Monsters in the Dark

La maggior parte di noi si rende conto che i bambini non sono semplicemente grandi come una pinta. I bambini differiscono enormemente dagli adulti nel modo in cui si sentono e sperimentano il mondo e nel modo in cui si comportano.

Ad esempio, quasi tutti i bambini hanno avuto un crollo "Voglio quella caramella adesso" al banco del supermercato. E la maggior parte di noi non ci penserebbe due volte se vedessimo un bambino a metà dell'ira perché sua madre si rifiutava di comprare le sue caramelle. Ma cosa succederebbe se vedessimo una donna quarantenne che ha avuto una fusione simile al banco dei gioielli di Macy's? Non saremmo più che un po 'preoccupati?

Allo stesso modo, se nostra nipote Susie di sei anni ci dicesse che la fatina dei denti ha lasciato un dollaro sotto il cuscino dopo aver perso un dente, non ci penseremmo due volte. Ma se la madre trentaseienne di Susie si aspettava seriamente che un delicato essere alato lasciasse del denaro sotto il cuscino dopo la sua visita all'ufficio del chirurgo dentale, la maggior parte di noi sarebbe incline a chiamare il 911.

Lo stesso vale per le figure ombrose che porta la notte, che molti bambini interpretano come mostri spaventosi. Se tuo figlio di sette anni ti ha detto di aver visto dei mostri nell'oscurità prima di addormentarsi la scorsa notte, difficilmente ti preoccuperai della sua sanità mentale. Molti di noi possono ricordare che da piccoli abbiamo visto ombre di notte che interpretavamo come mostri. So che l'ho fatto. Ricordo di aver tirato le coperte sulla mia testa per sentirmi al sicuro dalle ombre. Se non potessi vederli, non potrebbero vedermi, ho ragionato. Il giorno dopo, ovviamente, non ho dato un secondo pensiero ai mostri. I mostri esistevano in un tipo di esperienza semi-fantasiosa che il pediatra e psichiatra Donald Winnicott chiamava famoso "spazio di gioco".

La dottoressa Winnicott, che sapeva molto del modo in cui i bambini vivono il mondo, ha sottolineato che non sfidiamo le convinzioni di un bambino nello stesso modo in cui potremmo sfidare un adulto. Non inchiodiamo un bambino sul fatto che i mostri nel buio, o la fatina dei denti, o Babbo Natale esistano realmente al di fuori della mente del bambino. Più significativamente, la maggior parte delle persone non si sognerebbe mai di etichettare queste realtà infantili come "allucinazioni". La maggior parte delle persone non considererebbe la credenza in un amico immaginario o nella fata dei denti come "sintomi" di una spaventosa malattia mentale come il disturbo bipolare, o concludere che il bambino ha bisogno di un potente farmaco antipsicotico. Quello sarebbe giudicare i bambini secondo gli standard adulti di sanità mentale. Avrebbe anche preso congedo dal nostro buon senso.

Eppure troppo spesso in America oggi, i bambini sono etichettati con diagnosi psichiatriche che erano originariamente intese per gli adulti e mai per i bambini (come il disturbo bipolare), e persino drogate con farmaci approvati solo per gli adulti. Questa è una tendenza pericolosa, che ignora le differenze fondamentali tra il mondo di un bambino e il mondo di un adulto.

Copyright 2010 Marilyn Wedge

Solutions Collecting From Web of "Monsters in the Dark"