Monty Python e il significato del coraggio

Immagina di voler convincere qualcuno che lei o possiede una virtù particolare. Potresti indicare i modi in cui la vedi dimostrare la virtù. Ad esempio, potresti ricordare a un amico che si preoccupa di non essere gentile con le sue gentili parole con gli altri o con le sue donazioni in beneficenza. Potresti ricordare a un bambino che pensa di non essere intelligente di aver imparato da solo a suonare il piano, di conoscere decine di dinosauri e di guadagnare una "A" in inglese.

Può indicare il coraggio di qualcuno che lo fa uscire di testa?

Ma alla luce del coraggio, ricordare agli altri un aspetto della virtù può ritorcersi contro. Nel film cult Monty Python e il Santo Graal, un cavaliere un po 'timido di nome Sir Robin è seguito da una banda di menestrelli che canta le sue lodi. Sfortunatamente, l'unico aspetto del coraggio che scelgono di cantare è la sua mancanza di paura di fronte a orribili rischi fisici. Quando incontra un nemico per combattere, scappa via. Perché?

Certamente affrontare il vero pericolo è una parte del coraggio. Chris Rate ei suoi colleghi hanno condotto una serie di studi volti a trovare gli aspetti fondamentali del coraggio. Innanzitutto, hanno chiesto ai partecipanti di descrivere i comportamenti di una persona idealmente coraggiosa (Studio 1). Quindi, hanno chiesto a un gruppo diverso di partecipanti di valutare la misura in cui una persona idealmente coraggiosa si sarebbe impegnata nelle risposte generate dai partecipanti allo Studio 1 (Studio 2). Un terzo gruppo ha classificato i comportamenti più prototipici dello studio 2 in base alla somiglianza (studio 3). Alla fine, Rate e colleghi hanno scritto vignette basate sui cluster trovati nello Studio 3 e hanno valutato ognuno dei partecipanti sulla misura in cui ha esemplificato il coraggio (Studio 4). Sulla base delle loro scoperte, hanno concluso che il coraggio consiste di quattro componenti necessarie:

(a) Un atto volontario, intenzionale
(b) Eseguito dopo deliberata deliberazione
(c) Coinvolgere un rischio sostanziale oggettivo per l'attore
(d) Principalmente motivati ​​a realizzare un fine nobile buono o degno (Rate, Clarke, Lindsay e Sternberg, 2007)

I menestrelli di Sir Robin fanno almeno due errori. In primo luogo, fanno supposizioni sullo stato emotivo interiore di Sir Robin in risposta al rischio. Mentre lui ha informazioni sui suoi sentimenti soggettivi, loro no; quindi è l'esperto credibile sul suo attuale livello di paura piuttosto che sui menestrelli, e in genere le fonti meno credibili sono meno persuasive (ad esempio, Pornpitakpan, 2004).

Più importante, tuttavia, esplorando i rischi di cui Sir Robin è apparentemente privo di paura, i menestrelli sembrano in realtà avvertirlo delle possibilità di nuovi pericoli che non aveva considerato. Qui è dove la loro intera impresa va in modo orribile (e comicamente) sbagliato: evidenziare i rischi per Sir Robin in realtà diminuisce il suo comportamento coraggioso.

Nella nostra ricerca, abbiamo chiesto alle persone di descrivere un momento in cui hanno agito coraggiosamente e poi hanno chiesto loro se facessero qualcosa per sentirsi più coraggiosi. Le risposte in genere rientrano in tre categorie:
1. Ricordando l'importanza dell'obiettivo che stanno perseguendo
2. Pianificare o persino praticare l'azione che intraprenderanno
3. Ridurre al minimo (mai massimizzare) i rischi che dovranno affrontare (vedi Pury & Starkey, 2010).

Quindi, nell'autoregolamentare il proprio coraggio, le persone minimizzano il loro senso soggettivo di rischio.

Eppure, ricerche come quella di Rate suggeriscono che quando si massimizza la rischiosità percepita di un'azione aumentiamo la misura in cui lo chiamiamo coraggioso. In effetti, una rapida lettura dei premi per l'eroismo (vedi carnegiehero.org e history.army.mil per due esempi di premi negli Stati Uniti) ci mostra che le citazioni per il coraggio contengono descrizioni dei rischi estremi e spesso fatali che i vincitori devono affrontare.

Questa disconnessione – tra fattori che promuovono un'azione coraggiosa e fattori che ci portano a chiamare un'azione coraggiosa – è la distinzione tra ciò che il mio collega Charlie Starkey e io chiamiamo processiamo il coraggio e il coraggio. Sia il processo che il coraggio di riconoscimento comprendono le altre caratteristiche di Tasso di intenzionalità e impegno per un obiettivo degno, e a questo punto la ricerca suggerisce che ricordare a qualcuno che ha quelle qualità dovrebbe aumentare entrambe. Tuttavia, mentre il coraggio di riconoscimento è aumentato dal rischio, il coraggio di processo è diminuito da esso. Quindi, ricordare a qualcuno dei rischi di un'azione può farla vedere come più coraggiosa, ma renderla meno propensa a prenderla.

Riferimenti
Pornpitakpan, C. (2004). La persuasività della credibilità della fonte: una revisione critica delle prove di cinque decenni. Journal of Applied Social Psychology, 34, 243-281. doi: 10.1111 / j.1559-1816.2004.tb02547.x

Pury, CLS & Starkey, C. (2010). Il coraggio è un riconoscimento o un processo? Una domanda fondamentale per la ricerca del coraggio. In C. Pury e S. Lopez (a cura di). La psicologia del coraggio: ricerca moderna su una virtù antica. Washington DC, American Psychological Association, pp. 67-87. (Psicologia-Courage-moderna-Research-antica)
Rate, C., Clarke, J., Lindsay, D., e Sternberg, R. (2007). Teorie implicite di coraggio. The Journal of Positive Psychology, 2, 80-98.doi: 10.1080 / 17439760701228755

Solutions Collecting From Web of "Monty Python e il significato del coraggio"