Miti dello stupro e ricerca della vera giustizia

L'assalto sessuale è un problema di tutti.

Nonostante l'eruzione perenne di storie su come le denunce di aggressioni sessuali siano gestite dalla polizia e dai tribunali, le statistiche attuali continuano a mostrare un quadro desolante. La maggior parte degli assalti non vengono mai segnalati alla polizia, rendendoli difficili da misurare. Secondo il National Crime Victimization Survey del 2016, ci sono stati 431.840 episodi di violenza sessuale o stupro (a seconda della definizione legale utilizzata) negli Stati Uniti nel 2015. Ma stime da altre fonti hanno quel numero molto più alto.

Quello che si sa è che la stragrande maggioranza degli attacchi che vengono denunciati alla polizia non effettuano mai la transizione dall'inchiesta iniziale a un vero e proprio processo. E per le vittime che vedono le loro richieste respinte o ignorate, il danno emotivo e fisico che ne deriva può durare una vita. Sebbene i centri per le crisi di stupro e altre risorse possano fornire consulenza e servizi legali per aiutare le vittime di violenza sessuale, è più importante che mai capire il tipo di ostacoli che le vittime di violenza sessuale possono affrontare, specialmente quando si tratta del sistema di giustizia criminale.

Nella maggior parte delle giurisdizioni, la polizia è tenuta a effettuare un'indagine iniziale su una richiesta di aggressione sessuale per determinare se esistono sufficienti prove da riferire a un pubblico ministero. Tuttavia, solo negli Stati Uniti, dal 73% al 93% di tutte le denunce non procede mai. Sebbene i pubblici ministeri possano spesso decidere di non procedere con un caso a causa di prove insufficienti, il motivo più comune per cui questi reclami vengono sganciati è che la polizia decide di non riferirli a un pubblico ministero in primo luogo.

Secondo molti studi su come le vittime di violenza sessuale vengono trattate dalla polizia, è tutt'altro che insolito che le vittime vengano trattate con incredulità, vengano negati servizi critici e vengano addirittura biasimate per essere state aggredite in primo luogo. Spesso nota come vittimizzazione secondaria, il trauma emotivo che può derivare dal rapporto con gli agenti di polizia scettici può essere devastante quanto l'assalto originale. Questo "secondo stupro", come molte vittime hanno definito le loro esperienze con la polizia, può approfondire i sintomi post-traumatici e contribuire a problemi emotivi e fisici a lungo termine. Non sorprende che la ricerca abbia trovato un collegamento diretto tra l'entità della vittimizzazione secondaria e la probabilità che la polizia non riesca a seguire le denunce.

Un recente studio pubblicato sulla rivista Psychology of Violence esplora la vittimizzazione secondaria che coinvolge la polizia e le convinzioni di base sullo stupro che perpetuano questo tipo di trattamento. Sotto la guida di Jessica Shaw della Boston College School of Social Work, un team di ricercatori ha esaminato i record di polizia scritti in 400 casi in cui sono stati raccolti kit di esami forensi di aggressione sessuale (questi sono stati scelti casualmente dai 10.559 kit raccolti da una forza di polizia del Midwest sul precedenti trent'anni). Dei 400 kit esaminati, solo 248 facevano parte di un fascicolo formale della polizia, mentre il resto non veniva testato o mancava di file appropriati per vari motivi.

Di questi 248 casi, 237 riguardavano una vittima femminile e 11 (4,4%) riguardavano una vittima maschile, ma in tutti i casi aveva almeno un autore maschio. Tutti i casi sono stati esaminati da quattro codificatori che hanno esaminato le dichiarazioni specifiche segnalate dagli agenti di polizia nei file e cosa hanno suggerito in termini di come i miti dello stupro hanno influenzato il modo in cui i casi sono stati gestiti dalla polizia. Lo schema di codifica era basato sui seguenti miti comuni associati all'assalto sessuale:

