Musings About Police Violence

Stavo per scrivere di qualcos'altro oggi (il risultato di una meta-analisi secondo cui i segnali artificiali di sorveglianza non sembrano aumentare sensibilmente la generosità, gli effetti non riescono a replicare in modo affidabile), ma ho deciso di passare ad argomenti più attuali: la polizia violenza. Il mio obiettivo oggi non è quello di fornire risposte a questo dibattito pubblico in corso – certamente non ne so abbastanza sull'argomento per considerarmi un esperto – ma piuttosto di cercare di aggiungere un po 'di chiarezza a certe caratteristiche delle discussioni che circondano la questione, e si spera che aiuti le persone a pensarci in modi in qualche modo insoliti. Se ti aspetti che io prenda una posizione specifica sul problema, sii quello che è d'accordo o in disaccordo con il tuo, ti deluderò. Solo questo può turbare alcune persone che prendono qualcosa di diverso da un accordo definito come un segno di aggressione nei loro confronti, ma non c'è molto da fare al riguardo. Detto questo, la discussione sulla violenza della polizia è di per sé ampia e complessa, la cui portata supera di gran lunga i limiti di lunghezza dei miei post usuali. Di conseguenza, volevo limitare le mie riflessioni sull'argomento a due domini principali: domande importanti che valevano la pena di rispondere e affrontare il problema del perché molte persone trovino l'hashtag "Black Lives Matter" inutilmente divisivo.

Flickr/Justin
Che sono sicuro riceverà una risposta calda e misurata
Fonte: Flickr / Justin

Innanzitutto, passiamo alla questione delle domande importanti. Una delle domande che non ho mai visto esplicitamente sollevate nel contesto di queste discussioni – per non parlare della risposta – è la seguente: quante persone dovremmo aspettarci di essere uccise dalla polizia ogni volta ? C'è una risposta istintiva che molti avrebbero senza dubbio a questa domanda: zero. Sicuramente qualcuno viene ucciso è una tragedia che dovremmo cercare di evitare in ogni momento, indipendentemente dalla situazione; nella migliore delle ipotesi, si tratta di uno stato deplorevole che a volte si verifica perché l'alternativa è peggiore. Mentre zero potrebbe essere il risultato ideale del mondo, questa domanda è chiedere di più sul mondo in cui ci troviamo ora. Anche se non ti piace particolarmente l'aspettativa che la polizia possa uccidere le persone di tanto in tanto, dobbiamo avere qualche aspettativa di quanto spesso accadrà mettere la violenza nel contesto. Queste uccisioni, ovviamente, comprendono una varietà di scenari: ci sono quelli in cui la polizia giustamente uccide qualcuno (di solito in difesa di se stessi o di altri), quei casi in cui la polizia uccide per errore qualcuno (di solito quando si verifica un errore di giudizio riguardo al bisogno di difesa, come quando qualcuno ha una pistola giocattolo), e quei casi in cui la polizia uccide maliziosamente qualcuno (l'omicidio è aggressivo, piuttosto che difensivo, in natura).

Come possiamo andare a generare queste aspettative? Un metodo popolare sembra essere il confronto tra sparatorie della polizia a livello nazionale. Il quadro che risulta da tali analisi sembra suggerire che la polizia statunitense spari le persone molto più frequentemente rispetto alla polizia di altri paesi moderni. Ad esempio, The Guardian sostiene che la polizia canadese uccide e uccide circa 25 persone all'anno, rispetto a circa 1.000 di tali sparatorie negli Stati Uniti nel 2015. Supponendo che quei numeri siano corretti, una volta che correggiamo le dimensioni della popolazione (gli Stati Uniti sono circa dieci) tempi più popolati del Canada), possiamo vedere che la polizia americana spara e uccide circa quattro volte più persone. Questo sicuramente sembra molto, probabilmente perché è molto. Vogliamo fare più che notare che c'è una differenza, tuttavia; vogliamo vedere se questa differenza viola le nostre aspettative e, per farlo, dobbiamo essere chiari sul perché le nostre aspettative sono state generate. Se, ad esempio, la polizia negli Stati Uniti si trova ad affrontare situazioni minacciose più spesso della polizia canadese, questa è un'informazione rilevante.

