Motivare qualcuno a fermare l'abuso di sostanze

Da maggio è il mese della salute mentale, ho pensato di utilizzare Sigmund Freud per discutere di abuso di sostanze. Freud è certamente un nome che incombe nei campi della psicologia e della psichiatria. Il suo modello strutturale che definisce la propria psiche è costituito da tre distinti costrutti ipotizzati – vale a dire, l'id (con cui siamo nati e può essere pensato come quella parte della nostra personalità che grida "Voglio quello che voglio quando lo voglio" o gratificazione immediata); l'ego (il "dirigente" della nostra personalità, che si sviluppa e ci aiuta a vedere le cose da una prospettiva realistica); e il Super-io (che si sviluppa pure e può essere scisso nell'ideale dell'Io e nella coscienza – pensa a queste parti della nostra personalità come ad aiutarci a distinguere il bene dallo sbagliato).

Questo paradigma della personalità, se volete, trova l'ego in bilico tra il nostro bisogno di gratificazione immediata, e allo stesso tempo non "offendendo il nostro Super-io" in modo tale da rimanere svegli di notte tormentati dalla colpa. Mentre ho parlato di queste complesse strutture in termini piuttosto elementari, la descrizione servirà al mio scopo nel fare un punto importante.

Gli individui con problemi di dipendenza sono costantemente alle prese con il loro bisogno di gratificazione immediata. Se a loro non piace il modo in cui si sentono, prendono un drink o una droga che sembra apportare un cambiamento di umore – il problema è che quando andiamo oltre il loro id e entriamo nel regno del loro Super-io, ci sono delle conseguenze. Mentre il loro ego tenta di controbilanciare tra l'id e il Super-io, utilizza tre meccanismi di difesa primari: negazione (non ho alcun problema con alcol o droghe); proiezione (non sono il problema che tu sei quello con il problema); e razionalizzazione (la ragione per cui ho un problema è A, B e C – quindi non ho alcuna responsabilità).

Questi meccanismi di difesa che sono utilizzati al servizio dell'ego per preservare la propria autostima, spesso servono da blocco per aiutare l'individuo dipendente a vedere la realtà. Alcuni clinici cercano di affrontare con forza queste difese – ma questo spesso porta la persona a diventare ancora più difensiva – che ironia! Invece, questo autore sostiene un approccio "attento alla cura" – uno che tratta l'individuo con rispetto e dignità – mai sdrammatizzare o incolpare, ma in effetti li ritiene responsabili del loro recupero personale.

Naturalmente, ci sono molti professionisti esperti che sono più che disposti ad aiutare le persone con la loro lotta per sviluppare un migliore senso di autostima e non devono ricorrere a cambiare il modo in cui si sentono nell'immediatezza del momento – un momento temporaneo ea volte soluzione mortale.

Infine, per quelli di voi che stanno germogliando neuropsicologi e psichiatri, si prega di notare che la ricerca ha iniziato a fare grandi progressi nel correlare le strutture cerebrali con i costrutti teorici di Freud. Questo clinico crede che quando abbracciamo la "totalità scientifica" alla ricerca di evidenze empiriche, faremo sicuramente delle pratiche basate sull'evidenza che portano a un trattamento di prim'ordine per la malattia della dipendenza – anzi, abbiamo già fatto passi da gigante!

Solutions Collecting From Web of "Motivare qualcuno a fermare l'abuso di sostanze"