"Mi ami ancora? No davvero?"

"A questa distanza unica dall'isolamento diventa ancora più difficile trovare parole contemporaneamente vere e gentili, o non false e non scortesi." Philip Larkin

"Sei stanco di stare con me?"

"Sei annoiato con me?"

"Sei infastidito da me?"

"Stai per scaricarmi?"

"Non sei più attratto da me?"

"Stai bene con me?"

"Mi ami ancora?"

"Mi ami davvero ?"

Conosciamo tutti quei sentimenti ansiosi che ci spingono a fare domande come queste, e conosciamo la speranza che nutriamo, la speranza che le loro risposte ci rassicurino e ripristinino l'intimità quando sospettiamo che stia svanendo.

Sappiamo anche quanto sia difficile cercare di rispondere a queste domande in modo onesto e rassicurante.

Queste domande sono naturali e comprensibili. Innamorato, non dovremmo avere la libertà di esprimerci onestamente e direttamente? Se siamo preoccupati che il nostro partner stia andando alla deriva, perché non fare semplici domande per scoprirlo?

Tuttavia, sul lato ricevente, tali domande non sono semplici. Stanno spesso conducendo domande che non è possibile rispondere in alcun modo, ma nel modo giusto, senza scatenare un'ira. "No, non ti amo ancora", o anche "Ti amo, ma meno entusiasta di quello che ho fatto ieri o domani" non sono risposte che possiamo permetterci di condividere a meno che i nostri bagagli non siano già imballati. Queste domande non sono necessariamente pensate per forzare. Tuttavia, per calmare l'ansia del richiedente, verranno sbilanciati verso l'invito alla risposta rassicurante.

Sì, queste domande sono vere espressioni della nostra ansia, ma sono anche strumenti contundenti. L'amore non è semplice come un interruttore on / off. Nelle relazioni intime, passiamo attraverso ogni tipo di sentimenti. Dobbiamo le risposte sincere del nostro partner alle loro domande sincere, ma quando le domande sono inquadrate in modo semplicistico, non sappiamo come essere onesti e rassicuranti.

Gli uomini spesso pensano che le donne siano più propense a fare queste domande, e potrebbe esserci qualcosa a tale intuizione. Mi sono chiesto se la propensione di una donna a fare tali domande è parte del retroscena dietro la reputazione degli uomini di essere semplici, silenziosi, evasivi, non emotivi e non disposti a elaborare molto. Di fronte a tali domande, il silenzio può essere il meglio che possiamo escogitare, o forse solo una semplice rassicurazione del tipo: "Certo che ti amo caro, e ora vado giù nella mia caverna dell'uomo".

Sono cresciuto nel cuore dell'era del gruppo di incontri e ho comprato pienamente nella mezza verità che la verità ci renderà sempre liberi e che uomini buoni si sono comportati onestamente e all'infinito. Sono stato spesso più un regista dei miei partner e sono stato molto propenso a porre queste domande quando voglio essere rassicurato. In associazione tendo a chiedere "Stai bene?" O "Stai bene con me?" Almeno ogni giorno, anche se negli ultimi anni sono venuto a vedere queste domande come ferite più di quanto aiutino.

La partnership richiede onestà ma anche un po 'di insensibilità agli alti e bassi inevitabili a così vicino raggio per periodi così lunghi. Quando faccio queste domande sto coltivando l'enfasi sull'elaborazione dettagliata. Contribuisco alla fantasia romantica che, in collaborazione, possiamo prendere sul serio tutte le nostre preferenze e che con una capacità di elaborazione illimitata, possiamo adattare perfettamente il comfort e la soddisfazione celesti. Ogni volta che chiedo, "Stai bene con me?" Non induco solo verso la mia rassicurazione, ma verso la mia partner che cerca le sue insoddisfazioni, invitando sempre più elaborazione. E sebbene l'elaborazione sia necessaria a volte, troppa elaborazione incide sulla nostra produttività e diventa un costo della relazione; a volte un costo travolgente che aumenta la possibilità di una rottura.

E così sto imparando a poco a poco a fare queste domande di meno e ad essere più a mio agio con le risposte incomplete che il mio partner sarà in grado di permettermi prima di dirigermi verso la sua caverna. Ecco alcuni semplici suggerimenti che tengo a tenere a mente:

  1. Mantenere le apparenze: per lisciare le valli della partnership, sii bravo a dare risposte sinceramente rassicuranti, che tu lo intenda o no.
  2. Rilassa i tuoi standard: non abbonarti alla nozione romantica che l'amore significhi non dover mai sentire sbadigliare il tuo partner.
  3. Tu chiedi, paghi: se chiederò a quelle domande di trucco insidiose e non essere completamente soddisfatto delle risposte che ottengo, questo è il mio problema, non quello del mio partner.
  4. La domanda dietro le domande imbarazzanti: sto davvero chiedendo "Sono al sicuro qui?" Rifacendole come sonde rozze per rassicurazione immediata esprime la mia indulgenza in un'interpretazione egoistica, semplicistica dell'amore.
  5. Pazienza: certo, voglio una rassicurazione immediata. Il mio compagno può darmi umorismo con una risposta rassicurante, ma ciò non significa che io sia al sicuro. Il tempo dirà se lo sono.
  6. Abbi fiducia nella bocca del tuo partner: coltiva la fiducia nella capacità del tuo partner di affrontare i problemi quando lui o lei è pronto.
  7. Le tue domande ardenti possono dissuadere la franchezza del tuo partner: le domande impazienti che portano a termine riducono la volontà del tuo partner di risolvere problemi, a volte fino a quando non è troppo tardi e le sue borse sono già imballate.
  8. Fai del tuo meglio, poi arrenditi: se il tuo partner sta per lasciarti, non c'è molto che tu possa fare al riguardo. Dovremmo amare i nostri partner abbastanza che se decidono che stanno meglio senza di noi, li lasciamo andare.
  9. La consolazione della completezza: se vanno, spero di trarre conforto dalla fiducia che hai fatto del tuo meglio nella relazione.
  10. La consolazione di un piano dormiente B: Amore significa devozione, ma per non diventare oppressiva, devozione in delicato equilibrio con la sensazione che se finisce, starai bene. Se abbiamo fiducia nella nostra capacità di trovare il modo di prosperare senza il nostro partner, siamo meno tentati di costringerne una risposta affermativa.

Solutions Collecting From Web of ""Mi ami ancora? No davvero?""