Musica e Brain's Reward and Bonding Systems

Northfoto / Shutterstock.com
Fonte: Northfoto / Shutterstock.com

Il 21 aprile, abbiamo perso un genio musicale e lo shock della sua morte ha risuonato in tutto il mondo. All'improvviso, Prince se n'era andato. Per molti fan, l'impatto è stato simile alla perdita di un membro della famiglia. Attraverso la sua musica sono stati in grado di sentire che li ha ottenuti , anche se non si erano mai incontrati.

Perché i fan del principe sentivano una connessione così forte con lui? Perché si sentiva come una famiglia? È probabilmente un riflesso di tre fattori: la sua musica, la sua personalità e il nostro cervello.

Molti fan del Prince affermeranno che non si può separare l'uomo dalla musica. Ascoltare le sue disposizioni era sviluppare una relazione con The Artist . Entrambi erano profondamente intrecciati. I testi, gli strumenti, la voce, la danza e la difesa di ciò in cui credeva, tutti ci hanno collegato a lui. Dato che Prince era onesto e crudo nella sua musica, i suoi fan sentivano di avere l'opportunità di conoscerlo e sentirlo . Abbiamo rispettato le lunghezze che ha fatto per proteggere il suo lavoro dalla violazione del copyright e per acquisire la proprietà del suo catalogo. Eravamo intimoriti dalla sua mancanza di accomodazione rispetto a uno standard diverso dal suo. Le sue creazioni erano allo stesso tempo giocose, uniche, stimolanti, cattive e profonde.

Il cervello

Noi siamo il nostro cervello, è responsabile di ogni emozione, sentimento e pensiero che abbiamo. È il nostro talento, la nostra personalità, è ciò che siamo. Oltre alle sue basi genetiche, il cervello è ulteriormente modellato dalle nostre esperienze di vita. Per tutto quello che facciamo e sentiamo che ci sono meccanismi neurologici che creano quelle risposte. Anche se sembra che il principe abbia toccato i nostri cuori , in realtà ha toccato il nostro cervello .

Se guardiamo alla neurobiologia dietro la nostra risposta a Prince, alla sua musica e alla sua morte, sembra che ci siano due sistemi cerebrali primari responsabili: il sistema di ricompensa (che comprende sia il piacere che il dolore) e il sistema di legame , che usa molti dei le stesse neuropatie).

1. Il sistema di ricompensa

Ascoltare la musica può avere un impatto immediato e profondo sulle nostre emozioni. La musica ha il potere di creare un'esperienza di piacere attivando le regioni del cervello associate alla neurochimica dei nostri circuiti di ricompensa. Secondo Daniel Levitin, autore di This is Your Brain on Music , questi includono la dopamina, così come la serotonina, "e gli oppioidi endogeni del cervello" (Levitin, 2013, 19).

Questo processo inizia nell'area tegmentale ventrale e nel nucleo accumbens-regioni del cervello associate al neurotrasmettitore dopamina . I recettori della dopamina nell'area del nucleo accumbens fanno parte del sistema di ricompensa del cervello. La dopamina ci motiva verso il piacere. È associato all'anticipazione di qualcosa che il cervello ha identificato come prezioso, gratificante e speciale per noi. Quel qualcosa può essere qualsiasi cosa, inclusa una persona o una droga.

Ma la dopamina non agisce da sola. Funziona in combinazione con gli oppioidi endogeni , che il nostro cervello genera, che ci dà la sensazione di "gradire" qualcosa (Lekness and Tracey, 2008). Gli oppioidi endogeni sono la fonte di quella sensazione di benessere che proviamo in risposta a qualcosa di cui godiamo. Il cervello rilascia oppioidi endogeni in condizioni di piacere e dolore.

Non si può avere una discussione sulla nostra risposta neurobiologica a Prince e non menzionare il suo fascino visivo. Uno studio di Cloutier, Heatherton, Whalen e Kelley (2008) ha rilevato che il cervello percepisce le persone attraenti come gratificanti . Vedere una bella persona stimola il rilascio di neurochimica associata al sistema di ricompensa. È un piacere visivo per il cervello. La maggior parte dei fan di Prince sarebbe d'accordo sul fatto che fosse visivamente attraente.

Ma non finisce con la musica e l'aspetto della stella che accendono il nostro centro di piacere e dolore. Per i fan, era più profondo di così. Molti sentivano un legame con lui e la sua morte creava un senso di perdita e dolore. La musica ha un impatto su molte strutture all'interno del cervello oltre il sistema di ricompensa. C'è anche una risposta in aree come l'amigdala, l'ippocampo, l'insula e l'ipotalamo (Levitin, 2013). Queste regioni sono vitali per la risposta emotiva e la memoria.

Quando i fan sentivano che il principe li toccava profondamente, era perché, neurobiologicamente, lo faceva. Nel profondo del nostro cervello c'è un'area chiamata amigdala . Questa regione è associata all'elaborazione di informazioni emotive. La musica può avere un enorme impatto sull'amigdala. L'area ha interconnessioni con molte parti del cervello, in particolare quelle associate alla memoria.

Il nostro amigdala "ricorda" esperienze piacevoli (così come tristi, stressanti o negative) e collega l'emozione con un evento o stimolo per sempre. Di conseguenza, intraprendiamo immediatamente un viaggio emozionale della nostra storia quando suona una canzone preferita. Non sarebbe inusuale sentire la chitarra di apertura di "Purple Rain" e per farlo improvvisamente trasportarci indietro alla scuola media.

