È molto tempo che non ci si vede

Quando nel diciottesimo secolo arrivarono navi britanniche al largo della costa meridionale della Cina, nessuno a bordo parlava cinese, e nessuno a terra parlava inglese. Tuttavia, ogni gruppo aveva ciò che l'altro voleva. Gli inglesi offrivano argento e oro, mentre i cinesi offrivano tè e porcellana.

In qualche modo, hanno dovuto trovare un modo per comunicare. Lo hanno fatto sviluppando un pidgin, un linguaggio semplice composto da poche centinaia di parole di base. Inoltre non aveva una grammatica coerente, e i suoi oratori si limitavano a mettere insieme le parole in un modo che sembrava avere un senso.

Sebbene questo pidgin non sia più in uso, molte delle sue espressioni si sono fatte strada nell'inglese contemporaneo. Proverbi come il tempo che non si vede e non si può fare, provengono da questo pidgin, e sono costruiti con parole inglesi legate insieme in ordine di parole cinesi. Si crede che anche la parola pidgin provenga dalla pronuncia cinese della parola inglese business .

Questo pidgin non era un evento linguistico isolato. Nel corso della storia, ogni volta che due popolazioni umane che parlano lingue diverse entrano in contatto esteso, hanno sviluppato un pidgin per comunicare. È importante notare che i pidgin non sono linguaggi di progettazione. Piuttosto, emergono naturalmente attraverso le interazioni ripetute di umani che non parlano la lingua l'uno dell'altro.

Ogni pidgin è unico, ma tutti condividono alcune caratteristiche comuni. Oltre a un vocabolario limitato, le parole sono facili da pronunciare e da distinguere l'una dall'altra. Le parole possono essere messe insieme per esprimere idee semplici e relazioni concrete, ma idee complesse e relazioni astratte sono generalmente al di là della gamma espressiva di un pidgin.

Un grande mistero riguardante l'evoluzione del linguaggio comporta la mancanza di strutture intermedie. Abbiamo una buona comprensione di come si è evoluto l'occhio, e non solo una volta, ma molte volte! Questo perché troviamo esempi di sistemi visivi che spaziano dai patch della pelle sensibile alla luce alla visione tridimensionale a colori, con tutte le fasi intermedie intermedie.

Tuttavia, quando si parla di sistemi di comunicazione, c'è un abisso tra gli umani e tutti gli altri animali. I nostri cugini primati utilizzano sistemi di chiamata che esprimono una mera manciata di significati. E poi dall'altra parte dell'abisso evolutivo c'è il linguaggio umano, con la sua gamma di espressioni virtualmente illimitate.

Potrebbe benissimo essere che gli antenati umani come Homo erectus usassero sistemi di comunicazione più complessi di quelli dei primati, ma ancora meno complessi del linguaggio. Ma ahimè, vocalizzazioni, parole o altro, non si fossilizzano, quindi non abbiamo prove dirette per verificare questa ipotesi.

I Pidgin, tuttavia, possono essere "fossili viventi" che possono aiutarci a capire come si è evoluto il linguaggio. In primo luogo, dimostrano che i sistemi di comunicazione intermedi tra chiamate di animali e lingue umane sono piuttosto funzionali. Tanto allora per quella vecchia castagna dei creazionisti – l'argomento "A che serve un mezzo occhio?". Proprio come un sistema visivo rudimentale è di gran lunga migliore di niente, anche questo è un sistema di comunicazione rudimentale.

In secondo luogo, tutti noi abbiamo attraversato uno stadio di comunicazione pidgin simile durante il nostro secondo anno di vita, mentre passavamo dai bambini ai madrelingua. Cioè, abbiamo parlato in termini di due o tre parole messe insieme per associazione, non sintassi. Inoltre, gli adulti affetti da afasia, che è una perdita di funzioni linguistiche a causa di danni cerebrali, spesso possono ancora comunicare in modo pidgin, emettendo le loro espressioni una parola di sforzo alla volta.

Infine, vediamo anche caratteristiche di tipo pidgin nelle espressioni dei primati addestrati alla lingua. Koko il gorilla e Kanzi il bonobo possono dire ai loro custodi quando vogliono una banana o uno strofinio alla schiena, unendo insieme segni o simboli in modo apparentemente casuale.

"Guarda, stanno comunicando nuovi pensieri!" Reclamano i loro allenatori.

"Nessuna sintassi, nessuna lingua", ribattono i loro detrattori.

E entrambe le parti hanno un punto valido. Koko e Kanzi stanno comunicando nuove idee. Solo che lo stanno facendo in pidgin.

Riferimenti

Bickerton, D. (2009). La lingua di Adamo New York: Hill e Wang.

Bolton, KK (2002). Inglese cinese: dal gergo cantonale all'inglese globale. World Englishes , 21 , 181-199.

Holm, JA (2000). Introduzione ai pidgin e ai creoli . Cambridge: Cambridge University Press.

Lamb, TD, Collin, SP, e Pugh, ER (2007). Evoluzione dell'occhio vertebrato: opsine, fotorecettori, retina e coppetta oculare. Nature Reviews Neuroscience , 8 , 960-975.

Trachsel, M. (2010). Unicità umana nell'era della ricerca linguistica delle scimmie. Società e animali: Journal of Human-Animal Studies , 18 , 397-412.

Solutions Collecting From Web of "È molto tempo che non ci si vede"