Mi chiedo se esista l'intelligenza personale

Dall'inizio della storia registrata, i filosofi antichi ci hanno dato consigli su come valutare i personaggi delle persone. Ptahotep, consigliere della famiglia reale egiziana, esortò i suoi studenti ad ascoltare attentamente una nuova conoscenza prima di formare un'alleanza, e se avessero dei dubbi su un possibile alleato, avrebbero tenuto i loro pensieri per sé. L'antico filosofo greco, Teofrasto, consigliò di studiare diversi tipi di personalità per gli esempi da seguire e da evitare. Oggi, libri di auto-aiuto che si occupano di personalità possono essere trovati in librerie su scaffali che vanno dalla salute, allo sport, agli affari. Gli autori di auto-aiuto sono clienti regolari sul circuito delle conferenze.

Esistono, infatti, tanti consigli pratici su come vivere le nostre vite – da filosofi, clero, educatori, terapeuti e autori di auto-aiuto, che a volte può sembrare travolgente.

Ho iniziato a meditare su tutto quel consiglio un certo numero di anni fa: c'erano molte buone idee nel migliore di quegli scritti, pensavo, e anche più di qualche errore. Ma da dove vengono le idee e perché le idee sono state ripetute così tante volte dall'autore all'autore con solo lievi variazioni?

E se, mi chiedevo, ci fossero alcuni modi universali di pensare alla natura umana? E se, inoltre, ci fosse un gruppo di persone che erano particolarmente abili nel ragionare con precisione sulla personalità? Molti di questi individui sarebbero particolarmente interessati e abili a comprendere la propria e altrui personalità e, di conseguenza, il loro consiglio sarebbe particolarmente apprezzato. I pensatori del mondo antico con alti livelli di abilità avrebbero formulato consigli e il loro pensiero sarebbe stato tramandato di generazione in generazione. I pensatori di oggi – alcuni di loro – scriveranno articoli e libri su come sviluppare la conoscenza di sé e come relazionarsi a diversi tipi di persone.

Continuando a speculare, mi chiedevo se questi consiglieri spesso davano consigli simili perché le loro idee emersero da una specie di ragionamento esperto che condividevano in comune. Ho dovuto archiviare queste idee per un po 'di tempo, tuttavia, mentre un'altra parte del mio lavoro teorico ha raggiunto il completamento.

Nel 1990, Peter Salovey della Yale University e io presentammo una teoria dell'intelligenza emotiva: che esiste una capacità di ragionare specificamente sulle emozioni e di usare le proprie emozioni per promuovere il pensiero. Le persone con un alto livello di intelligenza emotiva, sostenevamo, possono identificare ed etichettare le emozioni, capire come un'emozione potrebbe trasformarsi in un'altra (es. Frustrazione nella rabbia), usare le loro emozioni per arricchire il loro pensiero e sapere come gestire le emozioni.

Molte persone hanno capito l'idea che stavamo cercando di esprimere molto bene. Ma c'erano altri che interpretavano il nostro concetto di intelligenza emotiva come qualcosa di un po 'più ampio di quanto avessimo voluto aggiungere, aggiungendovi qualità non emotive, non intellettuali (sebbene spesso virtuose) come ottimismo, zelo, persistenza e simili.

L'intelligenza emotiva era la capacità di ragionare accuratamente sulle emozioni e le informazioni emotive. Era un tutto organico in cui tutti i pezzi – percepire le informazioni emotive e ragionare su di esso – si incastrano in un insieme elegante e ben costruito (come ho visto) – un argomento che è tenuto ben sotto controllo per 20 anni.

Aggiungere vari tratti della personalità come l'ottimismo e la perseveranza all'intelligenza emotiva era piuttosto come legare corna sulla testa di un gatto (intelligenza emotiva) per fare una renna. Le corna del gatto rappresentano l'ottimismo e la persistenza che altre persone pensavano facessero parte del gatto, ma sono al di fuori della definizione. Puoi essere emotivamente intelligente senza essere un ottimista, per esempio. Non per colpa tua, la tua esperienza di vita potrebbe averti insegnato che spesso accadono cose cattive. Quindi sei un pessimista, ma questo non significa che sei stupido riguardo alle emozioni. Il mantello dell'ottimismo e della motivazione era legato all'intelligenza emotiva in modo innaturale.

