Monster Porn e la scienza della sessualità

Si noti che questo articolo tratta argomenti sensibili che alcuni lettori potrebbero trovare inquietanti.

Il porno dei mostri è una nuova tendenza calda nella narrativa erotica femminile che ha recentemente attirato l'attenzione. Il genere, noto anche più educatamente come "criptozoologia erotica" ruota attorno a storie di personaggi, di solito donne, che hanno bizzarri incontri erotici con ogni sorta di creature mitiche e immaginarie, come tritoni, bigfoot, krakens, extraterrestri e praticamente qualsiasi tipo di creatura che si possa immaginare. John Horgan, un giornalista scientifico che scrive per Scientific American , ha recentemente scritto su questo argomento e l'apparente inadeguatezza della scienza moderna per spiegare una manifestazione così strana e affascinante della sessualità umana. Lungo il suo percorso fa colpo sulla psicologia evolutiva, una bestia nera che ha attaccato – e travisando – per oltre venti anni. [1] Sembra giusto dire che la psicologia evolutiva e la scienza in generale potrebbero non essere in grado di spiegare assolutamente tutto ciò che riguarda i capricci della sessualità umana. Tuttavia, la psicologia evolutiva, correttamente intesa piuttosto che caricaturale, può essere in grado di gettare un po 'più di luce sul soggetto di quanto supponga Horgan.

Una "fantasia di cattura" in corso?

Horgan dice che la cosa che ama del porno mostruoso è che "È un ricordo meravigliosamente stravagante che la sessualità umana è troppo strana, selvaggia e lanosa per essere catturata dalla scienza moderna, e specialmente dalle teorie che riducono i nostri comportamenti ai geni." Apparentemente psicologia evolutiva in particolare è inadeguato a spiegare qualcosa di così stravagante come un mostro porno perché "gli psicologi evoluzionisti presumono che tutto ciò che facciamo e sentiamo debba in qualche modo diretto o indiretto promuovere la perpetuazione dei nostri geni (o averlo promosso in passato)." ( Enfasi aggiunta. Ovviamente, è difficile vedere come un interesse erotico nelle creature mitologiche possa promuovere la perpetuazione dei propri geni. D'altra parte, gli psicologi evoluzionisti NON affermano in realtà nulla di così stupido che tutto debba in qualche modo essere collegato al perpetuare i geni, o anche cercare di "ridurre i nostri comportamenti ai geni". Le dichiarazioni di Horgan riflettono equivoci comunemente condivisi sulla psicologia evolutiva che persistono tra i suoi i critici nonostante siano stati ripetutamente confutati.

Ci sono un buon numero di buone fonti primarie che spiegano cosa effettivamente credono gli psicologi evolutivi e che sono prontamente accessibili ai laici. Ad esempio, l'affermazione secondo cui gli psicologi evolutivi credono nel "determinismo genetico" è stata esplicitamente respinta in un documento che affronta esplicitamente tali questioni disponibili qui. Gli autori affermano: "La psicologia evolutiva rifiuta con forza una posizione di determinismo genetico e invece è organizzata attorno a una struttura interazionista chiaramente formulata che richiama il ruolo dell'ambiente in ogni fase del processo causale … Sebbene la psicologia evolutiva respinga chiaramente una visione vuota dell'umano mente, rifiuta altrettanto chiaramente il determinismo genetico e fornisce invece un quadro interazionista dettagliato "(Confer et al., 2010). Inoltre, per quanto riguarda il malinteso popolare secondo il quale gli psicologi evoluzionisti pensano che tutto debba essere in qualche modo correlato alla perpetuazione dei geni, John Tooby e Leda Cosmides, pionieri nel campo della psicologia evolutiva, hanno esplicitamente confutato questa affermazione in un testo fondamentale disponibile online qui. Hanno affermato che solo alcune caratteristiche delle persone hanno degli adattamenti derivanti dalla selezione naturale e che altre sono sottoprodotti casuali senza funzioni adattive.

