"Mi dispiace che tu fossi offeso" non è davvero un'apologia!

Pixabay
Fonte: Pixabay

"Mi dispiace per la tua perdita." "Mi dispiace che piovesse il giorno in cui hai scelto di fare un picnic." "Mi dispiace che non ti sia stato chiesto di andare al ballo." Ci sono un sacco di situazioni e opportunità per le persone di dire che sono dispiaciute. Il più delle volte questi rami d'ulivo sono molto sentiti. E ci sono molti diversi scenari in cui un'espressione di "Mi dispiace" è appropriata – per esempio, un articolo pubblicato nella BBC citava una ricerca sugli inglesi e la loro propensione a dire "Mi dispiace", ma hanno identificato due aree che sia gli inglesi che gli americani tendono a usare i loro "mi dispiace":

Per le controparti sia britanniche che americane, sotto i tre quarti delle persone di entrambi i paesi si chiederebbe scusa per aver interrotto qualcuno. E l'84% degli inglesi si scuserebbe per essere arrivato in ritardo a una riunione, rispetto al 74% degli americani.

Se per errore interrompi qualcuno e ti accorgi di averlo fatto, è appropriato dire che ti dispiace. Se sei in ritardo per una riunione, anche appropriato. Ma cosa succede quando sai che dovresti essere dispiaciuto, ma davvero non ti dispiace? L'onnipresente "Mi dispiace che tu sia stato offeso" o "Mi dispiace se i tuoi sentimenti sono stati feriti" non sono davvero scuse sincere! Di fatto, cadono in quella che potrebbe essere definita la categoria passiva-aggressiva: sai che la persona è ferita, sai che hai fatto qualcosa per contribuire ad essa, ma non ti senti veramente obbligato a possederlo.

Che cosa provano per la persona dall'altra parte quando le scuse implicano che hanno un problema – erano quelli che scelsero di offenderli, erano quelli con i sentimenti deboli che si ferivano facilmente, erano quelli che ha interpretato male le tue azioni e le ha interpretate come offensive? Quindi, chi è il problema?

Concentrarsi su come diventare bravo a dire "mi dispiace" in modo significativo e legittimo è utile. La ricerca è chiara sul fatto che il perdono fa bene alla salute. Spesso non puoi ottenere il perdono a meno che tu non possa ammettere di aver sbagliato, offrire scuse sincere e chiedere perdono all'altra persona. Ci sono stati molti studi di ricerca condotti e molti medici hanno scritto tesi sulla natura del perdono.

Gli studi hanno scoperto che l'atto del perdono può raccogliere enormi benefici per la salute: ridurre il rischio di infarto; migliorare i livelli di colesterolo e dormire; e riducendo il dolore, la pressione sanguigna e i livelli di ansia, depressione e stress. E la ricerca indica un aumento della connessione tra perdono e salute quando invecchi.

"C'è un enorme fardello fisico per essere ferito e deluso", dice Karen Swartz, MD, direttore della clinica di consultazione per adulti Disorders Mood al Johns Hopkins Hospital.

Quindi, come fai a essere scortese quando non sei nemmeno sicuro di aver fatto qualcosa di sbagliato? Prendi in considerazione questi cinque passaggi per estendere un ramo di ulivo accettabile:

  1. Ascoltare il punto di vista della persona ed esaminare la situazione dal loro punto di vista. Potresti credere di non aver fatto nulla di sbagliato, ma il detto "due lati di ogni storia" è vero. Tutti hanno i filtri che usano per vedere il mondo. È possibile che il tuo filtro ti ricusa di ogni responsabilità, mentre il filtro potrebbe chiederti di incontrarli a metà strada? Controlla se "Mi dispiace per il ruolo che ho svolto in questa situazione" potrebbe essere una soluzione migliore.
  2. Considera se ci sono schemi per il danno che potresti causare agli altri. Sei stato criticato per il comportamento prima? Ci sono temi nel feedback che le persone ti danno? Cogli l'occasione per riflettere su se stessi. A volte riconoscendo il comportamento: "Hai ragione. Ero al di sopra dei miei commenti al tuo capo e mi rendo conto che ti ha messo in imbarazzo. Mi dispiace "- può aiutarti a identificarlo e correggerti automaticamente la prossima volta.
  3. Se credi veramente che l'altra persona abbia torto nel credere di aver fatto qualcosa di sbagliato, esamina le loro motivazioni per sollevare la questione. Cosa c'è sotto? Ci sono state altre volte in cui non sentivi di essere un amico o un partner per loro? C'è una storia di delusioni? Se le esperienze passate vengono lasciate al fester, potresti trovare qualcuno che si arrabbia molto in qualcosa che credi non sia un grosso problema, ma potrebbe essere la goccia che fa traboccare il vaso. Considera la tua storia insieme prima di licenziare la loro esperienza.
  4. Quando dici scusa, sii sincero a riguardo. Quando i bambini sono piccoli ei genitori dicono "Chiedi scusa a tuo fratello / sorella / amico" e il bambino si gira con un ghigno schifoso e dice "SIAMO SPIACENTI!", Sappiamo che non lo intendono. Anche gli adulti fanno questo. Un dispiaciuto "scusa", soprattutto quando seguito da "sei stato offeso", semplicemente non lo taglia. Guarda la persona negli occhi, o chiamala e prendi la loro attenzione e sii dispiaciuta: "Sono davvero dispiaciuto per quello che è successo e per il ruolo che ho interpretato". O, "Mi dispiace così tanto che le mie azioni hanno creato questo problema per noi. Per favore perdonami. "Se sei dispiaciuto, fallo sul serio.
  5. Renditi conto che alcune infrazioni richiedono più di un semplice "mi dispiace". Non aspettarti che, poiché lo dici, l'altra persona ti attacca immediatamente con il loro perdono. Il prete nel confessionale può farlo, ma pochi esseri umani sono in grado di farlo. Alcune cose sono grandi e la persona che è stata ferita in qualche modo può aver bisogno di tempo per elaborare e perdonare. Non aspettarti di loro – lasciali stare. Fai del tuo meglio per costruire il ponte, ma poi permetti alla loro guarigione di essere quello che farà.

Una volta che riconosci quello che hai fatto e hai cercato di fare ammenda, vai avanti. Picchiarti su di esso non cambierà nulla. Utilizzare l'opportunità quando si pratica dispiacere a diventare più consapevoli di se stessi e degli altri. E mi dispiace se qualcosa scritto qui ti offende!

Solutions Collecting From Web of ""Mi dispiace che tu fossi offeso" non è davvero un'apologia!"