Mind Bilingual, Bilingual Bodies

Post scritto da Aneta Pavlenko.

I bilingui sono talvolta descritti come persone con due menti in un solo corpo, una metafora che ci piace nonostante la nostra consapevolezza che gli esseri umani hanno una mente / cervello unico. Oggi, voglio mettere in discussione la seconda parte di questa descrizione: se le nostre menti si adattano alle esigenze linguistiche e concettuali di lingue diverse, i nostri corpi non si adattano alle diverse norme culturali?

Molti bilingui rispondono a questa domanda in senso affermativo. Poeta e romanziere Julia Alvarez, ad esempio, scrive in inglese, ma vede ancora lo spagnolo, la lingua della sua infanzia nella Repubblica Dominicana, come la lingua del suo corpo e dei suoi sensi: "Quando qualcuno mi parla come 'Hoolia' (pronuncia spagnola di Giulia), sento il mio io emotivo venire alla ribalta. Rispondo "Sì" e mi chino in avanti per baciare una guancia invece di rispondere "Sì" e allungare la mano per una stretta di mano. Qualcuno più profondo o prima Julia viene convocato ". Un altro scrittore bilingue, Rosario Ferré, confessa: "Amo fare l'amore in spagnolo; Non sono mai stato in grado di fare l'amore in inglese. In inglese, sono puritana. "

Le loro intuizioni sono personali e indubbiamente idiosincratiche, ma ci ricordano che il processo di apprendimento della seconda lingua (L2) che porta al bilinguismo coinvolge non solo le nostre menti ma anche i nostri corpi. Le nostre bocche sono occupate ad accogliere nuovi suoni, i nostri tratti vocali si adattano al nuovo tono, le nostre mani si adattano ai nuovi gesti e il nostro corpo impara nuovi modi per rispondere ai saluti (un bacio? Due? Tre?) E mantenere le distanze interpersonali appropriate. Eppure c'è di più nel modo in cui una lingua abita il corpo di suoni, gesti e distanze. In un post precedente, ho discusso gli studi sull'elaborazione affettiva, che suggeriscono che una lingua straniera appresa in età adulta suscita una risposta significativamente più debole rispetto alla lingua dell'infanzia e può persino permetterci di prendere decisioni più razionali (vedi qui).

Recentemente, questa ricerca si è espansa su un altro aspetto dell'incarnazione (vedi qui), il grado in cui i nostri sistemi sensomotori sono impegnati nella simulazione mentale delle azioni fisiche quando parliamo, leggiamo o scriviamo. I ricercatori hanno scoperto che i processi di produzione e comprensione del linguaggio (elaborazione lexico-semantica) utilizzano le stesse parti del cervello che sono dedicate all'interazione con il mondo (elaborazione affettiva e motoria). I verbi 'correre', 'afferrare' o 'lanciare', per esempio, possono attivare la stessa parte del cervello come azioni fisiche dirette a cui si riferiscono.

Questi risultati hanno ispirato Francesco Foroni, ricercatore presso la Scuola Internazionale di Studi Avanzati (SISSA) di Trieste, per esaminare come i bilingui coinvolgono i muscoli facciali interessati nel processo di simulazione mentale. Ha presentato ventisei partecipanti, tutti studenti universitari di lingua olandese che hanno imparato l'inglese dopo i 12 anni, con frasi come "I am smiling" o "I am be accigliato", in L1 olandese e L2 inglese, e misurata l'attivazione dei loro muscoli facciali. I risultati hanno rivelato che quando i partecipanti leggono la frase "Sto sorridendo" in L1 olandese, i muscoli sorridenti si contraggono e quando leggono la frase "I am aggrottando le sopracciglia" i muscoli si rilassano. Quando leggevano la frase "sorridente" in inglese L2, anche i muscoli sorridenti si contraevano, ma in misura minore. Tuttavia, non vi è stato alcun rilassamento nella reazione alle frasi "accigliate". Questi risultati hanno portato Francesco Foroni a concludere che la simulazione incarnata nella L2 può essere solo parziale rispetto alla L1. Le ragioni di questa discrepanza possono risiedere nelle differenze tra l'apprendimento linguistico "in the wild" in cui le parole sono collegate direttamente ai codici motori e all'apprendimento delle lingue nell'aula in cui le parole sono collegate ad altre parole (vedi qui).

