Menti alterate

courtesy of Rowish Productions
Fonte: cortesia di Rowish Productions

Altered Minds è un nuovo lungometraggio scritto e diretto da Michael Z Wechsler. Diciamo solo che un sacco di cose arrivano alla testa – in ogni senso della parola – in una riunione di famiglia mentre il suo patriarca, interpretato da Judd Hirsch, sta facendo i suoi ultimi respiri. Il film è ora nelle sale e disponibile su iTunes. Ho chiacchierato con il regista.

Questo film si concentra strettamente su un piccolo gruppo di persone che molti chiamerebbero una famiglia disfunzionale. Autobiografico in qualche modo?

Se intendi, vengo da una famiglia disfunzionale? Bene, credo che tutte le famiglie abbiano diversi livelli di disfunzione. Questo non vuol dire che le famiglie abbiano il tipo di abuso e di segreti che potrebbe aver vissuto nel mio film. Come cultura, l'ideale dell'unità della famiglia Leave it to Beaver non è mai esistito, il che probabilmente è il motivo per cui è stato uno spettacolo popolare (negando l'imperfezione in linea con i valori repressivi degli anni '50). Anche il Brady Bunch aveva i loro problemi.

Parlando della mia educazione, ho avuto la fortuna di essere cresciuto da genitori amorevoli insieme a due meravigliose sorelle, ma abbiamo sicuramente avuto la nostra parte di ciò che chiamerei "discordia familiare". Fortunatamente, non sarebbe stato nulla di sostenibile o drammatico o intenso da incanalare in un lungometraggio come la storia di Altered Minds . Detto questo, abbiamo avuto la nostra parte di terapia familiare, che ritengo sia stata una buona cosa per la comunicazione. Era anche la mia introduzione al mondo della psicologia / terapia, che poi divenne non solo una parte importante della mia vita attraverso l'età adulta, ma anche l'ispirazione per molte delle sceneggiature che scriverò più tardi.

Il film non è letteralmente autobiografico, ma molto di me vive in questi personaggi e nelle loro lotte. Come i membri di questa famiglia, sono cresciuto senza rendermi conto di soffrire di un trauma che mi avrebbe seguito fino all'età adulta. Una volta che un terapeuta mi spiegò che un certo evento fondamentale della mia vita mi aveva protetto dall'infanzia, molte cose improvvisamente avevano senso. Il bisogno di capire me stesso e il modo in cui sono un prodotto diretto del mio passato è molto simile alla ricerca del mio protagonista Tommy per scoprire la verità.

La proiezione in anteprima di New York di Altered Minds è stata seguita da una tavola rotonda guidata da Hara Estroff Marano, direttore di Psychology Today, e l'attrice Caroline Lagerfelt, il regista Michael Z. Wechsler, gli esperti di PT Guy Winch, Ph. D. e Jane Greer, Ph.D.

Altered Minds è, a un certo livello, guidato dal mistero degli esperimenti di controllo mentale condotti dal governo degli Stati Uniti durante la Guerra Fredda. Puoi darci un indizio sul tipo di esperimenti che sono andati avanti?

Non sono un esperto nella storia del programma di controllo mentale. Non volevo che questo film diventasse una lezione di storia sul MKUltra (progetto di controllo mentale), anche se penso che Oliver Stone dovrebbe raccontare questa storia e sarebbe affascinante. Quello che ho imparato sul programma segreto della CIA è stato sufficiente per creare il dispositivo narrativo perfetto per un mistero avvincente.

Ho letto un certo numero di libri che essenzialmente sono stati esposti dai numerosi programmi di sperimentazione del governo degli Stati Uniti e ho imparato abbastanza da rendermi conto che non si trattava di illusioni di fantascienza o cospirazione. Dall'inizio del XX secolo, il nostro governo ha condotto esperimenti senza consenso. Sia che si trattasse degli aviatori di Tuskegee a cui è stata iniettata la sifilide a loro insaputa o della manipolazione mentale a cui alludo in Altered Minds , che ha avuto luogo in seguito, il nostro paese ha chiaramente attraversato linee etiche e morali in nome di molte cose: ricerca medica, freddo guerra, "progresso" psicologico