  • La vittima sta mentendo: se la storia sembrava non plausibile o incoerente, o se la vittima avesse cambiato la sua storia, allora la polizia avrebbe messo in discussione l'intera storia.
  • La vittima ha acconsentito: se la vittima ha acconsentito ad almeno parte dell'attività sessuale nell'occasione per la quale è stata presentata la denuncia o in un'occasione precedente. Ciò include anche casi in cui una vittima è stata violentata da diversi autori, sebbene abbia solo dato il consenso a un autore.
  • La vittima non è ferita: se la vittima mancasse di lividi, segni o altro non apparire spettinata. Ciò includeva anche casi in cui l'aspetto o l'abbigliamento della vittima sembrava "troppo pulito" perché uno stupro si fosse verificato.
  • La vittima non è turbata: se la vittima non ha mostrato le emozioni, la polizia si aspettava che una vittima dello stupro potesse mostrare. Gli esempi comprendevano vittime che non piangevano o che non mostravano evidente preoccupazione per il fatto di essere violentate.
  • La vittima è una prostituta: se la vittima "ha lavorato per le strade" o in altro modo ha preso soldi per fare sesso, i casi di stupro sono stati spesso visti come un "trucco andato a male".
  • La vittima è un uso regolare di alcol e droghe: se la vittima era ubriaca o alta al momento dello stupro, la sua versione degli eventi era spesso scontata. Questo includeva anche le vittime che "odoravano di alcol" o che erano conosciute come utenti abituali.

Un altro mito dello stupro, "la vittima non ha reagito", è stato scartato dai valutatori poiché sono emersi pochi casi che lo hanno eguagliato. C'erano anche affermazioni trovate negli archivi della polizia che non combaciavano con questi miti dello stupro, ma che suggerivano idee preconcette su quale fosse lo "stupro" reale, chi era più probabile che commettesse uno stupro e chi no, oltre a chi era la colpa Per cogliere ulteriori miti di stupro che possono aver influenzato la polizia che si occupa di ogni caso, i casi sono stati ricodificati per identificare possibili motivi per cui la polizia potrebbe aver scelto di non procedere con una denuncia.

Tutto sommato, i risultati hanno identificato 15 diverse sottocategorie di miti dello stupro che hanno influenzato la polizia investigando i reclami. Le categorie aggiuntive erano:

  • La vittima non si è comportata come una vittima in seguito: se la vittima mostrava un comportamento che non sembrava coerente con l'account di stupro, la polizia spesso pensava che stessero inventando. Per esempio, se una vittima ha prima chiamato un taxi dopo essere stata aggredita piuttosto che dalla polizia
  • La vittima ha "fatto questo prima": se una vittima ha denunciato lo stupro in passato, ma non ha seguito l'indagine o ha perso in tribunale.
  • La vittima è "mentale": se una vittima soffre di qualche forma di malattia mentale che lo rende un testimone meno credibile.
  • La vittima è promiscua: se la vittima ha una storia di una notte o di più partner sessuali.
  • La vittima non è credibile: se la vittima ha una storia di menzogna.
  • La vittima non collabora : se la vittima sta intenzionalmente trattenendo informazioni o non collaborando con la polizia.
  • La vittima non ha abbastanza informazioni: se la vittima semplicemente non sapeva abbastanza dell'assalto per permettere alla polizia di trovare l'autore.
  • La vittima non ha informazioni di contatto: nessun numero di telefono o indirizzo permanente per la polizia che lo chiami come necessario.
  • La vittima o il caso è debole: qualsiasi altro fattore che potrebbe rendere la vittima meno credibile, cioè problemi mentali o fisici che potrebbero influenzare il caso.

Tutte e 15 le categorie sono state quindi raggruppate in tre tipi generali a seconda del tipo di dichiarazioni fatte dalla polizia nei file:

  1. Dichiarazioni circostanziali: se la polizia riteneva che determinate circostanze dell'assalto rendessero meno credibile la denuncia per lo stupro. Ad esempio, se la vittima è vista come mentire, non essere ferita o aver dato il consenso. Dei 248 casi esaminati, 63 (25,4%) includevano almeno una dichiarazione circostanziale.
  2. Dichiarazioni caratterologiche : se il denunciante della colza era visto come avente una o più caratteristiche che lo rendevano meno probabile che venisse violentato. Tra questi c'era una storia di abuso di sostanze, era "mentale", era una prostituta o aveva fatto reclami precedenti. Dei 248 casi esaminati, 42 (16,94%) avevano una o più affermazioni caratterologiche annotate.
  3. Dichiarazioni di colpa investigativa: dichiarazioni che danno la colpa alla vittima per il caso che non procede per quanto possibile. Ad esempio, la vittima avrebbe potuto rifiutarsi di collaborare, non fornire informazioni sufficienti, ecc. Fondamentalmente, tutto ciò che potrebbe indebolire sufficientemente il caso perché la polizia si rifiuti di procedere. Questa era la categoria più popolare, con il 41% dei file di casi con almeno una dichiarazione di colpa o addirittura tre in alcuni casi.

