Mosse vincenti in "Alla ricerca di Bobby Fischer"

Fonte: Google Immagini

La capacità dei film di essere utilizzati come strumenti didattici è stata recentemente catturata nella pubblicazione di Teaching, Learning and Schooling in Film: Reel Education , a cura di Daniel P. Liston e Ian Parker Renga. Questo libro presenta capitoli su film particolari come Whale Rider e Waiting for Superman , oltre a commenti sulla tradizione cinematografica dell'eroico insegnante in film come Blackboard Jungle , Dangerous Minds e Freedom Writers .

Io, insieme ai miei colleghi Kevin O'Connor, Lisa Comparini e Anne-Ruth Allen, ho contribuito a un capitolo intitolato "Dilemmi di diventare alla ricerca di Bobby Fischer ". La nostra voce esplora il film del 1993 basato sulla vita reale storia del prodigio degli scacchi, Josh Waitzkin. I film descrivono i problemi vissuti dal giovane Josh mentre si innamora degli scacchi e viene catturato dalle forze spesso contraddittorie esercitate su di lui dalla sua scuola, dai suoi genitori e dai suoi mentori di scacchi.

Abbiamo trovato il film estremamente ricco di potenzialità come "equipaggiamento per vivere" – l'idea prima avanzata dal critico retorico Kenneth Burke che la letteratura e altri tipi di storie hanno la capacità non solo di commentare la vita ma di contribuire effettivamente a vita. Ci sono molte lezioni da imparare come Josh combatte una visione ristretta degli scacchi come semplicemente "battere il tuo avversario" per vedere gli scacchi come una forma di attività umana che riguarda lo sviluppo e il mantenimento delle relazioni. Il film presenta molte minacce alla natura gentile di Josh come il suo mentore di scacchi, un amaro ex-prodigio, cerca di far diventare Josh una sorta di macchina vincente. Josh attraversa periodi di depressione e ritiro dagli scacchi, solo per riaffermare la sua passione per gli scacchi e la sua compassione per i suoi avversari alla fine.

L'elemento più interessante per me personalmente è stato il ritratto del padre di Josh, Fred, interpretato da Joe Mantegna. L'importanza di questo personaggio non è sorprendente dato che il film è basato su un libro scritto dalla vita reale Fred Waitzkin. Parallelamente al viaggio di Josh, assistiamo a Fred attraverso diverse fasi: dal giocatore di scacchi scioccato, casuale (quando il figlio pre-adolescente lo picchia facilmente) al facilitatore riluttante (mentre cerca un insegnante di scacchi adatto) al fervente genitore di scacchi che applaude il suo figlio alla vittoria.

L'importanza che Fred attribuisce al successo di suo figlio è rivelata nella sua risposta all'insegnante di suo figlio dopo aver commentato su come l'equilibrio è importante nella vita di un bambino. È offeso per l'implicazione, e lui le dice: "Ti dirò quanto è bravo. Lui è più bravo di quanto non sia mai stato in tutta la mia vita. Lui è più bravo di quanto tu possa mai essere in qualsiasi cosa. Mio figlio ha un regalo. Ha un dono e una volta che lo riconosci, allora forse avremo qualcosa di cui parlare. "Chiaramente Fred sta vivendo una grande quantità di soddisfazione vicaria dall'abilità che suo figlio mostra sulla scacchiera.

Almeno da quando Freud, l'importanza dell'identificazione del ragazzo con suo padre è stata ampiamente riconosciuta. La natura robusta di questo fenomeno può essere affermata da chiunque abbia mai visto un ragazzo della scuola elementare vestirsi come suo padre, riprendere gli interessi del padre, adottare la squadra sportiva preferita di suo padre, ecc. In generale, questa mossa è considerata una fase di sviluppo sano in l'identità di un bambino viene data un salto in avanti prendendo a prestito i valori e le credenze dei genitori.

L'identificazione del genitore con il bambino non è così facilmente compresa e probabilmente non è così salutare. Ciò non significa che non sia comune, comunque. Sfortunatamente, l'immagine dei padri che perdono il controllo – diventando isterica, esigente e persino offensiva – durante gli eventi sportivi della loro progenie è fin troppo familiare (lo è ancora di più quando gli eventi occasionalmente diventano virali su Internet). Parte di ciò che sembra succedere qui è che il genitore inizia a convalidarsi nel successo del figlio, forse per compensare sentimenti di fallimento e rimpianti nelle proprie vite. Questo sembra essere parte di ciò che Fred sta tentando semivolutamente di dire all'insegnante di Josh. Non a caso, il punto delle più grandi lotte emotive di Josh corrisponde alla crescente ossessione di Fred nei confronti dei doni di suo figlio.

Non è fino a un confronto con sua moglie, Bonnie, che Fred realizza pienamente ciò che sta facendo. Dà a Fred un ultimatum – finirà il suo matrimonio prima che lei permetta a Josh di perdere la sua "decenza" di base. Questo momento si rivela essere un campanello d'allarme per Fred. Fa un passo indietro e inizia a riconsiderare il benessere generale di Josh. Incoraggia Josh a tornare ad altri piaceri dell'infanzia come il baseball, e sposta i trofei di Josh da un santuario nel soggiorno alla camera da letto di Josh, dove può meglio possedere le sue conquiste personali. L'interesse di Josh per gli scacchi viene successivamente rinvigorito, e prosegue con maggiore successo nel mondo degli scacchi, pur mantenendo la decenza che sua madre amava di lui.

Retrospettivamente, penso di aver interiorizzato questo film come una lezione di genitorialità che si è rivelata importante per me. Mentre l'ho visto per la prima volta anni prima di aver avuto dei figli, è sempre rimasto con me. Quando i primi sentori di genitorialità competitiva hanno cominciato a insinuarsi nella mia esperienza – quanto presto e bene il mio bambino può camminare, parlare, leggere, ecc.? – questo film si è seduto dietro la mia coscienza, mi ha avvisato di arretrare, che i miei figli lo sviluppo riguarda loro, non io. I miei figli sono diventati adolescenti e mi ritrovo a sperare di aver ascoltato le precauzioni di questo saggio film.

Skip Dine Young's Psychology at the Movies è disponibile all'indirizzo http://www.amazon.com/exec/obidos/ISBN=0470971770

Solutions Collecting From Web of "Mosse vincenti in "Alla ricerca di Bobby Fischer""