Modifiche alle linee guida dietetiche necessarie per preservare la nostra sanità mentale

Come migliorare e ripristinare la fiducia nella politica nutrizionale degli Stati Uniti: la visione di un psichiatra.

USDA/public domain (modified)

Fonte: USDA / dominio pubblico (modificato)

Dal momento che l’ultima incarnazione delle Linee guida dietetiche per gli americani è stata rilasciata dall’USDA nel dicembre 2015, un dibattito ha imperversato sul processo scientifico (o sulla sua mancanza) utilizzato per generare le politiche nutrizionali che dettano il modo in cui scuole, ospedali e altre istituzioni alimentano persone, e come la gente di tutto il paese pensa al cibo. In risposta alle critiche diffuse, l’USDA ha chiesto commenti pubblici sulle raccomandazioni di questo mese e ha ricevuto migliaia di osservazioni.

Ho studiato le linee guida in modo approfondito e ho scoperto innumerevoli incoerenze, omissioni, pregiudizi ed errori all’interno di questo documento di 144 pagine che mi causano grande preoccupazione, sia come cittadino americano che come psichiatra specializzato in nutrizione. [Per la mia critica tragicomica del rapporto del comitato consultivo sulle linee guida dietetiche 2015, su cui si basano le linee guida, vedere: Linee guida dietetiche USA pericolose per la salute? ]

Sono convinto che le nostre raccomandazioni nutrizionali nazionali pongono rischi significativi per la salute del cervello che la nostra società non può permettersi emotivamente o finanziariamente. Per questo motivo, sto condividendo il commento che ho presentato all’USDA qui, nella speranza che possa aiutare a far luce sulle controversie a portata di mano e suggerire una via più sana.

ARGOMENTO: Quanto bene le variazioni del modello alimentare USDA soddisfano le raccomandazioni nutrizionali per bambini e adulti?

Grazie per l’opportunità di fornire un feedback sul processo di generazione di linee guida dietetiche negli Stati Uniti. Sto scrivendo di non contestare alcuno schema dietetico, bevanda, integratore o sostanza nutritiva, ma piuttosto di mettere in discussione (e fare suggerimenti costruttivi) sul processo complessivo con il quale il DGAC genera le nostre linee guida nutrizionali nazionali. L’attuale processo, per sua stessa natura, interferisce con la capacità di arrivare a raccomandazioni significative con il potere di migliorare la salute pubblica e comporta un aumento del rischio di carenza di nutrienti nei bambini e negli adulti di tutte le età.

Come psichiatra specializzato in salute mentale del college che ha studiato e scritto sulla nutrizione negli ultimi dieci anni, mi sono sempre più preoccupato del declino della salute mentale nel nostro paese e sono convinto che il declino della qualità della nostra dieta nazionale stia giocando un ruolo importante in questa crescente epidemia. Sono preoccupato che le linee guida dietetiche della nostra nazione siano parte del problema piuttosto che parte della soluzione. Le nostre linee guida attuali sono contorte, in costante cambiamento e così complesse da richiedere 144 pagine di spiegazione. Questo documento confonde e frustra anche il lettore più avveduto. Abbiamo bisogno di linee guida chiare, trasparenti, coerenti internamente e facili da comprendere e implementare. Appropriate appropriatamente, le nostre linee guida nazionali hanno il potenziale per servire come fonte di conoscenza e responsabilizzazione per tutti gli americani che cercano di vivere una vita lunga e sana. Spero sinceramente che un cambiamento costruttivo e progressivo nel modo in cui le linee guida siano generate migliorerebbe la fiducia del pubblico nel processo e migliorerebbe la salute pubblica.

Il nostro processo attuale per la generazione delle linee guida alimentari nazionali fallisce il popolo americano in quanto:

1. Visualizza l’alimentazione dall’esterno piuttosto che dall’interno.

Attualmente, le linee guida dietetiche si concentrano su alcuni modelli dietetici scelti arbitrariamente per essere in buona salute dai membri del comitato della DGAC. Negli studi clinici sull’uomo, rispetto alla moderna “Standard American Diet” che è ricca di alimenti trasformati, ciascuna di queste diete rappresenta un miglioramento salutare. Tuttavia, ciò non significa che questi schemi rappresentino le diete più sane possibili, ma solo che sono superiori alla dieta non più sana che si possa immaginare . Ci sono innumerevoli altri modelli altrettanto meritevoli di studio che vengono liquidati o non considerati affatto, generando quindi sfiducia nel processo tra le persone che seguono diete diverse che sperimentano come sane. Si potrebbe obiettare che l’attenzione ai modelli alimentari è inutile, data la miriade di modelli possibili. Non avrebbe più senso affrontare le questioni relative alla nutrizione umana dall’interno verso l’esterno, concentrandosi su ciò che il corpo ha bisogno per funzionare correttamente e su come elabora i vari alimenti, e usando queste informazioni per determinare quali alimenti sono maggiormente in grado di soddisfare i nostri comuni requisiti? Linee guida veramente valide andrebbero al di là della raccomandazione di modelli complicati e arbitrari per educare e responsabilizzare le persone a fare scelte più sane nei loro schemi alimentari scelti.

