Memorizzare senza dimenticare i vivi: il dolore cronico della guerra

Dolori, stanchezza e problemi di memoria hanno afflitto molti soldati di ritorno da molte guerre diverse. Questi sono i sintomi della maggior parte dei pazienti con fibromialgia. La guerra causa la fibromialgia?

All'ultimo incontro della American College of Rheumatology Scientific, il dott. Daniel Clauw dell'Università del Michigan ad Ann Arbor ha discusso alcuni di questi problemi, che sono rilevanti per quelli di noi che sono contribuenti, e quelli di noi che si preoccupano del guerriero che ritorna.

Dopo la guerra del Golfo nei primi anni '90, molti soldati statunitensi si sono lamentati di mal di testa, dolori articolari e muscolari, affaticamento, difficoltà di memoria e disturbi gastrointestinali; tutto nel contesto di esami fisici insignificanti. Il nostro governo ha speso milioni di dollari nel tentativo di identificare una fonte potenzialmente esotica di questi sintomi spesso debilitanti. Secondo il dott. Clauw, ciò che è stato scoperto è stata la consapevolezza che alcuni veterani della Guerra del Golfo stavano vivendo lo stesso gruppo di lamentele che si osserva nella popolazione generale nelle seguenti condizioni: fibromialgia, sindrome da stanchezza cronica e disturbo somatoforme.

I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie iniziarono a usare il termine "malattie multisintoma croniche" per descrivere ciò che stavano vivendo i veterani afflitti. E ciò che stavano vivendo era sperimentato con una prevalenza molto più alta rispetto alla popolazione generale: i casi da lieve a moderata avevano una prevalenza del 39%, contro il 14% per il personale non impegnato; casi gravi con una prevalenza del 6%, contro lo 0,7% tra il personale non impegnato.

A questi veterani è stata diagnosticata la sindrome della guerra del Golfo, non la fibromialgia.

Indipendentemente dall'etichetta, tuttavia, la domanda che chiedeva risposta era "Perché". Forse la risposta potrebbe essere trovata nello studio delle conseguenze dei disastri naturali e provocati dall'uomo, quando enormi segmenti di una popolazione sono esposti a pericoli e caos pericolosi per la vita. In effetti, nei disastri causati dall'uomo, c'erano tassi relativamente alti di fibromialgia. D'altra parte, i disastri naturali sembrano causare meno dolore e altri sintomi associati a causa di uno sfogo generale e rapido di assistenza e sostegno da parte dei vicini e degli estranei.

Non penso ci sia alcun argomento secondo cui la guerra è un disastro causato dall'uomo.

Le condizioni di dolore centrale come la fibromialgia sono più comuni nelle donne: i veterani della guerra del Golfo hanno sperimentato tassi più alti di malattia cronica multisintoma. E per i maschi e le femmine, il corredo genetico può determinare soglie di dolore più basse e quindi incidenze più elevate di cefalee, dolori muscolari e sindrome dell'intestino irritabile.

È interessante notare che lo stress psicologico durante l'infanzia è solo debolmente associato al successivo sviluppo del dolore cronico diffuso.

Uno studio in seguito agli attacchi terroristici dell'11 settembre 2001 ha esaminato 1.312 donne nell'area di New York inizialmente sottoposte a indagine per sintomi di dolore e psichiatria prima dell'11 settembre; sono stati contattati sei mesi dopo per rivalutare i sintomi e le esposizioni correlate al terrorismo. I ricercatori hanno concluso che l'esposizione agli attacchi dell'11 settembre in realtà non si riferiva a sintomi simil-fibromialgia. Inoltre, i sintomi depressivi al basale sembravano essere separati dall'esposizione agli attacchi.

In un altro studio, otto pazienti con fibromialgia nella regione metropolitana di Washington, DC sono stati forniti con dispositivi palmari per valutare il loro dolore su una scala diverse volte al giorno, per il periodo tra il 28 agosto 2001 e il 25 settembre 2001. Livelli di dolore nei giorni prima che gli attacchi terroristici non differissero significativamente dai livelli di dolore dopo gli attacchi. In altre parole, sembrerebbe che le lotte della vita quotidiana, non i grandi disastri, generino sintomi somatici, almeno in quel mese a Washington nel 2001.

Non c'è alcun dubbio nella mia mente che lo sviluppo di una sindrome da dolore cronico richiede un'esposizione prolungata a fattori di stress. Per il soldato in prima linea, le difficoltà della vita quotidiana sono le lotte per sopravvivere. Questo è lo stress che può superare il cablaggio genetico e un'infanzia felice. È la vita o la morte e la testimonianza del peggio in entrambi.

Solutions Collecting From Web of "Memorizzare senza dimenticare i vivi: il dolore cronico della guerra"