Mindfulness and Cultivating Creativity

C'è una storia sul maestro Michelangelo quando stava lavorando al David. Si dice che si sia seduto nel suo studio per mesi a guardare il gigantesco pezzo di marmo che sarebbe poi diventato il suo capolavoro. Dopo un po ', i suoi clienti andarono da lui e dissero: "Abbiamo sentito che hai smesso di funzionare!" Al che lui rispose: "Ho lavorato tutti i giorni".

Per la maggior parte di noi, la creatività non è qualcosa che possiamo attivare e disattivare. È, per mancanza di un termine migliore, uno spazio di testa in cui dobbiamo entrare. Questo spazio di testa, si scopre, ha una solida base nella neurobiologia. È qualcosa chiamato rete di modalità predefinita.

La neuroscienza descrive la rete in modalità predefinita come una raccolta di regioni cerebrali attive quando un individuo non è focalizzato esternamente e il cervello è in uno stato di riposo in stato di veglia. Ciò corrisponde a qualcosa chiamata introspezione indipendente dal compito, che è simile agli stati del cervello associati a certi tipi di pratica di meditazione e consapevolezza.

La consapevolezza arriva in due gusti generali. Il primo è lo stato più familiare del pensiero non focalizzato, dove stiamo semplicemente lasciando che gli esterni – e, in alcuni casi, gli interni – ci passino, senza aggrapparci. Questo tipo di consapevolezza, quando non è collegato a una pratica meditativa formale, è associato a comportamenti automatici quotidiani, come guidare un'auto o fare la doccia. Il secondo tipo di consapevolezza è il punto in cui siamo impegnati in un compito specifico, come la meditazione sulla consapevolezza del camminare resa popolare dal maestro buddista Thich Nhat Hahn. La consapevolezza focalizzata e basata sull'azione di questo tipo corrisponde a una diversa rete neurale, chiamata rete task-positiva.

La creatività, o almeno lo spazio che consente il pensiero creativo, emerge dalla modalità predefinita. È in questi periodi di riposo non centrato e sveglio che abbiamo l'opportunità di vedere le cose in un modo diverso, creare nuove associazioni e lanciare nuove idee. Per Michelangelo, significava starsene seduto tranquillamente con un bicchiere di vino e un pezzo di pane, fissando una roccia. Per noi significa mettere giù il nostro smartphone, stare seduti nel parco o fare un giro senza una destinazione particolare in mente.

A quel punto, uno dei maggiori ostacoli alla creatività è la distrazione. Quando le distrazioni si intromettono, il cervello non può passare dalla modalità positiva all'impostazione predefinita, quindi finiamo per sentirci bloccati o bloccati in modo creativo. Queste distrazioni possono arrivare in qualsiasi numero di forme, dalle nostre liste di cose da fare quotidiane a fattori di stress in corso, come tensioni interpersonali o preoccupazioni finanziarie.

È anche importante ricordare che questa interferenza non è limitata alla creazione di alta arte o di grande letteratura. Queste distrazioni possono impedirci di impegnarci anche in piccoli sforzi di creatività, come una soluzione di programmazione o una strategia di marketing. La linea di fondo è che, per accedere alla nostra creatività, dobbiamo trovare il silenzio dentro di noi per creare uno spazio di consenso. Qui è dove la consapevolezza può darci l'opportunità di trovare quel silenzio.

Con questo in mente, accedere alla nostra creatività non è così semplice come essere in uno stato o nell'altro. Allo stesso modo, non si tratta solo della dicotomia destra / cervello sinistro. È un processo che coinvolge diverse aree del cervello che lavorano insieme per portarci attraverso fasi nidificate e ricorsive di creatività che includono la preparazione, l'incubazione, l'illuminazione e la verifica. Il tipo di consapevolezza che ci porta nella modalità predefinita è il ponte tra l'incubazione e l'illuminazione. Può essere il silenzio che ci permette di trovare la nostra vera voce.

© 2015 Michael J. Formica, tutti i diritti riservati

Contatta Michael per consulenza, coaching o consulenza a livello locale o nazionale via telefono o Internet

Ricevi avvisi via email per la vita illuminata

Iscriviti al sito Web di Michael per notizie e aggiornamenti

Twitter | Facebook | LinkedIn | Google+

Solutions Collecting From Web of "Mindfulness and Cultivating Creativity"