Mettere sentimenti in parole: 3 modi per spiegare ciò che si sente

Hai mai avuto problemi a trovare le parole per quello che senti o pensi? Molti di noi hanno riscontrato questa difficoltà in un momento o nell'altro. Succede spesso quando abbiamo più bisogno di essere in grado di spiegarci – quando sentiamo qualcosa di particolarmente forte o in crisi o semplicemente vogliamo comunicare un sentimento forte. Se ti capita più di quanto possa sembrare alle altre persone che conosci, potresti essere parte del 10% della popolazione che soffre di un problema chiamato "alexithymia". È un nome di fantasia che viene dal greco e significa un'incapacità trovare parole per le emozioni. Lo psicanalista Peter Sifneos ha inventato questo termine nei primi anni '70.

Sebbene sia stata fatta una grande quantità di ricerche sul problema dell'alessitimia da quando Sifneos la nominò, è stata generalmente considerata altamente insensibile alla psicoterapia tradizionale. Tuttavia, l'alessitimia è ritenuta un componente importante di molti gruppi diagnostici diversi, tra cui la schizofrenia, l'autismo, la dipendenza da alcol e droghe, i disturbi alimentari, i disturbi della personalità e la tendenza a impegnarsi in comportamenti pericolosi e / o impulsivi. E ci sono prove significative che se si soffre di uno di questi disturbi, si trarrà vantaggio dall'imparare a prestare attenzione e trovare la lingua per esprimere i propri sentimenti, sia a se stessi che agli altri. Tre studiosi di scienze sociali hanno pubblicato un libro che mostra che anche la ricerca, che tradizionalmente si suppone sia fatta senza sentimento, viene spesso fatta con sentimenti non riconosciuti. Dicono che quando queste emozioni sono riconosciute, la ricerca ne beneficia. Lo stesso vale per te, non importa quanto sia difficile per te iniziare a pensare e parlare dei tuoi sentimenti con le parole.

Da molto tempo credevo che l'alexithymia potesse e dovesse essere trattata in terapia orale con alcuni leggeri cambiamenti nella posizione terapeutica. (Ho elencato alcuni dei miei articoli sull'argomento qui sotto nella sezione delle letture.) Stijn Vanheule, Paul Verhaeghe e Mattias Desmet, clinici e ricercatori della Ghent University in Belgio, hanno escogitato un sistema di successo per lavorare con l'alexithymia in psicoanalitico psicoterapia. Ma non devi essere uno psicoterapeuta per usare questo sistema. Se hai difficoltà a trovare parole per i tuoi sentimenti, questi tre suggerimenti possono aiutarti a iniziare a fare quella connessione; e quando crei collegamenti tra i tuoi sentimenti e il tuo linguaggio, inizierai a trovare modi migliori per gestire sia i sentimenti che le situazioni difficili. Puoi anche utilizzare queste tre tecniche con persone care e bambini che vuoi aiutare a imparare a parlare dei loro sentimenti.

Due cose prima di iniziare. Innanzitutto, queste tre tecniche non devono essere eseguite in alcun ordine particolare, sebbene il primo passo sia il punto migliore per iniziare questo lavoro. Una volta che lo hai fatto per un po ', potresti volerlo mescolare, a volte farle come sono scritte, e talvolta farle in un altro ordine. Va bene. Tuttavia ti sembra molto utile per te come dovresti farlo. E secondo, è molto importante non focalizzarti sull'idea che non puoi farlo, ma pensare invece all'esperienza che stai cercando di nominare. I sentimenti possono essere potenti e potresti avere una forte reazione nel mettere alcuni di loro in parole. Quando ciò accade, è importante trovare il modo di fare marcia indietro. Torna al primo passaggio, prenditi qualcosa da mangiare o da bere, o distrarti con la televisione, qualcosa sul tuo computer, musica o una passeggiata intorno all'isolato. Ma ricorda anche a te stesso che queste emozioni non sono male, non importa quanto si sentano male. E tu non sei cattivo per sentirli. Ciò che è più probabile è che stai provando qualcosa che non puoi immaginare nella tua mente e che non riesci a trovare per le parole. Come un bambino piccolo che si spaventa perché non sa cosa sta succedendo, potresti sentirti un po 'sopraffatto dall'esperienza. Il lavoro che stai facendo è trovare un modo per rappresentare i sentimenti nella tua mente in modo che tu possa sapere cosa devi fare per gestirli con successo. Come qualsiasi altra cosa nella vita, questo richiede pratica.