Per iniziare a impegnarci con questa idea, potremmo considerare quanti poliziotti muoiono ogni anno nella linea del dovere, anche a livello transnazionale. In Canada, il numero per il 2015 sembra essere tre; aggiustando di nuovo le dimensioni della popolazione, genereremmo un'aspettativa di 30 decessi degli ufficiali di polizia statunitensi se tutti gli altri fossero uguali. Tutto il resto apparentemente non è uguale, tuttavia, poiché il numero effettivo per il 2015 negli Stati Uniti è di circa 130. Non solo la polizia statunitense uccide quattro volte più spesso delle loro controparti canadesi, quindi, ma sta anche morendo a circa il stesso tasso pure. Detto questo, questi numeri includono fattori diversi dagli omicidi, e quindi anche questo dovrebbe essere preso in considerazione quando si generano le nostre aspettative (in Canada, il numero di colpi di polizia era 2 nel 2015, rispetto ai 40 negli Stati Uniti, che è ancora il doppio alto come ci si aspetterebbe dalle dimensioni della popolazione Ci sono anche altri metodi per uccidere la polizia, come la polizia degli Stati Uniti uccisa da bombe o automobili, 0 per il Canada). Data la prevalenza della proprietà delle armi negli Stati Uniti, potrebbe non essere troppo sorprendente che i tassi di violenza tra polizia e cittadini – così come tra cittadini e altri cittadini – appaiano sostanzialmente diversi rispetto ad altri paesi.

Ci sono altri fatti che potrebbero modificare le nostre aspettative su o giù. Ad esempio, mentre gli Stati Uniti hanno 10 volte la popolazione del Canada, il numero di poliziotti per 100.000 persone (376) è diverso da quello del Canada (202). In che modo dovremmo aggiustare i numeri per fare un confronto basato sulle differenze di popolazione, quindi, è una questione su cui riflettere (dovremmo aspettarci che il rapporto tra agenti di polizia e cittadini aumenti il ​​numero di poliziotti sparati, o sia la popolazione, meglio è metrica?). Vale anche la pena ricordare che il tasso di omicidio generale per 100.000 persone è un po 'più alto negli Stati Uniti (3.9) rispetto al Canada (1.4). Mentre questa lista di considerazioni è molto chiaramente non esaustiva, spero che generi alcune considerazioni sull'importanza di capire quali sono le nostre aspettative e perché. Solo i numeri delle sparatorie saranno inutili senza un buon contesto.

Flickr/Chris JL
Fattore 10: sciocchezza percepita delle uniformi
Fonte: Flickr / Chris JL

La seconda domanda riguarda il pregiudizio all'interno di queste sparatorie negli Stati Uniti. Oltre alle nostre aspettative per il numero di persone uccise ogni anno dalla polizia, vogliamo anche generare delle aspettative per i dati demografici di coloro che sono stati colpiti: cosa dovremmo aspettarci dai dati demografici di coloro che vengono uccisi dalla polizia ? Prima di poter affermare che c'è un pregiudizio nei dati di scatto, è necessario che entrambi abbiano un senso per quali sono le nostre aspettative in merito, perché sono tali e solo allora possiamo vedere come tali aspettative vengono violate. L'ovvio punto di riferimento che molte persone avrebbero iniziato sarebbe la demografia degli Stati Uniti nel loro complesso. Potremmo aspettarci, per esempio, che le vittime della violenza della polizia negli Stati Uniti siano il 63% bianche, il 12% nere, il 50% circa di maschi e così via, rispecchiando la popolazione del paese. Alcuni dati che ho riscontrato suggeriscono che questo non è il caso, tuttavia, circa il 50% delle vittime è bianco e il 26% è nero.

