l'APD oltre i 18 anni.) Ogni volta che vediamo alcuni schemi cronici di comportamenti illegali o distruttivi combinati con il assenza di rimorsi e di affetti appropriati, siamo probabilmente testimoni, per lo meno, di ciò che noi professionisti chiamiamo "tratti antisociali".

Il Disturbo Antisociale di Personalità, anche noto come sociopatia, psicopatia o personalità asociale, coinvolge, fin dall'infanzia, una rabbia cronica e patologica, rabbia e risentimento verso gli altri. Come ho suggerito altrove (vedi il post precedente), il disturbo antisociale di personalità è, al suo interno, un disturbo della rabbia . La sociopatia si concentra su un'ostilità radicata verso la famiglia, la cultura, il mondo, il destino, il destino, Dio, la realtà e, in effetti, verso la vita stessa. Ma la personalità dissocialista è molto abile nel mascherare questa ostilità e odio sottostante e in gran parte inconscia. Sono attori magistrali, hanno affinato e praticato le loro abilità sin dalla prima infanzia. Come il narcisistico disturbo della personalità, hanno imparato a nascondere il loro vero sé profondamente ferito dietro ciò che Winnicott chiamava un "falso sé". Ciò che il mondo vede in individui così gravemente danneggiati e pericolosi è una persona difensiva estremamente rigida, per usare il termine pragmatico di Jung, che proviene dalle maschere drammatiche indossate dagli attori teatrali nell'antico teatro greco. Un falso sé accuratamente costruito e meticolosamente mantenuto, dietro il quale si nasconde il vero sé rabbioso, ferito, depresso.

È stato a lungo ipotizzato che la personalità antisociale – lo psicopatico – dopo aver commesso un crimine, non abbia un vero senso di coscienza o di colpa, forse a causa di qualche anomalia genetica o Supereroe insufficiente. Ma suggerirei che la coscienza sociopatica sia – come i sentimenti più profondi che appartengono al loro vero sé negato e dissociato, ancora presente, ma congelato profondamente sotto il freddo e freddo ghiaccio del falso sé difensivo. Questo è il motivo per cui alcuni imputati sembrano così imperturbati riguardo alle loro cattive azioni e alle disastrose conseguenze negative. E 'esattamente ciò che li rende così affascinanti, carismatici e diabolicamente convincenti truffatori, manipolatori e bugiardi. E, in alcuni casi, assassini a sangue freddo.

La differenza principale tra disturbo di personalità narcisistico e antisociale è sempre di grado. Il narcisismo patologico spesso include le propensioni antisociali. La sociopatia tipicamente dimostra tendenze narcisistiche. Il confine diagnostico tra questi due disturbi contigui della personalità è al meglio sfocato. È stato suggerito e provato dalla ricerca che coloro che soffrono di disturbo antisociale della personalità – in particolare quella che viene chiamata "psicopatia primaria" – cercano livelli straordinari di stimolazione e sembrano non imparare dall'esperienza. È come se fossero dipendenti dall'adrenalina, forse per contrastare una depressione cronica sottostante o per provare qualcosa, e così fuori dal contatto con le loro emozioni che anche le esperienze normalmente dolorose, come il tempo della prigione, sembrano non scoraggiare il loro cattivo comportamento .

Il disturbo di personalità antisociale rappresenta il narcisismo patologico nella sua forma più estrema e distruttiva. Un senso di diritto narcisistico è caratteristico del disturbo della personalità sia narcisistico che antisociale. Nel caso del disturbo antisociale della personalità, il comportamento ingannevole, manipolativo, distruttivo e aggressivo serve allo scopo inconscio di indurre gli altri a provare gli stessi sentimenti di paura, rifiuto, vittimizzazione, ferita, terrore, abbandono e tradimento così come ha fatto il perpetratore durante il suo la propria infanzia. Lo stupratore, lo stalker, il serial killer: a giudicare dal loro comportamento, ognuno di questi criminali condivide apparentemente una convinzione cosciente di avere il diritto assoluto di conficcarsi non invitati nella vita delle persone e di sfruttare egoisticamente gli altri per i propri fini narcisistici. Ma, in realtà, questa percezione presuppone un grado di consapevolezza cosciente che nella maggior parte dei casi non è semplicemente presente. Tuttavia, condividono una netta mancanza di empatia con i loro simili, essendo riluttanti o incapaci di provare compassione verso, né identificarsi con le emozioni e i bisogni degli altri. Tali atteggiamenti e azioni grossolanamente inumani, persino mostruosi derivano principalmente da una combinazione di grandiosità compensatoria e un distacco schizoide dai loro stessi sentimenti.

