Momenti di grazia

Voglio parlare di Grace. Non le tre dee sorelle che dispensano fascino e bellezza, anche se questo è probabilmente correlato. La grazia come in: un'eccellenza o un potere concesso da Dio. Grace come Webster lo definisce: l'assistenza divina immeritata data agli umani per la loro rigenerazione – uno stato di santificazione attraverso la grazia divina.

In altre parole, quel momento in cui la presenza di Dio viene vissuta e fa accadere la magia. Nei nostri cuori.

Ci stavo pensando ultimamente perché sembra che ci sia un paradosso. Mi sento profondamente umile in presenza di quella magia; consapevole che non riguarda me. D'altra parte, se non mi do credito, non ho una vera ragione per esistere in relazione o nel mondo.

Quello che sto iniziando a capire è che quei momenti di grazia hanno due parti. Una parte non ha niente a che fare con noi personalmente . Si tratta di qualcosa di divino , che è molto, molto più grande di noi. La magia si presenta quando si presenta e provare a crearlo o catturarlo o forzarlo non funziona. Non si tratta di noi, si tratta di qualcosa di più grande.

L'altra parte ha tutto a che fare con noi personalmente . È semplicemente e potentemente essere disposti a presentarsi autenticamente, con mente e cuore aperti, al momento a portata di mano.

In questo modo, i momenti di grazia non hanno nulla a che fare con noi … ma hanno anche molto a che fare con noi.

La grazia che avviene attraverso me – attraverso ogni persona – è unica . Così mentre tutti sono capaci di grazia, sarà la loro versione unica che si presenta quando la magia accade.

Ma il fatto che le persone possano avere quell'esperienza con me, o tu, o chiunque altro, e volere di più, riguarda il fatto che vogliono ciò che tutti vogliono – l'esperienza della magia . Dio. È molto importante essere consapevoli e aiutarci a non essere codipendenti nelle relazioni, ma piuttosto essere chiari sulla nostra verità e su ciò che è sano per noi. Non è il mio lavoro (o il lavoro di nessuno) dare alle persone l'esperienza di quella magia. Né le persone dovrebbero confondere la persona per l'esperienza. Le persone non sono Dio.

Questo è un errore che molte persone fanno in relazione e causa grande angoscia. È meraviglioso quando la presenza di qualcuno nella nostra vita ci aiuta a sperimentare l'amore. Trascendenza. Essere profondamente visto. Connessione con il nostro vero sé. Ma quelle esperienze non sono, in definitiva, su quell'altra persona. Quindi è bello riuscire a stare con loro, ma quando non lo facciamo, dobbiamo renderci conto che non sono loro e cresciamo nella capacità di portarlo altrove, di averlo dentro noi stessi.

Allo stesso tempo, e paradossalmente, non è neanche positivo per noi liquidare completamente la nostra parte in essa: la parte che ha a che fare con noi che si mostrano autenticamente come noi stessi e che siamo pienamente presenti con un altro . Quando lo congedo, finisco per avere paura che perderò la gente – che non mi ameranno. Perdo un senso del mio valore nella relazione; la mia parte nel far accadere la magia. Finisco per cercare di essere ciò che penso che una persona abbia bisogno, piuttosto che me stesso. E alla fine non mi sento stimato per me, o finisco per dare alla persona ciò di cui hanno bisogno comunque.

In questo modo, quindi, i momenti di Grazia sono in realtà semplicemente su di me e non io mi trovo insieme allo stesso tempo . In altre parole, la magia riguarda semplicemente il fatto di mostrarmi pienamente come il mio buon vecchio io. È allora che Dio, come il vento, può semplicemente soffiare.

Solutions Collecting From Web of "Momenti di grazia"