"Sfortunatamente, alcuni hanno travisato l'affermazione ben supportata secondo cui la selezione crea un'organizzazione funzionale come l'affermazione ovviamente falsa secondo cui tutti i tratti degli organismi sono funzionali – qualcosa che nessun biologo evolutivo sensibile potrebbe mai mantenere. Inoltre, non tutti i comportamenti coinvolti dagli organismi sono adattivi … Inoltre, una volta che esiste un meccanismo di elaborazione delle informazioni, può essere implementato in attività che non sono correlate alla sua funzione originale – perché abbiamo sviluppato meccanismi di apprendimento che causano l'acquisizione del linguaggio, possiamo imparare scrivere. Ma questi meccanismi di apprendimento non sono stati selezionati perché hanno causato la scrittura ".

Quindi, il semplice fatto che alcune persone godano di fantasie sessuali che non hanno un evidente significato adattativo, come quelle che coinvolgono il porno mostruoso, non è certo una sorta di confutazione della psicologia evolutiva. Uno psicologo evoluzionista potrebbe sostenere che mentre la capacità di avere fantasie sessuali è evoluta, ciò non significa che tutte le manifestazioni di tale capacità debbano essere adattive. Proprio come la capacità di scrivere è il sottoprodotto della capacità evoluta di usare il linguaggio, la capacità di intrattenere fantasie bizzarre potrebbe essere un sottoprodotto di altre abilità evolute. Le fantasie sessuali interessano gli psicologi evolutivi perché forniscono una finestra sui desideri di una persona in un modo che il comportamento da solo non può. Il comportamento sessuale di una persona è limitato da opportunità e restrizioni sociali, mentre le fantasie non sono così limitate. Forse le fantasie che coinvolgono il porno mostruoso attraggono alcune persone perché si basano su schemi evolutivi più familiari. Gli psicologi evoluzionisti hanno effettivamente affermato che: "… nuovi stimoli ambientali, come le immagini dei media o la pornografia, possono scatenare, dirottare o sfruttare i nostri meccanismi psicologici evoluti" (Confer, et al., 2010). Proseguono affermando che nuovi stimoli possono simulare "segnali ancestrali che l'adattamento psicologico è stato progettato per rilevare" le risposte scatenanti originariamente adattive in un contesto diverso.

Per illustrare come il porno mostruoso possa imitare "spunti ancestrali", anche se in modi nuovi, considera le trame di alcuni titoli recenti elencati qui e qui. Un tema ricorrente sembra essere che un'eroina attraente (o eroine) sia presa prigioniera da una potente creatura che procede a rapirla eroticamente, dandole un immenso piacere sessuale nel processo. Confrontalo con la famosa romanzo d'amore erotico mainstream, che di solito segue una formula stereotipata che coinvolge un ambiente esotico in cui una giovane donna attraente ma innocente è soggetta alle attenzioni di un uomo più anziano, che può essere descritto come arrogante, altamente dominante, anche crudele, che tenta ripetutamente di imporsi su di lei, con la storia che culmina in gravidanza e matrimonio (Coles & Shamp, 1984). Il porno del mostro e la narrativa erotica mainstream, entrambi scritti per lo più da autori di donne, hanno in primo piano temi di schiavitù e dominazione, con l'eroina che inizialmente resiste e infine si sottomette a un corteggiatore forte ma irresistibile. Un certo numero di commentatori sull'articolo di Horgan (ad esempio, i commenti 2, 3, 7 e 8) ha evidenziato che i mostri sono personaggi con tratti maschili esagerati, come aggressività, maleducazione, potere fisico e audacia, e che incarnano la passione degli animali crudi. Sembra giusto dire che sono fantastici equivalenti dei personaggi maschili dominanti che sono onnipresenti nei romanzi d'amore tradizionali, che incarnano anche tutti questi tratti iper-maschili. La popolarità dei romanzi erotici mainstream, con i loro temi di schiavitù e sottomissione, è stata attribuita al loro fascino per le fantasie sessuali di cui godono molte (ma non tutte) le donne (Bivona & Critelli, 2009). Virginia Wade, autrice di numerosi e-book di successo con incontri erotici con Bigfoot, in questa intervista attribuisce la popolarità del suo lavoro al fascino della "fantasia di cattura" – cioè l'eccitazione e il pericolo di essere rapiti e violentati – insieme al fascino femminile per gli uomini oscuri, pericolosi e irraggiungibili. Quindi, parte del fascino del porno mostruoso per le donne sembra che imita alcune delle caratteristiche essenziali delle fantasie femminili popolari.

