Mindfulness and Peacemaking, parte 1

Parte 1 di 2

Come molte persone che incontro, spesso mi trovo inondato in questi giorni di sentimenti di rabbia, disperazione e sopraffazione come reazioni alle notizie del giorno, e il drumbeat costante della copertura dei media e dei commenti sulla massa di dolore e sofferenza sul nostro pianeta . Ho spesso notato sorgere dentro di me impulsi rabbiosi per litigare, colpire, o anche andare in guerra, con qualcuno o qualcosa. E quando ho un incontro personale con dolore, perdita, malattia o morte – inevitabile nella mia vita o nelle vite altrui – quell'incontro si aggiunge alle notizie quotidiane del più grande mondo sofferente, facendo aumentare l'onere del dolore, almeno a i tempi, sembrano insopportabili, se non si sentono già così.

L'autrice e docente Helen Keller, che era sia cieca che sorda, ha continuato a condurre una vita stimolante e coraggiosa che ha toccato i cuori e cambiato la vita di molti altri, una volta osservato: "Sebbene il mondo sia pieno di sofferenza, è pieno anche del superamento di esso. "Ho preso conforto e rassicurazione nella possibilità di superare la sofferenza nel grande esempio della vita e delle parole di Helen Keller, come molti altri.

Nella mia vita, ho trovato la consapevolezza e le relative pratiche contemplative, oltre all'amore, al sostegno e all'ispirazione degli altri, per essere potenti ingredienti attivi per superare la sofferenza. Forniscono strumenti e prospettive, basati sull'incontro diretto con la saggezza e la gentilezza, per incontrare e guarire il dolore della vita, che è inevitabile, e per non creare un'ulteriore massa di sofferenza da quel dolore. Offrirò riflessioni e alcune parole di incoraggiamento dalle mie esperienze relative alla pratica e all'insegnamento della consapevolezza. È mia profonda speranza che altri possano trovare spunti di riflessione qui, e forse qualche sostegno, mentre esplorano la pratica della consapevolezza e abitano i loro "momenti di consapevolezza". E il mio sincero desiderio è che quelle esplorazioni consapevoli aiuteranno a superare molte sofferenze individuali e promuovere pace e serenità in un mondo che ne ha assolutamente bisogno.

Un cambiamento radicale in vista

Jixxer Kris/Shutterstock
Fonte: Jixxer Kris / Shutterstock

Praticando la consapevolezza, si prende la posizione della consapevolezza prestando attenzione "di proposito, nel momento presente e senza giudizio" (come disse una volta Jon Kabat-Zinn). Stabilendo la consapevolezza, anche brevemente ma sempre nel momento presente, ci spostiamo immediatamente in una dimensione più ampia di consapevolezza, una dimensione sempre qui per noi, e una dove la comprensione e la pace diventano immediatamente possibili, indipendentemente dalla natura o dall'intensità delle nostre circostanze. Supponendo che la posizione della consapevolezza implichi un cambiamento radicale nel modo in cui vediamo la nostra esperienza in evoluzione, e allo stesso tempo, questa visione radicalmente diversa può trasformare la nostra esperienza di noi stessi e delle nostre vite e rivelare azioni più efficaci, compassionevoli e sagge disponibili a noi in qualsiasi momento.

Nella mia pratica di consapevolezza, ho trovato il cambiamento immediato in vista che deriva dal passaggio alla consapevolezza del momento presente centrato in qualche modo simile al drammatico cambiamento nella percezione che accade quando guardo l'immagine familiare che contiene le immagini di entrambi i vecchi donna e una giovane donna. In quella foto, spostando la concentrazione e il punto di attenzione, riesco improvvisamente a vedere una figura molto diversa. Con una messa a fuoco e una visione diversa, riconosco improvvisamente la figura della giovane donna, dove prima ho visto solo la faccia della vecchia. Con la pratica posso osservare entrambe le immagini, e andare avanti e indietro tra loro, semplicemente spostando il mio centro di attenzione su diversi punti dell'immagine più grande.

Questa esperienza di cambio di visione rivela la verità che entrambe le figure erano sempre presenti, anche se non ne era stato notato nessuno. Era solo la mia percezione limitata, sostenuta dall'attaccamento ad un ristretto focus di attenzione, che manteneva oscurato un personaggio. Quando ho imparato a spostare la mia attenzione è apparsa la figura nascosta! E, naturalmente, è anche bene ricordare che in realtà non c'è NESSUNA donna, vecchia o giovane, lì. L'intera figura intera che sto osservando è in realtà solo una collezione di diversi modelli di linee, curve e spazi più scuri e più chiari da cui la mia mente raccoglie elementi che usa per assemblare un modello che conosce, che poi diventa la percezione vista come figura più piccola e incorporata di una donna anziana o giovane.

Come quel drammatico cambiamento nell'esperienza che vede la figura di giovane / anziana, la mia percezione e esperienza di me stesso e della mia vita possono essere immediatamente e profondamente modificate mentre sposto intenzionalmente la prospettiva, e prendere visione della mia esperienza momento per momento. Ad esempio, invece di essere catturato o identificato con un sentimento di rabbia per ciò che sto ascoltando in una trasmissione di notizie, in qualsiasi momento, se scelgo invece di lasciare cadere nella consapevolezza, immediatamente l'intera esperienza delle reazioni personali e degli input sensoriali e sentito l'incarnazione in quel momento si sposta nella luce dell'attenzione consapevole. Invece di essere una posizione rigida, o un'identità personale da cui "Io" reagisce alle notizie, gli elementi della reazione personale diventano oggetti di attenzione mentale attraverso lo spostamento in vista della consapevolezza consapevole. Le implicazioni di scegliere di rendere questo passaggio alla posizione di consapevolezza sono significative.

Dalla posizione di consapevolezza, sono immediatamente in grado di smettere di alimentare la guerra di reazione e di protesta che sto conducendo al livello della mia personalità e ho sentito il senso di sé. Riesco a rendere consapevoli e comprendere meglio il dolore personale, le paure, i biasimi, i giudizi o le convinzioni che alimentano la mia protesta e riconosco modi più compassionevoli ed efficaci per guarire. Disaccoppiando dall'assorbimento nella visione di "me", trovo la pace nella dimensione più ampia della consapevolezza, e sono più propensi a essere in grado di capire gli altri e di fare scelte più costruttive nelle mie parole e azioni. Concentrando l'attenzione nel momento presente – prestando attenzione a scopo e non giudizio – gli elementi personali delle mie reazioni contro le notizie non mi dirottano più in parole o atti che si aggiungono alla sofferenza già presente nella situazione, mia o di altri. Invece, i miei elementi personali si uniscono ai contenuti delle notizie trasmesse come ulteriori oggetti degni di consapevolezza consapevole.

Questo più ampio campo di consapevolezza è sempre qui per noi. Sapendo che è disponibile, sapendo come spostare la vista e assumere la posizione di consapevolezza, chiunque può riconnettersi immediatamente con un centro di calma calma e forte che conosce dentro di sé. È un centro che non è disturbato da notizie inquietanti o dalle reazioni di tensione e stress nella propria mente e corpo a quelle notizie. Il campo della consapevolezza è molto più ampio di quelli che cambiano le condizioni ed è in grado di includerli con accettazione e gentilezza. Dalla consapevolezza possiamo fare scelte più sagge e più salutari, scelte fatte dalla saggezza, non dalla paura o dalle reazioni rabbiose.

Solutions Collecting From Web of "Mindfulness and Peacemaking, parte 1"