Miti debunking su dipendenza e recupero

Come direttore clinico di un conglomerato di salute mentale relativamente grande che si specializza, in larga misura, nel trattamento della dipendenza, sono costantemente stupito dalla quantità di disinformazione attualmente in circolazione per quanto riguarda le cause, la natura, le conseguenze e il trattamento delle dipendenze. Inoltre, sono rattristato dall'effetto che molti di questi miti hanno sulle persone che hanno a che fare con la dipendenza – in primo luogo il fatto che questi individui ammettono di avere un problema, sono vergognati e stigmatizzati a molti livelli da familiari, amici , i datori di lavoro e la società in generale, che spesso ritarda o impedisce loro di cercare l'aiuto di cui hanno così disperatamente bisogno.

Adi Jaffe, ex tossicodipendente alla metamfetamina e tossicodipendente condannato, ora psicologa e ricercatrice addetta alla dipendenza, ha scritto sulla CNN sulla sua esperienza con pregiudizi contro i tossicodipendenti:

Ho ancora bisogno di finire tre anni di test antidoping prima di poter ottenere una licenza di psicologia statale, nonostante il fatto che abbia già conseguito un dottorato di ricerca, sia stato libero da droghe per 10 anni, abbia completato con successo un programma di riabilitazione dalla droga, e ha subito tre anni di precedenti test anti-droga.

Il fatto che i tossicodipendenti rischino non solo il degrado sociale e familiare, ma restrizioni legali su alloggio, guida, custodia dei figli, licenze professionali e professionali, ecc. Possono tenere molti "nell'armadio" con il loro problema, anche quando sanno di avere un problema e vorrei affrontarlo. In effetti, le ricerche condotte da Jaffe e diversi colleghi mostrano che lo stigma e la vergogna sono ostacoli significativi per i tossicodipendenti che cercano inizialmente un trattamento. Come tali, molti tossicodipendenti mantengono le cose tranquille il più a lungo possibile – troppo vergognose e / o timorose di stigmatizzazione per cercare assistenza – scegliendo invece di continuare nella loro dipendenza fino a quando non subiscono conseguenze negative così significative che le persone intorno a loro intervengono e spingono finalmente verso la riabilitazione e il recupero. È interessante notare che questo stesso studio scopre che l'educazione sulla dipendenza, in particolare le informazioni che possono essere consultate in modo anonimo attraverso le fonti online, aiuta a ridurre la barriera vergogna / stigma, aumentando la probabilità di trattamento.

Sapendo questo, mi piacerebbe fornire un po 'di quella educazione affrontando sei dei miti più comunemente ripetuti e dannosi sulla dipendenza e il recupero. Speriamo che questa informazione possa aiutare almeno uno o due tossicodipendenti a superare la loro vergogna e le paure di ammettere un problema e cercare aiuto.

