Miti di potere: con il n. 1: tutti possono essere inclusi

I termini power-over e power-with furono coniati nel 1924 da una donna che è stata per lo più dimenticata – Mary Parker Follett, mentre scriveva e faceva lezione sulla teoria e la pratica del management. Il suo approccio, incentrato sulle relazioni umane e sulla collaborazione tra management e lavoratori, era in netto contrasto con le pratiche di gestione mainstream dei suoi tempi, che erano radicate in quella che allora era chiamata gestione scientifica, introdotta da Frederick Taylor.

Non so, né immagino sia facile da rintracciare, come questi termini siano migrati lontano dalla teoria della gestione nel regno dei movimenti di giustizia sociale. Lungo la strada, hanno acquisito lo status di icona. Il power over è diventato un simbolo di dominio, è equiparato alla gerarchia e tende a essere considerato "cattivo". Il potere-con è promosso come l'essere tutto e il fine di tutte le pratiche "buone", ed è spesso equiparato a un'assenza di leadership. Questo è stato un grosso problema nel movimento Occupy: la sua "leadershiplessness" è stata fonte di ammirazione e condanna da parte dei suoi partecipanti e di coloro che lo desiderano, ma che non aderiscono.

Mi sto imbarcando per scrivere questo pezzo e condividere i miei pensieri su questo argomento con una buona dose di trepidazione, il tipo che deriva dalla paura di sconvolgere le persone. Ecco il mio dilemma: sono profondamente impegnato a usare il potere con altre persone e non su altre persone. In effetti, sono avversamente indignato nell'imporre qualcosa a nessuno. Tuttavia, nel corso degli anni ho lavorato con gruppi, sia all'interno di organizzazioni che in comunità, ho iniziato a credere che una certa rigidità circonda questi termini e si traduca in una perdita di efficacia per gruppi e cause che desidero vivamente vedere prosperare.

Ho collezionato ciò che mi sto riferendo qui come "miti" del potere – da qualche tempo. Imparare a identificare e contrastare alcuni di questi è stato un viaggio personale di grande importanza. Ho dovuto estendermi dentro di me, per trascendere la mia avversione all'esercitare un processo decisionale unilaterale, per arrivare a una comprensione molto più umile e più sfumata di come l'uso del potere possa supportare il progetto elusivo di frequentare, come meglio possiamo, ai bisogni di tutti in ogni situazione. Questa umiltà include, in parte, l'accettazione dei nostri limiti umani. È stato doloroso, triste e sobrio. A volte, è stato anche stimolante ed edificante riconoscere e pensare a modi per andare oltre i blocchi fino all'efficacia compassionevole.

La mia paura di scrivere tutto questo non è altro che essere visti come tradire l'ideale e la visione di tenere i bisogni di tutti cari, di perdere il cuore, di rinunciare al sogno e diventare "uno di loro", chiunque "loro" potrebbe essere . Sono ben consapevole che questa paura significa che non ho completato completamente il processo interiore di accettazione di me stesso sul mio modo di pensare e di praticare. Ho aspettato per molti mesi e non voglio più aspettare prima di offrire queste intuizioni nella speranza che possano contribuire agli sforzi degli altri nella navigazione del vecchio e del nuovo e di trovare un percorso che onori davvero la nostra umanità mentre ci muoviamo, con fermezza e scopri come creare un futuro vivibile.

Ho identificato, finora, sei diversi malintesi. Ci vorranno più di un post per coprirli tutti. Oggi mi sto concentrando su uno particolarmente impegnativo.

Mito n. 1: tutti possono essere inclusi

Ho pensato all'inclusione da quando un amico saggio mi ha indicato circa quindici anni fa che l'inclusione totale è impossibile, perché l'inclusione esplicita di tutti così spesso porta all'esclusione implicita di coloro che non possono sopportare i comportamenti di alcuni. Durante i mesi in cui il movimento Occupy stava operando nelle strade, per esempio, molti hanno insistito affinché tutti gli incontri fossero aperti. Ho avuto tanta ammirazione per l'infinita disponibilità di alcune persone a sopportare l'intensità, la natura selvaggia, la difficoltà a mantenere un senso di continuità, i combattimenti e la mancanza di movimento, al fine di mantenere quel principio di apertura. Altri, d'altra parte, lasciarono il movimento in parte perché non potevano tollerare queste esperienze e persero la speranza che il movimento si muovesse ovunque.

La domanda, come la vedo io, non riguarda la possibilità di creare uno spazio in cui tutti siano inclusi. Sono abbastanza fiducioso che non possiamo; almeno non alle condizioni presenti nel mondo in cui così tanti sono stati così affamati di essere ascoltati, perché la loro dignità umana di base sia riconosciuta, per la loro presenza alla materia, che non possono partecipare in modo collaborativo, o non possono tollerare altri 'difficoltà a collaborare.

