Mis-Quotes di Yogi Berra: perché sono così comicamente accattivanti

Yogi Berra 1956/Wikipedia Commons
Fonte: Yogi Berra 1956 / Wikipedia Commons

All'avvento del passaggio di Yogi Berra questa settimana all'età di 90 anni, mi è sembrato giusto rendergli omaggio qui. Non tanto per il fatto di essere un memorabile collettore di Hall of Fame che ha aiutato a guidare i suoi amati Yankees a non meno di dieci vittorie della World Series, come per i suoi malapropismi così "vincenti", che nel corso degli anni hanno deliziato milioni di persone. Il che include me stesso, che, come ex professore inglese, era stato addestrato a essere molto critico nei confronti di qualcuno che abusava (o addirittura abusava ) della propria lingua madre. E senza dubbio si può sostenere che lo Yogi potrebbe essere senza pari nel manipolare la lingua inglese (a volte quasi al di là del riconoscimento!). Nondimeno, io – e quasi tutti gli altri, penso – preferirei molto vedere questo grande baseball in termini linguistici più positivi: come contribuire ad un sapore intrigante di romanzo, persino "arricchente" per l'inglese americano.

Quindi, cosa costituisce esattamente il curioso fascino "anti-letterario" incorporato nelle affermazioni che divenne così famoso per aver pronunciato? Essendo fondamentalmente ridicoli, auto-contraddittori, confusi, banali, o tautologici (come in "errori sbagliati") come potrebbero sembrare inizialmente, non abbiamo alcuna difficoltà ad affrontarli. E quando ridiamo di loro, una parte di noi potrebbe davvero ridere di noi stessi. Perché le sue accattivanti vocalizzazioni non sono qualcosa che non siamo del tutto capaci di noi stessi.

Quello che mi piacerebbe fare in questo post è "raggruppare" l'ilarità di molte delle migliori citazioni di Yogi, in modo che possiamo capire meglio le diverse parti del nostro divertente osso che, per quanto casuale, ha ripetutamente dimostrato tale competenza nel solletico. Per alcune delle cose che, come è noto, sembrerebbero squisitamente inventate per farci ridere, anche se suscitare tale gioia in noi non è mai stata la sua intenzione. Come disse lo stesso Yogi: "Molti ragazzi vanno, 'Ehi, Yog, dì uno Yogi-ismo'. Gli dico "non ne conosco". Vogliono che ne faccia uno. Non li faccio salire. Non so nemmeno quando lo dico. Sono la verità. Ed è la verità. Non lo so. "(Ben detto, Yogi – anche per quella replica sembra un" Yogi-ismo "!)

Certamente non un umorista cosciente come Mark Twain o Will Rogers, Yogi e il suo ingegno involontario possono ancora aspettarsi di rimanere uno dei nostri "tesori nazionali". Per le sue asserzioni sorprendentemente contraddittorie, (come in "Pair up in threes") o il suo ridondanze ridicole ("Abbiamo profondità") riflettono l' innocenza più accattivante. Gene Wilder – parlando di ciò che i film muti di Charlie Chaplin gli hanno insegnato sull'essenza della commedia – una volta osservava: "Se la cosa che stai facendo è davvero divertente, non devi" comportarti in modo divertente "mentre lo fai." E Yogi sembra aver fatto un ulteriore passo avanti non riuscendo nemmeno a riconoscere che quello che stava dicendo cadde a capofitto nel regno dell'ilarità assurda.

Cioè, Yogi non ha mai provato (o inventato ) a farci ridere perché il suo talento nativo non è mai stato quello di un comico. I suoi sforzi verbali si sono limitati a esprimere spontaneamente, e sinceramente, i suoi punti di vista mentre, inconsapevolmente, stava facendo una strenua battaglia con la lingua inglese (i cui idiomi e sfumature sembrano essersene completamente sfuggiti). E il fatto che i suoi slittamenti della lingua fossero involontari ci ha solo indotto – nella loro stessa imprevedibilità – a essere ancora più divertito. Cosa, alla sprovvista, non poté fare a meno di dire, noi stessi non potevamo fare a meno di essere "solleticati" da. E ciò che rende questo fenomeno tanto strano quanto singolare è che, sebbene stiamo ridendo di Yogi, allo stesso tempo non possiamo che ammirare segretamente la sua originalità sorprendentemente bizzarra.

