My Gay Voice and Yours

Photo Courtesy of ThinkThorpe
Fonte: foto per gentile concessione di ThinkThorpe

Odiavo la mia voce quando ero un bambino. Mi è stato insegnato a odiarlo dalle persone intorno a me. I vicini mi chiamavano "fata" e sebbene amassi le fate, sapevo che non era un complimento. Uncles strinse i pugni per farmi sembrare "duro". Cugini mi guardò con disgusto e disse: "Parli come una ragazza …" I compagni di classe mi chiamarono "Fagot", un nome che avrei ascoltato fino al mio liceo fino alla mia partenza. Presto! Volevano tutti che sapessi che la mia voce era "femminile" e che per un ragazzo non c'era niente di peggio. (Per ulteriori informazioni su questo fenomeno, vedi il mio pezzo di HuffPost, Bully Ottiene "Ragazza". )

Non c'è da stupirsi che volevo fare l'attore. La maggior parte dei giorni a scuola ho sognato di essere nessuno, tranne me stesso. Nella città rurale in cui sono cresciuto ero circondato da ragazzi che praticavano sport come se ne dipendesse la loro vita; ha parlato di un grande gioco sul sesso prematuro con le ragazze; e ha colto ogni occasione per prendere in giro ragazzi come me. Un giorno dissi a un pari del mio piano di fuga attraverso la carriera di attore, al che lei rispose: "Dovrai cambiare la tua voce. A nessuno importa se sei gay ma non puoi agire gay … "Da allora ho riflettuto su cosa significhi" agire gay "- o" agire in modo diretto ". Ho scritto un articolo clinico sull'argomento (qui) e anche su testi op-ed (qui e qui). Ma all'epoca sapevo esattamente cosa significasse: avevo una "voce gay" ed ero quindi maledetto di vivere una vita di muti sogni ad occhi aperti.

Fino a quando ho preso una lezione di recitazione chiamata "Voce", e ho scoperto che posso sembrare profondo e autorevole come Darth Vader. L'incantesimo fu spezzato (per il momento …) Passai dal nascondermi dietro le gradinate a mostrarmi al centro della scena. Ho acceso la voce, ho dimenticato chi ero, e il girly, fata, finocchio è diventato Dracula o Amleto. Mi sono laureato in teatro. Ho dei lavori di recitazione professionale. Sono entrato nella scuola di specializzazione per recitare. Tutto grazie alla mia voce. La mia voce! La rovina della mia esistenza d'infanzia.

Ma la voce magica non poteva che portarmi così lontano. Ora mi stavo allenando per guadagnarmi da vivere come attore, non solo per far credere. Quindi dovevo in qualche modo integrare la mia voce con il mio sé autentico. È fantastico per un attore avere un registro dei bassi (o persino suonare, come qualcuno potrebbe dire inutilmente, "dritto") purché suoni anche come una persona reale. Non l'ho fatto Almeno non quando ho usato la voce per lunghi periodi di tempo. Mi è stato detto che avere una voce grande e innaturale non mi avrebbe aiutato a prenotare ruoli nel teatro e nel cinema contemporanei. La mia elegante insegnante di inglese, britannica, ha consigliato: "Dahling, con una faccia come Peet-ah Pan, e una voce come James Ehhl Jones, non avrai mai un wahhkk." Ma quando lascio andare la voce, insegnanti, registi e i colleghi attori (sempre) mi direbbero "butch it up!" Era come lottare con una doccia che era troppo calda o troppo fredda. La mia recitazione è diventata falsa se avessi usato la voce troppo a lungo. Ma perderlo significava perdere il mantello dell'invincibilità e essere criticato per sembrare effeminato (che era come essere chiamato "Fagot" da ragazzino ancora una volta). Perdente per entrambi.