In effetti, un senso di "diritto narcisistico" è caratteristico del disturbo della personalità sia narcisistico che antisociale, anche se forse per ragioni leggermente diverse: per il sociopatico, come Charles Manson, il senso del diritto deriva dal sentimento che il mondo deve loro per essere stato così rifiutando, mentre il senso del diritto del narcisista deriva principalmente da sentimenti compensativi di grandiosità, superiorità e specialezza. In genere manca un sentimento di colpa e coscienza, specialmente in sociopatia. Ed entrambi condividono una chiara mancanza di empatia con il loro prossimo, non volendo o incapace di provare compassione verso, né identificarsi con le emozioni e le necessità degli altri, al di là di un livello relativamente superficiale di relazione. L'immenso narcisismo di imputati criminali come Jodi Arias, Joran van der Sloot, OJ Simpson, Drew Peterson e molti altri, li convince di possedere un'intelligenza superiore e, quindi, in ultima analisi, può superare in astuzia il sistema. Questa grandiosità narcisistica riguardo alla loro intelligenza (che, secondo la mia esperienza, è sovrastimata e non necessariamente commisurata ai test di intelligenza standardizzati) può essere vista nell'annuncio apparentemente arrogante e altezzoso di Jodi che "nessuna giuria mi condannerà mai". il modo in cui il gioco d'azzardo compulsivo riportato da van der Sloot riportava una eccessiva e narcisistica fiducia in se stesso che avrebbe potuto battere da solo il sistema del casinò.

Il salvare la faccia è un aspetto centrale del narcisismo patologico: lo sforzo concertato, a volte frenetico o disperato di preservare e proteggere la propria persona pubblica a tutti i costi. Come ha osservato CG Jung, tutti abbiamo bisogno di una persona , ma i problemi si verificano quando diventiamo troppo identificati con la nostra persona, quando diventa troppo unilaterale, squilibrata e rigida. Nel narcisismo patologico, questo è esattamente ciò che è accaduto: il personaggio – che deve fare non solo con ciò che cerchiamo di proiettare esteriormente nel mondo ma, ancor più fondamentalmente, con il modo in cui desideriamo vedere noi stessi – è diventato un superficiale "falso" sé, "uno che nasconde e compensa ciò che Jung chiamava l' ombra . (Vedi il mio post precedente.) Tutti noi abbiamo un'ombra, un lato oscuro, inconscio costituito da quelle parti "negative" (o talvolta represse) della nostra personalità che respingiamo, rinneghiamo e riteniamo socialmente o moralmente inaccettabile, riprovevole, malvagio o pericoloso: sessualità, aggressività, sentimenti di inferiorità, vulnerabilità, amore, sano narcisismo e desiderio di potere, per esempio. Nel narcisismo patologico, questo personaggio grandioso compensa i sentimenti repressi di inferiorità, vulnerabilità, debolezza, piccolezza, bisogno e deve essere mantenuto, preservato e difeso vigorosamente contro tutte le sfide.

Questo tipo di face-saving compulsivo assume comunemente la forma di esagerazione, offuscamento, manipolazione o attento parsing della verità, fibbing, fabbricazione, prevaricazione o menzogna totale quando la persona narcisistica è in qualche modo minacciata dall'esterno o dall'interno. In alcuni casi, tale elaborazione elaborata, mentire e autoinganno possono raggiungere proporzioni quasi deliranti e, quindi, semi-psicotiche, con la persona totalmente convinta della veridicità e della realtà della sua falsificazione egoistica. (Vedi il mio post precedente). In quegli individui il cui narcisismo grave patologico o psicopatico porta alla fine a comportarsi in modo immorale, immorale, inappropriato o criminale, la menzogna diventa per lo meno tanto meno l'assunzione di responsabilità e l'elusione delle conseguenze legali o negative per il loro cattive azioni, considerandosi più intelligenti o "al di sopra della legge". Nel narcisismo psicopatico, il narcisismo patologico attraversa la linea in comportamenti antisociali o sociopatici.

