Myth-Busting About Single: The Meat on the Bones

In un corso che ho appena insegnato, le mie valutazioni del corso includevano uno dei commenti più eccitanti che un professore possa immaginare. No, non era "Sei l'insegnante più terrificante del mondo intero." Invece, è stato questo: "Dimmi di più. Dove posso trovare più riferimenti, altro da leggere e pensare? "

I miei ultimi 3 post sui 10 miti sulle persone single (qui e qui e qui) hanno attirato un sacco di commenti, domande e richieste. Tra questi c'era la stessa richiesta di ulteriori informazioni. Dove sono i riferimenti agli studi che sfatano i miti sui single? Nei miei post ho solo menzionato alcune delle ricerche disponibili. Dov'è il resto?

Mi piace anche una domanda correlata, perché la risposta è molto diversa da quella che la persona che ha posto la domanda sembrava anticipare. Parafrasando, la domanda per me era: "Negli studi che dici, sei di parte, non è vero?" Prenderò quello per primo.

Sono prevenuto negli studi che menziono su questo blog e altrove ?

La risposta è si! Gli studi che descrivo su questo blog e altrove sono schiacciati in modo schiacciante in modo da favorire le persone sposate ! (A parte: non ho mai sentito nessuno, in una conferenza o in un'aula o in un blog o altrove, chiedi a uno studioso di matrimonio se sono prevenuti verso le persone sposate.)

Prima di iniziare a studiare single, avevo un settore completamente diverso: la psicologia di ingannare e individuare l'inganno. Non sapevo nulla della scienza delle implicazioni dello stato civile per la felicità, la salute o qualsiasi altra cosa. Quindi all'inizio pensavo che i titoli avessero probabilmente ragione: sposarsi probabilmente fa una differenza positiva nella vita di molte persone. Ho iniziato a vedere se c'erano alcune sfumature – per esempio, ci sono sottogruppi particolari per i quali la vita da single è stata particolarmente stimolante o appagante? Una volta che ho iniziato a leggere gli articoli della rivista originale, tuttavia, sono rimasto sbalordito nel constatare quanto spesso le affermazioni sui presunti benefici del matrimonio fossero esagerate, travisate della ricerca reale o semplicemente sbagliate.

Uno dei modi più semplici per creare una narrativa parziale è semplicemente scegliere quegli studi che supportano la tua posizione preferita e ignorare il resto. Nella ricerca sullo stato civile, le possibilità per farlo sono enormi, poiché ci sono centinaia, se non migliaia, di studi sui legami tra stato civile e qualità come felicità, salute, longevità, salute mentale, abuso di droghe e alcol, e molto di più.

Una volta compreso che i risultati effettivi degli studi scientifici erano ben lontani da quello che ero stato indotto a credere, volevo fissare un elevato standard per me stesso per le critiche che stavo per fare delle affermazioni di altre persone. Quindi ecco cosa ho fatto: li ho lasciati decidere quali studi contassero. Sul serio. Ho trovato affermazioni fatte da persone che erano o studiosi rispettati e / o che stavano ricevendo molta attenzione per le loro affermazioni, poi sono tornato indietro e ho letto i rapporti di ricerca originali degli studi che hanno citato a sostegno delle loro affermazioni.

In un articolo che Wendy Morris e io pubblicammo su Psychological Inquiry , "Singles in society and in science", abbiamo rintracciato l'affermazione che sposarsi è legato alla felicità, come ha fatto Martin Seligman in un libro che ha scritto, Authentic Happiness , che era ricevendo molta stampa Gli studi che ha scelto di citare a sostegno della sua affermazione non hanno di fatto dimostrato ciò che ha detto di aver fatto.

In alcune parti del mio libro, Singled Out , ho seguito anche questa strategia. Ho analizzato gli studi citati nel libro, Il caso per il matrimonio: perché le persone sposate sono più felici, più sane e migliori economicamente . Il "caso" che gli autori presumibilmente hanno fatto non è stato nemmeno supportato dagli studi particolari che hanno scelto di citare. C'era, tuttavia, un'eccezione: sposarsi porta effettivamente maggiori ricompense finanziarie (o come mi piace definirle: benefici per il benessere delle persone sposate, come sovvenzionate dalla discriminazione nei confronti delle persone single).

C'è un altro motivo per cui gli studi che menziono sono schiaccianti in modo schiacciante a favore delle persone sposate: esiste un'enorme letteratura scientifica sul matrimonio, risalente da decenni. Il flagship Journal of Marriage and Family , ad esempio, è stato stampato (a volte con nomi leggermente diversi) dal 1939! Ci sono grandi quantità di finanziamenti per la ricerca disponibili per gli studiosi interessati alle persone sposate. Ci sono conferenze – e ci sono state per eoni. Ci sono corsi e programmi di laurea. Ci sono lobbisti e gruppi di riflessione. È un complesso matrimoniale-industriale.

