Moralità sul lavoro: la personalità può spiegare i comportamenti degli uffici immorali?

Ci sono davvero solo due posizioni quando si parla di moralità: si sostiene che non ci sono valori morali assoluti; cioè, che la moralità è qualcosa che accade a un'idea, in qualche modo arbitraria e in base all'approvazione di persone con alto rango sociale o status sociale; l'altra posizione, d'altra parte, sostiene che ci sono valori morali universali che trascendono e si applicano a culture diverse (ad esempio, il trattamento di bambini e anziani è sbagliato, danneggiare persone innocenti è sbagliato, e persino la menzogna è condannata in modo abbastanza universale).

Gli psicologi, naturalmente, adottano un approccio molto più superficiale, e per una volta questo è tutt'altro che vantaggioso. Il problema principale per gli psicologi è predire il verificarsi di comportamenti immorali o morali, ma come si può fare se la moralità non è propriamente definita?

Una delle aree della Psicologia che è stata a lungo interessata alla previsione di comportamenti immorali è la Psicologia Industriale / Organizzativa (o Psicologia del lavoro). In effetti, questa è stata un'area di ricerca molto alla moda in questo ramo della psicologia in particolare negli ultimi 10-15 anni. La variabile principale che questi studi hanno tentato di prevedere è "comportamenti di lavoro controproducenti" (CWB), definiti genericamente come comportamenti dei dipendenti che sono dannosi per l'organizzazione (inclusi colleghi, dirigenti e profitti organizzativi). L'esempio più semplice è il danneggiamento o il furto delle proprietà dell'azienda (ad esempio, spreco di carta, elettricità, furti di cucitrici o fermi o persino prodotti al dettaglio), ma all'estremo opposto si verificano casi gravi di molestie, bullismo, ecc. per essere che la capacità di un dipendente di mostrare comportamenti di lavoro produttivo è largamente indipendente dalla sua capacità di CWB (o comportamenti distruttivi del lavoro). Pensa Bernard Maddoff o Dominic Strauss-Kahn qui: persone che sono senza dubbio di talento per il loro lavoro, ma non possono controllare il loro lato oscuro.

La conclusione di questi studi è che le differenze individuali di integrità (una disposizione della personalità che cattura le nozioni di Freud di un super-io, cioè la vostra bussola morale interiore) predicono CWB – cioè, la coscienza morale è vista come una caratteristica della personalità o una maggiore dimensione del carattere. Questa è in qualche modo una spiegazione tautologica: "alcune persone fanno cose immorali perché sono immorali" non è diverso da "le persone sono immorali perché fanno cose immorali". Ma anche se accettiamo il fatto che, per scopi predittivi, si dovrebbe valutare l'integrità e che possiamo farlo in modo affidabile attraverso gli inventari autosufficienti o segnalati da altri, rimangono due problemi principali, in particolare:

1) Che cosa spinge le persone con la stessa "personalità morale" (integrità o altro) a mostrare diversi comportamenti morali? Cioè, perché alcune persone con lo stesso profilo di personalità morale non sono identiche nella loro predisposizione a mostrare comportamenti più o meno morali? Qui, le personalità morali devono inserirsi nel contesto di particolari valori morali e l'attenzione dovrebbe essere l'interfaccia tra la moralità individuale e situazionale.

2) Molti dei leader morali di oggi (ad esempio, Nelson Mandela, Che Guevara e Ghandi) erano un tempo ribelli morali, e persino "terroristi" – mentre tentavano deliberatamente e riuscivano a minare la sicurezza dello stato, a far cadere governi, ecc. Ciò rende la moralità un concetto temporale, quasi elusivo, proprio come il valore di un'opera d'arte.

Nel nostro ultimo studio, diamo uno sguardo al rapporto tra una nuova misura della moralità e l'impegno dei dipendenti. La nostra domanda è davvero piuttosto semplice: la CWB dipende più dal profilo della personalità di una persona o dal grado in cui gode o non gradisce il suo lavoro? Immagina due persone con lo stesso profilo di personalità, ma una è trattata male da colleghi e capi, e dato un compito noioso o difficile davvero noioso – sicuramente quella persona sarà più propensa a "comportarsi male" di una persona con lo stesso profilo che ama davvero il lavoro?

Per scoprire come il tuo punteggio nel nostro test, basta prendere un sondaggio di 10 minuti e ottenere un feedback immediato!

Solutions Collecting From Web of "Moralità sul lavoro: la personalità può spiegare i comportamenti degli uffici immorali?"