#MeToo: Man-Sbattuto su Facebook

“Non sono così, o sono io?”

Ha iniziato abbastanza innocentemente. Mia moglie Shari mi ha mandato un’ennesima irresistibile foto dei nostri due gatti ebrei: Reb Nachman di Breslov (dal nome Reb Nachman di Breslov) e Shlomo-Bob Schneerson (dal nome del nostro amico Bob che si è convertito al giudaismo e divenne Shlomo-Bob, e Schneerson è un omaggio al tardo Rebbe della comunità Chaid chassidica, che alcuni credevano fosse il Messia. Pensiamo che Shlomo-Bob sia il Messia – il gatto, non l’uomo.)

Ecco la foto (prepararsi per la dolcezza in arrivo):

Eliezer Sobel

Fonte: Eliezer Sobel

Ho deciso di postarlo su Facebook, dove sono riuscito ad accumulare 2.770 “Amici”, la maggior parte dei quali non conosco da Adam, anche se sono amici di amici di amici, o forse persone che hanno letto i miei scritti da qualche parte

In ogni caso, nonostante quell’alto numero, che ho intenzionalmente coltivato, pensando che mi avrebbe in qualche modo aiutato ad essere un autore di maggior successo o di ampio respiro, ho scoperto presto che se ho postato un link a un nuovo articolo che avevo pubblicato online, riceverei forse sette “LIKES”. (Significa che sette persone tra i circa due miliardi di utenti di Facebook in tutto il mondo esprimevano il loro apprezzamento per il mio post. Ciò non significa che in realtà abbiano cliccato sul link e letto il mio articolo. sette ha fatto questo.)

Tuttavia, quando ho postato una foto divertente di un gatto, sarei stato subito sommerso da centinaia di PIACERI, come petali di rosa che scendevano da Facebook Heaven, lodandomi per le mie buone opere. Quelli che sono molto più intelligenti e più esperti di tecnologia di me insistono nel dire che Facebook è comunque IL posto perfetto per vendere le tue merci, promuovere il tuo progetto o espandere la tua attività. Ho raggiunto la conclusione opposta dalla mia esperienza, che posso riassumere in questo modo:

  • Usando Facebook per lavoro o guadagno personale: non va bene.
  • Usare Facebook per condividere cose affascinanti, personali, divertenti o commoventi: molto buono.

In ogni caso, una volta scattata la foto, avevo bisogno di una didascalia intelligente, ed essendo la cultura superficiale, senza tracce, insensibile, bianca-privilegiata-maschio-chi-involontariamente-contributiva-misogina-stupro che io sono (una fatto che presto mi sarebbe stato segnalato da una varietà di donne diverse), mi è venuta in mente questa brillante didascalia:

Facebook/Eliezer Sobel

Fonte: Facebook / Eliezer Sobel

Poi si scatenò l’inferno e passai letteralmente due interi giorni della mia vita su Facebook in quello che risultò essere un utile dialogo. Ma c’era una scia di sangue e lacrime lungo la strada. Non avevo davvero idea che il mio post sarebbe stato percepito come in qualche modo umiliante, o minato la profondità e la gravità del movimento #MeToo. Stavo mirando a una risatina, non a una rivoluzione e alla possibile decapitazione.

Ma se fosse stato tagliato e asciugato, la soluzione sarebbe stata semplice e veloce: scusarsi e prendere il posto. (Allarme spoiler: alla fine mi sono scusato e ho abbassato la posta). In realtà, mentre l’errore dei miei modi veniva reso molto chiaro da me, stavo ricevendo anche un’ondata di sostegno da parte delle donne. Ho sentito delle vittime dello stupro e dell’assalto, dicendomi che l’avevano trovato divertente, che “il tuo umorismo sta guarendo” e che sapevano che non stavo diminuendo la serietà del movimento #MeToo. Mi hanno esortato a continuare ad esprimermi in modo autentico, che è “una preziosa offerta nel mondo”. (Mi piacevano quelli).

Anch’io ho sentito da un ex consigliere di crisi di assalto sessuale che lo trovava divertente. Mia moglie Shari, la cui opinione porta almeno il 49% dei voti nella mia psiche, o forse il 51%, l’ha trovato divertente. Allo stesso tempo, coloro che erano giustamente e legittimamente oltraggiati, feriti o offesi dalla loro percezione del mio incarico, hanno chiesto di smetterla per onorare il loro dolore e coraggio nel pronunciare a voce alta i loro # MeToo. Altre donne, tuttavia, chiedevano simultaneamente che io “per favore tenete alto il post” perché stavano trovando il dialogo che si era attivato tra di loro in quanto donne per essere ricche e preziose.