Ciò che appresi che avrebbe affascinato e addolorato allo stesso tempo era il modo in cui molte persone (compresi i bambini) erano essenzialmente derubate della loro umanità, prese contro la loro volontà (non diversamente dagli animali testati oggi) e torturate non dai soldati ma dagli psichiatri. Gli esperimenti erano di vasta portata e dipendevano davvero dall'obiettivo a portata di mano. Molti sono diventati porcellini d'India per droghe che alterano la mente (scusate il gioco di parole) che venivano testati per essere usati sui soldati sul campo di battaglia. Altri sono stati isolati e puniti fino a quando non si sono dissociati e si sono divisi in alter-personalità che potrebbero essere programmate per scopi che potrebbero avere avuto un significato militare. È stata la creazione degli "alters" che mi ha davvero affascinato, non solo perché era così disgustoso che le persone potevano farcela l'una con l'altra, ma che in realtà è persino accaduto. Quell'aspetto del progetto MKUltra – la dissociazione e la formazione degli alter – sono stati direttamente incorporati nella mia storia.

Cosa ti ha attratto nello scrivere un film sul controllo mentale?

Bene, quando ho iniziato a scrivere la sceneggiatura, si trattava solo di una famiglia disfunzionale il cui padre potrebbe aver nascosto dei segreti. Ho scritto quasi metà della sceneggiatura non sapendo quale fosse quel segreto, ma le voci della famiglia erano così forti e il desiderio di far sì che il mistero del segreto fosse così pervasivo, mi sono reso conto che dovevo trovare qualcosa fuori dall'ordinario. Se il segreto fosse più banale come l'abuso o l'incesto infantile, il mistero della storia sarebbe molto più difficile da creare per il pubblico. Mi sono imbattuto per caso nel controllo mentale mentre navigavo su YouTube (cosa che consiglio vivamente se blocchi gli scrittori). Mi sono imbattuto in una vera testimonianza del Congresso delle precedenti vittime degli esperimenti di controllo mentale che l'ex presidente Clinton ha permesso. Si trattava di persone a cui non era permesso raccontare le loro storie per decenni e che erano state a lungo private di schizofrenici e cospirazioni, ma che ora, per la prima volta, venivano finalmente date le dovute da un governo che esponeva i suoi brutti meccanismi interiori.

Non appena li ho guardati, ero, io stesso, scioccato nell'apprendere che questo poteva essere realmente accaduto. E poi, mentre leggo di più su quel capitolo della storia americana, non sono diventato solo morbosamente affascinato da esso, ma ho realizzato che avevo il segreto perfetto per creare il mistero di questa storia. La mia reazione iniziale, di totale incredulità, è come volevo che la famiglia del film e il pubblico reagissero, ma poi, nel corso della storia, la loro prospettiva sarebbe cambiata e lo scetticismo sarebbe stato sostituito da un brutto risveglio. Le persone guardano il film con quel cambiamento nella loro prospettiva e questo è esattamente il modo in cui ho sperimentato il mio indottrinamento nei progetti di controllo mentale.

Perché pensi che la gente sia così affascinata dall'idea di macchine e apparati di Frankinstein che ci fanno fare cose quando il controllo della mente è possibile a vari livelli con molti mezzi oltre a una franca tortura (che l'evidenza suggerisce non produce nemmeno i risultati desiderati) e continua il momento giusto davanti ai nostri occhi?

Beh, penso che sia affascinante perché mostra davvero un livello di depravazione umana così difficile da digerire, che sembra, come ho detto prima, come fantascienza. Molti dei medici di controllo mentale, non a caso, erano ex medici nazisti che avevano ricevuto nuove identità e amnistia in America per continuare la loro ricerca "pionieristica". Difficile da credere, giusto? È anche difficile non voler saperne di più, come e perché. C'è qualcosa di così sinistro nella programmazione del controllo mentale, che trasforma essenzialmente le persone in robot senza il loro potere di volontà che penso faccia appello al nostro innato desiderio di controllo e alla nostra innata paura di perdere il controllo.

Il film si concentra su quattro figli adulti di un padre morente. Tre dei bambini sono adottati, uno è biologico. Di cosa parlava questa distinzione?

