Meno tempo su Facebook aumenta la tua felicità? Sì!

Il tempo che trascorri su Facebook ti solleva, ti abbatte o ti regala emozioni contrastanti? Ecco alcuni risultati recenti sugli utenti di Facebook:

  • Oltre il 33% degli utenti di Facebook dichiara di sentirsi infelice durante la propria visita (1).
  • Invidiare gli "amici" di Facebook è la ragione principale dell'infelicità (1).
  • Le persone che navigano ma non comunicano attivamente su Facebook sono particolarmente vulnerabili al sentirsi infelici (1) (2).
  • Più lunghe sono le ore trascorse su Facebook, maggiore è la probabilità di credere che gli altri siano più felici (2).
  • Più accumuliamo gli "amici" di Facebook che non conosciamo, maggiore è la probabilità di credere che gli altri siano più felici (2).
  • Più interagiamo faccia a faccia con gli amici, più bassa è la probabilità di credere che gli altri siano più felici (2).
  • Il confronto con Facebook può essere particolarmente interessante per le donne (3) (4) (5) (6).

 

Invidia di Facebook

Uno dei modi più semplici per sentirsi infelici è confrontarsi con gli altri in modo sfavorevole. Quando siamo su Facebook, siamo suscettibili di indebita influenza delle nostre rappresentazioni lucide di "amici". Anche quando sappiamo consapevolmente che i profili di Facebook sono spesso nient'altro che cartelloni sociali, è facile cadere nella trappola di confrontare le nostre vite reali con le pubblicità altrui di se stessi.

"Guardare le foto felici degli altri su Facebook dà alle persone l'impressione che gli altri siano sempre felici e che abbiano delle belle vite."

– Hui-Tzu Grace Chou

Per essere sicuro, Facebook ha benefici chiari e molteplici. Il focus di questo articolo è su cosa puoi fare se usare Facebook è un'esperienza mista o negativa per te. Di seguito sono riportati 5 suggerimenti se e quando Facebook ti fa sentire infelice.

1. Avvia una dieta su Facebook

Questo primo suggerimento sembra ovvio, ma funziona! Stop o riduzione del tempo su Facebook. La vita è troppo breve per sentirsi male mentre si guarda alle rappresentazioni idealizzate degli altri.

 

2. Sii onesto sulle tue emozioni

Riconosci ogni infelicità che potresti incontrare durante la navigazione su Facebook. Sappi che hai il potere di far sparire questi sentimenti (vedi consigli n. 4 e n.5).

 

3. Avere un controllo della realtà di Facebook

"L'invidia può spesso portare gli utenti ad abbellire i loro profili Facebook, il che, a sua volta, provoca l'invidia tra gli altri utenti."

– Humboldt-Universität zu Berlin

Facebook è "come essere in una commedia. Tu fai un personaggio "

– da solo insieme

Quando ti senti infelice mentre navighi su Facebook, ricorda che molti, se non la maggior parte dei tuoi "amici", sono profili di pubblicità personale. La maggior parte delle persone tende a postare ciò che è positivo (o drammatico) nelle loro vite. È quello che vogliono che tu veda, piuttosto che le loro vite in realtà.

 

4. Uccidi i pensieri negativi relativi a Facebook

Usando un elenco di comuni pensieri negativi automatici (ANTS) identificati dal neuro-psichiatra Dr. Daniel Amen, ecco alcuni modi in cui potremmo pensare in negativo mentre su Facebook:

Sempre / mai pensando – Fare generalizzazioni in senso negativo, come "Non sono mai stato invitato alle loro riunioni".

Concentrarsi sul negativo – Confrontandoci socialmente in negativo, come "Come mai la mia vita non è bella come la sua?"

Pensare con i tuoi sentimenti – Credere che i tuoi sentimenti negativi siano reali, come "Mi sento schifoso; Devo essere un perdente. "

Colpevolezza – Colpiti per non avere quello che hanno gli altri, come "Sono una mamma cattiva perché non ho dato a mia figlia una grande festa di compleanno come ha fatto lei."

Etichettatura – La tendenza a giudicare negativamente te stesso o gli altri, come "Si sta vantando di nuovo su Facebook!"

Personalizzazione – Credere nei messaggi di altre persone è una scarsa riflessione su di te, ad esempio "Ha più" Mi piace "per i suoi commenti su Facebook di me – cosa c'è di sbagliato in me?"

Dr. Amen ha sviluppato un esercizio facile da praticare chiamato "Terapia ANT – Uccidere i nostri pensieri negativi automatici", che aiuta a ridurre o eliminare le nostre emozioni negative. Clicca qui per conoscere la terapia ANT.

Per informazioni su come ridurre o eliminare oltre quindici tipi di atteggiamenti e sentimenti negativi, vedi il mio libro (clicca sul titolo): "Come lasciare andare i pensieri e le emozioni negative".

 

5. "Mi piace" Persone, Natura, Animali ed Esercizio più di Facebook

La prossima volta che Facebook ti dà il blues, fai il logout. Questo semplice atto mostra che TU sei il potere. Invece, intraprendi attività che ti fanno sentire bene, come chiamare o visitare una persona cara, godersi la natura, giocare con un animale domestico amato o fare un allenamento stimolante. Goethe ci ricorda: "Nulla vale più di questo giorno". Come vivrai la tua vita al massimo oggi?

" Il tuo tempo è limitato, quindi non sprecarlo vivendo la vita di qualcun altro.

– Steve Jobs

Per ulteriori informazioni sul successo personale e professionale , vedere i miei libri (fare clic sui titoli):

nipreston.com
Fonte: nipreston.com
nipreston.com
Fonte: nipreston.com

"Come comunicare in modo efficace e gestire persone difficili"

"Come lasciare andare i pensieri negativi e le emozioni".

Seguimi su Twitter, Facebook e LinkedIn!

Preston Ni, MSBA è disponibile come presentatore, facilitatore dell'officina e allenatore privato. Per ulteriori informazioni, scrivere a commsuccess@nipreston.com o visitare www.nipreston.com.

© 2013 di Preston C. Ni. Tutti i diritti riservati in tutto il mondo. La violazione del copyright può sottoporre il trasgressore al procedimento legale.

__________________________________________________________________________________

 

Riferimenti

(1) Buxmann, P., e Krasnova, H. (2013). Invidia su Facebook: una minaccia nascosta per la soddisfazione della vita degli utenti. 11ª Conferenza internazionale su Wirtschaftsinformatik.

(2) Chou, HG, Edge, N. (2012). Sono più felici e vivono meglio di me: l'impatto dell'uso di Facebook sulla percezione nei confronti delle vite degli altri. Cyberpsychology, Behaviour e Social Networking.

(3) Watkins, C., Lee, HE (2010). Hai Facebook? Indagare cosa c'è di sociale sui social media.

(4) Goudreau, J. (2010). Cosa stanno facendo gli uomini e le donne su Facebook. Forbes.com

(5) Copeland, L. (2011). La rete anti-sociale. Ardesia.

(6) Shapira, I. (2010) Le coppie infertili fanno fronte ai prolifici amici di Facebook. Il Washington Post.

_________________________________________________________________________________

Solutions Collecting From Web of "Meno tempo su Facebook aumenta la tua felicità? Sì!"