Diamo uno sguardo più da vicino ad alcune delle citazioni più divertenti e memorabili che ci ha "lasciato in eredità". E lasciatemi tentare di spiegare gli elementi particolari del suo umorismo incurante che non può fare a meno di farci ridere – proprio come (inconsciamente) ci ricorda dei nostri occasionali passi linguistici) come nello stesso Yogi. Parlando in termini categorici, le gaffe verbali che intrattengono gli Yogi riflettono la sua unica tendenza a impiegare ( distruggere ?! ) il linguaggio inconsapevolmente – e piuttosto stranamente-

Impiegando la parola sbagliata (cioè i malapropismi manifatturieri) [e il corsivo qui è mio]:

"Persino Napoleone aveva il suo Watergate " [intendendo, ovviamente, Waterloo ].

"Bill Dickey mi sta imparando la sua esperienza" [che significa insegnamento . . . ].

"Colpisce da entrambi i lati del piatto. È anfibio "[cioè ambidestro (!)].

"Sono un ragazzo fortunato e sono felice di stare con gli Yankees. E voglio ringraziare tutti per aver reso necessaria questa notte "[che significa, dato il contesto del suo essere" notte Yogi Berra ", possibile . Purtroppo, "necessario" suggerisce qualcosa di quasi punitivo].

"Non ho intenzione di comprare ai miei figli un'enciclopedia Lasciali andare a scuola come ho fatto io" [una sostituzione davvero risibile, presumibilmente, per la parola bi cycle ].

"Il baseball della Little League è un'ottima cosa perché tiene i genitori fuori dalla strada" [senza dubbio intendeva bambini! ].

"Prendilo con un ghigno di sale." [E puoi sicuramente capirlo da solo!]

Essere ridondante comicamente:

"Abbiamo commesso troppi errori sbagliati"

"E 'come il déjà vu di nuovo" [sfortunatamente, questa affermazione è stata presa fuori dal contesto, per quello che intendeva Yogi quando ha detto che Mickey Mantle e Roger Marris hanno ripetutamente battuto back-to-back home run!].

"Abbiamo profondità profonde."

Inconsapevolmente contraddittorio:

"Non ho davvero detto tutto quello che ho detto" [quello che Yogi intendeva dire era "Non ho davvero detto tutto ciò che mi è stato attribuito ].

“Slump? Non sono in crisi. . . . Non sto colpendo. "

"Nessuno ci va al giorno d'oggi. È troppo affollato. "

"Un nichel non vale più un centesimo."

"Unire tre in tre".

"Di solito faccio un riposino di due ore da uno a quattro."

"Il baseball è mentale al novanta per cento e l'altra metà è fisica" [e a questo punto supponiamo che la matematica non fosse uno dei punti di forza di Yogi e, dopo tutto, era un drop-out di terza media].

Dire qualcosa che in realtà è vero – a volte in modo profondo – ma articolato in modo tale da sembrare sciocco o assurdo (cioè, anche qui, le sue parole devono essere tradotte, o "rifuse", per dare un senso immediato a un auditor) :

"Non è finita finché non è finita" [A prima vista, non possiamo non pensare, "Beh, certo, e questo ha bisogno di dire, PERCHÉ ?! . . . Ma Yogi si riferiva alla squadra che stava gestendo (i Mets all'epoca) essendo così indietro in classifica che la maggior parte di tutti ha concluso che non potevano competere per il gagliardetto – che in realtà hanno finito per fare. . . e vincente (!). Inoltre, considera una situazione in cui una squadra è indietro, o, peraltro, in anticipo , con 7 o 8 corse in ritardo in una partita. È penoso pensare che il gioco sia già deciso. Per quante volte una squadra è tornata da quelle che sembravano schiaccianti probabilità di vincere una partita che la maggior parte delle persone aveva già deciso di perdere? Di nuovo, è il "linguaggiare" apparentemente semplicistico dello Yogi che può rendere ridondante o banale anche la sua considerevole saggezza da baseball.). E forse qui potrei citare il Polonio di Shakespeare, che dichiarò: "La brezza è l'anima dell'intelligenza".

"Come puoi pensare e colpire allo stesso tempo?" [Intendendo davvero che se sei troppo analitico, troppo impacciato, o totalmente "nella tua testa" quando la palla si avvicina a te, non sarai mai in grado di fare un contatto adeguato con esso.]

"Nel baseball, tu non sai niente" [come affermato, questo sembra abbastanza ridicolo, ma quello che penso che Yogi intendesse era che non si può essere certi di nulla nello sport, o che qualsiasi cosa tu dica su di esso è fondamentalmente speculativa ].

