Memoria per il caos

Prova a memorizzare le parole qui sotto:

STRADE NESSUNA QUATTRO DEVE PUNTARE IMMAGINISCI ANCHE MOLTI ANNI SEVEN

La maggior parte delle persone non può ricordare più di nove parole. Ora prova a memorizzare la lista qui sotto:

QUATTRO PUNTEGGIO E SETTE ANNI FA IMMAGINI NON C'È CIELO QUANTO STRADE DEVI UN UOMO A PIEDI

Anche se ci sono 18 parole, questo non è particolarmente difficile se si riconosce l'inizio dell'indirizzo di Gettysburg e dei versi delle canzoni di John Lennon e Bob Dylan. Riconosci i modelli nella seconda lista, ma è molto più difficile farlo nel primo.

Il richiamo di materiale significativo e casuale è stato di grande interesse per lo studio delle competenze. Da quando è stato condotto lo studio seminale dello psicologo olandese Adriaan de Groot sui giocatori di scacchi negli anni '40, è risaputo che gli esperti sono migliori dei non esperti nel richiamare il materiale strutturato preso dal loro campo di competenza, anche quando il

Fernand Gobet
Una posizione di scacchi presa da un gioco. Memorizzarlo è un pezzo di torta per un grande maestro di scacchi!
Fonte: Fernand Gobet

il tempo di presentazione è breve come un paio di secondi. L'effetto è spettacolare: un maestro di scacchi può memorizzare completamente la posizione a sinistra dopo averlo visto per cinque secondi. Ma in un certo senso, per qualcuno che possiede il giusto vocabolario degli scacchi, questo non è tanto diverso dal richiamo delle parole organizzate come una frase.

Questo risultato è stato osservato in molti settori di competenza come giochi, musica, programmazione, scienza e sport. Nella maggior parte dei casi, esiste una relazione monotona tra l'abilità e la quantità di materiale richiamato: più abile è l'individuo, migliore è il richiamo.

La spiegazione standard, proposta da Chase e Simon nei primi anni '70, è che gli esperti hanno acquisito, come risultato della pratica e dello studio, un gran numero di "pezzi" (pattern percettivi significativi) che sono memorizzati nella memoria a lungo termine. Quando percepiscono una scena, accedono automaticamente a uno o più blocchi, che sono collegati a informazioni utili. Ad esempio, negli scacchi, questa informazione potrebbe essere la mossa da giocare o il piano da seguire. Questi blocchi possono anche essere usati per memorizzare il materiale – da qui la superiorità degli esperti in un compito di richiamo.

Pasticciare

Ma cosa succede quando la struttura del materiale viene distrutta, ad esempio posizionando casualmente i pezzi su un nuovo quadrato negli scacchi? Per molto tempo, si è pensato che la superiorità degli esperti dovesse scomparire, poiché non vi è più alcuna struttura nel materiale da memorizzare, e quindi nessun blocco da riconoscere. Tuttavia, in

Fernand Gobet
Una posizione di scacchi casuali. Anche il campione del mondo Magnus Carlsen avrebbe difficoltà a memorizzare questo!
Fonte: Fernand Gobet

Nel 1996, uno studio mostrò che i giocatori di scacchi mantengono un vantaggio piccolo ma affidabile anche con queste posizioni piuttosto caotiche (Gobet e Simon, 1996). La spiegazione di questo risultato è stata semplice: anche in posizioni casuali, alcuni piccoli pattern significativi sono presenti casualmente, e gli esperti hanno maggiori probabilità di riconoscerli, poiché hanno memorizzato più blocchi rispetto ai novizi nella loro memoria a lungo termine. Quindi, per tornare al nostro esempio con un elenco casuale di parole all'inizio di questo articolo, "deve segnare" e "molti anni" potrebbero essere riconosciuti come blocchi.

