Mistero quotidiano

"È strano essere qui. Il mistero non ti abbandona mai. "(John O'Donohue)

La maggior parte dei dizionari definisce il "mistero" come qualcosa che ha a che fare con lo "sconosciuto", l'"inconoscibile" o l'"incerto". Come psicologo di religione e spiritualità, sono interessato alle risposte degli individui al mistero, e come può essere misterioso un impulso per la trasformazione della vita.

Detto questo, rimane una grande quantità di confusione intorno al significato del termine "mistero". In realtà, potrebbero esserci diversi tipi di mistero, a seconda dell'uso del termine.

Forse più di chiunque altro, Albert Einstein rifletteva sul mistero nell'universo. Ad esempio, Einstein ha notato:

"Cerca di penetrare con i nostri mezzi limitati i segreti della natura e scoprirai che, dietro tutte le leggi e le connessioni discernibili, rimane qualcosa di sottile, intangibile e inesplicabile".

Altri hanno scritto dei misteri dell'essere umani. Ad esempio, CS Lewis ha scritto molto sulla connessione tra un tipo di mistero interiore e un senso di desiderio per qualcosa che gli individui spesso sperimentano. Lewis una volta osservò:

"La maggior parte delle persone, se hanno davvero imparato a guardare nel proprio cuore, saprebbero che vogliono, e vogliono acutamente, qualcosa che non si può avere in questo mondo. Ci sono ogni sorta di cose in questo mondo che offrono di dartelo, ma non mantengono mai la loro promessa. I desideri che sorgono in noi quando ci innamoriamo per la prima volta, o prima pensiamo a un paese straniero, o prima occupiamo un argomento che ci eccita, sono desideri che nessun matrimonio, nessun viaggio, nessun apprendimento può realmente soddisfare. Non sto parlando di quelli che normalmente si chiamerebbero matrimoni infruttuosi, vacanze o carriere apprese. Sto parlando dei migliori possibili. C'era qualcosa a cui abbiamo afferrato, in quel primo momento di desiderio, che svanisce nella realtà. Penso che tutti sappiano cosa intendo. La moglie potrebbe essere una buona moglie, e gli hotel e il panorama potrebbero essere stati eccellenti, e la chimica potrebbe essere un lavoro molto interessante: ma qualcosa ci ha eluso ".

Anche gli psicologi di religione e spiritualità hanno studiato occasionalmente "esperienze mistiche" personali. Nel suo libro "Le varietà dell'esperienza religiosa", il venerabile psicologo William James ha identificato quattro caratteristiche principali di tali esperienze, tra cui: (1) ineffabilità (es. , la sensazione di aver avuto un'esperienza che non può essere catturata adeguatamente con le parole), (2) una qualità noetica (cioè, credere che si abbia avuto un'esperienza vera e profonda), (3) la transitorietà (cioè, un'esperienza durata di un periodo di tempo relativamente breve), e (4) passività (cioè, la sensazione che il controllo personale di qualcuno sia temporaneamente sospeso mentre qualcosa di esterno prende il sopravvento). Molte di queste caratteristiche sono esemplificate nella seguente citazione, da James stesso:

"Ricordo la notte, e quasi il punto in cima alla collina, dove la mia anima si è aperta, per così dire, nell'Infinito. . . Rimasi solo con Colui che mi aveva creato, e tutta la bellezza del mondo, e l'amore, il dolore e persino la tentazione. . . Non potevo avere più dubbi sul fatto che Lui fosse lì di quello che ero. In effetti, mi sono sentito, se possibile, il meno vero dei due ".

In un certo senso, la scienza psicologica suggerisce che il mistero è un aspetto inseparabile dell'esperienza umana. Cioè, non importa come ci proviamo, e non importa la nostra fiducia, sembrano esserci barriere psicologiche per comprendere la realtà. Ad esempio, errori percettivi, pregiudizi cognitivi e distorsioni della memoria pervadono i nostri tentativi di comprensione.

È chiaro che le persone rispondono al mistero in modi diversi. Alcune di queste differenze possono riflettere un processo di sviluppo. Laird Edman, professore di psicologia al Northwestern College in Iowa, ha discusso un modello basato sullo stadio di "sviluppo epistemologico" coerente con questo. Al livello più basso di questo modello, gli individui vedono la conoscenza come certa e assoluta. Parte della motivazione di questo è probabilmente che è difficile riconoscere l'incertezza. A un livello intermedio, le persone riconoscono che l'incertezza fa parte del processo di conoscenza. Tuttavia, spesso le conclusioni non vengono raggiunte perché sembra che "tutta la verità sia relativa". A questo livello, parte del problema può essere la difficoltà a impegnarsi in qualcosa quando l'incertezza è evidente.

Un diverso tipo di risposta al mistero è la curiosità, il desiderio di imparare per il proprio interesse. Infatti, nel suo eccellente libro dedicato all'educazione, "Il coraggio di insegnare", Parker Palmer nota come, per millenni, le persone siano state attratte a contemplare e discutere le misteriose "grandi cose" della vita (spesso attorno agli incendi). Questo istinto alla curiosità è alla base di tutta la vera educazione e, come Einstein ha sottinteso, potrebbe essere la "culla per ogni vera arte e vera scienza" e "vera religiosità".

Ritornando alla teoria di Edman, al più alto livello di sviluppo epistemologico, gli individui riconoscono che l'incertezza è una componente necessaria della conoscenza. Tuttavia, sulla base delle migliori prove e ragionamenti possibili, le persone a questo livello giungono a conclusioni provvisorie. Di conseguenza, sono in grado di comprendere e rispettare le opinioni degli altri, mantenendo allo stesso tempo ciò in cui credono, anche se un po 'alla leggera. Gli psicologi David Myers e Malcolm Jeeves forniscono un esempio eccezionale di questo tipo di pensiero. Fornisce una chiusura adeguata per come le persone potrebbero rispondere efficacemente a molti dei misteri della vita quotidiana:

“. . . le parole intellettualmente oneste credenza, fede e speranza riconoscono l'incertezza. . . Non è necessario attendere il 100% di certezza prima di rischiare un salto ponderato attraverso l'abisso dell'incertezza. Si può scegliere di sposarsi nella speranza di una vita felice. Si può eleggere una carriera, credendo che si dimostrerà soddisfacente. Si può volare attraverso l'oceano, avendo fede nel pilota e nell'aereo. Sapere che siamo inclini all'errore non nega la nostra capacità di intravedere la verità, né razionalizza la vita come una recinzione a cavallo. A volte, ha detto lo scrittore Albert Camus, la vita ci chiama a impegnarci al 100% per qualcosa di cui siamo sicuri al 51% ".

Andy Tix insegna al Normandale Community College a Bloomington, Minnesota. Andy scrive regolarmente su mistero e soggezione il suo sito personale dedicato esclusivamente all'argomento. Considera di seguire quel sito per altri articoli come questo.

Solutions Collecting From Web of "Mistero quotidiano"