Tre modi per migliorare nel sapere, pensare e dire quello che senti:

1. Pensa alle situazioni concrete che vorresti cambiare . Concentrati su una o due specifiche situazioni recenti: un argomento a casa, un incidente sul lavoro. Cerca di mettere in parole per te stesso (o chiedi a tuo figlio o alla persona amata, se stai cercando di aiutare qualcun altro, a mettere in parole per te) la catena di eventi che ha portato alla situazione. Sii molto specifico. Ad esempio, se hai avuto una discussione con tuo marito, moglie, figlio o genitore prima di uscire di casa stamattina, inizia con il primo evento del mattino – il momento in cui ti sei svegliato. L'allarme ti ha colto di sorpresa? Sei rimasto a letto più a lungo di quanto volevi? Ti alzi e fai la doccia? Come è andata? La doccia è stata abbastanza lunga? Troppo lungo? Com'era l'acqua: calda, fredda, neutra? Quindi continua. Quello che è successo dopo? Chi hai visto? Cosa hai detto loro? Cosa ti hanno detto? Hai fatto la tua colazione? Cosa hai mangiato? Che vestiti hai messo?

L'obiettivo qui è quello di ottenere te stesso (o il tuo bambino o partner o chiunque) per sviluppare rappresentazioni mentali di quei momenti che hanno portato gradualmente alla discussione. Metterli in parole è solo una parte del processo. Chiamarli e immaginarli sono spesso attività connesse. Se puoi, prova a sviluppare un'immagine mentale di ciascuno di questi momenti.

2. Spiega a te stesso come comprendi la situazione problematica. L'idea non è di incolpare te stesso o l'altra persona, ma di esprimere a parole ciò che pensi sia realmente accaduto. Quindi cerca di esprimere a parole ciò che è angosciante di ciò che è accaduto. Quindi, per esempio, se tu e tua figlia litigate stamattina prima di lasciare la casa, il vostro obiettivo in questo passo è quello di mettere in parole quello che è successo, quello che avete discusso e quello che pensate potrebbe essere stato il motivo dell'argomento. Quindi cerca di dire di cosa si tratta l'argomento che ti ha angosciato. Forse ti senti frustrato e preoccupato che insiste per andare fuori al freddo senza calze o calzamaglia. Forse sei preoccupato che si ammalerà. Ma forse ti infastidiscono anche perché ti parla e ti sembra che dovrebbe essere più rispettosa? Se tu fossi così irrispettoso verso i tuoi genitori, cosa sarebbe successo? Lei non dovrebbe parlarti in questo modo! Non cercare di risolvere il problema e non provare a cambiare le cose in questo passaggio. Va bene che hai trovato un paio di risposte diverse. Può essere entrambe queste cose – e altro ancora. La maggior parte degli argomenti ha diversi significati diversi e sovrapposti.

L'obiettivo qui non è quello di risolvere il problema, ma di trovare un modo per metterlo in parole e immagini – cioè, rappresentarlo mentalmente – nella tua stessa testa. A poco a poco, quelle parole e le immagini inizieranno ad evolversi in sensazioni che hanno senso, anche se non sono confortevoli.

