Minaccia di valutazione e procrastinazione

Nessuna sorpresa qui. Un'alta minaccia alla valutazione fa ritardare i procrastinatori cronici. La sorpresa in uno studio recente è stata che anche le basse condizioni di pericolo per le persone a basso livello di procrastinazione cronica hanno provocato ritardi. E, capito, gli alti procrastinatori ritardarono di meno se la minaccia della valutazione fosse bassa.

Un recente studio di Ngoc Bui (Università di La Verne, California) presenta un'interessante sfida in termini di comprensione dell'interazione persona per situazione correlata alla procrastinazione.

Ngoc ha studiato gli effetti che la valutazione sociale potrebbe avere sui comportamenti di procrastinazione, definiti specificamente come quanti giorni ci sono voluti per presentare un tema assegnato come parte del suo studio. Ha manipolato la valutazione sociale creando 3 livelli di questa variabile: 1) alta minaccia di valutazione (ai partecipanti è stato detto che potrebbero dover leggere i loro documenti a un pubblico), 2) bassa minaccia di valutazione (ai partecipanti è stato detto che il loro lavoro può essere stampato per un newsletter pubblica), e 3) nessuna minaccia di valutazione (ai partecipanti è stato semplicemente detto di restituire i loro saggi al ricercatore).

Oltre a questa manipolazione sperimentale, Ngoc ha misurato la procrastinazione dei "tratti" dei partecipanti (un indice di come la procrastinazione cronica è nelle loro vite o di quanto sia tipico di loro). Ha poi diviso il gruppo in procrastinatori di tratto alto e basso. Ciò le ha permesso di esplorare come il tratto potesse interagire con la minaccia di valutazione sociale spiegata sopra.

Come si può intuire, ha ipotizzato che i partecipanti al gruppo di minacce ad alto livello di valutazione avrebbero procrastinato più dei gruppi a bassa minaccia e che i procrastinatori ad alto tratto (cronici) avrebbero procrastinato più di quelli nel gruppo con procrastinazione bassa in tutte le condizioni di valutazione. Per quelli di voi che amano il linguaggio del design della ricerca, si aspettava i principali effetti di minaccia e procrastinazione. Quello che ha trovato sono stati due effetti di interazione. Il ritardo comportamentale (procrastinazione comportamentale) dipendeva sia dal livello di procrastinazione che dal livello di minaccia di valutazione.

Solo così hai il quadro completo, lascia che ti spieghi un po 'di più sul suo studio. Ngoc ha prelevato un campione relativamente piccolo di studenti e li ha assegnati in modo casuale nelle sue tre condizioni di valutazione delle minacce. Dopo che gli avevano detto dei saggi che dovevano scrivere e il potenziale uso dei saggi (la condizione di minaccia alta, bassa o nulla, rispettivamente), ha poi raccolto i dati sulla loro procrastinazione. Li ha ringraziati per la partecipazione e ha detto loro che avevano 15 giorni per presentare il loro saggio sui vantaggi e gli svantaggi di un'educazione scolastica privata rispetto a un'istruzione universitaria pubblica. A loro è stato chiesto di inviare il saggio a una casella di posta designata nel campus quando sono stati completati. Ha controllato questa scatola ogni giorno.

Nel complesso, il suo interesse era nel ritardo comportamentale (procrastinazione comportamentale rispetto alla procrastinazione "tratto") sul ritorno dei saggi. Sebbene il suo campione fosse piccolo e non molto rappresentativo delle popolazioni studentesche in generale (pochi uomini, partecipazione squilibrata del gruppo etico) e il suo metodo problematico per alcuni aspetti (tutto ciò che lei riconosce nel suo articolo), i suoi risultati sono intriganti.

Primo ritrovamento:
Per i procrastinatori di alto tratto , quelli del gruppo ad alto rischio hanno ritardato il ritorno dei loro saggi significativamente più a lungo rispetto a quelli del gruppo a rischio ridotto, rispettivamente di 15,83 giorni contro 9,92 giorni. La minaccia sembra influenzare i procrastinatori di tratto elevato con conseguente maggiore ritardo. Non è così sorprendente se assumiamo che la minaccia al sé sia ​​un aspetto chiave della procrastinazione (vedi il precedente blog sull'auto-disabilità per una spiegazione della procrastinazione come approccio strategico alla protezione dell'autostima).

Seconda constatazione:
Per i procrastinatori a basso tratto , quelli nella condizione di bassa minaccia di valutazione hanno ritardato il ritorno dei loro saggi in modo significativamente più lungo rispetto a quelli dei procrastinatori di alto tratto, rispettivamente di 15.20 giorni contro 9.92 giorni). Questa è una sorpresa. Perché i procrastinatori di basso tratto dovrebbero ritardare con una bassa minaccia di valutazione?

Cosa potrebbe significare
Ngoc spiega la sua scoperta in questo modo: "Può darsi che i procrastinatori a basso tratto siano motivati ​​a lavorare solo quando c'è una significativa minaccia di valutazione. Viceversa, questo stesso livello di minaccia sembra compromettere i procrastinatori ad alto tratto. . . Pertanto, è importante che gli educatori sappiano che diversi tipi di procrastinatori rispondono in modo diverso a determinati livelli di minaccia di valutazione "(p. 206).

I miei pensieri conclusivi
Il risultato più interessante di questo studio per me è stato il fatto che i procrastinatori ad alto tratto nella condizione di bassa minaccia avevano il tempo di ritorno complessivo più veloce. Questo è veramente intrigante. Mi sarei aspettato che il tempo medio più veloce per la presentazione sarebbe un attributo del basso gruppo di procrastinazione. Come osserva Ngoc, gli educatori devono pensare a come le persone rispondono in modo diverso ai diversi livelli di minaccia di valutazione.

Per me, il messaggio è chiaro. Posso aiutare a individuare i procrastinatori con un completamento più tempestivo se riesco a mantenere bassa la minaccia della valutazione. Certamente, abbiamo visto questo messaggio in precedenza dal mio collega Joe Ferrari (DePaul University), la cui ricerca con Dianne Tice ha indicato che potrebbe essere possibile ridurre l'elusione del compito per procrastinatori cronici riducendo la minaccia percepita del compito. Ciò comporterebbe la ri-etichettatura del compito in corso per essere meno minaccioso.

Alla fine, per i procrastinatori, le minacce percepite possono invocare l'evitamento. Mentre possiamo aspettare che gli altri ci aiutino riducendo la minaccia percepita, possiamo agire più direttamente pensando alle nostre attribuzioni e valutazioni della situazione. È una minaccia o una sfida? Quali risorse ho a mia disposizione per far fronte a questa situazione? Un po 'di tempo per riflettere probabilmente rivelerà che sei molto capace di andare avanti. Sarai in grado di iniziare in pochissimo tempo!

Riferimenti
Bui, NH (2007). Effetto della minaccia di valutazione sul comportamento di procrastinazione. The Journal of Social Psychology, 147 , 197-209.

Ferrari, JR, & Tice, DM (2000). Procrastinare come auto-handicap per uomini e donne: una strategia di evasione delle attività in un ambiente di laboratorio. Journal of Research in Personality, 34 , 73-83

Solutions Collecting From Web of "Minaccia di valutazione e procrastinazione"