Mosè e l'uomo d'acciaio

Nelle nostre esperienze quotidiane, siamo stati socializzati per affermare le cose il più accuratamente possibile mentre impariamo a scartare l'intuizione, la fantasia e la fede – nel nostro linguaggio, pensieri e fatti. Perdiamo, quindi, una qualità che è ancora caratteristica di un indomito spirito umano. Andando oltre le complessità della scienza che ha dominato il XIX e il XX secolo, la creazione di prodotti sociali in cui agiamo verso le cose in base al significato che hanno per noi afferma la nostra condizione umana molto più direttamente. Mantenere il nostro mondo esterno sicuro e tollerabile significa rispondere alle nostre tradizioni morali e spirituali.

L'albero genealogico dell'eroismo si estende ai nostri primi antenati, ai nostri racconti greci, ai profeti delle tradizioni giudaico-cristiane, alle fiabe popolari e alla nostra cultura pop. Considerate, per esempio, l'Iliade, l'Odissea, Giasone e gli Argonauti, Noè, Giovanni Battista, Il Lone Ranger o Superman, tutte rappresentazioni simboliche e socio-culturali in tutta la storia umana registrata.

Di particolare importanza sono i paralleli tra Mosè e Superman come "i profeti dell'America". Entrambi hanno promosso ideali americani per secoli. Da Herman Melville a Woodrow Wilson, Roosevelt e Brigham Young, Moses e Superman hanno fornito una narrativa per sfuggire all'oppressione.

Un uso influente di Mosè nella propaganda filoamericana fu attraverso l'eroe dei fumetti Superman. Siegel e Schuster, presentando Action Comics # 1 sotto lo pseudonimo di Bernard J. Kenton, erano bambini ebrei che canalizzavano le loro ansie religiose attraverso i fumetti. Prendendo a prestito dalla mitologia greca, dalla leggenda arturiana, dalla fantascienza e da Edgar Rice Burroughs, i temi principali sono tratti dall'Antico Testamento con un retroscena quasi punto per punto:

* Mosè nacque in un mondo in cui le persone affrontarono l'annientamento;

* Baby Mosè viene messo in un piccolo cesto e galleggia sul Nilo da sua madre;

* Mosè viene salvato da una figlia del faraone;

* Mosè è cresciuto in un ambiente alieno dove deve nascondere la sua vera identità;

* Mosè riceve una chiamata da Dio per usare i suoi poteri per liberare il suo popolo dalla tirannia;

In uno studio di Bruce Feiler (2009), riferisce che il nome di Superman riflette la conoscenza biblica dei suoi creatori. Mosè è il capo di Israele o Yisra-el in ebraico, tradotto come "colui che lotta con Dio". El era un nome comune a Dio nell'antico Medio Oriente e compare nella Bibbia come Elohim e El Shaddai. Kal-El, nel fumetto di Superman, significa "dio rapido" in ebraico.

La mitologia di Superman e la storia biblica di Mosè forniscono un gesto simbolico di forza e indipendenza che per noi ha un significato particolare. È radicata nell'idea esistenziale di abbracciare il proprio destino e superare gli ostacoli attraverso la resistenza. Tutti abbiamo bisogno di convinzioni generali che diano senso alla nostra vita e ci permettano di trovare un posto per noi stessi nell'universo più grande. Siamo in grado di sopportare le difficoltà più incredibili quando siamo convinti che queste difficoltà hanno senso e sono utili.

Con l'autenticità delle nostre chiamate e doni, portiamo punti di forza distintivi al servizio degli altri. Per Mosè, era Dio – per Superman era Jor-El. Mentre scaviamo nel profondo del nostro passato, non è solo il tempo e gli eventi che ci modellano, ma le chiamate da cui ascoltiamo e seguiamo!

Referenze e letture consigliate:

Feiler, B. (2009). Il profeta dell'America . William Marrow, (1 ed.).

Visita il sito web del Dr. Kinnaird The Hero Complex!

Solutions Collecting From Web of "Mosè e l'uomo d'acciaio"