Questo risulta generalizzato ad altri campi di competenza? Uno studio recente (Sala & Gobet, 2016) mostra che è davvero così. Gli autori hanno pettinato la letteratura per identificare tutti gli studi in cui esperti e novizi hanno dovuto richiamare materiale casuale. Usando una tecnica chiamata meta-analisi – un metodo che combina i risultati di diversi esperimenti e li analizza statisticamente – hanno scoperto che l'effetto era affidabile, anche se la differenza di abilità era piccola. La differenza nel ricordo era particolarmente grande con la musica, apparentemente dovuta al fatto che gli esperimenti usavano stimoli relativamente semplici. È interessante notare che i risultati non sono stati influenzati dalla durata della presentazione degli stimoli.

Questo sembra un risultato interessante ma piuttosto irrilevante. In realtà, le implicazioni di questo studio sono profonde. Come notato dagli autori dell'articolo, molte teorie di esperienza spiegano l'effetto della competenza nei compiti di memoria assumendo che gli esperti utilizzino strutture di memoria di grandi dimensioni come schemi o elaborino gli stimoli "olisticamente" – cioè come un'unica grande unità. Altre teorie postulano potenti strutture di memoria che dovrebbero essere applicate anche con materiale casuale. Il primo gruppo di teorie non riesce a spiegare l'effetto dell'abilità con materiale casuale perché gli esperti non possono utilizzare strutture di grandi dimensioni o elaborare le informazioni in modo olistico con tale materiale. Il secondo gruppo di teorie fallisce perché prevedono che gli esperti dovrebbero richiamare troppo bene il materiale casuale (vedi Gobet, 2016, per i dettagli).

Fernand Gobet
Esempio del tipo di programmi per computer normali e randomizzati utilizzati da Gobet & Oliver (2016). Fonte: Fernand Gobet
Fonte: Fernand Gobet

Pertanto, sembra necessario postulare la presenza di piccole strutture di memoria, e la spiegazione basata sul chunking sembra la migliore. La validità di questa spiegazione è rafforzata dal fatto che un modello di computer che utilizza il meccanismo di chunking può replicare questo effetto sia con la memoria delle posizioni di scacchi (Gobet & Waters, 2003) che con i programmi per computer (Gobet & Oliver, 2016).

Abbiamo iniziato questo post chiedendoti di memorizzare un elenco casuale di parole. Quindi, c'è una domanda ovvia: questo effetto delle competenze è presente anche con il linguaggio? Gli individui con competenze linguistiche migliori possono utilizzare il loro più ampio assortimento di blocchi per memorizzare elenchi di parole casuali meglio di individui meno esperti? La lingua può essere caratterizzata come una sorta di competenza? Affronteremo questa domanda in un seguente blog …

Fernand Gobet e Morgan Ereku

Riferimenti

Chase, WG, & Simon, HA (1973). Percezione negli scacchi Psicologia cognitiva, 4 , 55-81.

De Groot, AD (1965). Pensiero e scelta a scacchi (prima edizione olandese nel 1946) . L'Aia: Mouton Publishers.

Gobet, F. (2016). Comprensione delle competenze: un approccio multidisciplinare . Londra: Palgrave.

Gobet, F., & Oliver, I. (2016). Memoria per il casuale: una simulazione del richiamo del programma per computer. Negli Atti del 38 ° Incontro annuale della Cognitive Science Society .

Gobet, F., & Simon, HA (1996). Il richiamo di posizioni di scacchi casuali presentate rapidamente è una funzione dell'abilità. Psychonomic Bulletin & Review, 3 , 159-163.

Gobet, F., & Waters, AJ (2003). Il ruolo dei vincoli nella memoria di esperti. Journal of Experimental Psychology: Learning, Memory and Cognition, 29 , 1082-1094.

Sala, G., & Gobet, F. (2016). La superiorità della memoria degli esperti per il materiale casuale specifico del dominio si generalizza attraverso campi di competenza: una meta-analisi. Memoria e cognizione.

Solutions Collecting From Web of "Memoria per il caos"