Un incubo per alcuni, un sogno per gli altri? "The Nightmare" di Henry Fuseli

La ricerca sulle fantasie sessuali delle donne negli ultimi quarant'anni ha scoperto che le fantasie sull'essere costrette a fare sesso contro la propria volontà sono ragionevolmente comuni tra le donne. Una revisione di studi ha rilevato che tra il 31 e il 63% delle donne ammette di avere tali fantasie almeno occasionalmente (Bivona, Critelli e Clark, 2012) e tra il 9 e il 17% delle donne afferma che si tratta di esperienze fantasy frequenti o preferite (Critelli & Bivona, 2008). Questo fenomeno è qualcosa di un enigma scientifico. Le donne considerano la realtà di essere effettivamente violentate o costrette a fare sesso per essere un'esperienza ripugnante e traumatica. Tuttavia, le donne che hanno fantasie di sesso forzato di solito riferiscono di essere eroticamente eccitanti piuttosto che terrificanti. Un certo numero di teorie sono state proposte per spiegare questo, ma i ricercatori concordano sul fatto che tali fantasie NON significano assolutamente che le donne abbiano il desiderio di essere effettivamente violentate nella vita reale. Uno studio sul contenuto di tali fantasie suggerisce che gli elementi chiave includono uno scenario in cui una figura attraente e attraente (di solito maschile, ma occasionalmente femminile) trova la donna così desiderabile, attraente e seducente da essere sopraffatta dalla passione e incapace di trattenersi e si impone su di lei. La donna nella fantasia resiste, ma molto spesso questa è solo una resistenza simbolica o anche solo una finzione, e può cambiare dal rifiuto iniziale alla partecipazione volontaria man mano che la fantasia progredisce. Quindi, tali fantasie tendono ad essere altamente romanticizzate piuttosto che le rappresentazioni realistiche di un assalto sessuale traumatico. Una proposta di spiegazione evolutiva delle fantasie sessuali forzate le confronta con una specie di rituale di accoppiamento in cui l'assalitore di fantasia dimostra la sua potenza, il suo dominio e la sua incontrollabile passione per la donna. Se la donna fosse riuscita a resistere alle sue avances, allora il suo potere maschile sarebbe diminuito. Dal punto di vista della donna, tale rituale fornisce la prova della sua idoneità riproduttiva, ad esempio la sua posizione sociale e l'efficacia come protettore e fornitore. Allo stesso tempo si afferma la desiderabilità della donna come compagno (Bivona, et al., 2012).

Le fantasie sul sesso forzato sono state anche collegate ad atteggiamenti di accettazione più positivi nei confronti del sesso in generale (Bivona, et al., 2012). Nello specifico, le donne che hanno un atteggiamento aperto, accettante, senza sensi di colpa nei confronti del sesso (una caratteristica della personalità nota come erotofilia) tendono ad avere una frequenza più alta di questi tipi di fantasie, nonché una maggiore frequenza di fantasie consensuali. Inoltre, le donne che si considerano altamente fantasiose (vale a dire alta nella caratteristica della personalità di apertura all'esperienza, in particolare l'aspetto noto come apertura alla fantasia) hanno anche una maggiore frequenza di fantasie sul sesso forzato. Ciò suggerisce che tali fantasie potrebbero essere l'espressione di un desiderio di fondo di esplorare un'ampia varietà di esperienze erotiche.

