Mentire: in politica come nella vita di tutti i giorni, non è se ma quando

Potresti aver offeso il tuo amico; non sei sicuro. Hai voglia di scusarti. Ma se l'insulto non si è nemmeno registrato, allora aprirai il barattolo di vermi che stai cercando di chiudere. Tuttavia, se il tuo amico è offeso e irritato, faresti meglio a sistemarlo.

Dovresti dire qualcosa?

Un altro amico è malato cronico. Vuoi mostrarti cura, quindi è insensibile ignorarlo. Ma se il tuo amico sta solo cercando di andare avanti con la vita normale, potrebbe sembrare insensibile richiamare l'attenzione su ciò che il tuo amico sta cercando di dimenticare.

Dovresti portarlo su?

Tu e il tuo coniuge avete deciso di divorziare. Entrambi si dice che si vuole negoziare un equo accordo win-win, senza un cattivo retrogusto. Ma appena ci si mette dentro, il tuo prossimo-ex-ex inizia a fare richieste che sembrano un atto di aggressione in una battaglia a tutto campo. Forse un promemoria sui negoziati civili ridurrà il conflitto. O forse invece sarai accusato di tentare di manipolare. No, forse sarebbe meglio evidenziare il problema facendo richieste ugualmente aggressive. Ma cosa succede se questo ti rende irragionevole?

Dovresti tirarlo su, essere ragionevole, o abbinare l'aggressività?

Tutti affrontiamo queste domande. Alcuni leader di auto-aiuto dicono che le risposte sono facili ed evidenti: sii onesto, sii gentile, sii generoso, difendi te stesso. Il problema è che le guide non sono d'accordo sulle risposte facili.

Questo perché non ci sono risposte facili. Queste domande sono chiamate di giudizio difficili – situazioni in cui la stessa azione può portare a risultati opposti, migliorando o peggiorando le cose, e non si può dire quale anticipo (vedi ACID). Quando la cosa giusta da fare con una sola interpretazione è la cosa sbagliata da fare da un'altra, non c'è una soluzione sicura, e non è perché sei stupido o è colpa di qualcuno. Chiamate di giudizio difficili vengono con il territorio di essere vivo.

Anche i politici devono affrontare difficili chiamate di giudizio, a cominciare dai due modi fondamentali per leggere un'elezione. Se un'elezione è un dibattito civile progettato per aiutare le persone a prendere una decisione, i candidati che diventano troppo aggressivi non faranno che offendere le loro prospettive. Le persone si aspettano che i loro candidati siano morali. I candidati che sottovalutano la gente falliranno.

Ma se un'elezione è una lotta a tutto campo, il candidato che usa le tattiche più aggressive farà oscillare la maggior parte degli elettori e vincerà. Quindi non puoi permetterti di essere ragionevole. I candidati che sopravvalutano la gente invariabilmente perdono. Se devi vincere perché sei crociata per un valore morale più alto, in realtà è più morale imbrogliare.

Se è un dibattito civile, farai del tuo meglio essendo ragionevole. Ma se è una guerra a tutto campo, farai di peggio. Invece farai meglio combattendo sporco. Ma se in realtà è un dibattito civile, i tuoi sporchi trucchi si ritorceranno contro.

In queste elezioni presidenziali entrambi i candidati hanno affermato che avrebbero combattuto in modo pulito. Entrambi stanno ora combattendo sporco, anche se i Repubblicani di qualsiasi misura neutra sembrano prendere il comando, giustificati (potrebbero obiettare) dalla convinzione che è morale fare tutto il necessario per riportare l'America indietro dai pericolosi liberali.

La stampa e il resto di noi discutono su quale candidato stia combattendo sporco, come se solo persone depravate mentissero o manipolassero, e sicuramente non vorremmo un presidente che lo farebbe.

Tuttavia, mentiamo tutti. Cioè, a prescindere dalla falsa dichiarazione, distrazione o omissione, a volte incoraggiamo le persone a credere a ciò che è utile a noi per credere. Ci piace pensare che i presidenti non debbano mentire o che non dovrebbero perché la posta in gioco è così alta. Ma hanno ancora più motivi per mentire rispetto al resto di noi.

Quanto più intima è la connessione, tanto più i costi e i benefici della menzogna aumentano. Perché è tanto più sicuro sfogare la tua frustrazione contro un guidatore sconsiderato rispetto a un coniuge sconsiderato? Costa meno essere onesti con qualcuno che non vedrai mai più. I presidenti sono, in un certo senso, intimi con tutti noi. Il potere è un'influenza intima. Devono mentire.

Chi è la colpa della nostra palude politica e della politica sporca che incoraggia? Beh, in un certo senso, nessuno. Chiamate di giudizio difficili vengono con il territorio, compreso il duro appello per giudicare se combattere sporco.

In un certo senso, però, noi dobbiamo dare la colpa alle persone. Ci piace fingere che non ci siano duri giudizi o che ci siano risposte facili e ovvie. Ci piace pensare che i politici dovrebbero sapere che vogliamo solo parlare apertamente. Quando pensiamo in questo modo, stiamo mentendo sulla menzogna. Facciamo finta di credere e possiamo vivere secondo una semplice regola come "l'onestà è la miglior politica".

Solutions Collecting From Web of "Mentire: in politica come nella vita di tutti i giorni, non è se ma quando"