La paranoia è un altro componente chiave comune del narcisismo e della sociopatia, sebbene non sia considerato un criterio diagnostico necessario. Nondimeno, l'individuo che soffre di narcisismo psicopatico si sente (a volte dovuto a pervasivo trauma infantile) vittimizzato dalla società e dall'autorità, e rabbiosamente si scaglia contro il mondo che lui o lei crede ancora di essere "pronto a prendermi". Sebbene questa paranoia sottostante possa essere sottile, e non è necessariamente delirante, e quindi tecnicamente psicotico, come nel caso del Disturbo Delirante o Schizofrenia Paranoide, può diventare una parte pervasiva, sistematizzata, rigida e cronica della personalità, in momenti di grave stress, a volte raggiungendo uno stato psicotico proporzioni. Un'illusione paranoide è, per definizione, un sintomo psicotico: una convinzione fissa, falsa, irrazionale che non si comporta con una realtà consensuale oggettiva, ma si attacca comunque con veemenza. È l'ultima forma di auto-inganno e, a volte può essere adottato da chi è estremamente vicino e asservito alla persona paranoica in una sorta di psicosi collettiva.

Da una prospettiva diagnostica e valutativa, la domanda cruciale che dobbiamo porci è sempre di laurea: il narcisismo di qualcuno è patologico e, in caso affermativo, in quale misura? Vira nel regno del sociopatico? O forse anche lo psicotico? La sua vulnerabilità narcisistica, l'ipersensibilità e la conseguente rabbia narcisistica reattiva tendono a spingere la persona verso discorsi o atti impulsivi, autolesionisti, vendicativi, meschini, retalici? O soffrire (e costringere altri a soffrire) da una fondamentale mancanza di empatia? Una riluttanza o incapacità di riconoscere o identificarsi con i sentimenti o la realtà degli altri? È lui o lei eccessivamente arrogante, grandioso, egocentrico o interpersonale, approfittando degli altri per raggiungere lei oi suoi desideri egoistici? Potenzialmente comprometterebbe la sua capacità di giudizio maturo, misurato, razionale e decisionale? Sotto stress o in risposta a provocazioni, ferite leggere, insulti o emotivi, la persona rimarrà un adulto ragionevole e razionale o sarà temporaneamente presa in consegna o posseduta da un ragazzino o ragazza narcisisticamente ferito, frustrato, petulante, irrazionale, sferzando impulsivamente contro il perpetratore percepito in un attacco di retribuzione primitiva, vendicativa e furiosa?

Questa risposta fondamentalmente umana, tuttavia, nella NPD, altamente esagerata, talionica rappresenta forse il più grande pericolo. La grandiosità narcisistica, l'impulsività, i sentimenti di titolarità, la mancanza di empatia, la coscienza inadeguata, combinata con la suscettibilità alla rabbia narcisistica in reazione a insulti o minacce percepiti e un inesorabile bisogno di vendetta o rappresaglia che porta a una visione paranoica del mondo. Qui è dove il narcisismo patologico può e conduce insidiosamente alla sociopatia. Il narcisista psicopatico crea e mantiene la propria versione della realtà o Weltanschauung , vista e interpretata attraverso la lente deformata e distorta dell'egocentrismo patologico e dell'auto-inganno. Certamente partecipiamo tutti a un certo grado di autoinganno. La realtà è fatta per comportarsi con la grandiosa e gonfia immagine di sé del narcisista, e coloro che lo circondano sono spinti a percepire la realtà allo stesso modo. In alcuni casi, questa distorsione della realtà può diventare delirante, attraversando la linea dalla nevrosi alla psicosi.