La voce mi ha aiutato ad atterrare qualche ottimo lavoro. (Il Boston Globe scrisse che ero "un buon macho lunkhead" in un dramma che facevo per angoscia adolescenziale). Ma il 99% delle volte la magia svanirebbe una volta che fossi stato lanciato, rivelandomi come un ragazzo che a volte si nascondeva dietro una voce profonda, ma che generalmente si presenta come "gay". Ciò provocherebbe delusione e disagio senza fallire. Ho prenotato un piccolo ruolo in un film chiamato Outside Providence in cui io (ironicamente) ho interpretato un prepotente (apparentemente dritto), bullo di scuola superiore. Ma vedendomi uscire sul set tra una scena e l'altra, parlando come me, la gente del casting sembrava immediatamente mortificata e preoccupata. (Per fortuna ho avuto solo una scena …) Sono stato anche scelto per interpretare il ruolo da sogno di Romeo in un teatro regionale. Ma una volta iniziate le prove, il produttore mi ha avvertito che il pubblico potrebbe non credere che io fossi innamorata di Juliet e che dovrei "lavorare sodo per convincerli …" Con il quale intendeva dire "Butch it up!" (PS: non l'ho mai avuto guai ad essere innamorato di quella Juliet, solo con il suono dell'idea del produttore di un "duro, etero, amico".)

Ero orgoglioso dei mini-successi che sono riuscito a ottenere, con tutti gli attacchi contro di me. Ma la voce ha aiutato solo in modo impeccabile. Non potevo continuare così e non volevo. Come un maschio gay effeminato avevo già passato tutta la mia vita a coprire. Ero esausto. Continuare a vivere in questo modo richiederebbe un pedaggio – fisicamente, psichicamente e vocalmente (per ulteriori informazioni sull'impatto gravemente distruttivo che la pressione per coprire lo stigma sociale ha sulla salute fisica, emotiva e mentale vedi questo studio, e questo).

Inoltre, i premi erano troppo brevi e intermittenti per renderlo utile. E non potevo più prendere l'insulto di guardare i colleghi con personaggi "robusti" interpretati in ruoli maschili gay e / o effeminati. Per esempio, un compagno di classe del conservatorio – che mi prendeva in giro per i miei modi effeminati, BTW – è stato infine scelto come attivista gay in un film pluripremiato, basato su una grande opera premiata, sulle vite gay. Non fraintendermi, è straordinariamente talentuoso e merita di lavorare tra gli altri grandi attori del film. Ma era in grado di parlare come lui, anche mentre interpretava una regina, "fata", "frocio", come me. Come mi ha detto nel 2008 il direttore del casting, Brette Goldstein, la cosa sui ruoli gay in televisione e nei film è che "spesso hai degli uomini eterosini che li interpretano. Ed è quello che fa schifo ai ragazzi gay. "Oggi è cambiato poco. Sebbene alcuni attori gay stiano effettivamente creando le proprie opportunità di interpretare una varietà di ruoli (gay, etero, maschile, femminile e tutto il resto), come i creatori della divertente serie East Siders . (No, Matt Damon, stare nell'armadio non è la risposta).

Ma anche se ho scelto di non continuare a nuotare controcorrente verso una carriera di attore a tempo pieno, ho anche saputo in qualche modo di non escludermi per essere "troppo gay" o troppo di genere non conforme. Mi sono rifiutato di accettare semplicemente lo status quo. Invece sono rimasto dalla mia parte e ho cercato di sfidare le nostre idee culturali su come dovrebbe suonare un attore, o anche una "persona reale".

Ho fondato una compagnia teatrale con la missione di fondere attori contro il tipo e di condividere storie su vite emarginate. Questo non solo mi ha fornito più possibilità creative, ma anche per una varietà di artisti le cui voci (letteralmente e figurativamente) erano state disattivate. Così come il pubblico che raramente, se non mai, si vede sul palco o sullo schermo. Ho messo insieme un breve documentario su come gli attori, in particolare gli uomini, siano essi omosessuali o eterosessuali, sono considerati dai direttori dei casting come falliti nel secondo in cui "suonano gay" (cioè la loro voce non è conforme agli stereotipi eteronormativi della mascolinità). Ho scritto articoli su come questo fenomeno di casting, che ho chiamato Do not Act, Do not Tell, si collochi anche nella vita, con un impatto gravemente dannoso, specialmente sulle persone che sono L, G, B o T, ma anche su tutti. Sostenevo i sindacati degli attori – Actor's Equity Association e Screen Actor's Guild – per ampliare i loro sforzi relativi alla LGBT per combattere la discriminazione contro Do not Act, Do not Tell in casting. E mi sono allenato per diventare terapeuta e aiutare una varietà di persone a trovare le proprie voci.