Ora che sappiamo che i dati demografici non coincidono, come ci aspetteremmo dalla sola popolazione, vogliamo sapere perché. Una risposta allettante a cui molte persone ricorrono è che la polizia è motivata da motivi razziali: dopo tutto, se i neri costituiscono il 12% della popolazione, ma rappresentano il 26% degli omicidi della polizia, questo potrebbe significare che la polizia bersaglia specificamente i sospetti neri. Inoltre, i maschi rappresentano circa il 50% della popolazione, ma rappresentano circa il 96% delle uccisioni di polizia. Mentre si potrebbe ipotizzare che la polizia abbia un odio diffuso tra gli uomini e cerchi di danneggiarli, ciò sembra improbabile. Una spiegazione migliore per una maggiore variazione è che gli uomini si comportano in modo diverso rispetto alle donne: meno conformi, più aggressivi o qualcosa del genere. Dopotutto, l'unica ragione per cui ci si aspetta che le sparatorie della polizia corrispondano perfettamente ai dati demografici della popolazione sarebbe se la polizia uccidesse le persone a caso (non lo facessero) o la polizia sparasse alle persone in base a fattori non casuali che non differivano tra gruppi di persone ( che sembra anche improbabile).

Uno di questi fattori che potremmo utilizzare per adeguare le nostre aspettative sarebbero i tassi di criminalità in generale; in particolare il crimine violento, poiché tale classe probabilmente genera una maggiore necessità per gli ufficiali di difendersi. A tale riguardo, gli uomini tendono a commettere reati molto più pesanti delle donne, il che probabilmente inizia a spiegare perché gli uomini vengono anche sparati dalla polizia più spesso. Seguendo queste linee, ci sono anche differenze piuttosto nette tra i gruppi razziali quando si tratta di coinvolgimento in attività criminali: mentre il 12% della popolazione statunitense è nera, circa il 40% della popolazione carceraria è, suggerendo differenze nei modelli di reato. Mentre alcuni potrebbero sostenere che anche la percentuale del carcere è dovuta alla discriminazione razziale contro i neri, i registri degli arresti tendono a concordare con le segnalazioni delle vittime, suggerendo un reale coinvolgimento differenziale nell'attività criminale.

Ciò detto, l'attività criminale di per sé non dovrebbe essere risolta dalla polizia. Quando generiamo le nostre aspettative, potremmo anche prendere in considerazione fattori come la possibilità che le persone resistano all'arresto o che in qualche modo minaccino gli ufficiali. Nel testare le teorie sui pregiudizi razziali, vorremmo considerare se gli ufficiali di diverse razze hanno più o meno probabilità di sparare ai cittadini di vari dati demografici (cioè chiedere se, per esempio, gli ufficiali neri hanno più o meno probabilità di sparare ai civili neri che gli ufficiali bianchi sono.Potrei giurare di aver visto dati su questo prima, ma non riesco a trovarlo in questo momento. Ciò che ho trovato, tuttavia, era uno studio caso-abbinato degli ufficiali della polizia di New York, che riportava che gli ufficiali neri erano circa tre È probabile che i tempi di scaricare le loro armi come ufficiali bianchi sulla scena, che coprono 106 riprese e circa 300 ufficiali, Ridgeway, 2016). Di nuovo, anche se questo non è un elenco completo di cose a cui pensare, fattori come questi dovrebbero aiutarci a generare le nostre aspettative su come dovrebbero apparire i dati demografici delle vittime delle sparatorie della polizia, ed è solo da lì che possiamo iniziare a fare affermazioni su pregiudizi razziali nei dati.

It's hard to be surprised at the outcomes sometimes
A volte è difficile essere sorpresi dei risultati
Fonte: a volte è difficile essere sorpresi dai risultati

Indipendentemente da dove hai deciso la tua risposta alle aspettative di cui sopra, ho il sospetto che molte persone vorrebbero comunque ridurre tali numeri, se possibile. Meno persone vengono uccise dalla polizia è una buona cosa per la maggior parte del tempo. Quindi, come vogliamo andare a vedere che risultato raggiunto? Alcuni hanno imbrigliato l'hashtag "Black Lives Matter" (BLM) e suggeriscono che la violenza della polizia (e di altri) dovrebbe essere affrontata concentrandosi su, e riduzioni, sul razzismo esplicito e presumibilmente implicito (credo, trovando una traccia del gli obiettivi del movimento si rivelano un po 'difficili). Una risposta comune a questo hashtag è stata la nozione che BLM sia inutilmente divisiva, suggerendo invece che "All Lives Matter" (ALM) sia usato come descrizione più appropriata. A sua volta, la risposta ad ALM di BLM è che la mancanza di concentrazione sulle persone di colore è un tentativo di chiudere un occhio ai problemi visti in modo sproporzionato sulle popolazioni nere.