Fondamentale per questa discussione è la forte correlazione tra i problemi del narcisismo, della sociopatia e del male . Forse il fatto più spaventoso è il fatto che le azioni malvagie potrebbero essere potenzialmente commesse da chiunque, date le circostanze giuste o sbagliate. (Ricordiamo, per esempio, gli esperimenti di psicologia classica di Milgram e Zimbardo che dimostrano questo fatto sconvolgente, così come le atrocità ignorate e commesse dai comuni cittadini tedeschi durante l'Olocausto, un fenomeno che Hannah Arendt ha soprannominato la "banalità del male".) Ognuno di noi ospita l'innata capacità del male. Tuttavia preferiamo per ovvi motivi negare quella realtà inquietante, scegliendo invece di proiettare inconsciamente quella potenzialità di comportamento malvagio, la cosiddetta ombra, sugli altri: il diavolo, avversari o partiti politici, movimenti, gruppi, governi stranieri, terroristi, immigrati , minoranze, religioni, donne o uomini, piuttosto che riconoscerlo consapevolmente in noi stessi. Per alcuni, un personaggio morale, religioso o spirituale scelto consapevolmente può servire a mascherare un lato oscuro inconscio e pericoloso, capace di esprimersi in modo distruttivo in varie forme, come indiscrezioni sessuali o trucchi politici sporchi che devono essere coperti e negati quando scoperti. O molto peggio.

Un'altra sorprendente somiglianza tra individui narcisistici e sociopatici è la loro straordinaria astuzia e intelligenza nativa. La capacità di ingannare e manipolare gli altri verso i propri fini egoistici è uno dei tratti distintivi della sociopatia e un'espressione del profondo narcisismo patologico sottostante. Come suggerisce la valutazione psicologica di Joran van der Sloot dell'assassinio da prigioniero, la persona che soffre e crudelmente fa soffrire gli altri di quello che io chiamo narcisismo psicopatico, è fondamentalmente un bambino immaturo, egoista, egocentrico, risentito e furioso all'interno di un potente corpo adulto. (Vedi il mio post precedente.) Sono arrabbiati con i loro genitori, arrabbiati con l'autorità, arrabbiati con Dio, arrabbiati con la vita. Sono stati feriti, abusati, feriti emotivamente, deprivati, esagerati, viziati, abbandonati o trascurati in vari modi – alcuni in modo grossolano e in modo molto più sottile – e stanno ancora amaramente attaccando la vita e gli altri. Contro la società. Contro l'autorità. Come il personaggio di Joker interpretato da Heath Ledger nel film The Dark Knight (2008), i sociopatici seminano il caos e lasciano distruzione nella loro scia. Quando hai un bambino di cinque o dieci anni incazzato con scarso controllo degli impulsi che vive in un corpo adulto, con la libertà, il potere e le risorse per fare esattamente ciò che gli piace, hai una persona straordinariamente pericolosa capace di atroce e, nel caso di leader mondiali, azioni malvagie catastrofiche. Queste persone arrabbiate, vendicative, amareggiate, opportuniste, impulsive ea volte predatorie vedono il mondo come il loro campo di gioco personale, e per alcuni, tutti in esso come la loro prossima potenziale vittima o conquista. Per citare l'assassino di massa condannato Charles Manson, il ragazzo del manifesto per tali tendenze malvagie o antisociali: "Sono ancora un bambino di cinque anni". (Vedi il mio post precedente sul "bambino interiore".)