Ora, solo perché gli studiosi vengono allo studio dello stato civile dal loro interesse per le persone sposate e non per i single non significa, di per sé, che la loro ricerca sia parziale o priva di rigore. Ma probabilmente modellerà il tipo di domande che chiedono e il tipo di supposizioni che fanno (vedi, ad esempio, l'articolo della Cronaca di Educazione Superiore in questa raccolta). È più probabile che chiedano, per esempio, perché è perché sposarsi (presumibilmente) porta benefici, piuttosto che chiedersi perché così tante persone singole vivano una vita significativa e produttiva.

Gli studiosi che hanno dedicato le loro carriere allo studio del matrimonio e ai suoi presunti vantaggi possono essere particolarmente improbabili da notare o criticare i difetti fondamentali in quella ricerca. Mi stupisce ancora e mi turba il fatto che così tante persone paragonino coloro che sono attualmente sposati con quelli che sono single e considerano ciò come una valida indicazione delle implicazioni del matrimonio. Come possono contare solo coloro che si sono sposati e sono rimasti in quel modo (mettendo da parte, ad esempio, tutti coloro che si sono sposati e poi divorziati) nel loro gruppo sposato e chiamano quella buona scienza?

I tipi di studi che vengono condotti e le supposizioni dietro di loro, modellano anche il tipo di titoli che vediamo nei media. Molti dei miei scritti, qui e nei miei libri, sono critiche sulle affermazioni che sposarsi ti rende migliore in un modo o nell'altro. Questi sono gli studi che sono là fuori.

Certo, se c'è uno studio che riguarda specificamente le singole persone, dagli autori che in realtà hanno cercato di capire i singoli e non includono solo i singoli come gruppo a cui possono confrontare le persone sposate che effettivamente li interessano, ti dirò a proposito. (Alcuni esempi sono qui e qui.) Ma come noterai, ti parlerò anche delle carenze di tali studi. Gli studi di studiosi interessati alla vita singola, tuttavia, non possono forse dominare un blog come questo, al quale io contribuisco così frequentemente. Non ce ne sono abbastanza. I singoli studiosi non hanno i finanziamenti, i programmi o le altre risorse che costituiscono una disciplina sviluppata come lo studio del matrimonio.

Dove sono gli articoli di ricerca originali che sfatano i miti sulle persone single ?

Singled Out include tra i suoi 15 capitoli 10 sui miti sulle singole persone. C'è anche una bibliografia di 18 pagine con centinaia di riferimenti pertinenti. Ho anche incluso una lunga nota, alle pagine 271-272, che descrive i miei criteri per gli studi che ho scelto di esaminare in dettaglio. (Posso ripubblicare quella nota su questo blog se un numero sufficiente di lettori è interessato a vederlo.) Ci sono anche 27 pagine di note: puoi usarle per vedere quali riferimenti sono rilevanti per quali argomenti.

Naturalmente, la scienza procede e molti studi sono stati pubblicati da quando Singled Out è apparso per la prima volta in stampa. Ne ho recensito molti su questo blog e nella mia raccolta, Single with Attitude , pubblicata nel 2009. Ne ho scritto così tante altre da allora che ora sto mettendo insieme un'altra collezione. (Ti farò sapere quando è disponibile.)

Nella maggior parte dei miei post su questo blog, fino a poco tempo fa, ho collegato gli studi originali online. Tuttavia, trovo fastidioso quando questi link non sempre continuano a funzionare quando tornerò da loro in futuro. Quindi ho appena iniziato a includere i riferimenti completi alla fine di alcuni dei miei post sul blog e spero di farlo più regolarmente in futuro.

Ho anche scritto un capitolo, Living single: alleggerire quei miti oscuri e drogati , in questo libro del 2010. (Sfortunatamente, il libro è costoso perché è una raccolta accademica, mi piace pensare che il mio capitolo sia leggibile, però).

Il meglio deve ancora venire. Recentemente, ho scritto una bibliografia annotata di oltre 100 studi relativi alla salute, alla felicità, alla personalità, alle risorse psicologiche e alle connessioni interpersonali delle singole persone – e molto altro ancora sulla loro vita. A settembre, sarà disponibile come parte delle Oxford Bibliographies Online , nella loro nuova categoria di argomenti in psicologia. Il motivo per cui apprezzo particolarmente questa bibliografia è che è annotato. I lettori vedono non solo il riferimento completo, ma anche una breve descrizione di ciò che ogni libro o articolo ci parla dei singoli e del perché è importante. (Ovviamente, ti farò sapere quando verrà pubblicata la bibliografia).

Finirò con lo stesso invito che cerco di ricordare di estendere in ogni discorso che faccio sui singoli: se conosci uno studio che sembra in contrasto con le affermazioni che ho fatto in uno dei miei scritti, ti prego di inviarmi il pieno riferimento e lo controllerò. (E, naturalmente, sentiti libero di raccomandare anche gli altri.)

Riferimento :

DePaulo, BM, & Morris, WL (2005). Single nella società e nella scienza. Inchiesta psicologica , 16 , 57-83.

Solutions Collecting From Web of "Myth-Busting About Single: The Meat on the Bones"