2. Dà priorità all’epidemiologia nutrizionale rispetto ad altri metodi scientifici.

La stragrande maggioranza delle linee guida dell’USDA sono basate su ipotesi generate da studi epidemiologici. L’epidemiologia nutrizionale è una metodologia notoriamente imperfetta, che poggia su questionari di frequenza alimentare intrinsecamente imprecisi che generano associazioni deboli, incoerenti, tendenziose e confuse. In netto contrasto con il fumo di sigaretta o le malattie infettive causate da singoli agenti – esempi di problemi di salute pubblica che sono ben serviti da metodi epidemiologici – ci sono semplicemente troppe variabili nella moderna dieta umana per giustificare adeguatamente questo approccio.

L’epidemiologia nutrizionale è nota per generare associazioni estremamente deboli e incoerenti tra vari alimenti e malattie. In effetti, è stato determinato che l’80% o più di ipotesi generate dall’epidemiologia nutrizionale sono successivamente dimostrate false negli studi clinici. Secondo il mio conteggio, dei 14 membri del DGAC, 9 sono epidemiologi nutrizionali professionali. Pertanto, la maggioranza, in virtù delle professioni scelte, è probabile che sopravvaluti il ​​valore degli studi osservazionali. Fortunatamente, in altri campi della scienza è disponibile una ricchezza di informazioni di alta qualità su cui basare le nostre linee guida nutrizionali, tra cui biochimica, fisiologia, botanica, antropologia, tossicologia e studi clinici sull’uomo.

3. pone un interesse indebito su valori di laboratorio isolati piuttosto che sulla salute generale.

Un eccellente esempio di come l’eccessiva dipendenza dalle associazioni epidemiologiche disinforma la politica alimentare è l’attenzione per LDL. Nella scuola di medicina siamo stati saggiamente insegnati a “curare il paziente, non il test di laboratorio”. Sta diventando gradualmente chiaro che la relazione tra test del colesterolo e malattie cardiovascolari è complessa e che i livelli di LDL non frazionati sono i predittori più deboli della futura cardiopatia ( rispetto ai livelli di HDL e trigliceridi). Tragicamente, la nostra ossessione decennale per la riduzione delle LDL ci ha distratto dalla ricerca di cause alla radice delle malattie cardiovascolari quali infiammazione, ossidazione, calcificazione, resistenza all’insulina e disfunzione endoteliale.

L’attenzione alla riduzione delle LDL ha anche portato alla strana e pericolosa raccomandazione dell’USDA di sostituire i grassi saturi naturali con oli di semi raffinati prodotti industrialmente, come oli di semi di soia e semi di cotone. Questi oli moderni tendono ad essere estremamente alti nell’acido linoleico (LA), l’acido grasso essenziale omega-6 necessario per il montaggio di una risposta infiammatoria a lesioni e infezioni. L’acido linoleico è facilmente ottenibile da alimenti sia vegetali che animali, quindi non è necessario fare di tutto per ottenerne di più consumando oli di semi raffinati.

Inoltre, è ampiamente dimostrato nella letteratura scientifica che un eccesso di acido grasso omega-6 compete e riduce la disponibilità di preziosi acidi grassi omega-3 (vale a dire, EPA e DHA). L’EPA genera molecole anti-infiammatorie necessarie per risolvere e curare il danno cellulare. Quando i prodotti EPA sono in minoranza rispetto ai prodotti LA, l’infiammazione – la pietra angolare della maggior parte delle malattie croniche – predomina. Il DHA comprende il 20% del contenuto di grasso del cervello ed è fondamentale per lo sviluppo corticale e la mielinizzazione, nonché per la struttura e la funzione dei fotorecettori retinici, delle cellule cardiache e delle membrane mitocondriali in tutto il corpo. EPA e DHA sono molto più difficili da ottenere dalla maggior parte delle diete onnivore standard in quanto sono presenti negli alimenti e nei grassi animali marini e pastorizzati e non esistono nei cibi vegetali . È noto che il corpo umano converte in acidi grassi omega-3 molto piccoli, se non addirittura vegetali, nell’EPA e nel DHA che il nostro corpo richiede, quindi dobbiamo consumare fonti preformate di questi acidi grassi essenziali direttamente dagli alimenti animali (o prendere integratori). La concentrazione fuori luogo sull’LDL e l’inutile elusione del grasso saturo hanno portato a linee guida che involontariamente contribuiscono all’esaurimento del DHA dai nostri cuori e cervelli e EPA dal nostro sistema immunitario, preparando il terreno per l’infiammazione diffusa e le malattie croniche.