Quindi cosa facciamo?

Ho riflettuto su queste domande per anni, e non ho ancora raggiunto nulla di abbastanza robusto da servire da guida infallibile. Tuttavia, ho visto troppi gruppi frugare e disintegrarsi a causa della troppa inclusione, e il dolore che ho su questo è abbastanza grande che sono disposto a offrire i miei pensieri incompiuti perché potrebbero innescare più conversazioni e più chiarezza per molti.

La direzione che ho perseguito nell'esplorare ciò si basa sull'imparare ad accettare i nostri limiti. Come organizzatori, leader e membri di gruppi, possiamo venire a patti con le nostre risorse limitate. Per tornare all'esempio di Occupy, semplicemente non c'era abbastanza capacità all'interno degli accampamenti per gestire gli enormi bisogni delle persone che vivevano nelle strade, che avevano avuto rapporti di dipendenza con sostanze, che avevano un diverso rapporto con la realtà rispetto alla maggior parte, o che ha sofferto di gravi traumi. Per quanto possa sembrare che abbandonare il sogno per decidere di tenere fuori qualcuno, mi sembra che sia più onesto riconoscere che a volte semplicemente non abbiamo abbastanza amore e attenzione da fornire a coloro che ne hanno seriamente bisogno. La forma d'arte, ciò che rende questa mia tragica consapevolezza umanamente sopportabile per me, è di mantenere la vera comprensione umile che sono i nostri limiti che rendono necessario escludere qualcuno, non una qualsiasi colpa di quella persona.

Voglio credere che un giorno ci catapuleremo in un modo di vivere in cui semplicemente non ci sono individui con così tanto trauma e angoscia da sfidare tutto intorno a loro. Voglio credere che possiamo trovare modi per circondare le persone con abbastanza amore da poter andare avanti con tutti intatti. Per ora, non vedo che accada abbastanza. Mi fa male il cuore e sono disposto ad accettare questa tragedia per sostenere i gruppi nel continuare a esistere come gruppi.

Le difficoltà individuali non sono l'unica sfida per i gruppi. Un'altra questione fondamentale è la questione dei valori condivisi e della strategia condivisa. Anche questo è venuto in modo potente all'interno del movimento Occupy. Almeno a Oakland, e credo in alcune altre città, le lotte intorno all'adozione o meno della nonviolenza come principio chiave sono diventate schiaccianti per molti. Ancora una volta, sospetto che un buon numero di persone abbia smesso di partecipare perché non hanno potuto sostenere le ripetute discussioni che non hanno mai portato a una risoluzione che tutti potrebbero sostenere. Potrebbe non aver funzionato meglio per partire amichevolmente? Quindi, forse, coloro che si sono dedicati alla protesta non violenta, alla non cooperazione e alla creazione di strutture di potere alternative potrebbero perseguire la loro strategia per ottenere il sostegno popolare alla loro causa. Questo è un caso in cui ciò che appare in superficie come esclusione potrebbe aver dato al movimento una reale possibilità di crescere in popolarità e attirare molte più persone che erano state escluse dalla presenza di coloro che volevano includere strategie conflittuali, anche violente, all'interno la gamma di opzioni che considererebbero.

La questione di come una strategia coerente possa essere formata in un grande movimento senza leader rimane aperta e irrisolta. In qualche punto futuro in questa mini serie o altrove, voglio tornare su questo argomento, perché tendo a credere che l'anti-autoritarismo che esiste in molti movimenti progressisti possa diventare così estremo da impedire il movimento in avanti. Sto ancora digerendo e riflettendo sulla realtà che i grandi movimenti nonviolenti del XX secolo, sia di Gandhi che di Martin Luther King, si basavano sulla stretta osservanza delle regole e dei precetti stabiliti da una leadership molto forte. Niente come quello che vediamo ora. Di gran lunga non sto sostenendo quel modello. Sono abbastanza umile da riconoscere che manca qualcosa nel totale rifiuto della leadership.

Tornando alla questione dell'inclusione, so che, in base alla mia esperienza personale e Occupy, ho cambiato idea. In termini pratici, nei gruppi mi aiuta a iniziare me stesso, ora sono disposto a stabilire le condizioni per l'adesione invece di tenere tutto aperto e ad accettare che a volte un gruppo debba chiedere a qualcuno di andarsene piuttosto che perdere se stesso come gruppo. Come fare tutto questo con amore e cura rimane una domanda aperta per me.

Solutions Collecting From Web of "Miti di potere: con il n. 1: tutti possono essere inclusi"