Ménage à Trois: sesso, demenza e la legge

Ci sono eventi nella vita che sono più colorati della realtà in bianco e nero dei nostri principi morali. La realtà monocromatica del nostro mondo morale è talvolta superata dalla natura technicolor della realtà. Le persone che soffrono di demenza espongono alcuni di questi strati di problemi morali.

Il caso recente di un marito che avrebbe continuato a fare sesso con sua moglie quando era in una casa di riposo ha portato alla luce lo spettro dei colori di questo problema. Questa è la storia di Donna Lou Young e Henry V. Rayhons a Duncan, Iowa. Una settimana dopo la sua morte, all'età di circa 79 anni, Henry fu accusato di aver violentato Donna in una casa di cura dove alloggiava. Come per le accuse di stupro, ci sono prove e l'esposizione di comportamenti che erano destinati a rimanere a porte chiuse nella camera da letto. Alla fine Henry fu dichiarato non colpevole, ma il danno emotivo diminuì la sua dignità, la sua umanità da marito. Questo caso solleva domande su chi sei quando ti viene diagnosticata la demenza e, cosa più importante, su ciò che la legge ti permette di fare, o consentire ad altri di fare con te.

CBS News
Fonte: CBS News

Quella stessa settimana c'è stato il caso di un signore della Camera dei Comuni con prove sufficienti di abusi sui minori, ma non è stato portato in tribunale perché aveva la demenza. Greville Janner, ora Lord Janner, era un pedofilo molto attivo, accusato di 22 reati sessuali di aggressioni e calunnie indecenti durante il 1969 e il 1988, che coinvolgevano nove bambini nelle case dei bambini gestite dallo stato. Nonostante sia rimasto un membro attivo della Camera dei Lord partecipando alle riunioni, il direttore dei procedimenti pubblici, Alison Saunders – simile al procuratore distrettuale / municipale statunitense – ha ritenuto "contrario all'interesse del paese" perseguire un probabile pedofilo perché era soffre di demenza.

La demenza può proteggere e denunciare le imperfezioni della legge. Ma a volte il problema non è la persona che soffre della malattia, ma i loro cari. Il sesso nelle case di cura comporta un'ulteriore dimensione dell'età. La convinzione monocromatica è che gli anziani non dovrebbero fare sesso, specialmente quelli con demenza. Ma questo atteggiamento nega la storia, l'esperienza, l'espressione e la dignità della gente.

Il caso al Windmill Manor di Itoralville, Iowa, dove due pazienti con demenza si sono coinvolti emotivamente e fisicamente, con l'evidente beneficio di entrambi, ha portato la coppia a separarsi ei manager della casa di riposo hanno perso il lavoro. Al contrario, quando si accetta che la demenza è una malattia che erode la tua memoria e chi sei, c'è accettazione di tali difetti fisici. Giustizia della Corte Suprema Sandra Day O'Connor, l'accettazione della relazione del marito con una donna residente nella stessa casa di riposo è una realtà in technicolor. Una situazione che è stata immortalata nel racconto del 1999 di Alice Munro "L'orsetto è sopravvissuto alla montagna". A volte si apprezza che il sesso possa essere una forma di comunicazione che rimane tra molte forme di espressione morte. Se apprezziamo e comprendiamo questo, fino a che punto andremo a soddisfare i bisogni di un paziente demente? Sesso e religione spesso si buttano alla testa, ma quando è la persona amata sosterrai i loro bisogni. Il caso australiano di una figlia di un residente di una casa di cura di una demenza che procura una prostituta a suo padre con la benedizione del personale della casa di cura potrebbe sembrare liberale, ma cosa succederebbe se la casa di cura fosse una delle tante gestite da organizzazioni religiose?

Queste non sono decisioni morali facili. E ci sono più strati Technicolor che attendono di essere esposti. Gli adulti LGBT più anziani che devono tornare nell'armadio quando entrano in una struttura di residenza assistita o in una casa di riposo. O il residente apparentemente eterosessuale che improvvisamente (ai caregiver) sviluppa un interesse per i residenti dello stesso sesso. E se l'altra persona non fosse un residente ma un badante? E non ignorando l'abuso sessuale dei residenti con demenza da parte dei loro caregivers.

La legge ha sempre interferito con il sesso, ed è sempre stata dalla parte sbagliata della storia. Il sesso con demenza si rivelerebbe un problema morale e legale difficile. La certezza è che il Technicolor della realtà del sesso tra quelli diagnosticati con demenza continuerà a confonderci ea farci abbandonare la nostra morale monocromatica per uno meno rigido con molte sfumature.

© USA Copyrighted 2015 Mario D. Garrett

Solutions Collecting From Web of "Ménage à Trois: sesso, demenza e la legge"