Morire bene significa morire a casa

"Non contate l'uomo felice finché non si conosce la sua fine." Erodoto

Questo era vero nell'antica Grecia 2500 anni fa. Oggi è ancora più vero: l'assistenza ospedaliera a fine vita aggressiva, la mancanza di sufficienti cure palliative e le leggi di suicidio assistito indebitamente restrittive rendono impossibile alla maggior parte delle persone morire con dignità.
Non c'è morte peggiore di una morte in ospedale. Morire bene significa morire a casa. Ciò richiede preparazione e preparazione richiede riconoscere che morire è una parte della vita necessaria, e in effetti desiderabile.
Gli antichi greci capivano il valore della morte. Aurora, dea dell'alba, si innamora profondamente di un uomo mortale e riesce a prevalere sugli dei per garantirgli l'immortalità. Ma Aurora dimentica distrattamente di chiedere anche che gli venga concesso il dono supplementare della giovinezza perpetua. Maledetto di vivere per sempre in uno stato progressivamente diminuito e doloroso, il suo unico desiderio irrealizzabile è la morte che è propria della condizione umana.
Morale della storia: nessuno di noi può mai ingannare la morte e invece dovrebbe sforzarsi per una buona morte che avvenga nel momento giusto e nel luogo appropriato.
I medici capiscono quanto sia impossibile avere una buona morte quando la vita è innaturalmente prolungata nelle condizioni orribili che caratterizzano i nostri ospedali.
Le morti in ospedale sono solitarie e paurose; i tubi invadono il tuo corpo e monitorano costantemente bing; l'ambiente è frenetico, rumoroso, indifferente, illuminato e insonne. Muori tra estranei con poche possibilità di dire addio ai propri cari.
Molti medici si proteggono preparando un semplice testamento biologico che limita le misure mediche "eroiche" e richiede una morte pacifica a casa. Puoi scaricare un modello gratuito per uso personale su https://www.rocketlawyer.com/form/living-will.rl
Prepararsi per una buona morte può essere una delle migliori decisioni che tu possa prendere nella tua vita.
I sondaggi indicano che la maggior parte dei pazienti dice anche di voler morire a casa, ma solo una piccola parte ha mai realizzato questo ragionevole desiderio.
Una volta che l'ambulanza viene chiamata, la reazione a catena del caos medico moderno diventa inevitabile. C'è un'alternativa semplice. I malati terminali dovrebbero ricevere cure palliative a domicilio (meglio se fatto attraverso Hospice), piuttosto che andare in ospedale.
Non solo più piacevole e dignitosa, le cure palliative a casa paradossalmente forniscono anche una maggiore longevità, forse perché riduce i rischi sostanziali di errori medici e infezioni da ospedale. Nella morte, come nella vita, meno spesso è di più.
La nostra attuale modalità di morte è crudele nei confronti dell'individuo e dispendiosa per la società. Abbiamo bisogno di estendere drammaticamente l'accessibilità e l'uso della morte a casa palliativa riducendo drasticamente la frequenza della morte dolorosa in ospedale.
Ciò richiederà uno sforzo di rieducazione nazionale sulla morte e sul morire rivolto a pazienti, medici, infermieri, ospedali, compagnie assicurative e leader politici. Consenti alle persone di venire a conoscenza delle cure palliative e di vedere anche filmati documentari su cosa vuol dire morire in ospedale.
Hospice ha bisogno di finanziamenti migliori e di una più ampia disponibilità. Le procedure mediche e chirurgiche estreme di fine vita dovrebbero essere esposte come futili, scortese e non necessarie.
Dovremmo tornare alla pratica antica e onorata del tempo di morire a casa con un affetto caldo e amorevole da familiari e amici stretti. Dovremmo evitare di passare gli ultimi minuti sulla terra tra estranei: medici, infermieri e personale ospedaliero.
Questa soluzione migliore per la maggior parte delle persone con malattia terminale è irresistibilmente ovvia e non dovrebbe essere molto controversa.
Un problema molto più piccolo in termini numerici (ma molto più difficile da risolvere) è ciò che le scelte alternative dovrebbero essere consentite per le persone che soffrono di una malattia cronica non terminale che sta causando dolore e / o disabilità estremi e incurabili. La maggior parte delle persone sceglierà sempre (per motivi personali, familiari e / o religiosi) il soldato anche nelle peggiori circostanze. Ma un po 'di passione per la morte assistita dal medico per liberarli da una vita insopportabilmente dolorosa.