4. Visualizza chiare prove di pregiudizi pro-impianto.

Il DGAC più recente era troppo omogeneo in quanto le filosofie dietetiche basate sulle piante erano eccessivamente rappresentate a scapito di altri punti di vista. Dei 14 membri della DGAC, 9 avevano condotto studi incentrati sui benefici per la salute di ingredienti vegetali e / o diete a base vegetale e due avevano scritto libri che promuovono diete a base vegetale. Pertanto, la maggior parte di questi ricercatori ha puntato le loro carriere almeno in parte sulla teoria che gli alimenti vegetali sono superiori ai cibi animali. I pregiudizi pro-pianta (sia consci che inconsci) all’interno del comitato probabilmente oscuravano la sua capacità di valutare e confrontare oggettivamente le qualità nutrizionali degli alimenti vegetali e animali, dando come risultato linee guida che dovrebbero limitare gli alimenti animali e sforzarci di consumare grandi quantità di alimenti vegetali .

Pertanto, il comitato si è trovato nella vergognosa posizione di raccomandare esplicitamente che fino al 50% del nostro consumo quotidiano di grano si presenta sotto forma di cereali raffinati arricchiti, nonostante la schiacciante evidenza che i carboidrati raffinati sono estremamente malsani. Il fondamento logico di questa assurda posizione è che senza questi alimenti trasformati fortificati i modelli dietetici “sani” contenuti nelle linee guida mancherebbero di importanti nutrienti essenziali che sono difficili da ottenere da alimenti vegetali, ma facili da ottenere da alimenti animali, come Vitamine del gruppo B. In che modo gli esseri umani hanno ottenuto nutrienti essenziali prima dell’invenzione degli alimenti trasformati? Questo è il tipo di domanda di senso comune che non viene posta come parte del processo attuale.

Il consumo di carboidrati raffinati può portare a livelli di insulina cronicamente elevati, che promuovono l’infiammazione, l’ossidazione e la resistenza all’insulina in tutto il corpo, inclusa la barriera emato-encefalica. La resistenza all’insulina, che ora colpisce oltre il 50% degli americani, è una forza trainante di molte malattie croniche, tra cui l’obesità, il diabete di tipo 2 e il morbo di Alzheimer.

Ulteriori prove problematiche di pregiudizi pro-impianto sono la mancanza di un riconoscimento responsabile e di avvertenze sul rischio di gravi carenze di micronutrienti inerenti alle diete vegane se non adeguatamente e accuratamente integrato. Le linee guida dietetiche di 144 pagine per il 2015-2020 dedicano solo una sola frase alle diete vegane: “Questo modello [vegetariano sano] può essere vegano se tutte le scelte casearie sono composte da bevande fortificate di soia (latte di soia) o altri sostituti del latte vegetali. “Questa semplice dichiarazione che sancisce una dieta vegana non stabilisce chiaramente che i sostituti del latte di origine vegetale debbano essere fortificati con la vitamina B12 e trascura l’importanza della corretta integrazione di PUFA omega-3 a lunga catena (DHA ed EPA) e vitamina K2, che non sono trovato in alimenti vegetali. Non include inoltre avvertenze sui rischi di gravi carenze nutrizionali che sono più comuni tra i vegani rispetto agli onnivori, tra cui: carenza di B12, B2, iodio, zinco, EPA e DHA.

5. Visualizza chiare prove di pregiudizi anti-carne.

Come psichiatra ero curioso di comprendere il ragionamento alla base della conclusione della DGAC secondo cui le diete più basse nella carne rossa riducevano il rischio di depressione. Esistono prove evidenti del fatto che la DGAC non solo ha scelto studi per sostenere la sua posizione nei confronti della carne rossa, ma che ha travisato gli studi che ha scelto di rivedere. Mi sono preso il tempo di leggere tutti gli studi che il DGAC ha citato a sostegno delle sue scoperte e sono rimasto inorridito nel constatare che NON hanno sostenuto l’idea che la carne rossa aumenta il rischio di depressione (!). La mia analisi completa degli studi conclude:

“In sintesi, 16 studi esaminano la carne. Uno di questi suggerisce che la carne aumenta il rischio di depressione, sei di essi suggeriscono che la carne mescolata con cibi spazzatura aumenta il rischio di depressione, studi NINE specificamente scagionano carne, tra cui ENTRAMBI gli RCT, e uno degli RCT ha scoperto che mangiare PIÙ carne rossa era in realtà PROTETTIVO contro la depressione. ”

Il pregiudizio alimentare contro gli animali ha chiaramente impedito alla commissione di valutare obiettivamente e onestamente tutta la scienza disponibile.