Mi sentivo bloccato tra una roccia e un luogo difficile. Poi, per rendere le cose ancora più delicate e tenere, qualcuno ha cresciuto le mie amate figliuole e diverse donne mi hanno chiesto se avrei postato quella barzelletta se le mie figlie fossero state aggredite o molestate. Dopo averci pensato, la mia risposta fu “Sì, se pensassi che li farebbe ridacchiare e alleggerire il loro carico; e no, certo che no, se contribuisse alla loro ulteriore sofferenza “.

In qualche modo questa parte della conversazione si svolse in modo tale che finii dichiarando: “Se le mie figlie, insieme a mia moglie, dicono che dovrei prendere il posto, lo prenderò”.

Sono stato veloce nell’apprendere quanto poco conoscessi le mie figliuole. In qualche modo si erano trasformati da un giorno all’altro da adorabili bambini di 3 e 6 anni in femministe feistide, brillanti, dalla lingua tagliente, con una forte opinione, con una sinistra radicale, femministe e sessualmente fluide, ora di 17 e 20 anni. In altre parole, sì, volevano che il posto fosse rimosso subito, e no, non erano affatto contenti di me. Né era la loro madre, uno dei miei migliori amici al mondo, che è sposato con uno dei miei migliori amici del mondo. Quindi, in un certo senso, una disputa familiare stava giocando sul palcoscenico di Facebook del mondo.

Shari non aveva partecipato al dialogo di due giorni della maratona, ma da quando l’avevo autorizzata a decidere il risultato, le persone là fuori stavano aspettando che lei facesse commenti, quindi alla fine ha valutato:

“In primo luogo, non dire una parola, solo una domanda: negli scenari di Fatwa, generalmente tirano fuori anche la moglie?”

Ovviamente, l’ho sposata per la commedia. Ultimamente, ogni volta che c’è una storia di Breaking News su un altro uomo potente e famoso accusato di cattiva condotta sessuale, Shari invariabilmente dirà:

“Wow, è davvero un brutto momento per essere un uomo; è una buona cosa che tu non sia in un ufficio pubblico “.

Stava scherzando riguardo al pezzo dell’ufficio pubblico. ( Credo .) Credo di essere stato per lo più uno di quei Sensitive New Age Guys (SNAGS) femminilizzati che conoscono le cose giuste da dire e anche le cose giuste da sentire , e in gran parte ho incarnato quel modo di pensare e sentire in modo da informare il mio comportamento nei rapporti con le donne. Principalmente Ma questo non significa affatto che il mio primitivo, politicamente scorretto adolescente interiore, che ha speso una quantità eccessiva della sua prima infanzia guardando Playboy mentre fantasticava e altro, è in qualche modo assente o lontano da molto tempo, tanto quanto vorrei che lui se ne erano andati da tempo ed erano stati sostituiti da una sessualità matura che si avvicina di più alla fiducia e alla connessione intima con un vero umano.

Tuttavia, alcune donne che mi conoscono abbastanza bene hanno provato a invocare il vecchio, “Ma questa era Eliezer ” difesa (seconda solo alla “Twinkie Defense” come scusa per fare qualcosa di deplorevole). Stavano dicendo, in effetti, “Ma questo era il nostro amico, Eliezer ; sappiamo tutti che non è così. “Al che l’altra parte ha risposto,” Sì, è così, perché ha postato questo post “.

E avevano ragione. Sono “così” (dipende, ovviamente, da come lo definisci “.” Bill Clinton, sfortunatamente, ha solo esplorato il significato di “è”, non “quello”.) Ma molti bravi, onesti, uomini pro-donne là fuori ci sono anche “così”. Li conosco personalmente. Potremmo aderire esternamente a un codice abbastanza rigoroso di comportamento corretto, etica femminista e linguaggio appropriato, ma quelle limitazioni esterne non rimuovono mai veramente la realtà fondamentale e fondamentale di chi conosciamo noi stessi nella nostra natura sessuale senza censura, anche se distorta e danneggiata.

Il nostro condizionamento sessuale primordiale maschile collettivo è una forza che quasi tutta la mia generazione ha respirato virtualmente nell’atmosfera culturale ispirata da Hefner in cui siamo cresciuti, insegnandoci esattamente ciò che costituisce una donna sessualmente desiderabile, e anche come considerarli. (Per “riguardo”, leggi “oggettivizza”.) E quelle opinioni e ipotesi erano profondamente radicate nella nostra psiche e subconscio (eterosessuale / cisello) – quelle di uomini e donne – e non sono così facili da sradicare, smantellare, disimpegnare da, o rimuovere completamente.

