Modi Il sistema di ricompensa e pianificazione può andare male – Parte 1

In un post precedente, ho suggerito che esiste un percorso o ciclo neurologico che mantiene il centro di ricompensa e il centro di pianificazione del cervello in contatto continuo e immediato. Ho fatto riferimento a questo ciclo di informazioni come sistema di ricompensa e pianificazione e ho proposto cinque elementi – ciascuno con una specifica domanda cognitiva – del sistema:

  1. Anticipare l'obiettivo finale
  2. Identifica le attività e le attività secondarie
  3. Sequenza e risoluzione dei problemi attorno a probabili ostacoli
  4. Blocca le distrazioni
  5. Ottieni la ricompensa

Quindi se il sistema nervoso ha questo utile ciclo di ricompensa e pianificazione, allora perché non sto ottenendo esattamente quello che voglio tutto il tempo? Ho chiesto ai lettori di contattarmi per le loro più grandi sfide nel raggiungere i loro obiettivi più importanti e ottenere risposte generose e utili. Quello che segue è un mix di ciò che mi hanno detto e di ciò che ho notato nella mia vita e nel mio lavoro clinico. Ho molte risposte da parte del lettore e voglio condividere il meglio con te, quindi ho intenzione di suddividerlo in tre post qui su Psychology Today.

Modi il premio e il sistema di pianificazione possono andare male

Prevedibilmente, frequentemente, notevolmente sbagliato. Per realizzare un obiettivo, dozzine di cose devono accadere nel modo giusto. Ma per non raggiungere il nostro obiettivo, è necessario un solo pezzo per andare a monte. Il successo dipende da una specifica "ricetta" o da una combinazione di attività secondarie ben preparate e completate. Allo stesso modo, il mio modo di non fare le cose in tempo, sempre, richiede una formula specifica. Ed è diverso dal tuo modo di non ottenere esattamente quello che vuoi.

Per "allenare" te stesso o per guidare i clienti e gli studenti che sostieni, potresti iniziare con una revisione del sistema di ricompensa e pianificazione e vedere dove le cose sono andate fuori raggio. E ci sono alcuni punti prevedibili nel sistema in cui molti di noi sbagliano.

# 1 – Anticipa l'obiettivo finale

Possiamo pensare alla parte posteriore del cervello – il tessuto che condividiamo in comune con molti altri animali – come a rappresentare " ciò che è ". I fatti qui e ora del nostro ambiente e della nostra situazione. I lobi frontali, però, fanno la cognizione di " ciò che potrebbe essere " – creando rappresentazioni mentali di ciò che potrebbe essere diverso. Immaginando un mondo diverso per noi stessi.

E questo è il primo passo del sistema di ricompensa e pianificazione: immaginando cosa esattamente vogliamo. Come vogliamo sentirci e come questo sia diverso da quello che sto provando in questo momento. È uno dei primi passi fondamentali nel counseling. Dopo aver identificato le tue più grandi sfide e problemi qui-e-ora, beh, come ti piacerebbe che fossero le cose?

Questo primo lavoro richiede immaginazione e creatività. Non è difficile identificare e nominare i problemi. Ma inventare un nuovo modo di sentire – che richiede coraggio, ottimismo e speranza. È necessaria anche una certa misura di intuizione e conoscenza di sé.

Molte persone trovano i loro migliori desideri contrastati da coloro che li circondano. Le persone importanti nel loro ambiente sociale non sono di supporto o addirittura proibitive. Le convenzioni sociali possono disapprovare o punire le nostre aspirazioni. Quindi, anche se abbiamo colto una visione chiara di ciò che vogliamo per noi stessi, potremmo non ottenere la cooperazione e il supporto di cui abbiamo bisogno. E alcuni di noi sono sensibili anche a una sottile disapprovazione da parte di familiari e gruppi di pari. Potremmo anche cercare l'approvazione esterna come se fosse importante quanto i nostri reali bisogni e preferenze!

O potremmo avere restrizioni finanziarie e fisiche. Oppure potremmo essere troppo occupati con gli impegni e gli obblighi attuali per riflettere seriamente su cosa verrà dopo. La crisi di mezza età e la delusione del "nido vuoto" sono più probabili quando abbiamo permesso alle attuali responsabilità di distrarci dalla nostra vita interiore. Dal chiedere "come sto? Cos'altro ho bisogno qui? "

Infine, non siamo tutti ugualmente in grado di introspettici, e non tutti noi ci sentiamo a nostro agio con la conoscenza di sé. Alcuni di noi non sono nemmeno consapevoli di essere un po 'delusi, stressati o infelici.

Alicia R. Ruelaz, MD è una psichiatra e autrice di Is It ADHD o My iPhone? Lei mi dice che nella sua esperienza:

"Il più grande problema per me, e altri che ho visto, è stato mantenere la motivazione tra l'eccitazione di stabilire un obiettivo e non perdere interesse prima che sia completata.