  1. I tossicodipendenti sono facili da individuare: quando la maggior parte delle persone pensa alla dipendenza, immagina uomini brizzolati vestiti con abiti sporchi che passano sotto ponti condividendo bottiglie di vino e aghi. In verità, solo una piccola percentuale di tossicodipendenti si adatta a questo stereotipo di basso-basso. La maggior parte lavora molto duramente per mantenere le apparenze, principalmente perché non vogliono che gli altri sappiano e quindi cercano di limitare la loro dipendenza. La stragrande maggioranza dei tossicodipendenti è "funzionale", con lavoro e famiglie amorevoli. Questo, tuttavia, non significa che non siano emotivamente isolati e miserabili. È sfortunato che la credenza in questo mito di Skid Row spesso induca i medici, i terapeuti e le persone care a ritardare gli interventi finché i tossicodipendenti non hanno "toccato il fondo" ed è innegabilmente ovvio che c'è un problema serio. Questo gioco di attesa è controproducente. La gravità delle conseguenze non è correlata al successo nel recupero e non è necessario rimandare le cose fino a un momento disperato. Infatti, prima si verifica un intervento, meglio è. Per suggerimenti su come iniziare un intervento, clicca qui.
  2. La dipendenza richiede una sostanza: una percentuale crescente di tossicodipendenti non è agganciata a nessuna sostanza. Invece, hanno una dipendenza comportamentale (o processuale), come il gioco d'azzardo compulsivo, la spesa compulsiva o la dipendenza sessuale. Questo concetto ha più senso quando si capisce la vera natura della dipendenza: i tossicodipendenti non usano per sentirsi meglio e divertirsi (anche se probabilmente il loro uso è iniziato in quel modo); invece, usano per fuggire da e / o per controllare ciò che sentono. In breve, vogliono evitare il disagio emotivo e il dolore di sottostanti disturbi psicologici come depressione, ansia e traumi irrisolti. I tossicodipendenti della sostanza creano il desiderato "intorpidimento neurochimico" ingerendo varie sostanze chimiche; i dipendenti comportamentali creano lo stesso esatto torpore neurochimico impegnandosi in attività intensamente stimolanti (e quindi intensamente distrattive). La ricerca sull'imaging cerebrale lo dimostra, dimostrando che il cervello dei tossicodipendenti e dei tossicodipendenti "si accendono" negli stessi punti e nella stessa misura quando vengono presentati con stimoli di dipendenza (e il cervello dei non-tossicodipendenti non lo fa).
  3. I farmaci da prescrizione non creano dipendenza: la percezione comune è che l'alcol e la marijuana sono le porte principali per la dipendenza da hardcore. In tempi passati probabilmente era vero. Nel mondo di oggi, tuttavia, i farmaci da prescrizione sono il pericolo più comune, in particolare oppioidi da prescrizione come OxyContin, Vicodin, Percocet e Percodan; benzodiazepine come Valium e Xanax; farmaci per il sonno come Ambien e Lunesta; e stimolanti come Adderall, Dexedrine e Ritalin. Si possono anche abusare di farmaci da banco, in particolare farmaci per la tosse come Robitussin-DM e Sudafed. Per la maggior parte, uno di più di questi farmaci è disponibile nell'armadietto delle medicine della famiglia media, il che significa che sono accessibili a chiunque, compresi i bambini e gli adolescenti. E i bambini sanno come usare questi farmaci in modo tale da farli assumere molto più della dose raccomandata, schiacciare le pillole e inalarle (per ottenere una "corsa" che le pillole solide non forniscono), ecc. Molti giovani sono "Spazzatura": tossicodipendenti, prendendo qualsiasi prescrizione o farmaci OTC disponibili, a volte abbinandoli con alcol e / o uso di droghe illecite. A causa della convinzione che i farmaci da prescrizione non sono pericolosi o che creano dipendenza, il loro abuso è spesso ridotto al minimo, non solo dai giovani ma anche dai loro genitori, che potrebbero anche abusare di questi farmaci.
  4. La dipendenza è una scelta: questo mito implica che i tossicodipendenti amano fare festa, o hanno una volontà debole, o sono solo persone intrinsecamente cattive e immorali. Queste convinzioni portano a una grande quantità di pregiudizi sociali e persino legali, entrambi i quali possono impedire ai tossicodipendenti di "diventare puliti" e cercare un trattamento. E sì, i tossicodipendenti tendono a comportarsi in modi che rafforzano queste percezioni negative. Detto questo, la dipendenza non è una scelta e i tossicodipendenti non sono né deboli né intrinsecamente cattivi. Certamente all'inizio le persone scelgono di bere o usare droghe o giocare o inseguire fantasie sessuali o altro, ma non perché vogliono essere dipendenti . La dipendenza è una malattia cronica e debilitante e la gente non la vuole più di quanto non vogliano il diabete o il cancro. Invece, le persone inizialmente sperimentano sostanze e comportamenti che creano dipendenza come una forma di ricreazione, e la stragrande maggioranza non progredisce oltre questa fase di godimento sociale. Tuttavia, come discusso sopra, alcune persone sono predisposte alla dipendenza attraverso la genetica e / o l'ambiente. Questi individui sfortunati a volte imparano che possono auto-calmare il disagio emotivo (stress, depressione, solitudine, ansia, noia e simili) stordendo con una sostanza o un comportamento intenso. Nel corso del tempo, questo meccanismo di coping dell'evasione può ricablare le aree del cervello, in primo luogo responsabili dell'umore, della memoria e del processo decisionale, e il desiderio iniziale di una sostanza / attività che crea dipendenza diventa un bisogno . A quel punto, gli utenti perdono il controllo sulla loro capacità di non utilizzare, e la loro capacità di smettere di usare una volta che hanno iniziato, indipendentemente dalle conseguenze negative che potrebbero verificarsi. Questa "mancanza di scelta" è l'elemento principale che definisce la dipendenza.
  5. La dipendenza è interamente genetica: c'è la convinzione che la dipendenza sia guidata interamente dalla genetica. Questa convinzione fa sì che alcune persone semplicemente si arrendano, credendo di essere condannate fin dall'inizio, e altre a fare attenzione al vento, pensando di non avere il gene della dipendenza e quindi di poter fare tutto ciò che vogliono. Questo mito è in realtà fondato, come decine di studi mostrano un legame tra genetica e dipendenza. Tuttavia, la ricerca mostra anche che i geni non sono l'unico fattore e che le influenze ambientali svolgono un ruolo altrettanto significativo. Inoltre, la genetica può essere facilmente ignorata dall'ambiente. Per esempio, i bambini abusati e / o trascurati sono incredibilmente a rischio di dipendenza, a prescindere dalla genetica. In verità, la maggior parte delle persone che fanno (o non) diventano tossicodipendenti vengono abbattute da (o riescono a superare) una combinazione di fattori di rischio, quindi il rischio per la dipendenza è meno un argomento sulla natura contro l'educazione e più un esame di come i due fattori si uniscono per influenzare una determinata persona.
  6. La dipendenza dalle droghe frigge il tuo cervello: forse ti ricordi i telespettatori degli anni '80 che vendevano uova fritte, "Questo è il tuo cervello con le droghe." L'annuncio, sponsorizzato dal partenariato per un'America libera dalla droga, è stato efficace in termini di realizzazione di almeno alcune persone pensano due volte a provare le droghe illecite. Sfortunatamente, ha anche dato l'impressione che le persone si attaccassero alle droghe automaticamente e diventassero permanentemente zombi inutili. Ciò ha creato una percezione sociale dei tossicodipendenti e il recupero di tossicodipendenti come beni danneggiati, ponendo le basi per discriminazioni inutili e fuorviate da parte di datori di lavoro, assicuratori, fornitori di assistenza sanitaria, sistema legale e altri. In realtà, sebbene le dipendenze "rewire" il cervello dei tossicodipendenti in modo dannoso, questo danno è tipicamente annullato o aggirato con un periodo di continua sobrietà. Di fatto, il cervello dei tossicodipendenti più recuperati ritorna alla linea di base entro sei-diciotto mesi, a seconda della storia genetica e della dipendenza, a condizione che il tossicodipendente rimanga pulito e sobrio.

