Metti giù quel muffin, ho detto!

bought from Shutterstock
Quando la tua auto ti dice di mangiare una banana, obbedisci!
Fonte: acquistata da Shutterstock

Salite in macchina, allacciate le cinture e accendete il motore.

Un suggestivo suono di tosse. "Sto diventando pesante, no?", Il suono del sistema si spegne.

Ti muovi a disagio sul sedile, in un inutile tentativo di essere un po 'meno pesante. Questo non migliora esattamente il tuo umore. Ci sono voci secondo cui la tua azienda sta pianificando licenziamenti. E di recente hai comprato una casa. Cosa faresti per le rate del mutuo? Lo stress ti tiene sveglio di notte.

"Vacci piano", il suono del sistema blasti.

Che cosa? Tua madre ha appena chiamato, o è la macchina che ti ammonisce?

Quest'ultimo, sembra.

"Stai accelerando. E la tua frequenza cardiaca è di 110 battiti al minuto. "
Come fa tua madre – intendo l'auto – lo sai?

Non è così. Bene, non direttamente. Ma il tuo orologio funziona e hanno parlato alle tue spalle.

"La tua frequenza cardiaca è di 115 battiti al minuto."

Che cosa sta succedendo qui?

"Chiama Becka."

Diamine? Becka è la tua migliore amica. Beh, lei ti calma quando parli con lei. Ma come fa anche la tua auto a saperlo ?! Certo, il tuo telefono! Quindi la tua auto, il tuo orologio e il tuo telefono hanno cospirato contro di te. O forse per te?

Chiamerai Becka. Questa è una grande idea. Subito dopo fai una sosta e prendi una bibita e un muffin.

Tranne che la tua auto ha qualcosa da dire anche su questo. Ti sente rallentare. Il GPS identifica la presenza imminente di un'area di sosta. E il tuo portafoglio elettronico ti ha scosso contro. Le tue abitudini da sgranocchiare non sono più un segreto.

"Salta il muffin", la macchina ti dice. "Prendi una banana invece. Ti rende sempre felice. "

È questo il futuro o il presente? Un sogno o un incubo o un po 'di tutto? Secondo Joseph (Joe) Kvedar, MD, l'autore di "Internet of Healthy Things", è il presente e porta una grande promessa. Una promessa che Kvedar sta aiutando in modo irremovibile a diventare realtà. Il bravo dottore, che ha coniato il termine "salute connessa" nel 2006. Dermatologo durante gli allenamenti, una delle fantastiche storie che racconta nel suo libro racconta di come, molti anni fa, fotografò varie lesioni cutanee. Un dottore allora li sfogliò, diagnosticando senza sforzo 20 casi nell'arco di due ore. Nelle ore di clinica, questo avrebbe richiesto il doppio del tempo, senza nemmeno tener conto del tempo e dei problemi che i pazienti dovevano raggiungere. Ciò che ora viene fatto con gli smartphone, facilmente accessibili a tutti, è stato reso possibile grazie al lavoro di pionieri come Kvedar.

Lui non solo parla, parla, cammina. Sotto i due decenni di leadership del Dr. Kvedar, Partners Connected Health ha lanciato una serie di innovativi programmi di monitoraggio sanitario, salute mobile, iniziative di assistenza virtuale e programmi di ricerca clinica per oltre 1,5 milioni di pazienti serviti negli ospedali affiliati a Partners HealthCare, tra cui Brigham e Women's Hospital e Massachusetts General Hospital.

Come ricercatore, che lavora anche con l'industria, rendo omaggio alla loro capacità di includere l'innovazione in ogni fase.

I loro programmi soddisfano i malati, ma promuovono anche il benessere. Un muffin alla volta.

Il libro apre gli occhi su quanto siamo connessi e come saremo. E come questo influenzerà la nostra salute.

"Ho detto metti quel muffin!"

Tu senti?

Received from Gina Cella
Joseph Kvedar, MD. Collegato pioniere della salute e autore di Internet of Healthy Things
Fonte: ricevuto da Gina Cella

Solutions Collecting From Web of "Metti giù quel muffin, ho detto!"