L'idea di ALM è stata recentemente criticata dallo scrittore Maddox, che ha paragonato l'espressione di ALM a una persona che, affrontata con l'idea di "sostenere le truppe", suggerisce che dovremmo sostenere tutte le persone (quest'ultima è una nozione che riceve abbastanza un po 'di supporto, infatti). Questa argomentazione non è esclusiva di Maddox, ovviamente, e volevo soffermarmi brevemente su questo pensiero per mostrare perché non penso che funzioni particolarmente bene qui. Innanzitutto, sono d'accordo sul fatto che lo slogan "sostenere le truppe" è incontrato con un grado di resistenza molto più basso di quello che "le vite dei neri contano", almeno per quanto ho visto. Allora perché questa risposta differenziale? Per come la vedo io, la ragione per cui questo paragone si interrompe implica la natura a somma zero di ogni problema: se spendi $ 5 per comprare un magnete a nastro di "supporto per le truppe" da attaccare alla tua auto, quel denaro di solito è destinato a essere designato verso cause militari. Ora, soprattutto, il denaro speso per alleviare i problemi nel dominio militare non può essere speso altrove . Quel $ 5 non può essere dato a entrambe le cause militari e anche dato alla ricerca sul cancro e dato anche agli insegnanti e anche usato per ripavimentare strade, e così via. In questo caso devono esserci dei trade-off in cui supportate.

Tuttavia, se si vuole affrontare il problema della violenza della polizia contro i civili, sembra che le tattiche che riducono efficacemente la violenza contro le popolazioni nere dovrebbero anche essere in grado di ridurre la violenza contro le popolazioni non nere, come l'addestramento all'uso della forza o le telecamere del corpo . I problemi, in sostanza, hanno un altissimo grado di sovrapposizione e, in termini di numeri grezzi, molte più persone non-nere vengono uccise dalla polizia rispetto a quelle nere. Se possiamo alleviare entrambi allo stesso tempo con gli stessi metodi, concentrarci su un gruppo sembra inutile. Sono solo le uccisioni di civili che colpiscono le popolazioni nere (il 24% delle sparatorie) e sono anche guidate prevalentemente o interamente dal razzismo (una percentuale sconosciuta di quel 24%) che potrebbe essere affrontata efficacemente da un focus miope sulla razza del persona che viene uccisa di per sé. Ho il sospetto che molte persone lo abbiano capito indipendentemente – consapevolmente o no – e quindi non amano l'attenzione specifica rivolta alla razza. Mentre un focus sulla razza potrebbe essere utile per la segnalazione di virtù, non penso che sarà molto produttivo nel ridurre effettivamente la violenza della polizia.

Flickr/Fabrizio Lonzini
"Guarda quanto è alto il mio cavallo!"
Fonte: Flickr / Fabrizio Lonzini

Per riassumere, per parlare in modo significativo della violenza della polizia, abbiamo bisogno di articolare le nostre aspettative su quanto dovremmo vedere, così come la sua forma. Non ha senso parlare di come la violenza sia parziale nei confronti di un gruppo o di un altro fino a quando questi benchmark non sono stati stabiliti (questa logica si applica a tutte le discussioni sulla distorsione dei dati, indipendentemente dall'argomento). Niente di tutto ciò è inteso a essere io che ti dico quanto o quale tipo di violenza aspettarti; Non sono affatto in possesso delle competenze necessarie. Indipendentemente da ciò, se si vuole ridurre la violenza della polizia, le soluzioni inclusive saranno probabilmente superiori a quelle esclusive, poiché esiste un ampio grado di sovrapposizione delle cause tra i casi e risolvere i problemi di un gruppo aiuterà a risolvere i problemi di un altro. C'è il merito di affrontare anche problemi specifici – poiché la sovrapposizione è certamente inferiore al 100% – ma così facendo è importante non perdere di vista i punti in comune e allontanare coloro che potrebbero altrimenti essere i vostri alleati.

Riferimenti: Ridgeway, G. (2016). Fattori di rischio dell'ufficiale associati alle sparatorie della polizia: uno studio caso-controllo abbinato. Statistiche e politica pubblica, 3, 1-6.

Solutions Collecting From Web of "Musings About Police Violence"