Jacy, artista freelance del Connecticut, afferma:

Sono così entusiasta di una nuova idea, che dimentico lo zelo che avevo provato per un vecchio. Così sto creando il mio inevitabile "cimitero delle idee". Sto migliorando, ma richiede disciplina e duro lavoro.

Il commento del Dr. Ruelaz e di Jacy mi ricorda che c'è un mondo di differenza tra il riconoscere una buona idea e perseverare con una buona idea fino alla fine. Molte persone con disattenzione e distraibilità mi dicono che hanno difficoltà a superare la fase dell'infatuazione di un nuovo progetto.

In effetti, molti adulti con ADHD hanno una camera da letto di ricambio che chiamano la "stanza dell'artigianato". È una stanza triste piena di progetti abbandonati e di imprese incomplete. I CD di Tony Robbins. I materiali ad ago. Il kit introduttivo Herbalife. Il DVD non aperto intitolato "Come fare soldi nel settore immobiliare nel 2005".

Quindi ci sono diversi ostacoli qui in questo primissimo passo del sistema di ricompensa e pianificazione. E uno di questi ostacoli può ostacolare l'intero progetto. Se non ottengo esattamente quello che voglio, tutto il tempo , potrebbe essere uno di questi problemi con questo primo passo?

2: identifica le attività e le attività secondarie

Ok, quindi se hai superato la mina delle sfide del passaggio 1, consideriamo il modo in cui passare agli obiettivi può ancora essere sventato al passaggio 2. Sai cosa vuoi per te, ora quali sono alcune strategie per "arrivarci"?

Alice, organizzatore professionista e allenatore di Long Island, offre questo:

"La differenza tra un sogno e un obiettivo è un piano. La pianificazione è il vero problema. È la miriade di passaggi TRA il punto A e il punto B che non si verificano. Ecco perché un allenatore può essere così importante per le persone con ADHD. Un allenatore può aiutare la persona a sviluppare un piano passo-passo e aiutare la persona a decidere quali passi possono e si completeranno (quelli entusiasmanti) e quali passi sono meglio assoldare o chiedere a qualcun altro di fare (quelli noiosi) “.

Questo sforzo prende, francamente, una certa misura della potenza intellettuale di base. Il genio non è un requisito, ma le chiare limitazioni nella risoluzione dei problemi possono limitarci qui. È necessaria anche una certa memoria di lavoro per le immagini di giocoleria e cosa succede se nelle nostre teste. Avremo bisogno di avere una buona padronanza della "lavagna a secco" nella nostra immaginazione per provare le idee nella fantasia prima di tentare una di queste cose nel nostro reale ambiente fisico.

Trent, un negoziatore di ostaggi con il suo dipartimento di polizia locale, ha risposto al mio ultimo post con questo:

"Ho studiato il comportamento umano e il processo decisionale per diversi anni e ho (osservato che) … la capacità di una persona di prendere una decisione è direttamente correlata a due fattori molto critici. Prima la sua capacità di prevedere i risultati futuri della decisione: il suo Orizzonte del Tempo . Secondo la sua capacità di analizzare tutte le opzioni di decisione presentate. Questi due fattori spesso lavorano l'uno contro l'altro. Quando l'orizzonte temporale di una persona si riduce, viene applicato uno stress. Più stressante è la circostanza, più il suo Time Horizon si restringe. Quando la decisione di una persona diventa importante, il suo livello di stress aumenta e la sua capacità di analisi è compromessa. "

E il ruolo dell'intuizione e dell'intelligenza emotiva merita di essere menzionato anche in questa fase. Mentre lancio le gomme delle potenziali strategie, chiedo informazioni sulla bontà dell'adattamento. Posso davvero farlo? Questo mi porterebbe davvero al mio obiettivo finale? Data la mia storia di esperienze, quale sarebbe il probabile risultato di questo o di quel potenziale corso d'azione?

Il pensiero eccessivamente convenzionale è un altro ostacolo principale per far decollare questa fase del sistema di ricompensa e pianificazione. Google "angurie quadrate" e fare clic sulle immagini . Presentato con la sfida di trasportare i cocomeri non sono sicuro che mi sarebbe venuta l'idea di coltivare meloni quadrati.

Continua

Qualsiasi compito complesso richiede uno sforzo enorme e notevole nel tempo. Se ti incontro ad una festa e mi presenti alla tua fidanzata, o mi dici che hai appena finito un programma di flebotomia, o mi mostri la tua nuova macchina, saprò che sei stato in grado di dimostrare le capacità esecutive per superare tutti gli ostacoli che i miei lettori e io abbiamo identificato sopra. I partner romantici, i gradi di flebotomia e le macchine non cadono semplicemente nel camino. E se ti incontro ad una festa e mi dici che non hai ancora la fidanzata o il certificato o il veicolo, forse possiamo identificare perché no. Ancora.

Ma ci sono ancora più ostacoli e complicazioni. Rimanete sintonizzati.

foto: pezzi del puzzle PR

Solutions Collecting From Web of "Modi Il sistema di ricompensa e pianificazione può andare male – Parte 1"