Morte naturale ed eutanasia: trovare la terra di mezzo

Negli ultimi dieci anni, la cura degli ospizi per gli animali da compagnia è diventata sempre più disponibile. Non posso dire abbastanza cose positive sull'ospizio per animali. Offre un enorme vantaggio ai nostri animali quando invecchiano o sono molto malati, perché ci permette di vedere che una diagnosi terminale o le disabilità dell'età avanzata non sono una ragione per gettare la spugna sul nostro animale, e che la cura va ben oltre semplicemente cercando di curare. Hospice pone davanti a noi una serie di possibilità di trattamento diverse dall'eutanasia. Poiché l'ospizio per animali diventa sempre più noto, vale la pena di riflettere sulla nozione di "morte naturale" perché l'ospizio è spesso abbracciato da coloro che desiderano una morte naturale per il proprio animale.

La mia amica sociologa Leslie Irvine mi ha chiamato recentemente perché la sua micia di 20 anni, la signora Kitten, stava morendo, e si chiedeva se mi sarebbe piaciuto visitare la signora Kitten prima che lei passasse. Sfortunatamente, la sig.ra Kitten è morta prima di arrivarci, ma Leslie mi ha parlato della morte della signora Kitten e ha condiviso un resoconto degli ultimi giorni della sig.ra Kitten:

"Quando ha iniziato a mostrare segni di declino, Marc e io eravamo d'accordo che non l'avremmo soppressa se non soffrisse. Volevamo che uscisse dalla vita in modo naturale. Non avevamo bisogno che lei si sbrigasse. Non avevamo paura di vederla morire. Abbiamo parlato di come potremmo conoscere il punto della sofferenza; i gatti possono essere molto stoici. L'abbiamo osservata da vicino per i segni di dolore. Abbiamo anche guardato per vedere se voleva ritirarsi. Alla fine, sembrava a suo agio vicino a noi. Non ha mai indietreggiato o ha avuto difficoltà a respirare. Mi chiedo se il modo in cui si aggirava giovedì fosse una forma di "irrequietezza terminale". Ma non sembrava angoscia o lotta. Era più simile a quello che aveva sempre fatto, solo più lentamente e con pause qua e là. "

Leslie voleva che la sig.ra Kitten "uscisse dalla vita in modo naturale". Quando le ho chiesto il perché, lei ha detto che crede che dovremmo lasciare che un animale viva tutta la sua vita. E trovo qualcosa di dignitoso e giusto riguardo alla morte della sig.ra Kitten. Morì il più vicino ad una "buona morte", come posso immaginare: non sembrava soffrire, era circondata da amorevoli compagni e lei smise di respirare. Per Leslie e suo marito, una morte naturale era preferibile all'eutanasia, anche se erano disposti e pronti a intraprendere quella strada se avesse sofferto chiaramente.

Morire può essere un momento di opportunità. E per alcune persone, il valore della morte naturale è esplicitamente una delle opportunità spirituali, come un periodo di transizione da un tipo di essere ad un altro. Anche se non possiamo sapere cosa succede nelle menti e nei cuori dei nostri animali, forse dovremmo essere aperti alla possibilità che anche loro possano sperimentare qualcosa di profondo mentre muoiono.

Ma penso anche che la "morte naturale" possa essere presa troppo lontano, se usiamo la "morte naturale" per indicare un particolare tipo di morte, in contrapposizione alla "morte innaturale" (o qualcosa del genere). Tutta la morte è naturale, sia che si svolga in natura sotto le stelle, su un freddo tavolo di metallo, o sul divano di famiglia. La morte per eutanasia è naturale quanto la morte per fame, disidratazione o insufficienza multiorgano. E dal momento in cui entrano sotto la nostra cura, abbiamo un totale controllo su ogni aspetto delle vite e delle morti dei nostri animali che non sono sicuro che potremo mai veramente, veramente "lasciare che la natura faccia il suo corso".

Possiamo certamente semplificare il terreno morale ponendo la morte naturale e l'eutanasia all'opposizione. Se ci impegniamo a morte naturale in questo senso, allora le nostre responsabilità sono limitate a rimanere in piedi accanto al nostro animale e ad offrire conforto mentre muoiono. Ma la semplificazione morale non è ciò che vogliamo quando si tratta di cure per la fine della vita dei nostri animali domestici.

Robin Downing, specialista in cure veterinarie e palliative, mi ha detto durante un'intervista che ha percepito, all'interno del mondo degli ospizi animali, una corrente sotterranea che abbraccia la traduzione e l'applicazione degli stessi principi dell'ospedale umano ai nostri animali, incluso un divieto assoluto contro l'eutanasia. "Inconsciabile!" Mi disse. "L'eutanasia è disponibile e abbiamo la libertà di applicarla agli animali. E noi dobbiamo . È la cosa etica da fare. "Secondo lei, il pendolo è passato da" andiamo eutanasia oggi "a" morte naturale ". E a lei non piace. Dobbiamo tornare indietro verso il centro, verso un luogo più equilibrato. Le ho chiesto quanti animali ha avuto per morte naturale. In 25 anni di pratica, ha detto, "non molti". Non capita molto spesso che la morte naturale sia nell'interesse dell'animale.

Se, mentre la morte si svolge, un animale sta soffrendo in modo considerevole, allora l'eutanasia è forse il percorso umano. Il modo in cui definiamo e giudichiamo "una considerevole sofferenza" è, naturalmente, il nocciolo di un problema irritante, e alcune persone potrebbero essere più brave a leggere i segni della sofferenza animale di altre, o alcuni animali meglio a segnalare il dolore. I nostri valori soggettivi come compagni di animali domestici coloreranno senza dubbio la nostra visione; se siamo fortemente impegnati nel passaggio naturale, forse "leggere" i segni di sofferenza in modo diverso – come "segni di un'anima in transizione" piuttosto che "segni di un animale in tormento".

Solutions Collecting From Web of "Morte naturale ed eutanasia: trovare la terra di mezzo"