Lungo la strada ho sviluppato la mia voce. Con ciò intendo il mio punto di vista personale – che avevo coltivato durante gli anni di battaglie in salita sopravvissute – ma anche i suoni reali che escono dalla mia bocca quando parlo. La mia voce è verosimilmente effeminata, a volte maschile, per altri; profondo e autoritario in certi momenti e vulnerabile o anche fragile negli altri; a volte piano, a volte muto. Ma è mio. Quello che dico e come lo dico viene da anni di vita; di fallire e di avere successo; di allenamento e lasciando andare l'allenamento; di difendere me stesso e gli altri; e per tutto il tempo calarsi in un senso di me stesso. Quando sento la mia voce ora non la odio. Sembra come me.

Te lo dico perché condividere i nostri viaggi con onestà è un modo efficace per distruggere gli stigmi, come quello conosciuto come "voce gay".

E questo è esattamente ciò che ha fatto il regista David Thorpe nel suo documentario davvero eccezionale, Do I Sound Gay?

Proprio come faccio qui, Thorpe inizia la sua storia condividendo come ha imparato a odiare la sua voce. Come dice Dan Savage nel film, "odiare le nostre voci è l'ultima traccia di omofobia interiorizzata." Thorpe chiede a tutti quelli che conosce – comprese le celebrità stravaganti, come Savage, così come gli amici, la famiglia e gli insegnanti di discorso professionale – dove pensano " la voce gay "viene e come può cambiare la sua. E così facendo, ci accompagna in una illuminante spedizione di pregiudizi culturali contro uomini dal suono femminile. Thorpe fornisce una miriade di ipotesi su dove questo odio deriva e ci chiede di chiederci perché nessuno di noi (gay o etero) rispetti in modo riflessivo le non conformità di genere nelle voci di un altro. Abbiamo un forte senso di come gli uomini gay – e tutte le minoranze – a volte emulino i nostri oppressori punendoci l'un l'altro per avere qualità che disprezziamo in noi stessi. Il film include clip dai media che esacerbano gli stereotipi sugli uomini dal suono femminile, molti dei quali sono inquietanti, compresi i film Disney che presentano lisping, effeminati, mascalzoni maschili, così come clip di eterosessuali comici maschi che scherzano su come un comportamento effeminato negli uomini è un giustificazione per la violenza contro di loro. Ma mentre guardiamo Thorpe praticare i suoi esercizi di discorso – con una disciplina altrettanto tortuosa di Natalie Portman che prova il balletto in Black Swan – lo assistiamo alla fine abbattere e irrompere in un luogo di auto accettazione. Le celebrità intervistate descrivono un risultato simile nelle loro stesse lotte: per esempio, Tim Gunn di Project Runway dice, con rilassata convinzione: "Sono abituato a sentire la mia voce ora." Alla fine del film, Thorpe sembra preoccuparsi meno di da dove provengono le nostre voci e altro ancora sull'avere una voce che sembra autentica, comunque suona.

Il film rivela chiaramente anche la misoginia che sottende il nostro odio culturalmente condizionato di effeminate voci maschili, e mostra come, preservando le idee rigide di ciò che è maschile o di ciò che è femminile, tutti perdono. Come cultura siamo condizionati a liquidare istantaneamente attori maschi dal suono effeminato dicendo che non potrebbero mai essere un protagonista romantico o che non potrebbero mai interpretare un soldato (es. Date un'occhiata a questo attore in modo divertente e autoironico rafforzando questo punto.) Ma se permettiamo a questo modo di pensare di prosperare incontrastati continuiamo a punire TUTTI gli attori, in particolare gli uomini (indipendentemente dal loro orientamento sessuale o di genere) il secondo che "scivolano" nelle loro audizioni e suonano qualcosa di diverso dal nostro standard culturalmente condizionato di espressione di genere. E l'ufficio casting e la strada, dove le persone vengono regolarmente attaccate e uccise per non essere conformi agli stereotipi di genere, sono collegate in modo ovvio e devastante. Finché c'è una fobia culturale incontrollata di "voci gay", da cui in realtà intendiamo solo effeminate voci maschili, siamo tutti condannati a uno stato di ipervigilanza simile a PTSD, troppo spaventati per offuscare le linee di genere, nel nostro voci o in qualsiasi altra area della nostra vita.