Se i criminali violenti come Jodi Arias o Joran van der Sloot sono i marmocchi viziati, gli individui egocentrici, manipolativi e narcisistici che molti li rendono fuori, e gli assassini sanguinosi che entrambi alla fine hanno ammesso di essere, cosa potrebbe averli fatti così? Nel caso di van der Sloot, la sua educazione privilegiata, protetta e permissiva poteva essere la radice principale dei suoi problemi psicologici? Esperienze infantili traumatiche estremamente negative fanno tipicamente parte della storia familiare del narcisista psicopatico. La grave negligenza infantile, l'abbandono e l'abuso di Charles Manson è un esempio da manuale. Tuttavia, dobbiamo ricordare, come ha chiarito Sigmund Freud, che durante le fasi cruciali dello sviluppo della personalità nell'infanzia, un danno o una "fissazione" profondi può essere fatto non solo ottenendo troppo poco amore, attenzione, gratificazione dei bisogni, ma anche da ricevere troppe di queste necessarie influenze positive. I bambini hanno naturalmente bisogno di amore, affetto, sostegno, attenzione e riconoscimento. Ma hanno anche bisogno di limiti fissi, limiti, conseguenze appropriate e coerenti per il cattivo comportamento, la disciplina e ciò che gli psicologi dello sviluppo definiscono una frustrazione ottimale. La frustrazione ottimale è come i bambini imparano a ritardare la gratificazione, perseverare nei compiti, sviluppare la forza interiore e l'indipendenza e adattarsi a ciò che Freud chiama il "principio di realtà". Quando tale struttura, limitazione e disciplina manca, i semi della psicopatia il narcisismo trova un terreno fertile in cui crescere.

Quindi, per riassumere, può esserci una linea molto sottile, a volte impercettibile, che divide il narcisismo e la sociopatia, una linea che può essere attraversata in qualsiasi momento. Il sociopatico vive sul lato opposto di questa linea, avendo girato amaramente la società, ripetutamente e spesso impegnandosi in modo impulsivo in attività illegali che si traducono in arresti multipli, mentire, manipolare, imbrogliare, ingannare e aggressivo, un comportamento vendicativo volto a disfare o ripagare un dolore ed evitando di essere "spinti" dagli altri, in particolare da figure autorevoli legittime. Il narcisista, d'altra parte, di solito è più adatto alla cultura, funzioni a un livello più alto, è spesso finanziariamente e socialmente più efficace, elabora la legge più abilmente, in genere evita un record di arresto formale, sceglie di lavorare all'interno del sistema, accettando esteriormente piuttosto che rifiutando la società, eppure gioca ancora con le sue regole egoistiche e ribelli, cerca incessantemente ammirazione e stimolazione, e può essere non meno vendicativo e persistente, anche se a volte più sottile, nel raggiungere anche il più piccolo dei percepiti offese. Il narcisista psicopatico si trova da qualche parte tra questi due poli su uno spettro di disturbo della personalità. E, in qualche modo, il narcisismo psicopatico può rivelarsi la condizione più difficile da riconoscere, poiché non è né chiaramente né l'una né l'altra, ma piuttosto un ibrido complesso capace di commettere il male sottilmente e nasconderlo dietro un sofisticato tessuto di menzogne, distrazioni , negazione, prevaricazione, offuscamento, bullismo, intimidazione, manipolazione, illuminazione a gas e disinformazione.

Come possono essere rilevati questi bugiardi eccezionali? Come si possono smascherare questi attori superbamente qualificati? Anche psicologi e psichiatri forensi altamente qualificati e con esperienza vengono talvolta presi in considerazione da questi impressionanti individui, alcuni dei quali possono persino ingannare un esame del poligrafo. Nella psicologia forense, abbiamo vari metodi e test per rilevare l'inganno o il malinging. Ma dal punto di vista clinico, la maggior parte delle persone che raccontano il perito valutatore forense sta rilevando la presenza di un modello di lunga data (fin dall'infanzia o adolescenza) di ingannevolezza, impulsività, manipolazione, irresponsabilità e disprezzo egoistico per (se non violazioni apertamente) dei diritti degli altri, bisogni e sentimenti senza rimorso, spesso assumendo la forma di comportamenti illeciti comunemente (ma non sempre) che portano agli arresti. Questi individui soffrono di narcisismo psicopatico. Alcuni riescono a superare in astuzia la legge. E possono avere molto successo, raggiungendo i pinnacoli del potere, della celebrità e della ricchezza. Ma nella maggior parte dei casi (anche se non tutti), persino questi abili criminali finiscono per cadere in aria o diventare troppo presuntuosi, con il risultato di essere scoperti, perseguiti e possibili incarcerazioni.

Solutions Collecting From Web of "È narcisismo o sociopatia?"