Bene, penso che in tutte le famiglie, indipendentemente dalla loro composizione, ci sia sempre una gerarchia per i bambini in cui un bambino può ricevere più attenzione e non necessariamente per una buona ragione. Credo che non ci sia una famiglia in cui non ci siano bambini che si sentano come se avessero il lato corto del bastone, e penso che sia una dinamica che dura per sempre, anche dopo che i nostri genitori se ne sono andati. Dal momento in cui siamo bambini, per tutta la vita siamo sempre in competizione per l'attenzione dei nostri genitori, e questa è solo la natura umana. Inevitabilmente, quella gerarchia in cui un bambino riceve più attenzione di un altro che gioca da solo. Nel caso di Altered Minds , ho creato quella gerarchia ai fini del conflitto, e penso che i ragazzi adottivi in ​​difficoltà abbiano reso molto naturale l'esistenza di quel potere afferrare. Nel film, il padre, il Dr. Shellner, adottò orfani dilaniati dalla guerra che erano stati traumatizzati oltre ogni immaginazione e portati in una casa d'amore. In quello scenario, chi ha intenzione di perdere l'amore e l'attenzione dei propri genitori – i ragazzi adottati che hanno già avuto così tante perdite o il figlio biologico che ha, in virtù del fatto di essere l'unico collegato al padre / madre dal sangue, perso nulla? Mi è stato chiaro che creare questa distinzione rafforzerebbe anche il conflitto tra i sibilanti e consentirmi di creare sospetti nel mistero delle motivazioni del figlio biologico.

Il film ruota attorno ai ricordi dell'infanzia: quelli dei quattro figli e anche quelli del padre. Come regista, qual è l'attrattiva che opera nell'arena dei ricordi d'infanzia?

I ricordi sono cinematici. Poiché sono così soggettivi e inaffidabili, costituiscono un meraviglioso alleato quando creano misteri o drammi psicologici. Hitchcock è stato uno dei primi registi a usare meravigliosamente la lente nebulosa dei ricordi repressi nel suo film Spellbound . Molti altri registi si sono concentrati sulla mente ed è spesso un ricordo tenue del passato per creare film intensi sui personaggi che cercano di riconnettersi con i loro sé perduti. Adoro i film come Ordinary People , Shutter Islan d e Memento che usano davvero l'idea dei ricordi repressi per raccontare storie avvincenti.

La famiglia, guidata da un padre molto lodato, viene quasi distrutta dall'angoscia di un figlio. Eppure questo figlio è in un certo senso l'eroe. Ci stai dando un nuovo tipo di figura, l'eroe psicologico?

È un eroe dei Byron almeno all'inizio del film perché sta accusando il padre morente, che ci piace e di cui ci fidiamo, di fare cose orribili ai bambini. Egli provoca il caos su quello che dovrebbe essere il più memorabile incontro finale che questo padre avrà mai con i suoi figli. Questo non è un personaggio simpatico. Eppure, alla fine, l'esplorazione di Tommy porta l'intera famiglia fuori dall'oscurità in una certa misura. La sua tenacia e la sua convinzione alla fine fanno brillare una luce di verità sul passato di questa famiglia e così, sì, è l'eroe. Mi piace il termine "eroe psicologico" perché è la sua mente malata e traumatizzata che gli dice da sempre che deve ottenere le risposte. Attraverso la sua condizione psicologica, trionfa.

In che prospettiva delle famiglie vuoi che gli spettatori possano andare via?

Alcune cose vengono in mente. Voglio che gli spettatori considerino le faccette e le facciate che tutte le famiglie sembrano sostenere per mantenere intatto l'aspetto sopravvalutato della normalità. (Questo è il motivo per cui ci piace la famiglia Addams: non creano una facciata. Ci mostrano chi sono veramente. Mi piacerebbe che la gente pensasse ai segreti, grandi e piccoli, che hanno vissuto all'interno dei confini delle loro famiglie e come ciò abbia avuto un impatto su di loro personalmente e nelle loro relazioni. Mi piacerebbe anche che il pubblico considerasse il danno che sostiene quel segreto a lungo andare.

E per ultimo, quale domanda non è stata posta a cui vorresti rispondere?

A cosa stai lavorando in seguito e ha qualche argomento psicologico come Altered Minds ?

Il mio prossimo film, che è attualmente in pre-produzione, è ancora più fortemente psicologico di Altered Minds . È una fiaba romantica chiamata Modern Primitives e, ancora una volta, si concentra su personaggi che sono traumatizzati e non necessariamente capiscono perché. Ma questa volta la ricerca della comprensione della verità passa attraverso l'amore. È davvero un film molto lontano e unico, quasi difficile da classificare sulla malattia mentale, le vite passate e la mitologia.

Solutions Collecting From Web of "Menti alterate"