Per quanto sfortunato fosse il fatto di strappare altre virtù (mescolava parti della personalità), pensavo di percepire in esso un impulso simile al mio, che quando pensiamo a noi stessi il nostro pensiero si estende naturalmente oltre le emozioni ad altre parti del nostro vita mentale. Diciamo che questa renna jerry-truccata era il seme di un'idea futura. Ci sono, naturalmente, delle renne reali: potrebbe esserci anche una vera intelligenza che ha a che fare con la personalità?

Mi chiedevo se ci potesse essere una "intelligenza personale", come ho iniziato a riferirmi. L'idea, tuttavia, era tesa e conflittuale per molti psicologi, specialmente negli anni '90 (per ragioni che ho elaborato nel libro, Personal Intelligence ) . La personalità può essere definita per la soddisfazione delle persone? Il personaggio di una persona fa davvero la differenza nella sua vita?

Riconoscendo queste e altre domande, mi sono sempre più convinto che l'idea dell'intelligenza personale fosse praticabile. E, in una serie di articoli a partire dal 2008, ho suggerito che potrebbe esistere un'intelligenza personale, che io definisco come

"La capacità di ragionare sulla personalità e di usare la personalità e le informazioni personali per migliorare i propri pensieri, piani ed esperienze di vita." (Mayer, 2008, p 209)

Ho visto diverse aree di problem-solving che erano centrali per l'intelligenza personale: le persone avrebbero bisogno di essere in grado di raccogliere gli indizi sulla personalità, di formarli in modelli coerenti di persone, di usare quelle informazioni per guidare le loro scelte e pianificare i loro vive (nel miglior modo possibile nelle condizioni che hanno affrontato) usando questa conoscenza.

Nel 2008, l'intelligenza personale era una congettura, o più formalmente, un'ipotesi. Da quel momento, tuttavia, i miei colleghi e io abbiamo trovato prove che l'abilità esiste. Se l'intelligenza personale esiste e funziona come i miei colleghi e io credo che lo faccia, allora la conoscenza della sua esistenza e di come funziona amplierà la nostra comprensione degli esseri umani e delle nostre capacità intellettuali.

Questo rappresenta un punto critico: da un antico interesse per la comprensione di noi stessi e di altre persone, siamo ora, grazie a una nuova ricerca negli ultimi decenni, in grado di specificare il ragionamento esatto coinvolto nel farlo. Per esempio, chiediamo alle persone "quali sono le qualità che di solito vanno insieme in una persona: (a) pazienza e simpatia o (b) takativeness e doverosità." Alcune persone riconoscono correttamente che la pazienza e la compassione sono più probabilità di andare insieme che l'alternativa ma le altre persone no.

Apprezzare il modo in cui le persone ragionano in questo campo può spiegare perché alcune persone che sono particolarmente brave a comprendere la personalità sono in grado di trovare calma e comprendere le persone intorno a loro. E potrebbe spiegare perché alcune persone sono particolarmente brave a dare consigli sulle personalità che ci circondano e su come navigare nei diversi personaggi che incontriamo.

Riferimenti

Oggi i libri di auto-aiuto possono essere trovati sugli scaffali delle sezioni della libreria … Vedi la citazione di John Duff in Vanderkam, L. (2012, Autunno). La ricerca tascabile di gioia. City Journal, 22, Estratto da: http://www.city-journal.org/2012/22_4_self-help-books.html

… in una serie di articoli che iniziano nel 2008 … Per un elenco annotato delle opere, vedi qui. Il primo articolo era Mayer, JD (2008). Intelligenza personale Immaginazione, cognizione e personalità, 27, 209-232.

Copyright © 2014 di John D. Mayer

Solutions Collecting From Web of "Mi chiedo se esista l'intelligenza personale"