Ci sono cinque fattori abbastanza diversi che rendono la morte assistita nei non-malati terminali un problema molto più complicato delle cure palliative per i malati terminali.
Prima di tutto, e la più spiacevole, la morte assistita è diventata un calcio religioso, politico e ideologico, che si è opposto a motivi di "sacralità della vita". Le persone e i politici che combattono più energicamente contro la legislazione del "diritto di morire" non possono aver avuto molta esperienza con la sofferenza estrema e insolubile che accompagna occasionalmente una malattia cronica e grave.
La seconda obiezione, basata su motivi pratici e clinici, ha molto più merito. Molte persone che ritengono che la vita non valga la pena di essere vissute oggi potrebbero sentirsi diversamente sulla vita di domani, soprattutto se ricevono un adeguato sollievo dal dolore, sostegno sociale e finanziario e consulenza. I sentimenti suicidi sono di solito considerati ambivalenti e possono cambiare drasticamente di mese in mese. Nessuno dovrebbe scegliere di morire basandosi solo su come si sente nel suo peggior giorno.
Anche la terza obiezione ha qualche merito: la paura che i malati possano sentirsi spinti a scegliere la morte meno dalle loro preferenze personali e più dal loro senso immaginato o percepito correttamente che la loro famiglia li vive come un peso e li preferirebbe morti. Questa è la preoccupazione particolare di coloro che rappresentano i disabili fisici.
La quarta obiezione deriva dalla tradizione della medicina come professione di guarigione, non di uccisione. Alcuni si chiedono se l'etica medica dovrebbe consentire a qualsiasi medico di assistere alla morte del paziente e certamente nessun dottore dovrebbe essere obbligato a farlo se ciò viola le sue convinzioni etiche o religiose. Ma una crescente maggioranza di medici ora supporta le leggi del diritto alla morte.
La quinta obiezione è che, anche in coloro che soffrono di malattie estreme, i desideri suicidi derivano sempre da un problema psichiatrico e possono essere curati con un trattamento psichiatrico. Questo è semplicemente sbagliato. Ho incontrato frequentemente in altri, e posso facilmente immaginarmi da solo, situazioni in cui la morte diventa una scelta completamente razionale e utilitaria. La vita è una cosa bella e preziosa, da custodire e adornare, tranne quando diventa una tortura senza fine.
Dovrebbe esserci un diritto statutario e civile di morire per coloro le cui vite sono rese insopportabili da malattie incurabili. È una contraddizione intrinseca essere entrambi libertari e contemporaneamente non permettere agli altri di porre fine alla loro vita di dolore alle loro condizioni.
Gli statuti 'right-to-die' che stanno diventando sempre più comuni negli Stati Uniti e in altri paesi sono un buon e necessario passo avanti nel civilizzare la morte e renderla più umana.
Naturalmente, devono essere scritti con la massima cura per evitare abusi e giudizi affrettati e devono essere implementati con giudizio e con rigida supervisione.
Dobbiamo proteggere il benessere di coloro che vogliono un soldato, ma anche il diritto civile a una morte decente per coloro il cui dolore è cronico, incurabile e insopportabile.
Le esperienze insegnano che, una volta sui libri, gli statuti funzionano bene e il problema diventa meno controverso.
In 17 anni, l'Oregon ha avuto solo 752 decessi autorizzati secondo il suo statuto, con un'età media di 71 anni, la maggior parte dei quali muoiono di cancro e nessuna causa legale. http://www.mercurynews.com/health/ci_27357033/california-bill-would-allo… L'Olanda ha un'esperienza trentennale di successo.
Le cure palliative e il diritto alla morte possono rapidamente diventare parte integrante di una buona pratica medica di routine. Molto meglio del matto pasticcio di fine vita degli Stati Uniti che è così doloroso per i nostri pazienti e così dispendioso per la nostra società.

Solutions Collecting From Web of "Morire bene significa morire a casa"