Un'altra domanda posta in una recente ricerca è se possiamo usare le espressioni facciali e il linguaggio del corpo per interpretare le emozioni espresse nella L2. Pernelle Lorette e Jean-Marc Dewaele, ricercatori del Birkbeck College, Università di Londra, hanno condotto uno studio online in cui 920 partecipanti hanno guardato sei video clip. Ognuna delle clip ritraeva un breve schizzo improvvisato eseguito da un'attrice professionista di lingua inglese che chiedeva di trasmettere, rispettivamente, felicità, tristezza, rabbia, paura, sorpresa e disgusto. Ai partecipanti è stato chiesto di identificare l'emozione in ogni clip. Un confronto tra parlanti di lingua inglese L1 e L2 non ha rivelato differenze significative: entrambi i gruppi hanno identificato quattro emozioni in media. Questi risultati hanno due interpretazioni alternative. Da un lato, è possibile che il linguaggio del viso e del corpo coinvolto nell'espressione delle emozioni di base siano simili tra le diverse culture. In questo caso, tuttavia, entrambi i diffusori L1 e L2 avrebbero dovuto identificare tutte e sei le emozioni. In alternativa, è possibile che i partecipanti coinvolti nello studio – un campione auto-selezionato, dominato da donne con alta capacità di L2 – fossero particolarmente sensibili al linguaggio del corpo e imparassero a interpretare le emozioni in L2 inglese come anche i parlanti L1.

Insieme, i due studi suggeriscono che anche se non incorporiamo L1 e L2 allo stesso modo, possiamo imparare a "leggere" il linguaggio del corpo nella nuova cultura. Indubbiamente, questi risultati sono limitati a un singolo gruppo e ad un singolo insieme di stimoli e attendono la replica da parte di altri ricercatori, con altri partecipanti e altri tipi di clip e frasi. Ciò che conta di più sono le nuove domande che sollevano e le nuove possibilità che aprono per le future ricerche sull'incarnazione: i partecipanti che osservano una serie di videoclip senza una colonna sonora possono determinare quali lingue vengono parlate? Usiamo espressioni facciali e linguaggio del corpo come un indizio nel decidere se l'oratore sta usando la L1 o la L2? Cambiamo il linguaggio del corpo quando passiamo da una lingua all'altra? In breve, i nostri volti e corpi tradiscono non solo le nostre emozioni ma anche le lingue che parliamo? Le risposte affermative a queste domande potrebbero cambiare il modo in cui pensiamo ai bilingui biculturali, suggerendo che hanno non solo due menti e due sé, ma anche due corpi.

Per un elenco completo dei post del blog "La vita come bilingue" per area di contenuti, vedere qui.

Foto di un ritratto da vicino di una donna sorridente da Shutterstock.

Riferimenti

Foroni, F. (2015). Incarniamo la seconda lingua? Evidenza per la simulazione 'parziale' durante l'elaborazione di una seconda lingua. Cervello e cognizione , 99, pp. 8-16.

Lorette, P. & J.-M. Dewaele (2015). Capacità di riconoscimento dell'emozione in inglese tra gli utenti di inglese L1 e LX. International Journal of Language and Culture , 2, 1, 62-86.

Pavlenko, A. (2006) Sé bilingue. In Pavlenko, A. (ed.) Menti bilingue: Esperienza emotiva, espressione e rappresentazione . Clevedon, Regno Unito: Multilingual Matters, pp. 1-33.

Il sito web di Aneta Pavlenko.

Solutions Collecting From Web of "Mind Bilingual, Bilingual Bodies"