Migliora il tuo rapporto in venti minuti!

Uno strumento breve e dolce per aiutare le coppie a camminare le une nelle scarpe emozionali.

Max Pixel

Fonte: Max Pixel

La più grande sfida per ogni metà di una coppia, è quella di camminare nei panni emotivi del nostro partner. Spesso temiamo che se rimandiamo i nostri bisogni emotivi per ricevere il loro, anche solo per un secondo, ci sottometteremo interamente a loro, e perderemo. Ma le relazioni non riguardano la vittoria e la sconfitta, riguardano la connessione.

Come terapeuta, un modo in cui aiuto i miei clienti di coppia a camminare nei loro scarponi emotivi e a trovare una connessione emotiva sicura, è di invitarli a partecipare alla seguente attività.

Per prima cosa chiedo a ciascun partner di chiudere gli occhi, notare il loro respiro, notare la tensione nei loro corpi e immaginare che la tensione si trasformi in un’energia colorata, fluida, che può fluire attraverso i loro corpi.

Poi chiedo a ciascuno di loro di immaginare se stessi in una camera da letto della loro infanzia. Chiedo chi (se c’è qualcuno) è sulla soglia e per osservare la loro esperienza emotiva di quella persona. Alcuni clienti vedono un genitore sorridente, che li fa sentire sicuri e confortati. Altri potrebbero vedere due genitori sulla soglia, o tutta la loro famiglia. Chiunque vedano potrebbe avere espressioni di disapprovazione sui loro volti, o potrebbero osservare ogni mossa del cliente in modo invasivo. Alcuni clienti non vedono nessuno e potrebbero persino sentire discussioni nella stanza accanto.

Poi, mentre usciamo lentamente dalla meditazione e loro aprono gli occhi, discutiamo su ciò che hanno visto, su ciò che hanno sentito e su come ciò si applica al loro rapporto l’uno con l’altro.

Questo esercizio ci dà immagini evocative per lavorare con la prossima volta che la coppia è in conflitto. Quando delusione, frustrazione, rabbia, risentimento o altri sentimenti feriti esplodono, posso intervenire, chiedere a ciascuno di loro di respirare, e poi chiedere a ciascuno di loro di giocare l’avvocato difensore dell’altro. E per divertirsi con il ruolo, forse impersonando il loro avvocato TV preferito. Chiedo al partner nel ruolo di avvocato difensore di convalidare i sentimenti e il punto di vista dei suoi “clienti”, con la massima curiosità, compassione e convinzione possibile. Potrei persino incoraggiarli a usare le immagini della meditazione come “mostre” come appropriato. Questo li aiuta ad incarnare il punto di vista emotivo dell’altro, in un modo giocoso e non didattico.

La vita sarebbe squisitamente facile se i nostri partner fossero psichici. Se non volevano altro che ascoltarci all’infinito; e intrattenerci al momento giusto; e soddisfare ogni nostra esigenza sessuale; e sii pronto a riconoscere, capire e convalidare esattamente come ci sentiamo e perché ci sentiamo in quel modo, in ogni momento. Ma la vita sarebbe troppo paurosamente simile a un episodio di Black Mirror , se fosse la tua realtà. Ti conviene rimboccarti le maniche e fare il duro lavoro necessario per comunicare empaticamente ed efficacemente con il tuo partner non psichico.

Ricorda, gli sforzi che facciamo per comprendere la posizione emotiva del nostro partner e per condividere il nostro con loro, non sono solo necessari per un rapporto sano, ma possono anche essere creativi, giocosi e divertenti.

Quindi vai avanti e prova la tua versione della meditazione delle mie coppie e dialoga con il tuo partner romantico, o qualsiasi altra persona che ami, a casa.

Copyright Mark O’Connell, LCSW-R

Solutions Collecting From Web of "Migliora il tuo rapporto in venti minuti!"