Sulla base di questi risultati, Jessica Shaw e i suoi coautori hanno concluso che la polizia si basa regolarmente sui miti dello stupro nel giudicare se un caso debba essere riferito a un pubblico ministero. Questi miti di stupro si concentravano tipicamente su ciò che sembrava uno "stupro" reale, indipendentemente dal fatto che ci fosse o meno una vittima "legittima", o che era da incolpare per quello che era successo. Come spesso accade, quasi tutti i miti dello stupro identificati corrispondono alle affermazioni usate nelle scale di accettazione del mito dello stupro utilizzate in precedenti studi di ricerca e aiutano a dimostrare quanto possano essere prevalenti queste credenze sullo stupro. Questi risultati evidenziano anche quanto spesso la polizia faccia affidamento sulla "colpa della vittima" per giustificare la mancata investigazione dei reclami nel modo più assoluto possibile.

Considerato quanto siano comuni queste convinzioni sullo stupro in molte forze di polizia, è molto più facile capire la vittimizzazione secondaria spesso vissuta da uomini e donne che riferiscono di essere stati violentati. Questi evidenziano anche la necessità critica di un migliore addestramento sessuale da parte della polizia e una migliore educazione per mostrare quanto possano essere inaccurati i miti dello stupro. La formazione può anche aiutare gli agenti di polizia a evitare le domande spesso traumatiche che le vittime ricevono, nonché a garantire un maggiore coinvolgimento degli operatori di sostegno della comunità a fungere da difensori per le vittime che potrebbero non essere in grado di difendersi da sole.

In definitiva, le vittime di violenza sessuale spesso affrontano una strada lunga e angosciante prima di raggiungere qualsiasi tipo di giustizia. Imparare a superare i miti dannosi che circondano lo stupro è un primo passo essenziale per apportare cambiamenti reali sia all'interno del sistema giudiziario criminale che nella società nel suo complesso.

  • "Non parlare agli estranei", consiglio peggiore mai?
  • Serie di auto-inganno: repressione e rifiuto
  • Perché NON chiamare il trauma da guerra una malattia mentale?
  • Stai semplicemente trattando i tuoi sintomi?
  • Amare ciò che odia e odia ciò che ami
  • Brian Williams dovrebbe fare una storia sulla falsa memoria?
  • Avere una figlia, diventare una donna
  • Cosa c'è dietro quella porta? Solo vita.
  • Il genocidio ruandese
  • Conformità e Defiance
  • Il tuo bambino farà parte del danno collaterale del divorzio?
  • Il dolore e l'arte: l'atto d'amore di un superstite
  • Veterani legati al college
  • La scarsità di personale sottintende i residenti di cure a lungo termine
  • Gli effetti di una cattiva relazione precedente
  • Svegliarsi dalla guerra e guarire i nostri guerrieri feriti
  • 7 modi per calmare la tua mente preoccupata e ridurre l'ansia
  • L'ABC della costruzione di abilità di coping nei tuoi studenti
  • Come far fronte a PTSD
  • PTSD diventa (più) complesso nel DSM-5: parte II
  • Il prezzo doloroso dei bambini problematici
  • Sull'inconsolabilità del dolore
  • Disturbi dell'umore, demenza e calcio: sicurezza prima di tutto?
  • Il grande maestro: come il cancro può portare alla trasformazione personale
  • Comprendere e lavorare con Flashback, seconda parte
  • Sei collegato per la resilienza?
  • Aurora Aftermath: cercare di capire le azioni di Dastardly
  • PTSD
  • David Walker su popolazioni indigene e salute mentale occidentale
  • Stato impone i suoi standard su VA
  • Come recuperare da un affare emozionale online
  • Grandi folle scorrono come l'acqua in modi incredibili (e terrificanti)
  • Depressione tra uomini: è tempo di cancellare lo stigma
  • Death Cleaning ti aiuta a liberare il disordine emotivo
  • 5 modi per aiutarmi con la mia rottura
  • Un circolo vizioso: abusi domestici, senzatetto, traffico