My Toddler, l'esperimento di psicologia più simpatico del mondo (con video)

Per chiunque sia interessato alla psicologia, avere un figlio è un'esperienza affascinante, trasformandoci tutti in un dilettante Jean Piagets. Avendo appena scritto un libro sull'interazione tra la corteccia frontale e l'amigdala (tra le altre cose), è stato estremamente interessante osservare un essere umano che aveva un'attività apparentemente molto poco frontale della corteccia frontale. Qualunque cosa sentisse, boom, eccolo lì sul suo volto, senza alcuna modulazione o soppressione. Da bambino poteva passare attraverso una dozzina di distinte espressioni facciali nell'arco di un minuto.

Ora che Rem è un anno e mezzo, esibisce sempre nuovi e affascinanti comportamenti. Proprio l'altro giorno è uscito con una mossa allo stesso tempo esilarante e sconcertante. Una volta capito, mi è venuto in mente.

Un po 'di storia: da quando Rem è stato in grado di afferrare le cose e spostarle, ho notato che sembra cogliere lo scopo degli oggetti più facilmente dei dettagli di come devono essere manipolati fisicamente. Per esempio, una volta, quando voleva mettere i suoi stivali da neve, si alzò e li mise vicino ai suoi piedi. Quando ha iniziato a usare i cucchiai, li metteva in bocca di lato. L'altro giorno mi stava "aiutando" mentre stavo spazzando il portico con una scopa e una paletta; quando ha tenuto la paletta, l'ha messa a terra, tenendo la maniglia, ma tenendola di lato o capovolta.

La mente infantile, quindi, inverte il famoso detto Bauhaus secondo cui "la forma segue la funzione". Un designer adulto di panetti antipolvere inizierebbe a pensare in questo modo: avrò bisogno di una superficie che possa intersecare uniformemente con una superficie piatta, quindi il protagonista il bordo della mia paletta dovrà essere piatto. Per Rem, queste considerazioni sono incomprensibili. Una paletta funziona perché è una paletta. Un cucchiaio funziona perché è un cucchiaio. Per lui, la funzione precede la forma.

L'altro giorno una grande scatola di articoli per bambini arrivava da Diapers.com, a circa due piedi di lato, e una volta vuoto Rem lo trasformò in un forte. Ama strisciare lì dentro e starsene lì per un minuto o due, adagiato nell'angolo posteriore con alcuni animali imbalsamati, prima di diventare irrequieto e strisciare di nuovo fuori. Sta appena iniziando a usare i pastelli, così scarabocchia sulla parte superiore e sui lati.

Qualche giorno dopo, qualcosa è arrivato in una scatola più piccola, delle dimensioni di un giradischi, e gli abbiamo dato anche quella con cui suonare. Non appena l'ha preso, Rem ha cercato di scavalcarlo, anche se era troppo grande. Colpì la sua testa nella parte posteriore di esso, scoprì che il resto del suo corpo era ancora fuori dalla scatola, tentò di girarsi da una parte e dall'altra, tutto inutilmente. Dopo un po 'provò a sdraiarsi con la testa nella scatola e il resto di lui che si distendeva fuori, come se a volte salisse nella sua scatola più grande. Era patetico e divertente allo stesso tempo.

Chiaramente, a Rem le dimensioni della scatola non erano salienti; era una scatola, e quindi il suo scopo era quello di salire. Dopo aver fatto una piccola ricerca, ho appreso che questo fenomeno è ben noto nei circoli di psicologia infantile, dove è noto come "errore di scala". Ci sono parecchi video di bambini piccoli intrappolati nell'atto di cadere in contrasto con esso; eccone uno:

Mi sento un po 'sadico per averlo apprezzato così tanto, ma raramente la scienza è così illuminante e adorabile allo stesso tempo.

L'idea di "errore di scala" ha davvero implicazioni profonde, perché è una finestra sulle primissime origini di come noi, come individui, arriviamo a pensare alle cose. In breve, nella nostra visione di base del mondo non siamo così razionali come potremmo immaginare. È nostra natura vedere il mondo in modo essenzialista, vale a dire attribuire proprietà a oggetti (e persone) che sono indipendenti da qualsiasi proprietà fisica. Questa non è una visione razionale, ma è pervasiva e difficile da scuotere, proprio perché è il modo in cui prima impariamo a pensare. A volte, nel tentativo di vedere il mondo in modo scientifico, dobbiamo combattere consapevolmente contro la nostra stessa natura.

Solutions Collecting From Web of "My Toddler, l'esperimento di psicologia più simpatico del mondo (con video)"