Zeus seduce Leda nella forma di un cigno: gli incontri erotici con creature non umane sono presenti in molti antichi miti.

Il fenomeno del porno mostruoso sembra coinvolgere elementi di una fantasia di sottomissione femminile a una creatura iper-maschile insieme alla volontà di esplorare esperienze erotiche varie e insolite, incluse quelle che non potrebbero essere messe in atto nella vita reale. Il porno mostro potrebbe quindi interessare in particolare le donne che sono entrambe estremamente fantasiose, come quelle che hanno un'alta apertura all'esperienza, in particolare il lato fantastico e l'alta erotofilia. Inoltre, se è vero che i "mostri" sono un sostituto simbolico per i maschi con tratti di personalità iper-maschili, questa forma di erotismo potrebbe attrarre in particolare le donne che sono più fortemente attratte dagli uomini con tali tratti rispetto ad altre donne. Queste ipotesi potrebbero essere facilmente testate con uno studio di indagine che confronta i tratti e le preferenze delle donne che amano il porno mostruoso con chi non lo fa.

Una scoperta potenzialmente rilevante basata sulla psicologia evolutiva è che la prevalenza di tratti di personalità come l'apertura all'esperienza è inversamente legata alla prevalenza della malattia infettiva (Schaller e Murray, 2008). In particolare, nelle regioni che hanno storicamente sperimentato alti livelli di malattie infettive, le persone hanno livelli medi più bassi di alcuni tratti della personalità, tra cui l'apertura all'esperienza, l'extraversione e la sociosessualità (volontà di impegnarsi in un comportamento sessuale non impegnato). La ragione proposta per questo è che questi tratti della personalità sono associati a comportamenti (come la ricerca di nuove esperienze e la promiscuità sessuale) che aumentano il rischio di una persona di contrarre una malattia infettiva. D'altra parte, nelle regioni in cui la malattia infettiva è meno diffusa, tale comportamento può conferire alcuni vantaggi riproduttivi, quindi tali tratti diventano più comuni. Se il porno mostruoso è legato a tratti come l'apertura all'esperienza e un atteggiamento generalmente accettante ed esplorativo nei confronti della sessualità, allora un corollario potrebbe essere che l'interesse per il porno mostruoso è maggiore nelle regioni con tassi più bassi di malattie infettive e diminuzioni in più regioni dominanti dalla malattia . Questa congettura potrebbe essere testata correlando i dati sulle vendite di questo materiale con fattori geografici.

Come ho affermato in precedenza, potrebbe essere vero che la scienza in generale e la psicologia evolutiva potrebbero alla fine essere incapaci di spiegare pienamente tutti i capricci della sessualità umana, compresi i prodotti insoliti dell'immaginazione umana come un mostro porno. Tuttavia, quello che speravo di mostrare è che le prospettive scientifiche possono iniziare a tentare di spiegare questo fenomeno, anche se solo parzialmente. Più in particolare, le teorie basate sulla psicologia evolutiva sono almeno in grado di generare ipotesi che potrebbero essere testate. Anche se le ipotesi che ho suggerito qui risultassero false, almeno potremmo imparare qualcosa di interessante su questo fenomeno. Alcune persone accusano gli psicologi evolutivi di inventare storie "proprio così" che non possono essere testate. Al contrario, le ipotesi che possono essere falsificate attraverso lo studio empirico sono quindi testabili e quindi per definizione non sono "solo così" storie. Credo che applicare la conoscenza esistente alla comprensione di un nuovo fenomeno sia probabilmente più produttivo dell'approccio di John Horgan che definisce erroneamente in cosa consista la psicologia evolutiva e offre poche indicazioni su come generare nuove conoscenze.

