Miti del linguaggio del corpo

Il primo mito afferma che, poiché ora sappiamo molto del linguaggio del corpo, è facile individuare un bugiardo. Il secondo mito, ed è esattamente questo, un mito, è che l'avversione agli occhi è indicativa di inganno.

A partire dagli anni '70 i cosiddetti esperti di linguaggio del corpo iniziarono a farfugliare che il linguaggio del corpo era la chiave per determinare se qualcuno stesse mentendo. Entrambe le forze dell'ordine e il pubblico generale hanno acquistato questo, e anche oggi, con spettacoli come "Lie to Me" di Fox Television, il mito continua.

Nel 1985, Paul Ekman e altri ricercatori hanno esaminato questo mito e hanno scoperto che molti di noi non sono migliori del caso (50/50) nel rilevare l'inganno e pochissimi di noi superano il caso. Ciò che viene spesso scambiato per segni di inganno (naso che tocca, bocca che copre, chiusura degli occhi, voce acuta, ecc.) Sono davvero ciucci che ci aiutano ad alleviare lo stress. Questi comportamenti pacificatori sono impiegati sia dai colpevoli che dagli innocenti per alleviare lo stress di un'intervista. Il lavoro di Ekman è stato replicato molte volte e rimane assiomatico, noi umani non siamo molto bravi a scoprire l'inganno, persino gli agenti dell'FBI come me.

Il pericolo di questo mito per la società si manifesta quando gli ufficiali di polizia male addestrati percepiscono comportamenti pacificatori o comportamenti di disagio, come descrivo in "Ciò che ogni corpo sta dicendo", come mentendo. Questo spesso porta a più asserzioni che l'intervistato sta mentendo o tecniche più aggressive che sicuramente aumenteranno i comportamenti pacificatori e quindi ne consegue un circolo vizioso.

Ora abbiamo sufficienti esoneri del DNA per mostrarci che le persone interrogate dalla polizia confesseranno e firmeranno delle confessioni per porre fine allo stress del processo di intervista, anche quando non hanno commesso il crimine. Nella maggior parte degli esoneri del DNA, gli agenti di polizia hanno continuato a seguire incessantemente l'intervistato per ore, contribuendo allo stress e all'eccitazione limbica, che erano stati percepiti erroneamente dagli stessi ufficiali dei non verbali associati alla menzogna. Il caso del Central Park Jogger è un esempio di ciò che accade quando i poliziotti confondono i non verbali per i segni di inganno e perseguono inesorabilmente una confessione piuttosto che la verità. In questo caso 5 ragazzi hanno servito fino a 13 anni. Furono poi rilasciati quando fu determinato definitivamente che qualcun altro aveva commesso il crimine (corroborato da DNA e una confessione verificabile).

C'è una seconda preoccupazione associata a questo e cioè che le giurie credono che i comuni miti sulla menzogna e l'inganno, spesso si associano (toccando il collo, torcendosi le mani, toccando il viso) con l'inganno. Ho sentito giurati, dopo il processo, menzionato il fatto di aver visto vari comportamenti pacificatori e averli equiparati alla menzogna. Mi ha sempre fatto pensare a quante persone nella storia sono finite in prigione, o peggio sono state messe a morte, perché i loro corpi stavano semplicemente trasmettendo: "Sono nervoso, sono stressato", ma la giuria o il giudice la percepiscono come un inganno.

Il secondo mito non verbale che permea ancora ha a che fare con l'evitamento degli occhi. Durante le conversazioni o durante le interviste, l'evitamento degli occhi è erroneamente associato al pubblico con l'inganno. Nulla potrebbe essere più lontano dalla verità.

Il ricercatore notorio Aldert Vrij trovato e altri hanno anche verificato; le persone che abitualmente mentono, questo include i tuoi confini, istrionismo, antisociali, personalità machiavelliche e i tuoi psicopatici, in realtà si impegnano in un maggiore contatto visivo. Perché? Perché sanno che cerchiamo questo comportamento e vogliono essere sicuri che stai comprando la loro bugia. Una persona sincera può meravigliarsi con gli occhi perché non c'è bisogno di convincere, solo di trasmettere.

L'avversione agli occhi è sia personale che culturale. Ad esempio, puoi trarre grande conforto personale nel ricordare fatti o un'esperienza emotiva distogliendo lo sguardo da qualcuno e concentrandosi su qualcosa di distante o guardando verso il basso. L'aspetto culturale ha a che fare con ciò che ci viene spesso insegnato. Per esempio, in America Latina e tra gli afroamericani, nei bambini viene inculcato che quando vengono castigati o abbigliati da una figura autoritaria devono evitare di guardare l'autorità superiore negli occhi. Questo è il modo in cui mostri di essere contrito e umile.

Questo mito sulla persistenza degli occhi persiste e ha di nuovo implicazioni sociali e legali. Nei contesti sociali è percepito come qualcuno che è facilmente distratto o che ha una mancanza di interesse. In un ambiente legale ho visto agenti di polizia dire ai giovani afro-americani, "guardami", quando i giovani uomini erano contriti e umili. Questa mancanza di comprensione e ignoranza può avere effetti sociali lievi, ma può anche degenerare in permeazioni più brutte in cui gli individui sono evitati o accusati di qualcosa semplicemente perché esercitano l'avversione degli occhi.

______________

Per ulteriori informazioni si prega di consultare la bibliografia qui sotto o scrivermi attraverso www.jnforensics.com per una bibliografia più completa sul linguaggio del corpo e sulle comunicazioni non verbali. Altri post di Psychology Today sull'argomento si trovano sotto Spycatcher o puoi seguirmi su Twitter: @navarrotells. Joe Navarro è un ex agente, autore e docente dell'FBI.

Bibliografia

Navarro, Joe. 2010. Più forte delle parole . New York: Harper Collins.

Navarro, Joe. 2008. Che cosa sta dicendo ogni corpo . New York: Harper Collins.

Copyright © 2009-2010, Joe Navarro

Solutions Collecting From Web of "Miti del linguaggio del corpo"