Motti che vivo di

Paul Ekman Group
Fonte: Paul Ekman Group

Senza un genitore che guidi il mio passaggio attraverso i dossi incontrati dall'adolescenza all'età adulta (mia madre è morta quando avevo 14 anni e non ho parlato con mio padre per un decennio dopo), ho cercato deliberatamente dei motti che potrei usare per aiutarmi a navigare. Tre hanno svolto un ruolo importante:

Mai prendere no per una risposta

Più del novanta per cento degli articoli che ho inviato alle riviste scientifiche sono stati inizialmente respinti, ma seguendo questo motto ho sempre combattuto. Ho chiesto una riesame, ho fatto appello al consiglio di amministrazione della rivista e così via. E con una sola eccezione in più di cento casi, alla fine ho vinto. Sono giunto a considerare il rifiuto iniziale come prova del mio approccio non ortodosso e creativo.

Non lasciare nulla di intentato

Un buon esempio di questo è stata la mia decisione di rispondere a coloro che hanno criticato le mie prove per l'universalità delle espressioni facciali di emozione andando nelle Highlands della Papua Nuova Guinea per studiare persone che non avevano avuto precedenti contatti con il mondo esterno o con i media. E 'stato un vero scherzo, ha preso più di un anno, ma ho avuto la prova che coloro che hanno discusso contro di me non potevano facilmente licenziare.

Mira più in alto di quanto tu possa vedere

Ho sempre cercato il paradiso, cercando di mirare al di là di ciò che potevo facilmente vedere, così avrei qualche possibilità di seguire il mio eroe infantile Magellano. Una volta mia sorella mi ha chiesto cosa mi ha fatto pensare che avrei potuto mirare così in alto, a cui ho risposto che non c'era altra scelta; era quello che dovevo fare. Era perché avevo un padre che mi ha disprezzato? (Ha scritto il governo per protestare contro lo spreco dei soldi dei contribuenti quando ha saputo di aver ricevuto la mia prima borsa di ricerca federale). Ammetto che mi è piaciuto sapere quanto fosse invidioso per i miei risultati. Non era un genitore ma un concorrente, che ho battuto ancora e ancora, godendomi le mie vittorie!

Questi motti erano come dei mantra, in quanto li ripetevo spesso a me stesso. Quando ho raggiunto un punto di decisione, un bivio, li ho consultati per chiedere aiuto su come fare le mie scelte. Ho accreditato questi motti per il mio successo nella vita, anche se ora vedo che era il mio uso di quelli che contava. Ma non è così che ho pensato a loro allora. Ho sempre pensato che questi motti indicassero la strada, risolvendo le scelte su quale direzione prendere. Le mie scelte sono state premiate; Ho avuto successo in qualunque cosa abbia preso. Non mi sono mai chiesto dove ho trovato questi motti; Ancora non lo so.

Non ho riconosciuto il ruolo della fortuna, anche se ora riesco a vedere il ruolo importante che ha svolto. Dovevo credere che fosse nelle mie mani prendere la decisione giusta o sbagliata. Il mio poema preferito, che ripetevo spesso a me stesso, proveniva dall'invito di Henley: "Non importa quanto sia dritta la porta, quanto carico di punizione il rotolo, io sono padrone del mio destino, sono il capitano della mia anima". E, per in larga misura ero.

Sono stato fortunato che ci sono state opportunità, fortunate di avere le capacità e la spinta per avere successo. Ma anche se non potevo riconoscerlo, perché farlo avrebbe reso il mondo ancora più pericoloso di quanto pensassi, ora vedo l'importanza della fortuna. Anche se continuo a credere che non sia solo la fortuna, ma il fatto che io abbia afferrato il destino intorno alla gola, scuotendoli e torcendoli per ottenere ciò che volevo dalla vita.

Solutions Collecting From Web of "Motti che vivo di"