NB: Lo scopo di questo articolo è di discutere l'argomento da una prospettiva scientifica e non è inteso in alcun modo come un avallo o un giudizio di finzione erotica. Nulla di qui dovrebbe essere interpretato come in qualche modo condonare, giustificare o scusare comportamenti reali che coinvolgono sesso forzato o non consensuale.

Nota

[1] Vedi questo articolo di Robert Kurzban per i dettagli sulla storia di Horgan di travisare la psicologia evolutiva nonostante le confidenze attentamente scritte da esperti nel campo. La risposta di Horgan a questo articolo (vedere la sezione commenti) era di insultare gratuitamente Kurzban e i suoi colleghi senza rispondere alla sostanza delle loro preoccupazioni.

Ti consigliamo di seguirmi su Facebook, Google Plus o Twitter .

© Scott McGreal. Si prega di non riprodurre senza permesso. Brevi estratti possono essere citati a condizione che venga fornito un link all'articolo originale. Se stai visualizzando questo articolo su qualsiasi sito diverso da Psychology Today, allora è stato derubato senza il mio consenso.

Altri post che ho scritto su sesso e psicologia

BDSM, personalità e salute mentale

Tratti della personalità dei praticanti BDSM: un altro sguardo

Pornostar e psicologia evolutiva

Le personalità delle pornostar

Sono i nemici naturali di sesso e religione?

Il sesso orale ha uno scopo evolutivo?

Rilevamento infedeltà e interesse femminile nel sesso orale

La pseudoscienza delle differenze di razza nella dimensione del pene

Lo sperma è un antidepressivo? Pensa di nuovo

Ulteriori letture su Psicologia evolutiva
Psicologia evolutiva: un primer di Leda Cosmides e John Tooby. Questo è l'articolo a cui si fa riferimento in precedenza ed è una lettura essenziale per chiunque sia interessato a comprendere le basi scientifiche della materia.

La risposta di Tooby e Cosmides a Gould – debunks riteneva ampiamente disinformativa l'argomento che ebbe origine dal biologo Stephen Jay Gould, ad esempio la falsa idea che gli psicologi evoluzionisti pensassero che "ogni comportamento è un adattamento" che John Horgan sembra ancora credere.

Riferimenti

Bivona, J., & Critelli, J. (2009 gennaio-febbraio). La natura delle fantasie di stupro delle donne: un'analisi della prevalenza, della frequenza e dei contenuti. The Journal of Sex Research, 46, 33+.

Bivona, JM, Critelli, JW, e Clark, MJ (2012). Fantasie dello stupro delle donne: una valutazione empirica delle principali spiegazioni. Archivi di comportamento sessuale, 41 (5), 1107-1119. doi: 10.1007 / s10508-012-9934-6

Coles, C., & Shamp, MJ (1984). Alcune caratteristiche sessuali, di personalità e demografiche delle donne lettori di romanzi erotici. Archivi di comportamento sessuale, 13 (3), 187-209. doi: 10.1007 / bf01541647

Confer, JC, Easton, JA, Fleischman, DS, Goetz, CD, Lewis, DMG, Perilloux, C., e Buss, DM (2010). Psicologia evolutiva: polemiche, domande, prospettive e limiti. Psicologo americano, 65 (2), 110-126. doi: 10.1037 / a0018413

Critelli, JW, & Bivona, JM (2008). Fantasie erotiche delle donne: una valutazione della teoria e della ricerca. The Journal of Sex Research, 45, 57+.

Schaller, M., & Murray, DR (2008). Patogeni, personalità e cultura: la prevalenza della malattia predice la variabilità mondiale nella sociosessualità, l'estroversione e l'apertura all'esperienza. Journal of Personality and Social Psychology, 95 (1), 212-221. doi: 10.1037 / 0022-3514.95.1.212

Solutions Collecting From Web of "Monster Porn e la scienza della sessualità"