3. Cerca di mettere le tue risposte emotive in parole e poi di pensare a come hai gestito la situazione e in quale altro modo potresti gestirla. Così ora hai diversi pensieri e immagini di entrambi ciò che ha portato a, e anche quello che è successo nella discussione con tua figlia. Ora cerca di esprimere a parole ciò che hai capito della tua risposta emotiva. Questa parte includerà parole e pensieri, ma anche sensazioni fisiche. Ad esempio, potresti provare a notare se il tuo stomaco si stringeva o i muscoli delle tue braccia si tendevano. Hai digrignato i denti o serrato la mascella? Hai sentito una pesantezza nel petto? Ci sono molti esercizi di consapevolezza che possono aiutarti a prestare attenzione a ciò che senti nel tuo corpo. Uno di loro ti chiede di iniziare con le dita dei piedi e di risalire il tuo corpo, chiedendoti ripetutamente: "Cosa sento lì (nelle dita dei piedi, le mie caviglie, i miei stinchi, i miei polpacci e fino alla cima di la tua testa). "L'importante è non esprimere giudizi su questi sentimenti, ma di nuovo cercare di trovare il modo di rappresentarli nelle parole e nelle immagini mentali. Spesso i sentimenti nel nostro corpo si sentono così senza parole che non possiamo neanche immaginare di nominarli. Ma come con qualsiasi esercizio, più si presta attenzione e si nominano queste sensazioni fisiche, più facilmente si otterrà. E avrai più informazioni su ciò che sta accadendo dentro di te, poiché i sentimenti fisici sono spesso legati alle emozioni.

Quindi, cerca di capire perché potresti provare queste emozioni. Forse il tuo risentimento per il fatto che tua figlia sia così irrispettosa ha qualcosa a che fare con i cattivi sentimenti che ti porti dietro di te. Ti preoccupi che le altre persone della tua vita non ti rispettino? Se è così, perché? E se separassi queste preoccupazioni dalla tua preoccupazione con tua figlia. Cos'altro potrebbe succedere qui? Sai che si sta ribellando contro di te, ma è tutto così brutto? Forse è un segno che si sente abbastanza sicura nel suo amore per lei che può permettersi di iniziare un importante passo evolutivo verso l'essere più indipendente e autodiretta. Se pensi che potrebbe succedere, cambia il modo in cui gestisci la tua frustrazione?

Ora puoi risolvere il problema. Sulla base di queste rappresentazioni mentali, potresti scoprire che una soluzione viene abbastanza facilmente. Oppure, se ritieni di non sapere ancora cosa fare, sarà più facile ottenere supporto o guida da un amico, fratello maggiore o anche un consulente, perché hai già iniziato il processo di descrizione della situazione e mettendo le tue preoccupazioni in parole.

In sintesi , quindi, questo processo in tre fasi ti aiuta a iniziare a identificare non solo ciò che senti, ma anche gli eventi specifici e le esperienze che hanno portato a quella sensazione. In altre parole, stai imparando a sviluppare rappresentazioni mentali dei dettagli che entrano in qualsiasi esperienza emotiva. Una volta che hai un'immagine e parole più dettagliate e significative per descrivere qualsiasi esperienza, spesso puoi trovare modi più efficaci per gestire i tuoi sentimenti e rispondere in modo più efficace a qualsiasi situazione.

Per ulteriori letture:

Caroline Clarke (Montatore), Mike Broussine (Montatore) e Linda Watts (Montatore): Ricerche sul sentimento: gli aspetti emotivi della ricerca sociale e organizzativa. Routledge Press.

Stijn Vanheule *, Paul Verhaeghe e Mattias Desmet: Alla ricerca di un quadro per il trattamento di alexithymia. Psicologia e psicoterapia: teoria, ricerca e pratica (2011), volume 84, pp. 84-97

F. Diane Barth, LCSW: Parlando di sentimenti: affetti, linguaggio e psicoanalisi. In Dialoghi psicoanalitici, volume 8, pp. 685-705.

http://www.dianebarth.net/uploads/3/6/4/4/3644188/speaking_of_feelings.docx

Fonte immagine Teaser: iStock_000037226630

Copyright F. Diane Barth, LCSW, 2015

Seguimi su Twitter: https: //twitter.com/fdbarthlcsw

Solutions Collecting From Web of "Mettere sentimenti in parole: 3 modi per spiegare ciò che si sente"