Secondo la mia ricerca molto personale, la maggior parte degli uomini “accettabili” – cioè, una manciata di noi che non hanno ancora affrontato accuse criminali – spesso nutrono una vasta gamma di fantasie sessuali potenzialmente molto inquietanti che oggettivizzano le donne. Questo fatto da solo è ciò che ci rende “così”, e la fattibilità finanziaria e la disponibilità di 33 miliardi di siti porno su Internet (da o per 20 miliardi) sostengono i miei dati. La mia abituale risposta sessuale a una gamma molto ristretta di donne è entrata in azione per me intorno all’età di 12 o 13 anni, dopo aver ricevuto la mia prima copia di CLIMAX da un amico più esperto, e semplicemente non si è mai interrotta. Purtroppo, come ormai molti di noi sanno, l’abitudine onnipresente dell’approccio pornografico al piacere di sé come praticato da così tanti uomini è tragicamente estranea, sin dall’inizio, a persone reali, a rapporti autentici con un altro, o certamente a qualcosa di lontanamente somigliante amore. Tutto si è confuso, sulla strada sbagliata, e incastrato neuronalmente proprio nella nostra età più vulnerabile e impressionabile, proprio quando l’assalto della pubertà e le implacabili devastazioni degli ormoni scatenati hanno preso il sopravvento sulle redini e sul cervello.

Quindi Shari aveva ragione in un certo senso: se i miei pensieri e fantasie sessuali fossero mai stati controllati o controllati, sarei stato rinchiuso molto tempo fa. Ma non mi sentirei solo perché condividerei una cella con molti miei amici maschi, la maggior parte dei quali condivide questa fune che camminiamo tra essere una leale, alleata femminista pubblica, mantenendo tuttavia una sessualità nascosta, arrestata dallo sviluppo , un posto privato nella nostra psiche che è noto solo ad alcuni amici, per lo più maschi, che chiaramente soffrono della stessa duplice natura e con i quali possiamo almeno commiserarci.

(Mi aspetto davvero di sentire da una sfilza di uomini nella sezione Commenti, disingannandomi di questa caratterizzazione eccessivamente generalizzata del nostro nobile genere).

Sono stato anche preso in carico su Facebook per rendere più significativi e importanti i desideri e le sensazioni delle mie figli godute rispetto alle molte donne adulte che avevano già chiaramente affermato di averle ferite, come se mi interessasse solo quando il dolore stava accadendo a qualcuno in il mio mondo intimo. Dovevo riconoscere a me stesso che sì, l’idea di causare dolore alle mie figlie sembra avere più peso nel mio cuore, anche se non dovrebbe avere, e forse non avrebbe dovuto avere un’anima più evoluta.

Giusta o sbagliata, la richiesta più giovane, ancora minorenne della figlia, che il post sia venuto giù è stato il fattore decisivo per me, insieme all’udire le storie dell’orrore della sua vita di giovane donna in un mondo pieno di mascalzoni maschili che spuntano ovunque e ogni giorno in una forma o nell’altra. Poi diverse donne hanno suggerito di rimuovere semplicemente la battuta #MeowToo, ma lasciare la conversazione che si era catalizzata sulla mia pagina di Facebook per coloro che lo trovavano utile, e semplicemente aggiungere una spiegazione in cima al motivo per cui uno scambio così prolungato e riscaldato era stato suggerito da un’immagine di gatto apparentemente casuale. Questo è quello che ho sostituito:

Eliezer Sobel

Fonte: Eliezer Sobel

E così tutto è ancora lì, sulla mia pagina di Facebook, e io essendo un autore non famoso e tutto, la mia pagina è aperta al pubblico se si desidera esaminarla: FACEBOOK / Eliezer, ma dovrete Scorri un po ‘per superare tutte le cose relativamente innocue che ho postato da allora per liberarmi di me fino a quando la mente dell’alveare di Facebook è distratta collettivamente da qualche altra notizia di passaggio, come, ad esempio, imminente guerra nucleare con la Corea del Nord .

La mia dichiarazione conclusiva, vostro Onorevole: Dato che non sono mai stato accusato di cattiva condotta sessuale, sebbene sia colpevole di aver postato una foto di un gatto con una didascalia mal concepita che è stata dolorosa per alcuni, con la presente lo chiedo quelle donne del mondo che non mi odiano gentilmente invocano il mio caso alla tua prossima riunione del Consiglio Generale, e suggerisco sempre-cautamente al resto dei tuoi elettori che io sono tra i loro alleati maschili nel quadro generale, quindi forse alcuni il perdono sarebbe in ordine. Sarebbe un enorme sollievo per me, ma dipende da ogni singola donna.

Nel frattempo, a quelli che ho ferito, #MeSorry.

Solutions Collecting From Web of "#MeToo: Man-Sbattuto su Facebook"