6. Non riesce a valutare in modo appropriato e critico la qualità nutrizionale di cibi integrali.

Le linee guida sono incoerenti nel tenere conto dei problemi di biodisponibilità quando si confronta il contenuto di nutrienti di alimenti vegetali e animali. Solo perché un alimento contiene un nutriente non significa necessariamente che possiamo accedervi. È noto che molti alimenti vegetali contengono naturalmente composti che interferiscono con la nostra capacità di digerire, assorbire e utilizzare molti nutrienti essenziali da alimenti vegetali e animali.

Ad esempio, il comitato ritiene che gli esseri umani debbano consumare cereali integrali e legumi per essere sani, eppure non ci sono prove scientifiche che io sia a conoscenza di dimostrare un requisito nutrizionale per i cereali di qualsiasi tipo nella dieta umana. Si presume che i cereali integrali siano salutari a causa della pletora di studi che dimostrano che le diete tra cui i cereali integrali sono più salutari delle diete, compresi i cereali raffinati, non perché ci sono studi che dimostrano che le diete, compresi i cereali integrali, sono più salutari delle diete senza cereali. Quando si osservano da vicino i componenti dei grani, si trova molto poco nel modo di nutrienti (al punto che usciamo dal nostro modo di fortificarli) e quantità significative di anti-nutrienti e tossine naturali inclusi i fitati, le lectine e inibitori della proteasi non presenti negli alimenti per animali. Gli esperti di nutrizione devono fare il duro lavoro di studiare non solo i nutrienti all’interno degli alimenti ma tutti i componenti degli alimenti che influenzano la nostra salute.

Conclusione

La mia salute si è deteriorata seguendo le linee guida dell’USDA; è stato solo abbandonando le linee guida e partendo da zero per imparare la nutrizione da solo, da zero, che sono stato in grado di ripristinare la mia buona salute.

Per generare linee guida dietetiche veramente significative, i futuri comitati devono partire da zero. Per continuare a apportare modifiche a una base intrinsecamente imperfetta composta da deboli associazioni epidemiologiche, ipotesi distorte e modelli alimentari arbitrariamente scelti non migliorerà in modo significativo la qualità del prodotto finale. Abbiamo bisogno di un comitato più diversificato, meno radicato e scientificamente più rigoroso che dichiari apertamente i suoi pregiudizi personali, professionali e finanziari. Non c’è nulla di intrinsecamente sbagliato nel pregiudizio – tutti gli umani hanno i loro pregiudizi – è riconoscendo loro che rimaniamo onesti con noi stessi e gli altri riguardo ai nostri punti ciechi.

Se scegliamo come nazione di pubblicare linee guida nutrizionali altamente influenti che dettano come i nostri ospedali, scuole e altre istituzioni alimentino le persone, allora è mia sincera speranza che i futuri comitati siano composti da individui che rappresentano una diversità di filosofie nutrizionali (dichiarate) che evitiamo l’apparenza di favoritismi alimentari – così come una diversità di discipline scientifiche – anche al di fuori delle scienze nutrizionali, forse anche di diversi rappresentanti di scienze non biologiche – così da evitare il rischio di costruire le nostre linee guida su ipotesi non riconosciute su alimenti che potrebbero dover essere interrogati.

Una commissione responsabile riconoscerebbe apertamente le aree di controversia sulla nutrizione e dubiterebbe di promuovere la ricerca in corso. Se ci preoccupiamo veramente della salute e del benessere dei nostri simili, dobbiamo a noi stessi e agli altri rimanere incuriositi e aperti. Dobbiamo prenderci il tempo per imparare e apprezzare come gli alimenti che scegliamo di mangiare operano all’interno del corpo umano, per capire ed essere onesti sui reali rischi e benefici delle diete che mangiamo personalmente e raccomandiamo professionalmente, e per riconoscere i limiti del nostro conoscenza. Più sano è il processo, più sana sarà la nostra nazione.

Solutions Collecting From Web of "Modifiche alle linee guida dietetiche necessarie per preservare la nostra sanità mentale"