La buona notizia è che nonostante i molti miti sulla dipendenza, molti tossicodipendenti hanno cercato un trattamento e stabilito sobrietà e recupero a lungo termine, vivendo una vita più sana, più felice e più produttiva. La cattiva notizia è che molti altri tossicodipendenti sono vergognati e stigmatizzati nel silenzio e nella continua dipendenza. La semplice verità è che la dipendenza è una malattia cronica, progressiva e potenzialmente fatale e curabile , proprio come le malattie cardiache, il diabete e il cancro. In altre parole, i tossicodipendenti non sono persone cattive, sono persone malate. E meritano un trattamento empatico e di supporto proprio come qualsiasi altra persona malata. Si spera che, man mano che i suddetti miti vengono sistematicamente smentiti, una percentuale crescente di persone dipendenti dalla dipendenza cercherà l'assistenza e il recupero di cui hanno disperatamente bisogno.

Robert Weiss LCSW, CSAT-S è Senior Vice President dello sviluppo clinico con Elements Behavioral Health. Ha sviluppato programmi clinici per The Ranch al di fuori di Nashville e The Sexual Recovery Institute di Los Angeles. Un laureato in possesso della UCLA MSW e tirocinante personale del Dr. Patrick Carnes, Weiss è autore di Cruise Control: Understanding Sex Addiction in Gay Men and Sex Dipendenza 101: una guida di base alla guarigione da dipendenza da sesso, porno e amore , e co-autore con la dottoressa Jennifer Schneider di entrambi districare il web: ossessione di sesso, porno e fantasia nell'era di Internet e più vicini insieme, oltre: L'effetto della tecnologia e di Internet su genitorialità, lavoro e relazioni , insieme a numerosi articoli e capitoli peer-reviewed. Per maggiori informazioni su Rob su Facebook e Twitter.

Solutions Collecting From Web of "Miti debunking su dipendenza e recupero"