2. Il sistema di legame

Il neurochimico primario che pensiamo riguardo al legame e all'appartenenza sociale è l' ossitocina . Il sistema di legame riflette la neurochimica che segue vari percorsi, condividendo alcune delle stesse aree cerebrali e circuiti come il sistema di ricompensa.

L'ossitocina è un neuropeptide (quando è all'interno del cervello) e un ormone (in altre aree). È associato all'appartenenza sociale e al legame con altre persone o cose. In parole povere, l'ossitocina contribuisce alla sensazione quando diciamo di "vibrare" con qualcuno; ci godiamo la loro energia o abbiamo una connessione. L'ossitocina aumenta i sentimenti di affiliazione sociale e fiducia in un individuo particolare, a seconda del contesto sociale. Oltre a collegarsi a un performer attraverso la loro persona, semplicemente ascoltare la musica ha il potere di aumentare i livelli di ossitocina (Chanda e Levitin, 2013).

È anche attraverso l'ossitocina che ci si abitua o si dipende da certi stimoli presenti attraverso l'esposizione ripetuta. La combinazione del rilascio di ossitocina e dopamina è ciò che sta alla base di un legame sociale (Earp, Wudarczyk, Sandberg e Savulescu, 2013).

Questa combinazione di neurochimica collegava molti a Prince. C'era un vero legame. A causa del neuroadattamento, le persone che hanno un significato nelle nostre vite diventano parte di noi (o del nostro cervello). Lo sperimentiamo come la perdita di una parte di noi stessi quando se ne sono andati, ehm a causa della morte o della rottura. La rottura di un legame sociale, indipendentemente da come, è responsabile della sensazione che un pezzo di noi manchi quando perdiamo qualcuno. Anche se non abbiamo visto o sentito la persona da anni, quando veniamo a conoscenza della loro morte, nella nostra reazione di solito ci sarà ancora dolore o disagio.

Prince non era in prima linea nei pensieri di molti fan prima della sua morte. Tuttavia, il legame con lui era ancora lì, neurobiologicamente, era ancora parte di noi. Questo non è rotto semplicemente perché non ha nessun hit Top 40 attuale. Un legame profondo è per definizione non superficiale; non si basa su "Che cosa hai fatto per me ultimamente?" Apprezziamo ciò che è già stato fatto.

Di conseguenza, dopo aver sentito della morte di Prince, ci siamo sentiti feriti e abbiamo reagito mancandolo e volendo sentire di nuovo la sua musica, per sentirlo di nuovo. Perché dal punto di vista del nostro cervello, è sempre stato attraverso le emozioni che ha generato anni fa. E quando quel legame è veramente spezzato – come attraverso la morte – possiamo sentirlo nel nostro nucleo. Naturalmente, ci sarà dolore per coloro che hanno stabilito questo tipo di collegamento con Prince.

Quello che segue è un video della CNN dell'intervista di Larry King con Prince.

La mia memoria preferita: nel 2007, Prince ha suonato al Super Bowl, l'anno in cui ero una cheerleader per i Miami Dolphins. È stata un'esperienza incredibile averlo qui a casa nostra . C'era un acquazzone come solo Miami può dare. E il principe è salito su quel palco, con i capelli sciolti, e ha dato una PERFORMANCE che ha spazzato via tutti! La sua musica mi toccherà per sempre, specialmente canzoni come "Adore", "I would Die 4 You" e "Purple Rain". Non lo dimenticherò mai e prenderò una pagina dal suo libro e sarò coraggiosa e mai muta o mi sacrificherò accogliere gli altri.

I fan del principe non hanno avuto la possibilità di innamorarsi di lui. Per coloro che lo hanno conosciuto e hanno avuto un posto speciale nella sua vita, come la sua famiglia e i suoi amici, il mio cuore si rivolge a loro per la loro perdita.

(Grazie Dr. Daniel Levitin per il permesso di citazione.)

Rhonda Freeman, PhD | Neuropsicologo clinico

Seguimi su: Linkedin, Facebook e Twitter

Riferimenti

  • Chanda ML e Levitin DJ. (2013). La neurochimica della musica. Tendenze nella scienza cognitiva. Aprile; 17 (4): 179-93.
  • Cloutier J, Heatherton TF, Whalen PJ e Kelley WM. (2008). Le persone attraenti sono gratificanti? Differenze sessuali nei substrati neurali dell'attrattiva facciale. Journal of Cognitive Neuroscience. Giugno; 20 (6): 941-51.
  • Earp BD, Wudarczyk OA, Sandberg A, e Savulescu J. (2013). Se solo potessi smettere di amarti: la biotecnologia anti-amore e l'etica di una rottura chimica. American Journal of Bioethics. V 13 (11): 3-17.
  • Leknes S & Tracey I. (2008). Una neurobiologia comune per il dolore e il piacere. Rassegna nazionale delle neuroscienze. Aprile; 9 (4): 314-20.
  • Levitin, D. (2013). Correlazioni neurali dei comportamenti musicali: una breve panoramica. Music Therapy Perspectives 31 (1): 15-24.

Solutions Collecting From Web of "Musica e Brain's Reward and Bonding Systems"