E l'ineffabile pressione per ridimensionare la propria voce non è limitata ai maschi gay effeminati. Ad esempio, mentre crescendo, mio ​​fratello – che è onesto e relativamente di genere che conferma – frequentemente (e certamente), prova a suonare come Kevin Costner, sul serio, nella speranza di essere percepito come duro, virile e (credo ) inequivocabilmente dritto. Il mio padre erudito, che era anche relativamente di genere conforme e etero, non era apparentemente un modello abbastanza buono di mascolinità per lui nella città rurale in cui siamo cresciuti. Mio fratello passò dall'uso di Costner-ismo all'emulazione dei nostri riparatori locali di frigoriferi, che parlarono con un machismo esagerato, fumettistico. E anche adesso, da adulto, sento delle tracce di questo nella voce di mio fratello ogni volta che sente il bisogno di comandare una qualche forma di autorità.

Il che ci porta al punto che la nostra paura di suonare ciò che chiamiamo "gay" o "effeminato" non riguarda solo l'espressione di genere, ma più significativamente le nostre idee culturali sulla debolezza e il potere. Tanto meglio cerchiamo di comprenderlo quanto più possiamo liberarci – vocalmente, emotivamente, mentalmente e creativamente – e maggiori sono le opportunità che possiamo avere tutti di sviluppare la versatilità con le nostre voci, senza le inibizioni legate alla paura o all'odio.

In Do I Sound Gay? Thorpe illustra questa miope tendenza a rendere il potere sinonimo di "mascolinità" / debolezza sinonimo di "femminilità", filmando le sessioni che ha con gli speaker di Hollywood. Gli allenatori, che hanno entrambi un curriculum di successo nell'aiutare gli attori a suonare come "protagonisti", non sembrano di per sé omofobici. I loro consigli sono meno sul genere e su come le persone possono creare suoni nei loro corpi che connotano l'autorità, sia che siano donne, uomini o trans, etero o gay. Guardare queste scene mi ricordava la scuola di recitazione quando il nostro insegnante di recitazione, Brian McEleney, spiegava alle attrici nella stanza quanto fosse sconsigliabile che alcune delle esibizioni mozzafiato di Marilyn Monroe fossero per le donne. Brian li incoraggerebbe a ottenere abbastanza supporto per il respiro da comandare l'autorità di Helen Mirren, Meryl Streep, Viola Davis, Glenn Close, Angela Bassett o Cate Blanchett.

Questo è il motivo per cui tutti siamo in grado di trarre vantaggio dall'impennata di ruoli complessi per le donne leader che stiamo vedendo sullo schermo. Ho cercato per anni questa cosa come un modo per combattere il fenomeno di Do not Act, Do not Tell , così come l'odio alla base di tutto ciò che è femminile. Avendo donne, così come uomini, nei ruoli principali che mostrano sfaccettature di potere, debolezza, tenacia e vulnerabilità, possiamo comprendere la condizione umana al di là del maschile o femminile, maschile o femminile, gay o etero. Siamo in grado di entrare in empatia con più persone e scoprire maggiori possibilità in noi stessi, compresa la capacità di essere duri, di essere al comando o di essere vulnerabili o bisognosi, a seconda delle circostanze.

Quindi, suono "gay?" David Thorpe suona "gay?" Nah. Dire così è essere omofobico, effemobico e misogino, che tu lo comprenda o no. David Thorpe e io sembriamo effeminati? Sicuro. A volte. A volte anche tu. Sono sicuro che puoi sembrare un sacco di cose quando metti in discussione te stesso, liberandoti da te stesso, da paure, odi e inibizioni incontrollate.

Copyright Mark O'Connell, LCSW-R

O'Connell, M. (2012). Non agire, non dire: Discriminazione basata sulla non conformità di genere nell'industria dello spettacolo e nell'ambientazione clinica. Journal of Gay & Lesbian Mental Health 16: 241-255.

Solutions Collecting From Web of "My Gay Voice and Yours"