"Era impossibile portare avanti una conversazione – tutti parlavano troppo" [alludendo, direi, alla superficialità, alla incoerenza e alla qualità serpeggiante di tutti i presenti che scappavano semplicemente alla bocca].

"Quindi sono brutto. Non ho mai visto nessuno colpire con la sua faccia "[un modo quasi grottesco (bizzarro?) Di dire quello che dovrebbe essere assiomatico: vale a dire che il suo aspetto non si riferisce in alcun modo alle sue abilità di battuta].

"Se il mondo fosse perfetto, non sarebbe" [sembra un po '"fuori dal muro", ma quello che Yogi senza dubbio sta cercando di sottolineare è che viviamo in un mondo di imperfezione. Se così non fosse, staremmo davvero occupando un pianeta completamente diverso.].

Fare affermazioni che a prima vista sembrano avere un senso ma. con la minima riflessione, devolvi-tautologicamente in totale assurdità. Cioè, i sentimenti di Yogi, per quanto espressamente espressi, non dicono infine nulla, non almeno, che chiunque altro possa immaginare valesse la pena di dire. In qualche modo, il loro "punto di arrivo" finisce per essere praticamente indistinguibile dal loro "punto di partenza", o il suo caotico processo di pensiero sembra tornare al punto in cui è iniziato, in modo che ciò che viene affermato appaia, alla fine, assolutamente nulla:

"Puoi osservare molto semplicemente guardando."

"Complimenti! Sapevo che il disco sarebbe rimasto in piedi fino a quando non si è rotto "[sì, beh, così. . .?].

"Non avresti vinto se ti avessimo picchiato" [idem].

"Se le persone non vogliono uscire allo stadio, nessuno le fermerà" [huh?].

"Devi stare molto attento se non sai dove stai andando, perché potresti non arrivarci" [e di nuovo, eh? ].

Dire cose che, prese alla lettera, sono innegabilmente assurde. Il mio ultimo gruppo selettivo di Yogi-ismi è strettamente correlato a quello appena sopra. La mia distinzione forse arbitraria qui risiede semplicemente nel senso che queste citazioni, come affermato, passano dal logicamente discutibile o insensato al assolutamente assurdo (anche se alcuni lettori potrebbero pensare che sto dividendo i capelli tra le due categorie intimamente collegate):

"Quando arrivi a una biforcazione, prendila" [non c'è spazio per entrare qui, ma nel suo giusto contesto l'asserzione di Yogi ha davvero senso!].

"Vai sempre ai funerali di altre persone; altrimenti, non verranno al tuo "[come cadaveri ?!]

"Farai meglio a tagliare la pizza in quattro pezzi perché non ho fame abbastanza per mangiare sei" [e c'è ancora quel problema di matematica].

"Il futuro non è più quello di una volta." [ Cosa? !! ]

"Si fa tardi presto qui fuori."

"Perché comprare un buon bagaglio? Lo usi solo quando viaggi. "

Yogi Berra/Flickr
Fonte: Yogi Berra / Flickr

Per concludere, quale di noi non mancherà a Yogi Berra – come eccezionale attrice, allenatore e manager, e maestro involontario delle peculiarità linguistiche che era? Tuttavia, poiché ci ha lasciato con un tesoro così ricco delle più divertenti e poco ortodosse eterodosse, ciò che lo ha reso così accattivante in primo luogo non si è perso affatto. Meravigliosamente memorabili come questi errori verbali, le sue citazioni (mis-) meritatamente famose ci aiuteranno a ricordarlo indefinitamente. E con molto affetto e apprezzamento.

. . . E potremmo persino guardarlo dall'alto in basso, perché i nostri inevitabili errori nell'esprimersi solo di rado possono essere all'altezza dei suoi stessi malapropiismi unici e affascinanti.

NOTA 1: Se hai trovato questo pezzo umoristicamente informativo o informativamente umoristico, spero che lo condividerai con gli altri.

NOTA 2: se desideri esaminare altri post che ho fatto per Psychology Today online, su una vasta gamma di argomenti psicologici, fai clic qui.

© 2015 Leon F. Seltzer, Ph.D. Tutti i diritti riservati.

-Per ricevere una notifica ogni volta che pubblico qualcosa di nuovo, invito i lettori ad unirsi a me su Facebook-così come su Twitter dove, in aggiunta, puoi seguire le mie riflessioni psicologiche e filosofiche spesso "fuori dagli schemi".

Solutions Collecting From Web of "Mis-Quotes di Yogi Berra: perché sono così comicamente accattivanti"